26 maggio 2020 – Lettera della Prima Presidenza


26 maggio 2020 – Lettera della Prima Presidenza

Perché chiesa? 

 

“Per il perfezionamento dei santi... per il

edificante del corpo di Cristo».   

– Ef. 4:12

 

Cari Santi:

 

Servizi

I pastori di ramo e di congregazione, in consultazione con la Prima Presidenza, stanno cercando di determinare obiettivamente quando ricominciare a riunirsi di persona. Le filiali con una frequenza normale inferiore a dieci possono iniziare a riunirsi molto prima rispetto alle filiali più grandi, come si può vedere nell'elenco seguente. Alla nostra ultima riunione dei presidenti di ramo e di congregazione sono state discusse le seguenti date:

 

Filiale/Congregazione

Blue Springs, MO

Abbondanza, MO

Cartagine, MO

Centro, MO

Primo, MI

Primo, MO

Parkersburg, Virginia Occidentale

Rogers, AR

Indiana meridionale

                     Sperry, va bene                                       

Inizia la riunione

14 giugno

14 giugno

3 maggio

14 giugno

Sconosciuto

14 giugno

3 maggio

7 giugno

7 giugno

7 giugno

 

Salute spirituale

Si è discusso molto sull'impatto sanitario ed economico del COVID-19 e molto meno sulla nostra salute spirituale. Tuttavia, questo non significa che ignoriamo i pericoli del “virus” per incontrarci. Una volta ho sentito un sermone sul versetto che si trova in DeA 90:5b: “ Ogni verità è indipendente in quella sfera in cui Dio l'ha collocata, agire per se stessa, come anche ogni intelligenza, altrimenti non c'è esistenza.” Il predicatore ha continuato parlando di un ministro nella chiesa che ignorava la propria salute fisica per concentrarsi sul suo ministero. A causa di questa negligenza, ha subito un ictus, che ha limitato gravemente la sua capacità di servire in seguito. La nostra salute fisica e quella spirituale sono indipendenti in una certa misura come diverse sfere dell'esistenza, ecco perché dobbiamo proteggerle entrambe.

 

Questo mi porta alla mia preoccupazione: quale sarà il tributo spirituale di questo virus? Dobbiamo pregare insieme e partecipare alle ordinanze insieme, cosa che non siamo stati in grado di fare per due mesi. Per compensare ciò, dobbiamo chiamare e connetterci ai servizi disponibili, i quali sono stati descritti in dettaglio in precedenza. Dobbiamo anche aumentare le nostre vite quotidiane di studio e preghiera, in modo da sostenere ancora la fede quando i nostri normali schemi di adorazione possono essere ripresi.

 

Tieni a mente questo versetto che si trova in 1Pietro. 5:8 – “ Sii sobrio, sii vigile; perché il tuo avversario, il diavolo, va in giro come un leone ruggente, cercando chi possa divorare; che resistono saldi nella fede.” Il tempo dell'isolamento sembra volgere al termine, per fortuna, e attendiamo con impazienza il nostro rinnovato incontro insieme e il rafforzamento della nostra vita spirituale in tal modo. 

Il profeta Daniele aveva esperienza con i leoni. La sua normale vita di preghiera potrebbe averlo portato nella fossa dei leoni (Dan. 6:10-16), ma fu la sua innocenza davanti a Dio e al re che Daniele attribuì la sua protezione angelica dal carnivoro (Dan. 6:22) . Il versetto 23 menziona la sua fede in Dio, che siamo certi fosse una fede alimentata dalla sua disciplina spirituale quotidiana. Prendiamo sul serio la minaccia che il “leone” pone e prendiamoci su di noi” l'intera armatura di Dio, affinché [noi] possiamo resistere alle astuzie del diavolo(Efesini 6:11).

 

 

Abbi fede,

 

David Van Fleet

Per la Prima Presidenza

pubblicato in