Lezione 5

Lezione 5

Lezione 5:1a Nelle nostre precedenti lezioni abbiamo trattato dell'essere, del carattere, delle perfezioni e degli attributi di Dio.

Lezione 5:1b Ciò che intendiamo per perfezioni sono le perfezioni che appartengono a tutti gli attributi della sua natura.

Lezione 5:1c In questa conferenza parleremo della divinità; intendiamo il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

Lezione 5:2a Ci sono due personaggi che costituiscono il potere grande, ineguagliabile, governante e supremo su tutte le cose: per mezzo dei quali tutte le cose sono state create e fatte, visibili o invisibili;

Lezione 5:2b sia in cielo, in terra, o in terra, sotto terra, o nell'immensità dello spazio.

Lezione 5,2c Essi sono il Padre e il Figlio: Il Padre è un personaggio di spirito, gloria e potenza, che possiede ogni perfezione e pienezza.

Lezione 5:2d Il Figlio, che era nel seno del Padre, un personaggio di tabernacolo, fatto o foggiato a guisa dell'uomo, o essendo a forma e somiglianza di uomo, o meglio, l'uomo fu formato a sua somiglianza ea sua Immagine.

Lezione 5,2e Egli è anche l'espressa immagine e somiglianza del personaggio del Padre, che possiede tutta la pienezza del Padre, o la stessa pienezza del Padre, essendo generato da lui;

Lezione 5:2f e fu ordinato fin da prima della fondazione del mondo di essere propiziazione per i peccati di tutti coloro che credessero nel suo nome;

Lezione 5,2g ed è chiamato Figlio a motivo della carne – e discese soffrendo al di sotto di ciò che l'uomo può soffrire, o in altre parole, soffrì sofferenze maggiori, e fu esposto a contraddizioni più potenti di qualsiasi uomo possa esserlo.

Lezione 5:2h Ma nonostante tutto ciò, osservò la legge di Dio e rimase senza peccato; mostrando così che è in potere dell'uomo osservare la legge e rimanere anche senza peccato.

Lezione 5:21 E inoltre, affinché per mezzo di lui venga un giusto giudizio su ogni carne, e affinché tutti coloro che non camminano nella legge di Dio siano giustamente condannati dalla legge e non abbiano scusa per i loro peccati.

Lezione 5:2j Ed essendo l'Unigenito del Padre, pieno di grazia e di verità, e avendo vinto, ricevette una pienezza della gloria del Padre, avendo la stessa mente del Padre;

Lezione 5:2k quale Mente è lo Spirito Santo, che porta testimonianza del Padre e del Figlio;

Lezione 5:2L e questi tre sono uno, o in altre parole, questi tre costituiscono il potere grande, ineguagliabile, governante e supremo su tutte le cose; dal quale tutte le cose sono state create e fatte, che sono state create e fatte:

Lezione 5:2m e questi tre costituiscono la divinità e sono uno: il Padre e il Figlio che possiedono la stessa mente, la stessa sapienza, gloria, potenza e pienezza;

Lezione 5:2n che riempie tutto in tutto - essendo il Figlio ripieno della pienezza della mente, della gloria e della potenza; o in altre parole lo Spirito, gloria e potenza del Padre – che possiede ogni conoscenza e gloria, e lo stesso regno;

Lezione 5,2o seduto alla destra della potenza, nell'espressa immagine e somiglianza del Padre – Mediatore per l'uomo – pieno della pienezza della Mente del Padre, o, in altre parole, dello Spirito del Padre;

Lezione 5:2p il quale Spirito è sparso su tutti coloro che credono nel suo nome e osservano i suoi comandamenti;

Lezione 5:2q e tutti coloro che osservano i suoi comandamenti cresceranno di grazia in grazia e diventeranno eredi del regno dei cieli e coeredi di Gesù Cristo;

Lezione 5,2r possedendo la stessa mente, trasformandosi nella stessa immagine o somiglianza, anche l'immagine espressa di colui che riempie tutto in tutto;

Lezione 5:2s essendo ripieni della pienezza della sua gloria, e divenite uno in lui, come il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo sono uno.

Lezione 5:3a Dal precedente racconto della divinità, che è dato nelle sue rivelazioni, i santi hanno un fondamento sicuro posto per l'esercizio della fede per la vita e la salvezza,

Lezione 5:3b per l'espiazione e la mediazione di Gesù Cristo, mediante il cui sangue hanno il perdono dei peccati, e anche una ricompensa sicura riservata loro in cielo -

Lezione 5,3c anche quella di partecipare alla pienezza del Padre e del Figlio, per mezzo dello Spirito.

Lezione 5:3d Come il Figlio partecipa della pienezza del Padre mediante lo Spirito, così i santi devono, mediante lo stesso Spirito, essere partecipi della stessa pienezza, godere della stessa gloria;

Lezione 5:3e poiché, come il Padre e il Figlio sono uno, così i santi devono essere uno in loro per l'amore del Padre, la mediazione di Gesù Cristo e il dono dello Spirito Santo;

Lezione 5:3f devono essere eredi di Dio e coeredi di Gesù Cristo.

 

Lezione 5 Domande

1. Di cosa trattano le lezioni precedenti?

Dell'essere, delle perfezioni e degli attributi della Divinità (Lezione 5:1).

2. Cosa dobbiamo intendere con le perfezioni della Divinità?

Le perfezioni che appartengono ai suoi attributi.

3. Quanti personaggi ci sono nella divinità?

Due: il Padre e il Figlio (Lezione 5,1).

4. Come dimostri che ci sono due personaggi nella divinità?

un. Dalle Scritture: Gen. 1:27 (Versione ispirata)å; (anche Lezione 2,6); “Ed io, Dio, dissi al mio Unigenito, che era con me fin dal principio: Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza; ed è stato così».

b. Gen. 3:28 (Versione ispirata)å, "E io, il Signore Dio, dissi al mio Unigenito: Ecco, l'uomo è diventato come uno di noi, per conoscere il bene e il male".

c. Giovanni 17:5: "Ed ora, o Padre, glorificami tu stesso con te stesso con la gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse" (Let. 5:2).

5. Che cos'è il Padre?

È un personaggio di gloria e di potenza (Let 5,2).

6. Come dimostri che il Padre è un personaggio di gloria e di potenza?

un. Primo, di gloriaå: Isaia 60:19, “Il sole non sarà più la tua luce di giorno; né per splendore la luna ti darà luce: ma il Signore sarà per te una luce eterna, e il tuo Dio la tua gloria».

b. Primo Cr. 29:11: "Tua, o Signore, è la grandezza, la potenza e la gloria".

c. Sal. 29:3: «La voce del Signore è sulle acque: il Dio della gloria tuona».

d. Sal. 79:9: "Aiutaci, o Dio della nostra salvezza, per la gloria del tuo nome".

e. Rom. 1:23, "E ha cambiato la gloria del Dio incorruttibile in un'immagine fatta simile all'uomo corruttibile".

f. Secondo, di potere. 1 Cr. 29:11: "Tua, o Signore, è la grandezza, la potenza e la gloria".

g. Ger. 32:17, “Ah, Signore Dio! ecco tu hai fatto il cielo e la terra con la tua grande potenza e hai teso il braccio, e non c'è niente di troppo difficile per te».

h. Deut. 4:37: "E poiché amava i tuoi padri, perciò scelse la loro discendenza dopo di loro, e ti fece uscire davanti a lui con la sua potenza".

io. 2 Samuele 22:33, "Dio è la mia forza e potenza".

j. Giobbe 26, a cominciare dal 7° versetto, fino alla fine del capitolo,

K. “Egli stende il settentrione sul luogo vuoto, e non appende la terra sul nulla. Egli avvolge le acque nelle sue dense nubi; e la nuvola non si affitta sotto di loro.

l. «Egli trattiene la faccia del suo trono e vi stende sopra la sua nuvola.

m. “Egli ha circondato le acque con limiti, finché il giorno e la notte non siano finiti.

n. “Le colonne del cielo tremano e si meravigliano della sua riprensione.

o. “Egli divide il mare con la sua potenza, e con la sua intelligenza colpisce i superbi.

p. “Per il suo Spirito ha adornato i cieli; la sua mano ha formato il serpente storto.

q. “Ecco, queste sono parti delle sue vie: ma quanto poco si sente di lui? ma il tuono della sua potenza chi può capire?”

7. Che cos'è il Figlio?

In primo luogo, è un personaggio del tabernacolo (Lezione 5,2).

8. Come lo dimostri?

un. Giovanni 14:9-11: «Gesù gli disse: Sono stato da tanto tempo con te e tu non mi hai conosciuto, Filippo? chi ha visto me ha visto il Padre; e come dici dunque: Mostraci il Padre? Non credi tu che io sono nel Padre e il Padre in me? le parole che vi dico, non parlo di me stesso: ma il Padre che abita in me, fa le opere. Credimi che io sono nel Padre e il Padre in me».

b. Secondo, ed essendo un personaggio del tabernacolo, era fatto o modellato come l'uomo, o essendo nella forma e somiglianza dell'uomo (Lezione 5:2).

c. Fil. 2,5-8: « Sia in te questa mente, che era anche in Cristo Gesù: il quale, essendo in forma di Dio, credeva che non fosse un furto essere uguale a Dio, ma si è fatto senza reputazione e se ne prese assumeva la forma di un servo, e fu fatto a somiglianza degli uomini: e trovato nella forma di uomo, si umiliò e si fece obbediente fino alla morte, anche alla morte di croce».

d. ebr. 2:14,16: “Poiché dunque i figli sono partecipi della carne e del sangue, anche lui stesso ne ha preso parte. . . . Perché in verità non ha preso su di sé la natura degli angeli; ma prese su di sé la discendenza di Abramo».

e. Terzo, è anche a somiglianza del personaggio del Padre (Let. 5,2).

f. ebr. 1:1-3, “Dio, che in tempi diversi e in modi diversi in passato parlò ai padri per mezzo dei profeti, in questi ultimi giorni ci ha parlato mediante suo Figlio, che ha costituito erede di tutte le cose, mediante il quale ha anche creato i mondi; il quale, essendo lo splendore della sua gloria, e l'espressa immagine della sua persona».

g. Ancora una volta, Fil. 2:5-6: «Sia in te questa mente, che era anche in Cristo Gesù: il quale, essendo nella forma di Dio, pensava che non fosse un furto essere uguale a Dio».

9. Fu dal Padre e dal Figlio che tutte le cose furono create e fatte, che furono create e fatte?

un. Era. Col. 1,15-17: «Chi è l'immagine del Dio invisibile, il primogenito di ogni creatura: poiché da lui sono state create tutte le cose, quelle che sono nei cieli e quelle sulla terra, visibili e invisibili, siano esse troni, o domini, o principati, o potestà: tutte le cose sono state create da lui e per lui: ed egli è prima di tutte le cose, e da lui tutte le cose consistono.

b. Gen. 1:1, "In principio Dio creò il cielo e la terra".

c. ebr. 1:2, "Dio in questi ultimi giorni ci ha parlato per mezzo di suo Figlio, che ha costituito erede di tutte le cose, per mezzo del quale ha anche creato i mondi".

10. Possiede la pienezza del Padre?

un. Lui fa. Col. 1:19; 2:9: «Poiché piacque al Padre che in lui abitasse ogni pienezza. . . . Poiché in lui abita corporalmente tutta la pienezza della divinità».

b. Ef. 1:23, "Qual è il suo corpo di Cristo, la pienezza di colui che riempie tutto in tutto".

11. Perché fu chiamato Figlio?

un. A causa della carne. Luca 1:35: "Quella cosa santa che nascerà da te sarà chiamata Figlio di Dio".

b. Opaco. 3:16-17: «E Gesù, quando fu battezzato, salì subito fuori dall'acqua: ed ecco, i cieli gli si aprirono, ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e illuminarlo : ed ecco una voce dal cielo, che dice: Questi è il mio Figlio diletto, nel quale mi sono compiaciuto».

12. È stato ordinato dal Padre, fin da prima della fondazione del mondo, per essere propiziazione dei peccati di tutti coloro che dovrebbero credere nel suo nome?

un. È stato. 1 Pietro, 1,18-20: «Poiché sapete di non essere stati riscattati con cose corruttibili, come argento e oro, dalla vostra vana conversazione ricevuta per tradizione dai vostri padri; ma con il prezioso sangue di Cristo, come di un agnello senza macchia e senza macchia: il quale in verità fu preordinato prima della fondazione del mondo, ma si è manifestato in questi ultimi tempi per te».

b. Apocalisse 13:8, "E tutti gli abitanti della terra lo adoreranno, la bestia, i cui nomi non sono scritti nel libro della vita dell'Agnello immolato fin dalla fondazione del mondo".

c. Primo Cor. 2:7, "Ma noi parliamo della sapienza di Dio in un mistero, sì, la sapienza nascosta, che Dio ha ordinato davanti al mondo a nostra gloria".

13. Il Padre e il Figlio possiedono la stessa mente?

un. Loro fanno. Giovanni 5:30, «Io Cristo non posso da me stesso fare nulla: come odo, giudico: e il mio giudizio è giusto; perché non cerco la mia volontà, ma la volontà del Padre che mi ha mandato».

b. Giovanni 6:38: "Poiché io Cristo sono disceso dal cielo, non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato".

c. Giovanni 10:30, "Io Cristo e mio Padre siamo uno".

14. Cos'è questa mente?

un. Lo spirito Santo. Giovanni 15:26: "Ma quando verrà il Consolatore, che io vi manderò dal Padre, sì, lo Spirito di verità, che procede dal Padre, egli testimonierà di me Cristo".

b. Gal. 4:6, "E poiché siete figli, Dio ha mandato lo Spirito di suo Figlio nei vostri cuori".

15. Il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo costituiscono la divinità?

Lo fanno (Lezione 5:2). Lascia che lo studente ricordi questo paragrafo.

16. Il credente in Cristo Gesù, per il dono dello Spirito, diventa uno con il Padre e il Figlio, come il Padre e il Figlio sono uno?

Loro fanno. Giovanni 17:20-21: «Non prego solo per questi (gli apostoli), ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola; affinché tutti possano essere uno; come tu, Padre, sei in me e io in te, affinché anche loro siano uno in noi: affinché il mondo creda che tu mi hai mandato».

17. Il precedente racconto della divinità pone un fondamento sicuro per l'esercizio della fede in lui per la vita e la salvezza?

Lo fa.

18. Come lo dimostri?

Entro il terzo paragrafo di questa lezione. Lascia che lo studente si impegni anche in questo.

Biblioteca delle Scritture:

Suggerimento per la ricerca

Digita una singola parola o usa le virgolette per cercare un'intera frase (ad es. "perché Dio ha tanto amato il mondo").

scripture

Per ulteriori risorse, visitare il nostro Risorse per i membri pagina.