Ester

 

Il libro di Ester

 

CAPITOLO 1

Feste di Assuero - Vashti mandato a chiamare - Il decreto della sovranità degli uomini.

1 Or avvenne ai giorni di Assuero, (questo è Assuero che regnò dall'India fino all'Etiopia, su centosette e venti province)

2 Che in quei giorni, quando il re Assuero sedeva sul trono del suo regno, che era nel palazzo di Susa,

3 Nel terzo anno del suo regno fece una festa a tutti i suoi principi e ai suoi servi; il potere della Persia e della Media, i nobili e i principi delle province, essendo prima di lui;

4 Quando mostrò le ricchezze del suo glorioso regno e l'onore della sua eccellente maestà per molti giorni, anche centoquattro giorni.

5 E quando questi giorni furono trascorsi, il re fece un banchetto a tutto il popolo che era presente nel palazzo di Susa, sia per grandi che per piccoli, sette giorni, nel cortile del giardino del palazzo del re;

6 Dove c'erano tende bianche, verdi e blu, legate con cordicelle di lino fino e porpora ad anelli d'argento e colonne di marmo; i letti erano d'oro e d'argento, su un pavimento di marmo rosso, blu, bianco e nero.

7 E diedero loro da bere in vasi d'oro (i vasi essendo diversi gli uni dagli altri) e vino reale in abbondanza, secondo lo stato del re.

8 E il bere era secondo la legge; nessuno ha obbligato; poiché così il re aveva stabilito tutti gli ufficiali della sua casa, perché facessero secondo il piacimento di ciascuno.

9 Anche Vasti, la regina, fece un banchetto per le donne nella casa reale che apparteneva al re Assuero.

10 Il settimo giorno, quando il cuore del re era rallegrato dal vino, comandò a Mehuman, Biztha, Harbona, Bigtha e Abagtha, Zethar e Carcas, i sette ciambellani che prestarono servizio alla presenza del re Assuero,

11 Per portare la regina Vasti davanti al re con la corona reale, per mostrare al popolo e ai principi la sua bellezza; perché era giusta da guardare.

12 Ma la regina Vasti rifiutò di venire al comando del re dai suoi ciambellani; perciò il re era molto adirato e la sua ira ardeva in lui.

13 Allora il re disse ai magi, che conoscevano i tempi, (perché così era il comportamento del re verso tutti coloro che conoscevano la legge e il giudizio;

14 E dopo di lui c'erano Carshena, Shethar, Admatha, Tarshish, Meres, Marsena e Memucan, i sette principi della Persia e della Media, che videro la faccia del re e che sedettero per primo nel regno).

15 Che cosa dobbiamo fare alla regina Vasti secondo la legge, perché ella non ha eseguito il comando del re Assuero per mezzo dei ciambellani?

16 E Memucan rispose davanti al re e ai principi: Vasti, la regina, non ha fatto torto solo al re, ma anche a tutti i principi e a tutto il popolo che è in tutte le province del re Assuero.

17 Poiché questo atto della regina si estenderà a tutte le donne, così che disprezzeranno i loro mariti ai loro occhi, quando sarà riferito. Il re Assuero comandò che la regina Vasti fosse condotta davanti a lui, ma lei non venne.

18 Allo stesso modo diranno oggi le dame di Persia e di Media a tutti i principi del re, che hanno sentito parlare dell'azione della regina. Così sorgerà troppo disprezzo e ira.

19 Se piace al re, mandi da lui un comando regale, e sia scritto nelle leggi dei Persiani e dei Medi, che non sia alterato che Vasti non venga più davanti al re Assuero; e il re dia il suo patrimonio reale a un altro che è migliore di lei.

20 E quando il decreto del re, che egli farà, sarà pubblicato in tutto il suo impero, (poiché è grande), tutte le mogli renderanno onore ai loro mariti, sia ai grandi che ai piccoli.

21 E il detto piacque al re e ai principi; e il re fece secondo la parola di Memucan;

22 Poiché mandò lettere in tutte le province del re, in ogni provincia secondo il suo scritto, e ad ogni popolo secondo la loro lingua, affinché ciascuno reggesse il governo nella propria casa e che fosse pubblicato secondo la lingua di ogni popolo.     


CAPITOLO 2

Deve essere scelta una regina - Ester diventa regina - La scoperta di Mardocheo di un tradimento è registrata nelle cronache.

1 Dopo queste cose, quando l'ira del re Assuero fu placata, si ricordò di Vasti, di ciò che aveva fatto e di ciò che era stato decretato contro di lei.

2 Allora i servi del re che lo servivano dissero: Siano belle giovani vergini cercate per il re;

3 E il re nomini ufficiali in tutte le province del suo regno, affinché radunino tutte le belle giovani vergini al palazzo di Susan, alla casa delle donne, sotto la custodia di Hegai, ciambellana del re, custode delle donne ; e siano date loro le loro cose per la purificazione;

4 E la fanciulla che piace al re sia regina invece di Vasti. E la cosa piacque al re; e lo ha fatto.

5 Or nella reggia di Susa c'era un certo Giudeo, il cui nome era Mardocheo, figlio di Iair, figlio di Scimei, figlio di Chis, Beniaminita;

6 Che era stato portato via da Gerusalemme con la cattività che era stata portata via con Ieconia, re di Giuda, che Nebukadnetsar, re di Babilonia, aveva portato via.

7 E allevò Hadassah, cioè Ester, figlia di suo zio; poiché non aveva né padre né madre, e la serva era bella e bella; che Mardocheo, quando suo padre e sua madre erano morti, prese per sua figlia.

8 Così avvenne, quando il comando del re e il suo decreto furono ascoltati, e quando molte vergini si furono radunate al palazzo di Susan, sotto la custodia di Egai, che anche Ester fu condotta alla casa del re, sotto la custodia di Egai , custode delle donne.

9 E la fanciulla gli piacque e ne ottenne benignità; e subito le diede le sue cose per la purificazione, con quelle che le appartenevano, e sette fanciulle, che dovevano esserle date, fuori dalla casa del re; e preferì lei e le sue ancelle al posto migliore della casa delle donne.

10 Ester non aveva mostrato il suo popolo né i suoi parenti; poiché Mordecai le aveva ordinato di non mostrarlo.

11 E Mardocheo camminava ogni giorno davanti al cortile della casa delle donne, per sapere come faceva Ester e che cosa ne sarebbe stato di lei.

12 Quando venne il turno di ogni serva di andare dal re Assuero, dopo che erano trascorsi dodici mesi, secondo l'uso delle donne, (perché così furono compiuti i giorni delle loro purificazioni, cioè sei mesi con olio di mirra, e sei mesi con dolci odori, e con altre cose per purificare le donne,)

13 Allora così venne ogni fanciulla dal re; tutto ciò che desiderava le fu dato di uscire con lei dalla casa delle donne alla casa del re.

14 La sera andò e l'indomani tornò nella seconda casa delle donne, sotto la custodia di Saashgaz, ciambellano del re, che custodiva le concubine; non venne più dal re, a meno che il re non si dilettasse in lei, e che fosse chiamata per nome.

15 Quando venne il turno di Ester, figlia di Abihail, zio di Mardocheo, che l'aveva presa per figlia, venne dal re, ella non richiese altro che ciò che Egai, ciambellana del re, custode delle donne, nominato. Ed Ester ottenne favore agli occhi di tutti coloro che la guardavano.

16 Così Ester fu condotta dal re Assuero nella sua casa reale nel decimo mese, che è il mese di Tebeth, nel settimo anno del suo regno.

17 E il re amò Ester più di tutte le donne, ed ella ottenne grazia e favore ai suoi occhi più di tutte le vergini; così che le pose sul capo la corona reale e la fece regina al posto di Vasti.

18 Allora il re fece una grande festa a tutti i suoi principi e ai suoi servi, la festa di Ester; e fece una liberazione nelle province, e fece doni, secondo lo stato del re.

19 E quando le vergini furono radunate per la seconda volta, Mardocheo si sedette alla porta del re.

20 Ester non aveva ancora mostrato i suoi parenti né il suo popolo, come le aveva ordinato Mardocheo; poiché Ester fece il comandamento di Mardocheo, come quando fu allevata con lui.

21 In quei giorni, mentre Mardocheo sedeva alla porta del re, due dei ciambellani del re, Bigthan e Teresh, di quelli che custodivano la porta, si sdegnarono e cercarono di mettere le mani sul re Assuero.

22 E la cosa era nota a Mardocheo, che la raccontò alla regina Ester; ed Ester ne certificò il re in nome di Mardocheo.

23 E quando fu fatta l'inquisizione della questione, fu scoperta; perciò furono entrambi appesi a un albero; e fu scritto nel libro delle cronache davanti al re.     


CAPITOLO 3

Haman cerca vendetta su tutti gli ebrei — ottiene un decreto per mettere a morte gli ebrei.

1 Dopo queste cose, il re Assuero promosse Aman, figlio di Hammedatha l'Agaghita, lo fece avanzare e pose il suo seggio al di sopra di tutti i principi che erano con lui.

2 E tutti i servi del re, che erano alla porta del re, si inchinarono e riverirono Haman; poiché il re aveva così comandato riguardo a lui. Ma Mardocheo non si inchinò, né lo riverì.

3 Allora i servi del re, che erano alla porta del re, dissero a Mardocheo: Perché trasgredisci il comandamento del re?

4 Ora avvenne che, quando gli parlavano ogni giorno, ed egli non dava loro ascolto, che essi dissero ad Haman di vedere se le cose di Mardocheo avrebbero resistito; poiché aveva detto loro di essere ebreo.

5 E quando Haman vide che Mardocheo non si inchinava e non lo riveriva, allora Haman fu pieno d'ira.

6 E credette disprezzo di mettere le mani su Mardocheo solo; poiché gli avevano mostrato il popolo di Mardocheo; pertanto Haman cercò di distruggere tutti i Giudei che erano in tutto il regno di Assuero, anche il popolo di Mardocheo.

7 Nel primo mese, cioè il mese nisan, nell'anno dodicesimo del re Assuero, tirarono a sorte Pur, cioè la sorte, davanti ad Haman di giorno in giorno, e di mese in mese, fino al dodicesimo mese, che è il mese di Adar.

8 E Haman disse al re Assuero: C'è un popolo disperso e disperso fra il popolo in tutte le province del tuo regno; e le loro leggi sono diverse da tutte le persone; né osservano le leggi del re; quindi non è per il profitto del re subirli.

9 Se piace al re, sia scritto che possano essere distrutti; e pagherò diecimila talenti d'argento nelle mani di coloro che hanno l'incarico di affari, per portarlo nelle casse del re.

10 Il re gli tolse di mano l'anello e lo diede ad Haman, figlio di Hammedata, l'Agaghita, nemico dei Giudei.

11 E il re disse ad Haman: L'argento è dato a te, anche al popolo, per far loro come ti pare bene.

12 Allora gli scribi del re furono chiamati il tredici del primo mese, e vi era scritto, secondo tutto ciò che Haman aveva comandato, ai luogotenenti del re, ai governatori di ogni provincia e ai capi di ogni popolo di ogni provincia secondo la sua scrittura, e ogni popolo secondo la sua lingua; nel nome del re Assuero fu scritto e sigillato con l'anello del re.

13 E le lettere furono inviate per posta in tutte le province del re, per distruggere, uccidere e far perire tutti i Giudei, giovani e vecchi, bambini e donne, in un giorno, anche il tredicesimo giorno del il dodicesimo mese, che è il mese di Adar, e prenderne il bottino come preda.

14 La copia dello scritto per un comandamento da dare in ogni provincia fu pubblicata a tutto il popolo, affinché fosse pronto per quel giorno.

15 Le poste si allontanarono, affrettate per ordine del re, e il decreto fu dato nel palazzo di Susa. E il re e Haman si sedettero a bere; ma la città Shushan era perplessa.     


CAPITOLO 4

Lutto di Mardocheo e dei Giudei — Ester stabilisce un digiuno.

1 Quando Mardocheo vide tutto ciò che era stato fatto, Mardocheo si stracciò le vesti, si vestì di sacco con la cenere, uscì in mezzo alla città e gridò con un grido forte e amaro;

2 E giunse anche davanti alla porta del re; poiché nessuno poteva entrare per la porta del re vestito di sacco.

3 E in ogni provincia, dovunque venissero il comandamento del re e il suo decreto, vi fu grande cordoglio fra i Giudei, e digiuni, e pianti e lamenti; e molti giacevano in sacco e cenere.

4 Allora vennero le serve di Ester e i suoi ciambellani e glielo riferirono. Allora la regina fu estremamente addolorata; e mandò vesti per vestire Mardocheo e per portargli via il suo sacco; ma non l'ha ricevuto.

5 Allora chiamò Ester da Hatach, uno dei ciambellani del re, che egli aveva incaricato di assisterla, e gli diede un comando a Mardocheo di sapere che cosa fosse e perché.

6 Così Hatach uscì verso Mardocheo fino alla via della città, che era davanti alla porta del re.

7 E Mardocheo gli raccontò di tutto ciò che gli era accaduto e della somma del denaro che Aman aveva promesso di pagare alle casse del re per i Giudei, per distruggerli.

8 Inoltre gli diede una copia dello scritto del decreto che era stato dato a Susan per distruggerli, per mostrarlo a Ester, per dichiararglielo e per intimarle di entrare dal re, per fare supplicarlo e fargli domanda per il suo popolo.

9 E Hatach venne e raccontò a Ester le parole di Mardocheo.

10 Di nuovo Ester parlò ad Hatach e gli diede un comando a Mardocheo;

11 Tutti i servitori del re e il popolo delle province del re sanno che chiunque, uomo o donna, verrà dal re nel cortile interno, che non è chiamato, c'è una sua legge a cui sottoporlo la morte, tranne coloro ai quali il re porrà lo scettro d'oro, affinché possa vivere; ma in questi trenta giorni non sono stato chiamato a entrare dal re.

12 E riferirono a Mardocheo le parole di Ester.

13 Allora Mardocheo comandò di rispondere a Ester: Non pensare con te stesso di fuggire nella casa del re, più di tutti i Giudei.

14 Poiché, se in questo tempo tu taci del tutto, allora sorgerà l'allargamento e la liberazione per i Giudei da un altro luogo; ma tu e la casa di tuo padre sarete distrutte; e chi sa se sei venuto nel regno per un tempo come questo?

15 Allora Ester ordinò loro di restituire a Mardocheo questa risposta:

16 Andate a radunare tutti i Giudei che sono presenti a Sushan, e digiunate per me, e non mangiate né bevete tre giorni, notte o giorno; anch'io e le mie vergini digiuneremo allo stesso modo; e così entrerò dal re, che non è secondo la legge; e se muoio, muoio.

17 Così Mardocheo se ne andò e fece secondo tutto ciò che Ester gli aveva comandato.     


CAPITOLO 5

Ester invita il re e Haman a un banchetto - Li invita a un altro il giorno dopo - Haman, su consiglio di Zeresh, costruisce una forca.

1 Or avvenne il terzo giorno che Ester indossò le sue vesti reali e si fermò nel cortile interno della casa del re, dirimpetto alla casa del re; e il re sedette sul suo trono reale nella casa reale, dirimpetto alla porta della casa.

2 E fu così, quando il re vide la regina Ester in piedi nel cortile, che ottenne favore ai suoi occhi; e il re tese a Ester lo scettro d'oro che aveva in mano. Così Ester si avvicinò e toccò la sommità dello scettro.

3 Allora il re le disse: Che vuoi, regina Ester? e qual è la tua richiesta? ti sarà dato anche alla metà del regno.

4 Ed Ester rispose: Se al re parrà bene, venga oggi il re e Haman al banchetto che gli ho preparato.

5 Allora il re disse: «Fa' in fretta Haman, perché faccia come ha detto Ester». Allora il re e Haman vennero al banchetto che Ester aveva preparato.

6 E il re disse a Ester al banchetto del vino: Qual è la tua richiesta? e ti sarà concesso; e qual è la tua richiesta? sarà compiuto fino alla metà del regno.

7 Allora Ester rispose e disse: La mia richiesta e la mia richiesta sono;

8 Se ho trovato grazia agli occhi del re e se piace al re accogliere la mia richiesta e eseguire la mia richiesta, vengano il re e Haman al banchetto che io preparerò per loro, e lo farò domani come ha detto il re.

9 Allora Haman uscì quel giorno gioioso e con cuore lieto; ma quando Aman vide Mardocheo alla porta del re, che non si alzò in piedi, né si mosse per lui, fu pieno di indignazione contro Mardocheo.

10 Tuttavia Aman si trattenne; e quando tornò a casa, mandò a chiamare i suoi amici e Zeresh sua moglie.

11 E Haman raccontò loro la gloria delle sue ricchezze, e la moltitudine dei suoi figli, e tutte le cose in cui il re lo aveva promosso, e come l'aveva fatto avanzare al di sopra dei principi e dei servi del re.

12 Haman disse inoltre: Sì, la regina Ester non ha fatto entrare nessuno con il re al banchetto che aveva preparato, tranne me; e domani sono invitato a lei anche con il re.

13 Eppure tutto questo non mi giova a nulla, finché vedo Mardocheo il Giudeo seduto alla porta del re.

14 Allora Zeresh sua moglie e tutti i suoi amici gli dissero: Sia fatta una forca alta cinquanta cubiti, e domani parla al re che vi sia impiccato Mardocheo; poi vai allegramente con il re al banchetto. E la cosa piacque ad Haman; e fece fare la forca.     


CAPITOLO 6

Assuero premia Mardocheo - Haman ignaro dà consigli per fargli onore - I suoi amici raccontano il suo destino.

1 In quella notte il re non poté dormire e comandò di portare il libro degli annali delle cronache; e furono letti davanti al re.

2 E si trovò scritto che Mardocheo aveva parlato di Bigthana e Teresh, due ciambellani del re, i guardiani della porta, che cercavano di mettere le mani sul re Assuero.

3 E il re disse: Che onore e dignità è stato fatto a Mardocheo per questo? Allora i servi del re che lo servivano dissero: Non è stato fatto nulla per lui.

4 E il re disse: Chi c'è nel cortile? Ora Aman era venuto nel cortile esterno della casa del re, per dire al re di impiccare Mardocheo alla forca che aveva preparato per lui.

5 E i servi del re gli dissero: Ecco, Haman sta in piedi nel cortile. E il re disse: Lascialo entrare.

6 Allora Haman entrò. E il re gli disse: Che sarà fatto all'uomo che il re si compiace di onorare? Ora, Haman pensò in cuor suo, a chi il re si rallegrerebbe di fare onore più che a me stesso?

7 E Haman rispose al re: Per l'uomo che il re si compiace di onorare,

8 Si porti l'abito reale che indossa il re, il cavallo su cui cavalca il re e la corona reale che è posta sul suo capo;

9 E questa veste e questo cavallo siano consegnati in mano a uno dei più nobili principi del re, affinché vesta l'uomo di cui il re si compiace di onorare, e lo conduca a cavallo per le strade della città, e annunzi davanti a lui, così sarà fatto all'uomo che il re si diletta di onorare.

10 Allora il re disse ad Haman: sbrigati, prendi l'abito e il cavallo, come hai detto, e fa' così anche a Mardocheo, il giudeo, che siede alla porta del re; che nulla manchi di tutto ciò che hai detto.

11 Allora Haman prese l'abito e il cavallo, vestì Mardocheo, lo condusse a cavallo per le strade della città e annunciò davanti a lui: Così sarà fatto all'uomo che il re si compiace di onorare.

12 E Mardocheo tornò alla porta del re. Ma Haman corse a casa sua in lutto e con il capo coperto.

13 E Aman raccontò a Zeresh sua moglie e a tutti i suoi amici tutto ciò che gli era accaduto. Allora i suoi saggi e Zeresh sua moglie gli dissero: Se Mardocheo è della stirpe dei Giudei, davanti ai quali hai cominciato a cadere, non prevarrai contro di lui, ma sicuramente cadrai davanti a lui.

14 E mentre stavano ancora parlando con lui, vennero i ciambellani del re e si affrettarono a condurre Haman al banchetto che Ester aveva preparato.     


CAPITOLO 7

Ester si adatta alla propria vita ea quella del suo popolo — Ella acuseth Haman — Il re fa impiccare Haman.

1 Allora il re e Haman vennero a banchettare con la regina Ester.

2 E il secondo giorno, al banchetto del vino, il re disse di nuovo a Ester: Qual è la tua richiesta, regina Ester? e ti sarà concesso; e qual è la tua richiesta? e sarà compiuto fino alla metà del regno.

3 Allora la regina Ester rispose e disse: Se ho trovato grazia ai tuoi occhi, o re, e se piace al re, lascia che la mia vita mi sia data a mia richiesta, e il mio popolo a mia richiesta;

4 Poiché siamo venduti, io e il mio popolo, per essere distrutti, uccisi e perire. Ma se fossimo stati venduti per schiavi e schiave, avrei tenuto a freno la lingua, sebbene il nemico non potesse compensare il danno del re.

5 Allora il re Assuero rispose e disse alla regina Ester: Chi è costui, e dov'è costui, che osi in cuor suo pretendere di farlo?

6 Ed Ester disse: L'avversario e il nemico è questo malvagio Haman. Allora Haman ebbe paura davanti al re e alla regina.

7 E il re, levatosi dal banchetto del vino, nella sua ira, andò nel giardino del palazzo; e Haman si alzò per chiedere la sua vita alla regina Ester; poiché vide che il re aveva deciso contro di lui il male.

8 Allora il re tornò dal giardino del palazzo nel luogo del banchetto del vino; e Haman cadde sul letto dov'era Ester. Allora il re disse: Egli costringerà anche la regina davanti a me in casa? Quando la parola usciva dalla bocca del re, coprirono la faccia di Aman.

9 E Harbonah, uno dei ciambellani, disse davanti al re: Ecco anche la forca alta cinquanta cubiti, che Haman aveva fatto per Mardocheo, il quale aveva parlato bene del re, sta nella casa di Haman. Allora il re disse: Impiccalo lì.

10 Così impiccarono Aman alla forca che aveva preparato per Mardocheo. Allora l'ira del re fu placata.     


CAPITOLO 8

Mardocheo avanzò — Assuero concede ai Giudei di difendersi — Gioia dei Giudei.

1 In quel giorno il re Assuero diede alla regina Ester la casa di Haman, il nemico dei Giudei. E Mardocheo si presentò al re, perché Ester le aveva detto ciò che egli era.

2 E il re si tolse l'anello, che aveva preso ad Aman, e lo diede a Mardocheo. Ed Ester mise Mardocheo sopra la casa di Haman.

3 Ed Ester parlò ancora una volta davanti al re, e si gettò ai suoi piedi, e lo supplicò con lacrime di porre fine al male di Aman l'Agaghita e al suo inganno che aveva escogitato contro i Giudei.

4 Allora il re tese lo scettro d'oro verso Ester. Così Ester si alzò e si fermò davanti al re.

5 E disse: Se piace al re, e se ho trovato grazia ai suoi occhi, e la cosa sembra giusta davanti al re, e io sono gradito ai suoi occhi, sia scritto per capovolgere le lettere escogitate dal figlio Aman di Hammedatha l'Agaghita, che scrisse per distruggere i Giudei che sono in tutte le province del re;

6 Perché come posso sopportare di vedere il male che verrà sul mio popolo? o come posso sopportare di vedere la distruzione dei miei simili?

7 Allora il re Assuero disse alla regina Ester e al giudeo Mardocheo: «Ecco, io ho dato a Ester la casa di Haman e l'hanno appeso alla forca, perché ha imposto le mani sui Giudei.

8 Scrivete anche per i Giudei, come piace a voi, nel nome del re, e sigillatelo con l'anello del re; poiché la scritta che è scritta nel nome del re, e sigillata con l'anello del re, nessuno possa invertire.

9 Allora gli scribi del re furono chiamati in quel tempo il terzo mese, cioè il mese di Sivan, il tre e il ventesimo giorno di quest'ultimo; ed era scritto, secondo tutto ciò che Mardocheo comandò ai Giudei, ai luogotenenti, e ai deputati e capi delle province che sono dall'India all'Etiopia, centoventisette province, per ogni provincia secondo la sua scrittura: e ad ogni popolo secondo la loro lingua, e ai Giudei secondo la loro scrittura e secondo la loro lingua.

10 E scrisse nel nome del re Assuero, e lo suggellò con l'anello del re, e mandò lettere per posta a cavallo, e cavalieri su muli, cammelli e giovani dromedari;

11 In questo il re concesse ai Giudei che erano in ogni città di radunarsi e di difendere la loro vita, di distruggere, uccidere e far perire tutto il potere del popolo e della provincia che li avrebbe assaliti, entrambi piccoli e donne, e di prenderne in preda il bottino.

12 Un giorno in tutte le province del re Assuero, cioè il tredici del dodicesimo mese, che è il mese di Adar.

13 La copia dello scritto per un comandamento da dare in ogni provincia fu pubblicata a tutto il popolo, e che i Giudei fossero pronti contro quel giorno a vendicarsi dei loro nemici.

14 Allora i pali che cavalcavano muli e cammelli uscirono, affrettati e incalzati dall'ordine del re. E il decreto fu dato al palazzo di Susan.

15 E Mardocheo uscì dalla presenza del re con un abito reale di azzurro e bianco, e con una grande corona d'oro e con una veste di lino fino e porpora; e la città di Susan si rallegrò e si rallegrò.

16 I Giudei ebbero luce, letizia, gioia e onore.

17 E in ogni provincia e in ogni città, dovunque veniva il comandamento del re e il suo decreto, i Giudei avevano gioia e letizia, festa e buon giorno. E molti del popolo del paese divennero ebrei; perché il timore dei Giudei cadde su di loro.     


CAPITOLO 9

I Giudei uccidono i loro nemici — Assuero concede un altro giorno di strage — I due giorni di Purim.

1 Or nel dodicesimo mese, cioè il mese di Adar, il tredici dello stesso giorno, quando il comandamento del re e il suo decreto si avvicinavano per essere messi in atto, nel giorno in cui i nemici dei Giudei speravano di avere il potere sopra di loro; (sebbene fosse contrario, che gli ebrei avevano governato su coloro che li odiavano,)

2 I Giudei si radunarono nelle loro città in tutte le province del re Assuero, per mettere le mani su coloro che cercavano il loro danno; e nessun uomo potrebbe resistergli; poiché il loro timore cadde su tutti gli uomini.

3 E tutti i capi delle province, i luogotenenti, i deputati e gli ufficiali del re aiutarono i Giudei; perché il timore di Mardocheo cadde su di loro.

4 Poiché Mardocheo era grande nella casa del re, e la sua fama si diffuse in tutte le province; poiché quest'uomo Mardocheo divenne sempre più grande.

5 Così i Giudei percossero tutti i loro nemici con un colpo di spada, strage e distruzione, e fecero quello che volevano con quelli che li odiavano.

6 E nella reggia di Susa i Giudei uccisero e sterminarono cinquecento uomini.

7 Parshandatha, Dalphon e Aspatha,

8 E Poratha, e Adalia, e Aridatha,

9 E Parmashta, e Arisai, e Aridai, e Vajezatha,

10 I dieci figli di Haman, figlio di Hammedata, nemico dei Giudei, li uccisero; ma sul bottino non deposero la loro mano.

11 In quel giorno fu presentato al re il numero degli uccisi nel palazzo di Susan.

12 E il re disse alla regina Ester: I Giudei hanno ucciso e distrutto cinquecento uomini nel palazzo di Susan, ei dieci figli di Haman; che cosa hanno fatto nel resto delle province del re? ora qual è la tua richiesta? e ti sarà concesso; o qual è la tua richiesta ulteriormente? e sarà fatto.

13 Allora Ester disse: Se piace al re, sia concesso ai Giudei che sono a Susa di fare anche domani secondo il decreto di questo giorno, e i dieci figli di Haman siano appesi alla forca.

14 E il re comandò che così fosse; e il decreto fu dato a Sushan; e impiccano i dieci figli di Aman.

15 Poiché i Giudei che erano in Susan si radunarono anche il quattordicesimo giorno del mese di Adar e uccisero trecento uomini a Susa; ma sulla preda non posero la mano.

16 Ma gli altri Giudei che erano nelle province del re si radunarono e resistettero per salvarsi la vita, e ebbero pace dai loro nemici, e uccisero settantacinquemila nemici, ma non misero le mani sulla preda,

17 Il tredici del mese di Adar; e il quattordicesimo giorno dello stesso si riposarono, e ne fecero un giorno di festa e di letizia.

18 Ma i Giudei che erano a Susa si radunarono il tredicesimo giorno; e il quattordicesimo; e il quindicesimo giorno dello stesso si riposarono, e ne fecero un giorno di festa e di letizia.

19 Perciò i Giudei dei villaggi, che abitavano nelle città senza mura, fecero del quattordicesimo giorno del mese di Adar un giorno di letizia, di festa, e di buon giorno, e di scambiarsi le parti l'uno per l'altro.

20 E Mardocheo scrisse queste cose, e mandò lettere a tutti i Giudei che erano in tutte le province del re Assuero, vicini e lontani,

21 Per stabilire questo tra loro, che osservassero il quattordicesimo giorno del mese di Adar e il quindicesimo giorno dello stesso, annualmente.

22 Come i giorni in cui i Giudei si riposarono dai loro nemici, e il mese che fu loro mutato dal dolore in gioia, e dal cordoglio in un buon giorno; che ne facciano giorni di festa e di gioia, e di mandare porzioni gli uni agli altri e doni ai poveri.

23 E i Giudei si impegnarono a fare come avevano cominciato, e come aveva scritto loro Mardocheo;

24 Perché Haman, figlio di Hammedath, l'Agaghita, nemico di tutti i Giudei, aveva escogitato contro i Giudei di annientarli, e aveva tirato a sorte Pur, cioè la sorte, per consumarli e per distruggerli;

25 Ma quando Ester venne davanti al re, questi comandò con lettere che il suo malvagio inganno, che aveva escogitato contro i Giudei, gli tornasse sul capo, e che lui ei suoi figli fossero appesi alla forca.

26 Perciò chiamarono questi giorni Purim dal nome di Pur. Perciò, nonostante tutte le parole di questa lettera e di ciò che avevano visto riguardo a questo argomento e che era pervenuto loro,

27 I Giudei ordinarono e presero su di loro, sulla loro discendenza e su tutti coloro che si unirono a loro, affinché non venisse meno, che osservassero questi due giorni secondo la loro scrittura e secondo il tempo loro fissato ogni anno;

28 E che questi giorni siano ricordati e custoditi per ogni generazione, ogni famiglia, ogni provincia e ogni città; e che questi giorni di Purim non dovrebbero venire meno tra i Giudei, né il loro ricordo perisca dalla loro discendenza.

29 Allora la regina Ester, figlia di Abihail, e il giudeo Mardocheo, scrissero con ogni autorità per confermare questa seconda lettera di Purim.

30 E mandò le lettere a tutti i Giudei, alle centoventisette province del regno di Assuero, con parole di pace e di verità,

31 Per confermare questi giorni di Purim nei loro tempi stabiliti, secondo quanto avevano ordinato loro il Giudeo Mardocheo e la regina Ester, e come avevano stabilito per se stessi e per la loro discendenza, le questioni dei digiuni e il loro grido.

32 E il decreto di Ester confermò queste cose di Purim; ed era scritto nel libro.    


CAPITOLO 10

La grandezza di Assuero: l'avanzamento di Mardocheo.

1 E il re Assuero impose un tributo sulla terra e sulle isole del mare.

2 E tutti gli atti della sua potenza e della sua potenza, e la dichiarazione della grandezza di Mardocheo, a cui il re lo fece avanzare, non sono scritti nel libro delle cronache dei re di Media e di Persia?

3 Poiché Mardocheo, il Giudeo, era accanto al re Assuero, ed era grande tra i Giudei, e accolse la moltitudine dei suoi fratelli, cercando le ricchezze del suo popolo e parlando di pace a tutta la sua discendenza.

 

 

Biblioteca delle Scritture:

Suggerimento per la ricerca

Digita una singola parola o usa le virgolette per cercare un'intera frase (ad es. "perché Dio ha tanto amato il mondo").

scripture

Per ulteriori risorse, visitare il nostro Risorse per i membri pagina.