John

La testimonianza di San Giovanni

 

CAPITOLO 1

Il vangelo predicato in principio — Giovanni porta testimonianza del vangelo e di Cristo — È Elia — Chiamarono Andrea, Filippo e Pietro.

1 In principio il vangelo era annunziato per mezzo del Figlio. E il vangelo era la parola, e la parola era con il Figlio, e il Figlio era con Dio, e il Figlio era da Dio.

2 Lo stesso era in principio presso Dio.

3 Tutte le cose sono state fatte da lui; e senza di lui non è stato fatto nulla di ciò che è stato fatto.

4 In lui era il vangelo, e il vangelo era la vita, e la vita era la luce degli uomini;

5 E la luce risplende nel mondo, e il mondo non la percepisce.

6 C'era un uomo mandato da Dio, il cui nome era Giovanni.

7 Lo stesso venne nel mondo come testimonianza, per rendere testimonianza della luce, per rendere testimonianza del vangelo per mezzo del Figlio, a tutti, affinché per mezzo di lui gli uomini credessero.

8 Egli non era quella luce, ma venne a rendere testimonianza di quella luce,

9 Che era la vera luce, che illumina ogni uomo che viene nel mondo;

10 Anche il Figlio di Dio. Colui che era nel mondo, e il mondo è stato fatto da lui, e il mondo non lo ha conosciuto.

11 Venne tra i suoi e i suoi non lo ricevettero.

12 Ma a quanti l'hanno accolto, ha dato loro il potere di divenire figli di Dio; solo a coloro che credono nel suo nome.

13 Non nacque da sangue, né da volontà di carne, né da volontà d'uomo, ma da Dio.

14 E lo stesso Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi, e noi contemplammo la sua gloria, gloria come dell'Unigenito del Padre, pieno di grazia e di verità.

15 Giovanni gli rende testimonianza e gridò, dicendo: Questi è colui del quale ho parlato; Chi viene dopo di me è preferito a me; perché era prima di me.

16 Poiché in principio era il Verbo, sì il Figlio, che si è fatto carne, e mandato a noi per volontà del Padre. E quanti crederanno nel suo nome riceveranno la sua pienezza. E dalla sua pienezza tutti noi abbiamo ricevuto, anche l'immortalità e la vita eterna, per sua grazia.

17 Poiché la legge fu data per mezzo di Mosè, ma la vita e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.

18 Poiché la legge era secondo un comandamento carnale, all'amministrazione della morte; ma il vangelo era secondo la potenza di una vita senza fine, per mezzo di Gesù Cristo, l'Unigenito Figlio, che è nel seno del Padre.

19 E nessuno ha mai visto Dio, a meno che non abbia reso testimonianza del Figlio; poiché, a meno che non sia per mezzo di lui, nessun uomo può essere salvato.

20 E questo è il racconto di Giovanni, quando i Giudei mandarono sacerdoti e leviti da Gerusalemme a interrogarlo; Chi sei?

21 Ed egli confessò, e non negò di essere Elia; ma confessò, dicendo; Io non sono il Cristo.

22 E gli chiesero, dicendo: Come sei allora Elia? E disse: Io non sono quell'Elia che doveva restaurare tutte le cose. E gli chiesero dicendo: Sei tu quel profeta? E lui ha risposto, no.

23 Allora gli dissero: Chi sei? che noi uomini diamo una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che dici di te stesso?

24 Egli disse: Io sono la voce di uno che grida nel deserto: Raddrizza la via del Signore, come dice il profeta Esaia.

25 E quelli che furono mandati furono dei farisei.

26 Ed essi lo interrogarono e gli dissero; Perché allora battezzi, se non sei il Cristo, né Elia che doveva restaurare tutte le cose, né quel profeta?

27 Giovanni rispose loro dicendo: Io battezzo con acqua, ma ce n'è uno in mezzo a voi, che voi non conoscete;

28 Egli è di cui rendo testimonianza. È quel profeta, anche Elia, che, venendo dietro a me, è preferito a me, di cui non sono degno di sciogliere il laccio della scarpa, o di cui non posso riempire il posto; poiché battezzerà non solo con acqua, ma con fuoco e con lo Spirito Santo.

29 Il giorno dopo Giovanni vide Gesù venire a lui e disse: Ecco l'Agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo!

30 E Giovanni ne rese testimonianza al popolo, dicendo: Questi è colui del quale ho detto; Dopo di me viene un uomo che è preferito a me; poiché era prima di me, e io lo conoscevo, e che doveva essere manifestato a Israele; perciò vengo battezzando con acqua.

31 E Giovanni rese testimonianza, dicendo: Quando fu battezzato da me, vidi lo Spirito scendere dal cielo come una colomba e dimorare su di lui.

32 E lo conobbi; poiché colui che mi ha mandato a battezzare con acqua, lo stesso mi ha detto; Sul quale vedrai scendere lo Spirito e rimanere su di lui, lo stesso è colui che battezza con lo Spirito Santo.

33 E vidi, e portai testimonianza che questi è il Figliuol di Dio.

34 Queste cose avvennero a Betbara, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

35 Di nuovo, il giorno dopo, Giovanni si alzò e due dei suoi discepoli,

36 E guardando Gesù mentre camminava, disse; Ecco l'Agnello di Dio!

37 E i due discepoli lo udirono parlare e seguirono Gesù.

38 Allora Gesù, voltatosi, vide che lo seguivano e disse loro: Che cercate? Gli dicono: Rabbino, (vale a dire, essendo interpretato, Maestro;) Dove abiti?

39 Egli disse loro: Venite e vedete. E vennero e videro dove abitava, e quel giorno dimorarono con lui; perché era circa la decima ora.

40 Uno dei due che ascoltarono Giovanni e seguirono Gesù, era Andrea, fratello di Simon Pietro.

41 Egli trova prima suo fratello Simone, e gli dice: Abbiamo trovato il Messia, che è, interpretato, il Cristo.

42 E lo condusse a Gesù. E quando Gesù lo vide, disse: Tu sei Simone, figlio di Giona, sarai chiamato Cefa, che è, per interpretazione, un veggente o una pietra. Ed erano pescatori. E subito lasciarono tutto e seguirono Gesù.

43 Il giorno seguente Gesù sarebbe uscito in Galilea, trovò Filippo e gli disse: Seguimi.

44 Or Filippo era a Betsaida, la città di Andrea e di Pietro.

45 Filippo trovò Natanaele e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale scrissero Mosè nella legge e i profeti: Gesù di Nazaret, figlio di Giuseppe.

46 E Natanaele gli disse: Può venire qualche cosa buona da Nazaret? Filippo gli disse: Vieni a vedere.

47 Gesù vide Natanaele venire a lui e disse di lui: Ecco un vero israelita, nel quale non c'è inganno!

48 Natanaele gli disse: Da dove mi conosci? Gesù, rispondendo, gli disse: Prima che Filippo ti chiamasse, quando eri sotto il fico, ti ho visto.

49 Natanaele rispose e gli disse: Rabbi, tu sei il Figliuol di Dio; tu sei il re d'Israele.

50 Gesù rispose e gli disse: Perché ti ho detto: ti ho visto sotto il fico, credi? Vedrai cose più grandi di queste.

51 Ed egli gli disse: In verità, in verità io vi dico: d'ora in poi vedrete il cielo aperto, e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell'uomo.


CAPITOLO 2

Matrimonio a Cana — Gesù scaccia i trafficanti dal tempio.

1 E il terzo giorno della settimana ci fu un matrimonio a Cana di Galilea; e la madre di Gesù era là.

2 E Gesù fu chiamato, con i suoi discepoli, alle nozze.

3 E quando volevano del vino, sua madre gli disse: Non hanno vino.

4 Gesù le disse: Donna, che vuoi che io faccia per te? quello lo farò; perché la mia ora non è ancora giunta.

5 Sua madre disse ai servi: Tutto quello che vi dice, badate di farlo.

6 Vi erano poste sei vasi di pietra, alla maniera della purificazione dei Giudei, contenenti ciascuno due o tre firkins.

7 Gesù disse loro: Riempite d'acqua i vasi. E li hanno riempiti fino all'orlo.

8 E disse: Ora tirati fuori e porta al governatore della festa. E gli hanno messo a nudo.

9 Quando il governatore della festa ebbe gustato l'acqua che era stata fatta vino (non sapeva di dove fosse, ma lo sapevano i servi che attingevano l'acqua), il governatore della festa chiamò lo sposo,

10 E gli disse: Ogni uomo, da principio, offre del buon vino; e quando gli uomini hanno bevuto bene; poi quello che è peggio; ma tu hai conservato fino ad ora il buon vino.

11 Questo inizio di miracoli fece Gesù a Cana di Galilea, e manifestò la sua gloria; e la fede dei suoi discepoli si rafforzò in lui.

12 Dopo questo scese a Cafarnao, lui, sua madre, i suoi fratelli ei suoi discepoli; e vi rimasero non molti giorni.

13 E la Pasqua dei Giudei era vicina, e Gesù salì a Gerusalemme.

14 E trovarono nel tempio quelli che vendevano buoi, pecore, colombe e cambiavalute seduti.

15 E quando ebbe fatto un flagello di cordicelle, scacciò tutti fuori dal tempio, e le pecore ei buoi; e versò il denaro dei cambiamonete, e rovesciò le tavole;

16 E disse a quelli che vendevano colombe: Portate via queste cose; non fare della casa del Padre mio una casa di merci.

17 E i suoi discepoli si ricordarono che era scritto: Lo zelo della tua casa mi ha divorato.

18 Allora parlarono i Giudei e gli dissero: Che segno ci mostri, vedendo che fai queste cose?

19 Gesù rispose e disse loro: Distruggete questo tempio, e in tre giorni lo farò risorgere.

20 Allora i Giudei dissero: Questo tempio è stato edificato in quarantasei anni e lo eresti tu in tre giorni?

21 Ma egli parlò della tempia del suo corpo.

22 Quando dunque fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto loro questo, e si ricordarono della Scrittura e della parola che Gesù aveva loro detto.

23 Quando egli era a Gerusalemme, alla Pasqua, nel giorno della festa, molti credettero nel suo nome, vedendo i miracoli che faceva.

24 Ma Gesù non si è affidato a loro, perché conosceva ogni cosa,

25 E non era necessario che alcuno rendesse testimonianza dell'uomo; perché sapeva cosa c'era nell'uomo.


CAPITOLO 3

La nuova nascita dell'acqua e dello spirito — Amore di Dio dichiarato — Giovanni battezza — Cristo battezza.

1 C'era un uomo dei farisei di nome Nicodemo, capo dei Giudei;

2 Il medesimo venne di notte da Gesù e gli disse: Rabbi, sappiamo che tu sei un maestro venuto da Dio; poiché nessuno può fare questi miracoli che tu fai, se Dio non è con lui.

3 Gesù rispose e gli disse: In verità, in verità io ti dico: se un uomo non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio.

4 Nicodemo gli disse: Come può un uomo nascere quando è vecchio? Può entrare per la seconda volta nel grembo di sua madre e nascere?

5 Gesù rispose: In verità, in verità io ti dico: se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio.

6 Ciò che è nato dalla carne è carne; e ciò che è nato dallo Spirito, è spirito.

7 Non meravigliarti se ti ho detto: Devi nascere di nuovo.

8 Il vento soffia dove vuole, e tu ne odi il suono, ma non sai da dove viene e dove va; così è chiunque è nato dallo Spirito.

9 Nicodemo rispose e gli disse: Come possono essere queste cose?

10 Gesù rispose e disse: Sei tu un signore d'Israele e non sai queste cose?

11 In verità, in verità io ti dico: diciamo che sappiamo, e attestiamo che abbiamo visto; e non ricevete la nostra testimonianza.

12 Se vi ho detto cose terrene e voi non credete, come credete se vi dicessi cose celesti?

13 Io vi dico: Nessuno è salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell'uomo che è nei cieli.

14 E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così deve essere innalzato il Figlio dell'uomo;

15 Perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia vita eterna.

16 Poiché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo Figlio unigenito, affinché chiunque crede in lui non muoia; ma abbi vita eterna.

17 Poiché Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per condannare il mondo; ma affinché il mondo per mezzo di lui possa essere salvato.

18 Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già condannato, perché non ha creduto al nome dell'Unigenito Figliuol di Dio, che prima era stato annunziato per bocca dei santi profeti; perché hanno testimoniato di me.

19 E questa è la condanna, che la luce è entrata nel mondo, e che gli uomini amano le tenebre piuttosto che la luce, perché le loro opere sono malvagie.

20 Perché chiunque fa il male odia la luce, né viene alla luce, perché le sue opere non siano rimproverate.

21 Ma chi ama la verità, viene alla luce, affinché le sue opere si manifestino.

22 E chi obbedisce alla verità, le opere che fa sono da Dio.

23 Dopo queste cose vennero Gesù e i suoi discepoli nel paese di Giudea; e là stette con loro, e battezzò;

24 E anche Giovanni battezzava in Enon, vicino a Salim, perché là c'era molta acqua; e vennero e furono battezzati;

25 Poiché Giovanni non era ancora stato gettato in prigione.

26 Allora sorse una questione tra alcuni discepoli di Giovanni ei Giudei sulla purificazione.

27 E vennero da Giovanni e gli dissero: Rabbi, colui che era con te al di là del Giordano, al quale tu rendi testimonianza, ecco, lo stesso battezza ed accoglie tutto il popolo che viene a lui.

28 Giovanni rispose e disse: Nessuno può ricevere nulla, se non gli è dato dal cielo.

29 Voi stessi mi rendete testimonianza che ho detto: Io non sono il Cristo, ma che sono stato mandato davanti a lui.

30 Chi ha la sposa, è lo sposo; ma l'amico dello sposo, che sta in piedi e lo ascolta, si rallegra grandemente per la voce dello sposo; questa mia gioia dunque si compie.

31 Egli deve aumentare, ma io devo diminuire.

32 Chi viene dall'alto è al di sopra di tutto; colui che è della terra è terreno e parla della terra; colui che viene dal cielo è al di sopra di tutto. E ciò che ha visto e udito, lo testimonia; e pochi uomini ricevono la sua testimonianza.

33 Chi ha ricevuto la sua testimonianza, ha messo sul suo sigillo che Dio è veritiero.

34 Poiché colui che Dio ha mandato, pronuncia le parole di Dio; poiché Dio non gli dà lo Spirito a misura, perché abita in lui, la pienezza.

35 Il Padre ama il Figlio e ha dato ogni cosa nelle sue mani.

36 E chi crede nel Figlio ha vita eterna; e riceverà la sua pienezza. Ma chi non crede al Figlio, non riceverà la sua pienezza; poiché l'ira di Dio è su di lui.


CAPITOLO 4

I farisei cercano di distruggere Gesù - La donna e il pozzo - L'acqua della vita eterna - Il figlio del nobile guarì.

1 Quando dunque i farisei ebbero udito che Gesù aveva fatto e battezzato più discepoli di Giovanni,

2 Cercarono più diligentemente qualche mezzo per metterlo a morte; poiché molti ricevettero Giovanni come profeta, ma non credettero a Gesù.

3 Ora il Signore sapeva questo, sebbene egli stesso battezzasse non tanti come i suoi discepoli;

4 Poiché li sopportò per esempio, preferendosi gli uni agli altri.

5 E lasciò la Giudea e tornò in Galilea,

6 E disse ai suoi discepoli: Devo passare per Samaria.

7 Poi giunse alla città di Samaria, chiamata Sicar, vicino al terreno che Giacobbe diede a suo figlio Giuseppe; il luogo dove si trovava il pozzo di Giacobbe.

8 Ora Gesù, stanco del suo viaggio, essendo verso l'ora sesta, si sedette al pozzo;

9 E venne una donna di Samaria ad attingere acqua; Gesù le disse: Dammi da bere.

10 Ora i suoi discepoli erano andati in città a comprare della carne.

11 Pertanto, essendo solo, la donna di Samaria gli disse: Come mai, essendo Giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna di Samaria? Gli ebrei non hanno rapporti con i samaritani.

12 Gesù rispose e le disse: Se tu conoscessi il dono di Dio, e chi è che ti dice: Dammi da bere, tu glielo avresti chiesto ed egli ti avrebbe dato acqua viva.

13 La donna gli disse: Signore, tu non hai niente con cui attingere, e il pozzo è profondo; donde hai dunque quell'acqua viva?

14 Sei tu più grande del nostro padre Giacobbe, che ci ha dato il testamento e ne ha bevuto lui stesso, i suoi figli e il suo bestiame?

15 Gesù rispose e le disse: Chiunque berrà da questo pozzo, avrà di nuovo sete;

16 Ma chiunque beve dell'acqua che io gli darò, non avrà mai più sete; ma l'acqua che gli darò sarà in lui una sorgente d'acqua che zampilla per la vita eterna.

17 La donna gli disse: Signore, dammi di quest'acqua che non ho sete e non vieni qui ad attingere.

18 Gesù le disse: Va', chiama tuo marito e vieni qua.

19 La donna rispose e disse: Non ho marito. Gesù le disse: Hai detto bene: non ho marito.

20 Poiché hai avuto cinque mariti, e colui che hai ora, non è tuo marito; in questo hai detto veramente.

21 La donna gli disse: Signore, vedo che tu sei un profeta.

22 I nostri padri adorarono su questo monte; e voi dite che a Gerusalemme è il luogo dove gli uomini devono adorare.

23 Gesù le disse: Donna, credimi, viene l'ora in cui né su questo monte, né ancora a Gerusalemme, adorerai il Padre.

24 Adori, non sai cosa; sappiamo cosa adoriamo; e la salvezza è degli ebrei.

25 E viene l'ora, ed è ora, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; poiché il Padre cerca tali per adorarlo.

26 Poiché a tali Dio ha promesso il suo Spirito. E coloro che lo adorano, devono adorare in spirito e verità.

27 La donna gli disse: So che viene Messia, che è chiamato Cristo; quando verrà, ci racconterà ogni cosa.

28 Gesù le disse: Io che ti parlo sono il Messia.

29 E su questo vennero i suoi discepoli, e si meravigliarono che parlasse con la donna; eppure nessuno disse: Che cosa cerchi? oppure, perché parli con lei?

30 La donna allora lasciò la sua brocca, andò in città e disse agli uomini:

31 Vieni a vedere un uomo che mi ha detto tutte le cose che ho fatto. Non è questo il Cristo?

32 Allora essi uscirono dalla città e andarono da lui.

33 Intanto i suoi discepoli lo pregavano dicendo: Maestro, mangia.

34 Ma egli disse loro: Ho da mangiare una carne che voi non conoscete.

35 Perciò i discepoli si dissero l'un l'altro: Qualcuno gli ha portato della carne da mangiare?

36 Gesù disse loro: Il mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e portare a termine la sua opera.

37 Non dite che siete ancora quattro mesi, poi verrà la mietitura? Ecco, io vi dico: Alzate gli occhi e guardate i campi; perché sono già bianche da mietere.

38 E colui che miete, riceve salario e raccoglie frutto per la vita eterna; affinché si rallegrino insieme colui che semina e colui che miete.

39 E qui è vero questo detto: Uno semina e un altro miete.

40 Vi ho mandato a mietere ciò a cui non avete dato lavoro; i profeti hanno lavorato e voi siete entrati nelle loro fatiche.

41 E molti dei Samaritani di quella città credettero in lui per le parole della donna, la quale testimoniò dicendo: Mi ha detto tutto quello che ho fatto.

42 Così, quando i Samaritani vennero da lui, lo pregarono che rimanesse con loro; e vi rimase due giorni.

43 E molti di più credettero a motivo della sua propria parola;

44 E disse alla donna: Ora noi crediamo, non a causa di ciò che hai detto; abbiamo ascoltato noi stessi e sappiamo che questo è davvero il Cristo, il Salvatore del mondo.

45 Ora, dopo due giorni, partì di là e andò in Galilea.

46 Poiché Gesù stesso ha testimoniato che un profeta non ha onore nella sua patria.

47 Poi, quando fu entrato in Galilea, i Galilei lo ricevettero, avendo visto tutte le cose che aveva fatto a Gerusalemme durante la festa; poiché anch'essi andarono alla festa.

48 Così Gesù tornò a Cana di Galilea, dove fece vino l'acqua. E c'era un certo nobile, il cui figlio era malato a Cafarnao.

49 Quando udì che Gesù era uscito dalla Giudea in Galilea, andò da lui e lo pregò che scendesse e guarisse suo figlio; perché era in punto di morte.

50 Allora Gesù gli disse: Se non vedete segni e prodigi, non crederete.

51 Il nobile gli disse: Signore, scendi prima che il mio bambino muoia.

52 Gesù gli disse: Va', tuo figlio vive. E l'uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto, e se ne andò.

53 E mentre stava scendendo a casa sua, i suoi servi gli andarono incontro e gli parlarono, dicendo: Tuo figlio vive.

54 Poi domandò loro l'ora in cui aveva cominciato a riparare. E gli dissero: Ieri, all'ora settima, la febbre lo ha lasciato.

55 Così il padre seppe che suo figlio era stato guarito nello stesso momento in cui Gesù gli aveva detto: Tuo figlio vive; e lui stesso credette, e tutta la sua casa;

56 Questo è il secondo miracolo che Gesù aveva fatto quando era uscito dalla Giudea in Galilea.


CAPITOLO 5

Uomo impotente guarito - La risurrezione - Testimonianza di Cristo.

1 Dopo questo vi fu una festa dei Giudei; e Gesù salì a Gerusalemme.

2 Ora c'è a Gerusalemme, presso il mercato delle pecore, una piscina che in lingua ebraica è chiamata Bethesda, che ha cinque portici.

3 In questi portici giaceva un gran numero di persone impotenti, cieche, ferme, avvizzite, in attesa del movimento dell'acqua.

4 Poiché un angelo scese a una certa stagione nella piscina e turbò l'acqua, chiunque fosse entrato per primo dopo lo scroscio dell'acqua, era guarito da qualsiasi malattia avesse.

5 E là c'era un uomo, che aveva trentotto anni d'infermità.

6 E Gesù lo vide mentire, e seppe che era ormai da molto tempo afflitto; ed egli gli disse: Vuoi guarire?

7 L'uomo impotente gli rispose: Signore, non ho nessuno, quando l'acqua è agitata, che mi metta nella piscina; ma mentre io vengo, un altro scende davanti a me.

8 Gesù gli disse: Alzati, prendi il tuo lettuccio e cammina.

9 E subito l'uomo fu guarito, si alzò nel letto e camminò; ed era di sabato.

10 I Giudei dunque dissero a colui che era guarito: È giorno di sabato; non ti è lecito portare il tuo letto.

11 Egli rispose loro: Colui che mi ha guarito, mi ha detto: Prendi il tuo lettuccio e cammina.

12 Allora essi gli risposero, dicendo: Qual è l'uomo che ti ha detto: Prendi il tuo lettuccio e cammina?

13 E colui che era stato guarito non sapeva chi fosse; poiché Gesù si era portato via, essendo una moltitudine nel luogo.

14 Poi Gesù lo trovò nel tempio e gli disse: Ecco, tu sei guarito; non peccare più, perché non ti venga una cosa peggiore.

15 L'uomo se ne andò e disse ai Giudei che era stato Gesù a guarirlo;

16 Perciò i Giudei perseguitarono Gesù, e cercarono di ucciderlo, perché aveva fatto queste cose in giorno di sabato.

17 Ma Gesù rispose loro: Il Padre mio opera finora, e io opero.

18 Perciò i Giudei cercarono ancor più di ucciderlo, perché non solo aveva violato il sabato, ma diceva anche che Dio era suo padre, facendosi uguale a Dio.

19 Allora Gesù rispose e disse loro: In verità, in verità vi dico: il Figlio non può fare nulla da se stesso, ma ciò che vede fare dal Padre; poiché qualunque cosa fa, anche il Figlio lo fa allo stesso modo.

20 Poiché il Padre ama il Figlio e gli mostra tutte le cose che egli stesso fa; e gli mostrerà opere più grandi di queste, affinché possiate meravigliarvi.

21 Poiché, come il Padre risuscita i morti e li vivifica; così il Figlio vivifica chi vuole.

22 Poiché il Padre non giudica nessuno; ma ha affidato ogni giudizio al Figlio;

23 Perché tutti onorino il Figlio, come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato.

24 In verità, in verità vi dico: Colui che ascolta la mia parola e crede in colui che mi ha mandato, ha vita eterna e non verrà condannato; ma è passato dalla morte alla vita.

25 In verità, in verità io vi dico: L'ora è venuta, ed è ora, in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio; e coloro che ascoltano vivranno.

26 Poiché, come il Padre ha la vita in se stesso, così ha dato al Figlio di avere la vita in se stesso;

27 E gli ha dato anche il potere di eseguire il giudizio, perché è Figlio dell'uomo.

28 Non meravigliarti di questo; poiché viene l'ora in cui tutti coloro che sono nei loro sepolcri udranno la sua voce.

29 E uscirà; coloro che hanno operato il bene, nella risurrezione dei giusti; e quelli che hanno fatto il male, nella risurrezione degli ingiusti.

30 E tutti saranno giudicati dal Figlio dell'uomo. Poiché, come odo, giudico, e il mio giudizio è giusto;

31 Poiché da me stesso non posso fare nulla; perché non cerco la mia volontà, ma la volontà del Padre che mi ha mandato.

32 Se dunque rendo testimonianza di me stesso, la mia testimonianza è vera.

33 Poiché io non sono solo, c'è un altro che rende testimonianza di me, e so che la testimonianza che dà di me è vera.

34 Voi avete mandato a Giovanni, e anche lui ha reso testimonianza alla verità.

35 E non ricevette la sua testimonianza di uomo, ma di Dio, e voi stessi dite che è un profeta, perciò dovete ricevere la sua testimonianza. Queste cose dico affinché possiate essere salvati.

36 Egli era una luce ardente e splendente; e avete voluto per un periodo rallegrarvi alla sua luce.

37 Ma ho una testimonianza più grande della testimonianza di Giovanni; poiché le opere che il Padre mi ha dato per compiere, le stesse opere che faccio io, mi rendono testimonianza che il Padre mi ha mandato.

38 E il Padre stesso, che mi ha mandato, mi ha reso testimonianza. E in verità vi attesto che non avete mai udito la sua voce, né visto la sua forma;

39 Poiché la sua parola non dimora in voi; e a colui che ha mandato, non credete.

40 Scruta le Scritture; poiché in essi credete di avere la vita eterna; e sono loro che testimoniano di me.

41 E non verrete a me per avere la vita, per non onorarmi.

42 Non ricevo onore dagli uomini.

43 Ma io vi conosco, che non avete in voi l'amore di Dio.

44 Sono venuto nel nome del Padre mio e non mi ricevete; se un altro verrà nel suo nome, lo riceverete.

45 Come potete credere voi che cercate l'onore gli uni degli altri e non cercate l'onore che viene solo da Dio?

46 Non pensare che io ti accuserò al Padre; vi è Mosè che vi accusa, nel quale confidate.

47 Poiché, se aveste creduto a Mosè, avreste creduto a me; perché ha scritto di me.

48 Ma se non credete ai suoi scritti, come credete alle mie parole?


CAPITOLO 6

Cristo ne nutre cinquemila - Il popolo lo farebbe re - Cammina sul mare - Egli stesso è il pane della vita - Molti lo lasciano.

1 Dopo queste cose Gesù passò il mare di Galilea, che è il mare di Tiberiade.

2 E una grande folla lo seguiva, perché vedevano i suoi miracoli che faceva su quelli che erano malati.

3 E Gesù salì su un monte, e là si sedette con i suoi discepoli.

4 E si avvicinava la pasqua, festa dei Giudei.

5 Quando Gesù allora alzò gli occhi e vide che una grande compagnia veniva verso di lui, disse a Filippo: Da dove compreremo il pane, perché questi mangino?

6 E questo disse per provarlo; poiché lui stesso sapeva cosa avrebbe fatto.

7 Filippo gli rispose: Non bastano loro duecento centesimi di pane, perché ciascuno ne prenda un po'.

8 Uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro, gli disse:

9 C'è qui un ragazzo che ha cinque pani d'orzo e due pesciolini; ma cosa sono tra tanti?

10 E Gesù disse: Fa sedere gli uomini. Ora c'era molta erba nel posto. Così gli uomini si sedettero, in numero circa cinquemila.

11 E Gesù prese i pani; e dopo aver reso grazie, distribuì ai discepoli, e ai discepoli a quelli che erano stati posti; e similmente dei pesci quanto vogliono.

12 Quando ebbero mangiato e furono saziati, disse ai suoi discepoli: Raccogliete i frammenti che rimangono, affinché nulla vada perduto.

13 Perciò li radunarono e riempirono dodici cesti con i frammenti dei cinque pani d'orzo, che erano rimasti sopra e sopra a quelli che avevano mangiato.

14 Allora quegli uomini, quando ebbero visto il miracolo che fece Gesù, dissero: Questo è in verità quel profeta che dovrebbe venire nel mondo.

15 Quando dunque Gesù si accorse che sarebbero venuti a prenderlo con la forza per farlo re, se ne andò di nuovo lui stesso su un monte da solo.

16 E quando fu fatta sera, i suoi discepoli scesero al mare,

17 E salito su una nave, andò oltre il mare verso Cafarnao. E ora era buio, e Gesù non era venuto da loro.

18 E il mare si levò a causa di un gran vento che soffiò.

19 Così, dopo aver remato per circa venticinque o trenta stadi, videro Gesù che camminava sul mare e si avvicinava alla nave; e avevano paura.

20 Ma egli disse loro: Sono io; non essere spaventato.

21 Allora lo accolsero volentieri nella nave; e subito la nave giunse alla terra dov'erano andati.

22 Il giorno seguente, quando il popolo, che stava dall'altra parte del mare, vide che là non c'era altra barca, se non quella in cui erano entrati i suoi discepoli, e che Gesù non salì sulla barca con i suoi discepoli, ma che i suoi discepoli erano partiti soli;

23 Tuttavia altre barche vennero da Tiberiade vicino al luogo dove mangiavano il pane, dopo che il Signore aveva reso grazie;

24 Quando dunque il popolo vide che Gesù non c'era, né i suoi discepoli, si imbarcarono anche loro e vennero a Cafarnao, cercando Gesù.

25 E quando l'ebbero trovato dall'altra parte del mare, gli dissero: Rabbi, come sei venuto qui?

26 Gesù rispose loro e disse: In verità, in verità vi dico: Mi cercate non perché desideriate osservare le mie parole, né perché avete visto i miracoli, ma perché avete mangiato dei pani e siete stati saziati.

27 Lavorate non per la carne che perisce, ma per quella carne che dura per la vita eterna, che il Figlio dell'uomo ha il potere di darvi; per lui Dio Padre ha sigillato.

28 Allora essi gli dissero: Che dobbiamo fare per compiere le opere di Dio?

29 Gesù rispose e disse loro: Questa è l'opera di Dio, che crediate in colui che egli ha mandato.

30 Gli dissero dunque: Che segno mostri dunque, affinché possiamo vederti e crederti? Cosa lavori?

31 Il papà di nostro padre mangia la manna nel deserto; come sta scritto, diede loro da mangiare del pane dal cielo.

32 Allora Gesù disse loro In verità, in verità io vi dico: Mosè non vi ha dato quel pane dal cielo; ma il Padre mio vi dà il vero pane dal cielo.

33 Poiché il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo.

34 Allora gli dissero: Signore, dacci sempre questo pane.

35 E Gesù disse loro: Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà mai fame; e chi crede in me non avrà mai più sete.

36 Ma io vi ho detto che anche voi mi avete visto e non credete.

37 Tutto ciò che il Padre mi dà verrà a me; e colui che viene a me non scaccerò in alcun modo.

38 Poiché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.

39 E questa è la volontà del Padre che mi ha mandato, che di tutto ciò che mi ha dato non dovrei perdere nulla, ma dovrei risuscitarlo nell'ultimo giorno.

40 E questa è la volontà di colui che mi ha mandato, affinché chiunque vede il Figlio e crede in lui, abbia vita eterna; e lo risusciterò nella risurrezione dei giusti nell'ultimo giorno.

41 Allora i Giudei mormorarono contro di lui, perché diceva: Io sono il pane disceso dal cielo.

42 E dissero: Non è costui Gesù, figlio di Giuseppe, di cui conosciamo il padre e la madre? com'è dunque che dice: sono disceso dal cielo?

43 Gesù dunque rispose e disse loro: Non mormorate fra di voi.

44 Nessuno può venire a me, se non fa la volontà del Padre mio che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato, che ricevete il Figlio; poiché il Padre ne rende testimonianza; e colui che riceve la testimonianza e fa la volontà di colui che mi ha mandato, io risusciterò nella risurrezione dei giusti.

45 Poiché sta scritto nei profeti: E questi saranno tutti ammaestrati da Dio. Ogni uomo dunque che ha udito e ha imparato dal Padre, viene a me.

46 Non che alcuno abbia visto il Padre, se non colui che è da Dio, ha visto il Padre.

47 In verità, in verità vi dico: Chi crede in me ha vita eterna.

48 Io sono quel pane di vita.

49 Questo è il pane che discende dal cielo, perché l'uomo ne mangi e non muoia.

50 I tuoi padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti.

51 Ma io sono il pane vivo, disceso dal cielo; se uno mangia di questo pane vivrà per sempre; e il pane che darò è la mia carne, che darò per la vita del mondo.

52 I Giudei dunque litigavano tra loro, dicendo: Come può costui darci da mangiare la sua carne?

53 Allora Gesù disse loro: In verità, in verità vi dico: Se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete vita in voi.

54 Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue, ha vita eterna; e lo risusciterò nella risurrezione dei giusti nell'ultimo giorno.

55 Poiché la mia carne è davvero carne, e il mio sangue è davvero bevanda.

56 Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue, abita in me, e io in lui.

57 Come il Padre vivente mi ha mandato, e io vivo per il Padre; così chi mangia me, anche lui vivrà per me.

58 Questo è quel pane disceso dal cielo; non come i tuoi padri mangiarono la manna e sono morti; chi mangia di questo pane vivrà in eterno.

59 Queste cose disse nella sinagoga, mentre insegnava a Cafarnao.

60 Molti dunque dei suoi discepoli, udito questo, dissero: Questo è un dire duro; chi può sentirlo?

61 Quando Gesù seppe in se stesso che i suoi discepoli ne mormoravano, disse loro: Vi offende questo?

62 E se vedeste il Figlio dell'uomo salire dov'era prima?

63 È lo Spirito che vivifica; la carne non giova a nulla; le parole che vi dico, sono spirito e sono vita.

64 Ma ci sono alcuni di voi che non credono. Perché Gesù sapeva fin dall'inizio chi erano quelli che non credevano e chi doveva tradirlo.

65 Ed egli disse: Perciò vi ho detto che nessuno può venire a me se non fa la volontà del Padre mio che mi ha mandato.

66 Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono e non camminarono più con lui.

67 Allora Gesù disse ai dodici: Volete andarvene anche voi?

68 Allora Simon Pietro gli rispose: Signore, da chi andremo? hai parole di vita eterna.

69 E noi crediamo e siamo sicuri che tu sei quel Cristo, il Figlio del Dio vivente.

70 Gesù rispose loro: Non vi ho forse scelti dodici, e uno di voi è un diavolo?

71 Parlò di Giuda Iscariota, figlio di Simone; poiché era lui che doveva tradirlo, essendo uno dei dodici.


CAPITOLO 7

Gesù rimprovera i suoi parenti - Sale alla festa dei tabernacoli - Insegna nel tempio.

1 Dopo queste cose Gesù camminò in Galilea; poiché non avrebbe camminato tra i Giudei, perché i Giudei cercavano di ucciderlo.

2 Or era vicina la festa dei tabernacoli dei Giudei.

3 Perciò i suoi fratelli gli dissero: Vattene di qui e va' in Giudea, affinché anche i tuoi discepoli vedano là le opere che tu fai.

4 Poiché non c'è uomo che faccia qualcosa in segreto, ma cerca di essere conosciuto apertamente. Se fai queste cose, mostrati al mondo.

5 Poiché neppure i suoi fratelli credevano in lui.

6 Allora Gesù disse loro: La mia ora non è ancora venuta; ma il tuo tempo è sempre pronto.

7 Il mondo non può odiarti; ma mi odia, perché lo attesto, che le sue opere sono malvagie.

8 Salite a questa festa; Non salgo ancora a questa festa; perché il mio tempo non è ancora pieno vieni.

9 Dopo aver detto loro queste parole, rimase ancora in Galilea.

10 Ma dopo che i suoi fratelli furono saliti, allora salì anche lui alla festa, non apertamente, ma come di nascosto.

11 Allora i Giudei lo cercarono al banchetto e gli dissero: Dov'è?

12 E vi fu molto mormorio tra il popolo riguardo a lui; perché alcuni dicevano: Egli è un brav'uomo; altri dissero: No; ma inganna il popolo.

13 Ma nessuno parlò apertamente di lui per timore dei Giudei.

14 Or verso la metà della festa Gesù salì nel tempio e insegnava.

15 E i Giudei si meravigliavano, dicendo: Come conosce quest'uomo le lettere, che non ha mai imparato?

16 Gesù rispose loro e disse: La mia dottrina non è mia, ma di colui che mi ha mandato.

17 Se uno farà la sua volontà, conoscerà la dottrina, se è da Dio o se parlo di me stesso.

18 Chi parla di se stesso cerca la propria gloria; ma chi cerca la sua gloria che lo ha mandato, lo stesso è vero, e nessuna ingiustizia è in lui.

19 Mosè non vi ha dato la legge e tuttavia nessuno di voi osserva la legge? Perché stai per uccidermi?

20 Il popolo rispose e disse: Tu hai un diavolo; chi sta per ucciderti?

21 Gesù rispose e disse loro: Io ho fatto un'opera, e voi tutti vi meravigliate.

22 Mosè dunque vi diede la circoncisione; (non perché è di Mosè, ma dei padri;) e nel giorno di sabato circoncidi un uomo.

23 Se un uomo in giorno di sabato riceve la circoncisione, affinché la legge di Mosè non sia infranta; siete arrabbiati con me, perché ho reso un uomo tutto intero in giorno di sabato?

24 Non giudicare secondo le tue tradizioni, ma giudica rettamente.

25 Allora alcuni di Gerusalemme dissero: Non è costui colui che cercano di uccidere?

26 Ma ecco, egli parla con franchezza, e non gli dicono nulla. I governanti sanno davvero che questo è proprio il Cristo?

27 Tuttavia conosciamo quest'uomo donde è; ma quando Cristo viene, nessuno sa donde sia.

28 Allora Gesù gridò nel tempio mentre insegnava, dicendo: Entrambi mi conoscete e sapete donde vengo; e io non sono venuto da me stesso, ma è veritiero colui che mi ha mandato, che voi non conoscete.

29 Ma io lo conosco; poiché io sono da lui, ed egli mi ha mandato.

30 Allora cercarono di prenderlo; ma nessuno gli mise le mani addosso, perché la sua ora non era ancora giunta.

31 E molti del popolo credettero in lui e dissero: Quando Cristo verrà, farà egli più miracoli di quelli che ha fatto costui?

32 I farisei udirono che il popolo mormorava tali cose su di lui; ei farisei ei sommi sacerdoti mandarono ufficiali a prenderlo.

33 Allora Gesù disse loro: «Ancora un po' sono con voi, e poi vado da colui che mi ha mandato.

34 Mi cercherete e non mi troverete; e dove sono io, là non potete venire.

35 Allora i Giudei fra loro dissero: Dove andrà, perché non lo troveremo? Andrà dai dispersi tra i Gentili e insegnerà ai Gentili?

36 Che modo di dire è questo che egli disse: Mi cercherete e non mi troverete; e dove sono là voi non potete venire?

37 Nell'ultimo giorno, quel gran giorno della festa, Gesù si alzò e gridò, dicendo: Se qualcuno ha sete, venga a me e beva.

38 Chi crede in me, come ha detto la Scrittura, dal suo ventre sgorgheranno fiumi d'acqua viva.

39 (Ma egli disse questo dello Spirito, che dovrebbero ricevere coloro che credono in lui; poiché lo Spirito Santo fu promesso a coloro che credono, dopo che Gesù fu glorificato).

40 Molti dunque del popolo, udendo questo detto, dissero: In verità, questi è il profeta.

41 Altri dissero: Questo è il Cristo. Ma alcuni dicevano: Cristo uscirà dalla Galilea?

42 La Scrittura non ha forse detto che Cristo viene dalla discendenza di Davide e dalla città di Betlemme, dov'era Davide?

43 Così ci fu divisione tra il popolo a causa di lui.

44 E alcuni di loro l'avrebbero preso; ma nessuno gli mise le mani addosso.

45 Allora gli ufficiali andarono dai sommi sacerdoti e dai farisei; ed essi dissero loro: Perché non l'avete condotto?

46 Gli ufficiali risposero: Mai uomo ha parlato come quest'uomo.

47 Allora i farisei risposero loro: Vi siete forse ingannati anche voi?

48 Ha creduto in lui qualcuno dei capi o dei farisei?

49 Ma questo popolo che non conosce la legge è maledetto.

50 Nicodemo disse loro: Colui che venne di notte da Gesù era uno di loro,

51 La nostra legge giudica qualcuno prima che lo ascolti e sappia ciò che fa?

52 Essi risposero e gli dissero: Sei anche tu di Galilea? Cerca e guarda; poiché dalla Galilea non sorge alcun profeta.

53 E ciascuno andò a casa sua.


CAPITOLO 8

La donna colta in adulterio — Cristo luce del mondo.

1 E Gesù andò al monte degli Ulivi.

2 Di buon mattino tornò nel tempio e tutto il popolo andò da lui; e si sedette e li ammaestrava.

3 E gli scribi ei farisei gli portarono una donna colta in adulterio; e quando l'ebbero collocata in mezzo al popolo,

4 Gli dicono: Maestro, questa donna è stata colta in adulterio, proprio in atto.

5 Ora Mosè nella legge ci ha comandato che tali fossero lapidati; ma che dici?

6 Così dissero, tentandolo, affinché dovessero accusarlo. Ma Gesù si chinò e con il dito scrisse per terra, come se non li avesse uditi.

7 Così, mentre continuavano a interrogarlo, egli si alzò e disse loro: Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei.

8 E di nuovo si chinò e scrisse per terra.

9 E quelli che l'udirono, essendo stati convinti dalla loro propria coscienza, uscirono uno per uno, cominciando dal maggiore, fino all'ultimo; e Gesù rimase solo, e la donna stava in mezzo al tempio.

10 Quando Gesù si alzò e non vide nessuno dei suoi accusatori, e la donna in piedi, le disse: Donna, dove sono quei tuoi accusatori? nessuno ti ha condannato?

11 Ella disse: Nessuno, Signore. E Gesù le disse: Né io ti condanno; va' e non peccare più. E la donna glorificò Dio da quell'ora, e credette nel suo nome.

12 Allora Gesù parlò loro di nuovo, dicendo: Io sono la luce del mondo; chi mi segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita.

13 Perciò i farisei gli dissero: Tu porti testimonianza di te stesso; il tuo record non è vero.

14 Gesù rispose e disse loro: Benché io rendo testimonianza di me stesso, tuttavia la mia testimonianza è vera; poiché so da dove vengo e dove vado; ma non potete dire da dove vengo e dove vado.

15 Giudichi secondo la carne; Non giudico nessun uomo.

16 Eppure, se giudico, il mio giudizio è veritiero; poiché io non sono solo, ma io e il Padre che mi ha mandato.

17 Sta scritto anche nella tua legge che la testimonianza di due uomini è vera.

18 Io sono uno che rende testimonianza di me stesso, e il Padre che mi ha mandato mi rende testimonianza.

19 Allora gli dissero: Dov'è tuo Padre? Gesù rispose: Voi non conoscete me, né il Padre mio; se aveste conosciuto me, avreste dovuto conoscere anche il Padre mio.

20 Queste parole disse Gesù nel tesoro, mentre insegnava nel tempio; e nessuno gli mise le mani addosso; poiché la sua ora non era ancora giunta.

21 Allora Gesù disse loro di nuovo: Io vado per la mia strada, e voi mi cercherete, e morirete nei vostri peccati; dove vado io, voi non potete venire.

22 Allora i Giudei dissero: Si ucciderà? perché dice: Dove vado io, voi non potete venire.

23 Ed egli disse loro: Voi siete di sotto; vengo dall'alto; siete di questo mondo; Io non sono di questo mondo.

24 Perciò vi ho detto che morirete nei vostri peccati; poiché se non credete che io sono lui, morirete nei vostri peccati.

25 Allora gli dissero: Chi sei? E Gesù disse loro: Proprio lo stesso che vi ho detto dal principio.

26 Ho molte cose da dire e da giudicare di te; ma colui che mi ha mandato è vero; e dico al mondo le cose che ho udito di lui.

27 Non capivano che parlava loro del Padre.

28 Allora Gesù disse loro: Quando avrete innalzato il Figliuol dell'uomo, allora saprete che io sono lui e che non faccio nulla da me stesso; ma come mi ha insegnato il Padre mio, dico queste cose.

29 E colui che mi ha mandato è con me; il Padre non mi ha lasciato solo; perché faccio sempre quelle cose che gli piacciono.

30 Mentre diceva queste parole, molti credettero in lui.

31 Allora Gesù disse a quei Giudei che credevano in lui: Se perseverate nella mia parola, allora siete veramente miei discepoli;

32 E conoscerete la verità, e la verità vi renderà liberi.

33 Essi gli risposero: Noi siamo progenie di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno; come dici che sarai liberato?

34 Gesù rispose loro: In verità, in verità vi dico: chiunque commette il peccato è servo del peccato.

35 E il servo non rimane in casa per sempre, ma il Figlio rimane in eterno.

36 Se dunque il Figlio vi renderà liberi, sarete veramente liberi.

37 So che siete progenie di Abrahamo; ma voi cercate di uccidermi perché la mia parola non ha posto in voi.

38 Dico ciò che ho veduto presso il Padre mio; e fate quello che avete visto con vostro padre.

39 Essi risposero e gli dissero: Abramo è nostro padre. Gesù disse loro: Se foste figli di Abramo, fareste le opere di Abramo.

40 Ma ora cercate di uccidere me, un uomo che vi ha detto la verità, che ho udito di Dio; questo non fece Abramo.

41 Voi fate le opere di vostro padre. Allora gli dissero: Non nasciamo dalla fornicazione; abbiamo un solo Padre, anche Dio.

42 Gesù disse loro: Se Dio fosse vostro Padre, mi amereste; poiché io sono andato avanti e sono venuto da Dio; né sono venuto da me stesso, ma mi ha mandato.

43 Perché non capite il mio discorso? anche perché non potete sopportare la mia parola.

44 Voi siete da vostro padre, il diavolo, e farete le concupiscenze di vostro padre; fu omicida fin dal principio e non dimorò nella verità, perché non c'è verità in lui. Quando dice una menzogna, parla di propria; poiché è un bugiardo, e il padre di esso.

45 E poiché vi dico la verità, non mi credete.

46 Chi di voi mi convince del peccato? E se dico la verità, perché non mi credete?

47 Chi è da Dio riceve le parole di Dio; dunque non li ricevete, perché non siete da Dio.

48 Allora i Giudei risposero e gli dissero: Non diciamo noi bene che tu sei samaritano e hai un diavolo?

49 Gesù rispose: Non ho un diavolo; ma onoro il Padre mio e voi mi disonorate.

50 E non cerco la mia propria gloria; ce n'è uno che cerca e giudica.

51 In verità, in verità vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà mai la morte.

52 Allora i Giudei gli dissero: Ora sappiamo che hai un diavolo. Abramo è morto, ei profeti; e tu dici: Se uno osserva la mia parola, non assaporerà mai la morte.

53 Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? ei profeti sono morti; chi ti fai?

54 Gesù rispose: Se onoro me stesso, il mio onore non è nulla; è mio padre che mi onora; di cui dite che è il vostro Dio;

55 Eppure non l'avete conosciuto; ma lo conosco; e se dovessi dire che non lo conosco, sarò un bugiardo come te; ma lo conosco, e mantengo il suo dire.

56 Tuo padre Abramo si rallegrò nel vedere il mio giorno; e lo vide, e ne fu contento.

57 Allora i Giudei gli dissero: Non hai ancora cinquant'anni e hai visto Abramo?

58 Gesù disse loro: In verità, in verità vi dico: prima che fosse Abramo, io sono.

59 Allora presero delle pietre per scagliargli contro; ma Gesù si nascose, uscì dal tempio, passando in mezzo a loro, e così passò.


CAPITOLO 9

L'uomo che era nato cieco riacquistò la vista.

1 E, passando, Gesù vide un uomo che era cieco dalla nascita.

2 E i suoi discepoli lo interrogarono dicendo: Maestro, chi ha peccato, quest'uomo oi suoi genitori, che è nato cieco?

3 Gesù rispose: Né costui ha peccato, né i suoi genitori; ma che in lui si manifestino le opere di Dio.

4 Devo compiere le opere di colui che mi ha mandato, mentre sono con te; verrà il tempo in cui avrò finito il mio lavoro, allora andrò al Padre.

5 Finché sono nel mondo, sono la luce del mondo.

6 Detto questo, sputò per terra, fece del fango con la saliva e unse con il fango gli occhi del cieco,

7 E gli disse: Va', lava nella piscina di Siloe, (che per interpretazione è Inviato). Egli dunque se ne andò, si lavò e venne a vedere.

8 I vicini dunque, e quelli che prima l'avevano visto cieco, dissero: Non è costui che sedeva e mendicava?

9 Alcuni dissero: Questo è lui; altri dicevano: Egli è come lui; ma ha detto, io sono lui.

10 Perciò gli dissero: Come sono stati aperti i tuoi occhi?

11 Egli rispose e disse: Un uomo chiamato Gesù ha fatto del fango, ha unto i miei occhi e mi ha detto: Va' alla piscina di Siloe e lavati; e sono andato a lavarmi, e ho riacquistato la vista.

12 Allora gli dissero: Dov'è? Ha detto, non lo so.

13 E condussero ai farisei colui che era stato cieco.

14 Ed era giorno di sabato quando Gesù fece la creta e aprì i suoi occhi.

15 Allora anche i farisei gli chiesero come avesse riacquistato la vista. Egli disse loro: Mi ha messo del fango sugli occhi, e io mi sono lavato e vedo.

16 Perciò alcuni dei farisei dissero: Quest'uomo non è da Dio, perché non osserva il giorno del sabato. Altri dicevano: Come può un uomo peccatore fare tali miracoli? E c'era una divisione tra loro.

17 Dicono ancora al cieco: Che ne dici di colui che ti ha aperto gli occhi? Disse: Egli è un profeta.

18 Ma i Giudei non credettero riguardo a lui, che era stato cieco e aveva riacquistato la vista, finché non chiamarono i genitori di colui che aveva riacquistato la vista.

19 Ed essi interrogarono loro, dicendo: È questo vostro figlio, che voi dite è nato cieco? come vede ora?

20 I suoi genitori risposero loro e dissero: Sappiamo che questo è nostro figlio e che è nato cieco.

21 Ma in che modo egli ora vede, non lo sappiamo; o chi ha aperto i suoi occhi, non lo sappiamo; è maggiorenne; chiedi a lui; parlerà per se stesso.

22 Queste parole dissero i suoi genitori, perché temevano i Giudei; poiché i Giudei avevano già convenuto che se qualcuno avesse confessato di essere Cristo, sarebbe stato espulso dalla sinagoga.

23 Perciò dissero i suoi genitori: Egli è maggiorenne; chiedi a lui.

24 Allora chiamarono di nuovo il cieco e gli dissero: Lodate Dio; sappiamo che quest'uomo è un peccatore.

25 Egli rispose e disse: Se sia peccatore o no, non lo so; una cosa so, che, mentre ero cieco, ora vedo.

26 Allora gli dissero di nuovo: Che ti ha fatto? come ti ha aperto gli occhi?

27 Egli rispose loro: Ve l'ho già detto, e non avete creduto; perché crederesti se te lo dicessi di nuovo? e vorreste essere suoi discepoli?

28 Allora lo insultarono e gli dissero: Tu sei suo discepolo; ma noi siamo discepoli di Mosè.

29 Sappiamo che Dio parlò a Mosè; quanto a quest'uomo non sappiamo da dove sia.

30 L'uomo rispose e disse loro: Perché qui è una cosa meravigliosa, che voi non sappiate da dove sia, eppure mi ha aperto gli occhi.

31 Ora sappiamo che Dio non ascolta i peccatori; ma se uno è adoratore di Dio e fa la sua volontà, lo ascolta.

32 Fin dall'inizio del mondo non si è udito che alcuno aprisse gli occhi a un cieco nato, se non fosse da Dio.

33 Se costui non fosse da Dio, non potrebbe far nulla.

34 Essi risposero e gli dissero: Tu sei nato interamente nei peccati e ci insegni? E lo cacciarono fuori.

35 Gesù udì che l'avevano scacciato; e quando l'ebbe trovato, gli disse: Credi tu nel Figlio di Dio?

36 Egli rispose e disse: Chi è, Signore, perché io creda in lui?

37 E Gesù gli disse: Tu l'hai visto entrambi, ed è lui che parla con te.

38 Ed egli disse: Signore, io credo. E lo adorava.

39 E Gesù disse: Per il giudizio io sono venuto in questo mondo, affinché quelli che non vedono vedano; e affinché quelli che vedono possano essere resi ciechi.

40 E alcuni dei Farisei che erano con lui udirono queste parole e gli dissero: Siamo ciechi anche noi?

41 Gesù disse loro: Se foste ciechi, non avreste peccato; ma ora voi dite: Vediamo; perciò il tuo peccato rimane.


CAPITOLO 10

Cristo è la porta, e il buon pastore — Diverse opinioni su di lui — Molti credettero in lui.

1 In verità, in verità io vi dico: Chi non entra per la porta nell'ovile, ma sale da un'altra parte, è lo stesso un ladro e un ladro.

2 Ma chi entra per la porta è pastore delle pecore.

3 A lui apre il portiere; e le pecore ascoltano la sua voce; ed egli chiama per nome le sue proprie pecore, e le conduce fuori.

4 E quando ha messo fuori le sue proprie pecore, va davanti a loro, e le pecore lo seguono; perché conoscono la sua voce.

5 E non seguiranno un estraneo, ma fuggiranno da lui; poiché non conoscono la voce degli estranei.

6 Questa parabola disse loro Gesù; ma non capivano quali fossero le cose che egli disse loro.

7 Allora Gesù disse loro di nuovo: In verità, in verità vi dico che io sono la porta dell'ovile.

8 Tutti quelli che mi hanno preceduto e non hanno testimoniato di me sono ladri e ladri; ma le pecore non li ascoltavano.

9 Io sono la porta; per mezzo mio, se uno entra, sarà salvo, entrerà e uscirà, e troverà pascolo.

10 Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; Sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.

11 Io sono il buon pastore; il buon pastore dà la vita per le sue pecore.

12 E il pastore non è come un mercenario, a cui non appartengono le pecore, che vede venire il lupo, e lascia le pecore, e fugge; e il lupo cattura le pecore e le disperde.

13 Poiché io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e sono conosciuto delle mie.

14 Ma chi è mercenario fugge, perché è mercenario e non si cura delle pecore.

15 Come il Padre conosce me, così anch'io conosco il Padre; e do la mia vita per le pecore.

16 E ho altre pecore che non sono di questo ovile; anche loro devo portare, ed essi udranno la mia voce; e vi sarà un solo ovile e un solo pastore.

17 Perciò il Padre mio mi ama, perché io depongo la mia vita per riprenderla.

18 Nessuno me lo toglie, ma io lo depongo da me stesso. Ho il potere di deporlo e ho il potere di riprenderlo. Questo comandamento l'ho ricevuto da mio Padre.

19 Ci fu dunque di nuovo una divisione tra i Giudei per queste parole.

20 E molti di loro dissero: Ha un diavolo, ed è pazzo; perché lo ascolti?

21 Altri dissero: Queste non sono le parole di colui che ha il diavolo. Può un diavolo aprire gli occhi ai ciechi?

22 E fu a Gerusalemme la festa della dedicazione, ed era inverno.

23 E Gesù passò nel tempio, nel portico di Salomone.

24 Allora i Giudei gli si avvicinarono e gli dissero: Fino a quando ci fai dubitare? Se tu sei il Cristo, diccelo chiaramente.

25 Gesù rispose loro: Ve l'avevo detto e non credeste; le opere che faccio nel nome del Padre mio, mi rendono testimonianza.

26 Ma non credete, perché non siete delle mie pecore, come vi ho detto.

27 Le mie pecore ascoltano la mia voce, e io le conosco, ed esse mi seguono;

28 E io do loro la vita eterna; e non periranno mai, né nessuno me le strapperà di mano.

29 Il Padre mio, che me li ha dati, è più grande di tutti; e nessuno può strapparli dalla mano del Padre mio.

30 Io e mio Padre siamo uno.

31 Allora i Giudei ripresero delle pietre per lapidarlo.

32 Gesù rispose loro: Molte buone opere vi ho mostrato dal Padre mio; per quale di queste opere mi lapidate?

33 I Giudei gli risposero: «Non ti lapidiamo per una buona opera; ma per blasfemia; e perché tu, essendo uomo, ti fai Dio.

34 Gesù rispose loro: Non è scritto nella vostra legge che io ho detto: Voi siete dèi?

35 Se li chiamava dèi, ai quali è giunta la parola di Dio, e la Scrittura non può essere infranta;

36 Dite voi di colui che il Padre ha santificato e mandato nel mondo: Tu bestemmi; perché ho detto, io sono il Figlio di Dio?

37 Se non faccio le opere del Padre mio, non credetemi.

38 Ma se lo faccio, anche se non mi credete, credete alle opere; affinché sappiate e credete che il Padre è in me e io in lui.

39 Perciò cercarono di nuovo di prenderlo; ma è sfuggito loro di mano,

40 E se ne andò di nuovo oltre il Giordano, nel luogo dove Giovanni dapprima battezzò; e lì ha dimorato.

41 E molti si rivolsero a lui e dissero: Giovanni non fece miracoli; ma tutte le cose che Giovanni disse di quest'uomo erano vere.

42 E molti là credettero in lui.


CAPITOLO 11

Cristo risuscita Lazzaro — Molti ebrei credono — Caifa profetizza — Gesù si nascose.

1 Or un uomo era malato, il cui nome era Lazzaro, della città di Betania;

2 E Maria, sua sorella, che unse il Signore con unguento e gli asciugò i piedi con i suoi capelli, visse con sua sorella Marta, nella cui casa era malato suo fratello Lazzaro.

3 Perciò le sue sorelle gli mandarono a dire: Signore, ecco, colui che tu ami è malato.

4 E quando Gesù udì che era malato, disse: Questa malattia non è per la morte, ma per la gloria di Dio, affinché il Figlio di Dio sia da essa glorificato.

5 Ora Gesù amava Marta, sua sorella e Lazzaro.

6 E Gesù stette due giorni, dopo aver udito che Lazzaro era malato, nel medesimo luogo dov'era.

7 Dopo ciò disse ai suoi discepoli: Andiamo di nuovo in Giudea.

8 Ma i suoi discepoli gli dissero: Maestro, i Giudei di recente hanno cercato di lapidarti; e ci vai di nuovo?

9 Gesù rispose: Non sono forse dodici ore al giorno? Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo.

10 Ma se uno cammina di notte, inciampa, perché non c'è luce in lui.

11 Egli disse queste cose; e dopo ciò disse loro: Il nostro amico Lazzaro dorme; ma vado, per svegliarlo dal sonno.

12 Allora i suoi discepoli dissero: Signore, se dorme, starà bene.

13 Tuttavia Gesù parlò della sua morte; ma credevano che avesse parlato di riposarsi nel sonno.

14 Allora Gesù disse loro chiaramente: Lazzaro è morto.

15 E mi rallegro per amor vostro di non essere stato là, affinché possiate credere; tuttavia andiamo da lui.

16 Allora Tommaso, detto Didimo, disse ai suoi condiscepoli: Andiamo anche noi, per morire con lui; temevano infatti che i Giudei prendessero Gesù e lo mettessero a morte, poiché non avevano ancora compreso la potenza di Dio.

17 E quando Gesù venne a Betania, a casa di Marta, Lazzaro era già da quattro giorni nel sepolcro.

18 Ora Betania era vicina a Gerusalemme, distante circa quindici stadi.

19 E molti Giudei andarono da Marta e Maria, per confortarle riguardo al loro fratello.

20 Allora Marta, appena udito che Gesù veniva, gli andò incontro; ma Mary sedeva ancora in casa.

21 Allora Marta disse a Gesù: Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto.

22 Ma so che anche ora, qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la darà.

23 Gesù le disse: Tuo fratello risorgerà.

24 Marta gli disse: So che risorgerà nella risurrezione nell'ultimo giorno.

25 Gesù le disse: Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, benché morto, vivrà;

26 E chiunque vive e crede in me non morirà mai. Credi tu questo?

27 Ella gli disse: Sì, Signore; Credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, che dovrebbe venire nel mondo.

28 E detto questo, se ne andò e chiamò di nascosto Maria, sua sorella, dicendo: Il Signore è venuto, e ti chiama.

29 Appena Maria udì che Gesù era venuto, si alzò in fretta e andò da lui.

30 Ora Gesù non era ancora entrato in città, ma era nel luogo dove Marta gli era venuto incontro.

31 Allora i Giudei, che erano con lei in casa, e la confortarono, quando videro Maria, che si alzò in fretta e uscì, la seguirono, dicendo: Ella va al sepolcro per piangere là.

32 Allora Maria, giunta dov'era Gesù, e lo vide, si gettò ai suoi piedi dicendogli: Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto.

33 Gesù dunque, vedendola piangere, e piangere anche i Giudei che venivano con lei, gemette nello spirito e si turbò,

34 E dissero: Dove l'avete posto? Gli dicono: Signore, vieni a vedere.

35 Gesù pianse.

36 Allora i Giudei dissero: Ecco come lo amava!

37 E alcuni di loro dissero: Non potrebbe costui, che ha aperto gli occhi ai ciechi, far sì che anche quest'uomo non morisse?

38 Gesù dunque di nuovo gemendo in se stesso viene alla tomba. Era una grotta e su di essa giaceva una pietra.

39 Gesù disse: Togliete la pietra. Marta, la sorella di colui che era morto, gli disse: Signore, a quest'ora egli puzza; poiché è morto da quattro giorni.

40 Gesù le disse: Non ti ho detto che, se vuoi credere, dovresti vedere la gloria di Dio?

41 Poi portarono via la pietra dal luogo dove erano stati deposti i morti. E Gesù alzò gli occhi e disse: Padre, ti ringrazio che mi hai ascoltato.

42 E sapevo che mi ascolti sempre; ma per la gente che sta a fianco l'ho detto, perché credano che tu mi hai mandato.

43 E detto questo, gridò a gran voce: Lazzaro, vieni fuori.

44 E colui che era morto uscì, legato mani e piedi con vesti funerarie; e la sua faccia era fasciata con un tovagliolo. Gesù dice loro. Scioglilo e lascialo andare.

45 Allora molti dei Giudei che vennero da Maria e avevano visto le cose che Gesù aveva fatto, credettero in lui.

46 Ma alcuni di loro andarono dai farisei e riferirono loro ciò che Gesù aveva fatto.

47 Allora radunarono i sommi sacerdoti e i farisei un sinedrio, e disse: Che cosa dobbiamo fare? poiché quest'uomo fa molti miracoli.

48 Se lo lasciamo stare così, tutti crederanno in lui; e verranno i Romani e porteranno via il nostro luogo e la nostra nazione.

49 E uno di loro, di nome Caifa, essendo sommo sacerdote in quello stesso anno, disse loro: Voi non sapete niente,

50 Né considerare che sia opportuno per noi che un solo uomo muoia per il popolo e che tutta la nazione non muoia.

51 E questo non parlò di se stesso; ma essendo sommo sacerdote quell'anno, profetizzò che Gesù sarebbe morto per quella nazione;

52 E non solo per quella nazione, ma anche per riunire in una sola i figli di Dio che erano dispersi all'estero.

53 Allora da quel giorno in poi si tennero consiglio per farlo morire.

54 Gesù dunque non camminò più apertamente tra i Giudei; ma andò di là in un paese vicino al deserto, in una città chiamata Efraim, e là rimase con i suoi discepoli.

55 E la Pasqua dei Giudei era vicina; e molti andarono dal paese fino a Gerusalemme prima della pasqua, per purificarsi.

56 Allora cercarono Gesù e parlarono tra loro, mentre stavano nel tempio: Che ne pensate di Gesù? Non verrà alla festa?

57 Ora, sia i sommi sacerdoti che i farisei avevano dato un comandamento che, se qualcuno sapeva dov'era, lo mostrasse loro, perché lo prendessero.


CAPITOLO 12

Maria unge i piedi di Gesù — Cristo cavalca verso Gerusalemme — Predice la sua morte — Molti capi credono, ma non lo confessano.

1 Allora Gesù, sei giorni prima della Pasqua, venne a Betania, dov'era Lazzaro, il quale era morto, e che aveva risuscitato dai morti.

2 Là gli prepararono una cena; e Marta ha servito; ma Lazzaro era uno di quelli che sedevano a tavola con lui.

3 Allora Maria prese una libbra di unguento di nardo, molto prezioso, e unse i piedi di Gesù, e gli asciugò i piedi con i suoi capelli; e la casa si riempì dell'odore dell'unguento.

4 Allora disse uno dei suoi discepoli, Giuda Iscariota, figlio di Simone, che doveva tradirlo:

5 Perché questo unguento non è stato venduto per trecento denari e dato ai poveri?

6 Questo disse, non che si prendesse cura dei poveri; ma poiché era un ladro, e aveva la borsa e scopriva ciò che vi era stato messo,

7 Allora Gesù disse: Lasciala stare; poiché ha conservato questo unguento fino ad ora, per potermi ungere in segno della mia sepoltura.

8 Poiché i poveri li avete sempre con voi; ma io non l'hai sempre fatto.

9 Molta gente dei Giudei dunque sapeva che era là; e vennero non solo per amore di Gesù, ma per vedere anche Lazzaro, che aveva risuscitato dai morti.

10 Ma i sommi sacerdoti si consultarono per mettere a morte anche Lazzaro;

11 Perché a causa di lui molti Giudei se ne andarono e credettero in Gesù.

12 Il giorno dopo, molta gente che era venuta alla festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme,

13 Prese rami di palme, gli andò incontro e gridò: Osanna; Benedetto il re d'Israele che viene nel nome del Signore.

14 E Gesù, dopo aver mandato due suoi discepoli e aver preso un asino, vi si sedette sopra; come è scritto,

15 Non temere, figlia di Sion; ecco, il tuo re viene, seduto su un puledro d'asino.

16 Queste cose all'inizio non capirono i suoi discepoli; ma quando Gesù fu glorificato, allora si ricordarono che queste cose erano state scritte di lui e che gli avevano fatto queste cose.

17 Il popolo dunque che era con lui quando chiamò Lazzaro fuori dal suo sepolcro e lo risuscitò dai morti, lo testimoniano.

18 Per questo anche il popolo gli venne incontro, perché udì che aveva fatto questo miracolo.

19 Dissero dunque i farisei tra loro: Vedete come non prevalete su nulla? ecco, il mondo è andato dietro a lui.

20 E fra loro c'erano alcuni Greci che salirono per adorare alla festa;

21 Il medesimo dunque venne da Filippo, che era di Betsaida di Galilea, e lo chiese, dicendo: Signore, noi vorremmo vedere Gesù.

22 Filippo viene e lo dice ad Andrea; e ancora Andrea e Filippo dicono a Gesù.

23 E Gesù rispose loro, dicendo: L'ora è venuta che il Figlio dell'uomo sia glorificato.

24 In verità, in verità vi dico: a meno che un chicco di frumento cada in terra e muoia, rimane solo; ma se muore, produce molto frutto.

25 Chi ama la sua vita la perderà; e chi odia la sua vita in questo mondo la conserverà per la vita eterna.

26 Se qualcuno mi serve, mi segua; e dove sono io là sarà anche il mio servo; se qualcuno mi serve, il Padre mio lo onorerà.

27 Ora la mia anima è turbata; e cosa devo dire? Padre, salvami da quest'ora; ma per questo venni a quest'ora.

28 Padre, glorifica il tuo nome. Allora venne una voce dal cielo, che diceva: Io l'ho glorificato e lo glorificherò ancora.

29 Il popolo dunque che era presente e l'ha udito, ha detto che tuonava; altri dicevano: Gli parlò un angelo.

30 Gesù rispose e disse: Questa voce non è venuta per causa mia, ma per causa tua.

31 Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà scacciato.

32 E io, se sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me.

33 Così disse, a significare di quale morte doveva morire.

34 Il popolo gli rispose: Abbiamo udito dalla legge che Cristo rimane in eterno; e come dici: Il Figlio dell'uomo deve essere innalzato? chi è questo Figlio dell'uomo?

35 Allora Gesù disse loro: Ancora un po' la luce è con voi. Cammina finché hai la luce, affinché le tenebre non scendano su di te; poiché chi cammina nelle tenebre non sa dove va.

36 Finché avete la luce, credete nella luce, per essere figli della luce. Queste cose parlò Gesù, e se ne andò, e si nascose da esse.

37 Ma sebbene avesse fatto tanti miracoli prima di loro, tuttavia non credettero in lui;

38 Perché si adempisse la parola del profeta Esaia, che egli disse: Signore, chi ha creduto alla nostra notizia? e a chi è stato rivelato il braccio del Signore?

39 Perciò non potevano credere, perché Esaia disse ancora:

40 Ha accecato i loro occhi, ha indurito il loro cuore; perché non vedano con gli occhi, non intendano con il cuore, si convertano e io li guarisca.

41 Queste cose disse Esaia, quando vide la sua gloria, e parlò di lui.

42 Tuttavia anche tra i capi dei capi molti credettero in lui; ma a causa dei farisei non lo confessarono, per non essere cacciati dalla sinagoga;

43 Perché amavano la lode degli uomini più della lode di Dio.

44 Gesù gridò e disse: Chi crede in me, non crede in me, ma in colui che mi ha mandato.

45 E chi vede me vede colui che mi ha mandato.

46 Io sono venuta luce nel mondo, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre.

47 E se qualcuno ascolta le mie parole e non crede, io non lo giudico; poiché non sono venuto per giudicare il mondo, ma per salvare il mondo.

48 Chi mi respinge e non accoglie le mie parole, ha uno che lo giudica; la parola che ho detto, lo stesso lo giudicherà nell'ultimo giorno.

49 Poiché non ho parlato di me stesso; ma il Padre che mi ha mandato, mi ha dato un comandamento, cosa devo dire e cosa devo dire.

50 E so che il suo comandamento è la vita eterna; Tutto ciò che dico dunque, proprio come il Padre mi ha detto, così lo dico.


CAPITOLO 13

Gesù lava i piedi ai discepoli — comanda loro di amarsi gli uni gli altri.

1 Ora, prima della festa della pasqua, quando Gesù seppe che era venuta la sua ora di partire da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine.

2 E terminata la cena, il diavolo aveva ora messo nel cuore di Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo;

3 Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato ogni cosa nelle mani, e che era venuto da Dio, ed era andato a Dio;

4 Si alzò da cena e depose le sue vesti; prese un asciugamano e si cinse.

5 Poi versò dell'acqua in una bacinella, e cominciò a lavare i piedi ai discepoli e ad asciugarli con l'asciugamano di cui era cinto.

6 Poi venne da Simon Pietro; e Pietro gli disse: Signore, mi lavi i piedi?

7 Gesù rispose e gli disse: Quello che faccio tu non lo sai ora; ma tu lo saprai d'ora in poi.

8 Pietro gli disse: Non hai bisogno di lavare i miei piedi. Gesù gli rispose: Se non ti lavo, non hai parte con me.

9 Simon Pietro gli disse: Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mie mani e il mio capo.

10 Gesù gli disse: Chi si è lavato le mani e il capo, non ha bisogno di altro per lavarsi i piedi, ma è puro in ogni cosa; e siete puri, ma non tutti. Ora questa era l'usanza dei Giudei secondo la loro legge; pertanto Gesù fece questo affinché si adempisse la legge.

11 Poiché sapeva chi doveva tradirlo; perciò disse: Non siete tutti puri.

12 Così, dopo aver lavato loro i piedi, preso le sue vesti e riposto a sedere, disse loro: Sapete cosa vi ho fatto?

13 Voi mi chiamate Signore e Signore; e tu dici bene; perché così sono.

14 Se dunque io, tuo Signore e Signore, ti ho lavato i piedi; dovete anche lavarvi i piedi a vicenda.

15 Poiché vi ho dato un esempio, affinché facciate come io vi ho fatto.

16 In verità, in verità io vi dico: il servo non è più grande del suo signore; né colui che è mandato è più grande di colui che lo ha mandato.

17 Se conoscete queste cose, siete felici se le fate.

18 Non parlo di tutti voi; so chi ho scelto; ma perché si adempia la Scrittura: Chi mangia il pane con me ha alzato il suo calcagno contro di me.

19 Ora io vi dico prima che venga, affinché, quando avverrà, crediate che io sono il Cristo.

20 In verità, in verità vi dico: colui che accoglie chiunque io mando, riceve me; e chi riceve me accoglie colui che mi ha mandato.

21 Quando Gesù ebbe detto così, fu turbato nello spirito, rese testimonianza e disse: In verità, in verità vi dico che uno di voi mi tradirà.

22 Allora i discepoli si guardarono l'un l'altro, dubitando di chi parlava.

23 Ora vi era appoggiato al seno di Gesù uno dei suoi discepoli, che Gesù amava.

24 Simon Pietro dunque gli fece cenno di domandare chi doveva essere di chi parlava.

25 Allora, giacendo sul petto di Gesù, gli disse: Signore, chi è?

26 Gesù rispose: «Egli è, al quale io darò una tazza, quando l'avrò inzuppata. E dopo aver intinto la tazza, la diede a Giuda Iscariota, figlio di Simone.

27 E dopo il ciuccio Satana entrò in lui. Allora Gesù gli disse: Che tu lo faccia, fallo presto.

28 Ora nessuno alla tavola sapeva per quale intento gli avesse detto questo.

29 Poiché alcuni di loro pensavano, poiché Giuda aveva la borsa, che Gesù gli avesse detto: Compra le cose di cui abbiamo bisogno contro la festa; o, che dovrebbe dare qualcosa ai poveri.

30 Allora egli, ricevuta la tazza, uscì subito; ed era notte.

31 Perciò, uscendo, Gesù disse: Ora il Figlio dell'uomo è glorificato, e Dio è glorificato in lui.

32 Se Dio è glorificato in lui, Dio lo glorificherà anche in se stesso, e subito lo glorificherà.

33 Figlioli, ancora un po' sono con voi. mi cercherete; e come ho detto ai Giudei: Dove vado, voi non potete venire; quindi ora ti dico.

34 Vi do un nuovo comandamento. Che vi amiate l'un l'altro; come io ho amato voi, che anche voi vi amiate gli uni gli altri.

35 Da questo sapranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri.

36 Simon Pietro gli disse: Signore, dove vai? Gesù gli rispose: "Dove vado, non puoi seguirmi ora; ma mi seguirai dopo.

37 Pietro gli disse: Signore, perché non posso seguirti adesso? Darò la mia vita per amor tuo.

38 Gesù gli rispose: Vuoi dare la tua vita per causa mia? In verità, in verità io ti dico: il gallo non canterà finché non mi avrai rinnegato tre volte.


CAPITOLO 14

Cristo la via, la verità e la vita, e uno con il Padre — Le loro preghiere nel suo nome efficaci — Richiede amore e obbedienza — Promette lo Spirito Santo il Consolatore.

1 Non sia turbato il tuo cuore; voi credete in Dio, credete anche in me.

2 Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se non fosse stato così, te l'avrei detto. Vado a prepararti un posto.

3 E quando andrò, ti preparerò un posto, e tornerò e ti accoglierò presso di me; affinché dove sono io, possiate essere anche voi.

4 E voi sapete dove vado; e il modo in cui lo sai.

5 Tommaso gli disse: Signore, non sappiamo dove vai; e come possiamo conoscere la strada?

6 Gesù gli disse: Io sono la via, la verità e la vita: nessuno viene al Padre, se non per mezzo di me.

7 Se aveste conosciuto me, avreste conosciuto anche il Padre mio; e d'ora in poi lo conoscete e l'avete visto.

8 Filippo gli disse: Signore, mostraci il Padre, e ci basta.

9 Gesù gli disse: Sono stato da tanto tempo con te, eppure non mi hai conosciuto, Filippo? chi ha visto me ha visto il Padre; e come dici dunque: Mostraci il Padre?

10 Non credi tu che io sono nel Padre e il Padre in me? le parole che ti dico non le parlo di me stesso; ma il Padre che abita in me, fa le opere.

11 Credimi che io sono nel Padre e il Padre in me; oppure credetemi per il bene delle opere.

12 In verità, in verità vi dico: Chi crede in me, farà anche le opere che faccio io; e farà opere più grandi di queste; perché vado da mio Padre.

13 E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, affinché il Padre sia glorificato nel Figlio.

14 Se chiederete qualche cosa nel mio nome, la farò.

15 Se mi amate, osservate i miei comandamenti.

16 E io pregherò il Padre, ed egli vi darà un altro Consolatore, affinché rimanga con voi per sempre;

17 Anche lo Spirito di verità; che il mondo non può ricevere, perché non lo vede, né lo conosce; ma voi lo conoscete; poiché egli abita con te e sarà in te.

18 Non ti lascerò sconsolato; Verrò da te.

19 Ancora un po', e il mondo non mi vede più; ma mi vedete; poiché io vivo, vivrete anche voi.

20 In quel giorno riconoscerete che io sono nel Padre mio, e voi in me, e io in voi.

21 Chi ha i miei comandamenti e li osserva, è colui che mi ama; e chi mi ama sarà amato dal Padre mio, e io lo amerò e mi manifesterò a lui.

22 Giuda gli disse: (non Iscariota), Signore, come mai ti manifesterai a noi, e non al mondo?

23 Gesù rispose e gli disse: Se uno mi ama, osserverà le mie parole; e il Padre mio lo amerà, e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui.

24 Chi non mi ama non osserva i miei detti; e la parola che ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.

25 Queste cose ti ho detto, essendo ancora presente con te.

26 Ma il Consolatore, che è lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà ogni cosa, qualunque cosa vi abbia detto.

27 Vi lascio la pace, vi do la mia pace; non come dà il mondo, io ti do. Non sia turbato il tuo cuore, né abbia paura.

28 Avete udito come vi ho detto: me ne vado e vengo di nuovo da voi. Se mi amaste, vi rallegrereste, perché ho detto: vado al Padre; perché mio Padre è più grande di me.

29 Ed ora vi ho detto prima che avvenga, affinché, quando avverrà, potreste credere.

30 In seguito non parlerò molto con te; poiché il principe delle tenebre, che è di questo mondo, viene, ma non ha potere su di me, ma ha potere su di te.

31 E io vi dico queste cose, affinché sappiate che amo il Padre; e come il Padre mi ha dato il comandamento, così anch'io lo faccio. Alzati, andiamo di qui.


CAPITOLO 15

La parabola della vite — L'odio e la persecuzione del mondo — L'ufficio dello Spirito Santo e degli apostoli.

1 Io sono la vera vite, e il Padre mio è il vignaiolo.

2 Ogni tralcio in me che non porta frutto, lo toglie; e ogni tralcio che porta frutto, lo elimina, affinché produca più frutto.

3 Ora siete puri mediante la parola che vi ho detto.

4 Rimani in me e io in te. Siccome il tralcio non può darsi frutto se non dimora nella vite; non potete più, se non dimorate in me.

5 Io sono la vite, voi siete i tralci. Chi dimora in me, e io in lui, porta molto frutto; perché senza di me non potete fare nulla.

6 Se uno non rimane in me, è gettato via come un tralcio e si secca; e gli uomini li raccolgono, e li gettano nel fuoco, e sono bruciati.

7 Se dimorate in me, e le mie parole dimorano in voi, chiederete quello che volete, e vi sarà fatto.

8 In questo è glorificato il Padre mio, che portiate molto frutto; così sarete miei discepoli.

9 Come il Padre ha amato me, così io ho amato voi; continua nel mio amore.

10 Se osservate i miei comandamenti, dimorerete nel mio amore; proprio come ho osservato i comandamenti di mio Padre e dimoro nel suo amore.

11 Ti ho detto queste cose, affinché la mia gioia rimanga in te e la tua gioia sia piena.

12 Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi.

13 Nessuno ha amore più grande di questo, che un uomo dia la vita per i suoi amici.

14 Voi siete miei amici, se fate quello che vi comando.

15 D'ora in poi non vi chiamo servi; poiché il servo non sa ciò che fa il suo signore; ma vi ho chiamato amici; poiché tutte le cose che ho udito di mio Padre te le ho fatte conoscere.

16 Voi non avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho ordinato, affinché andiate e portiate frutto; e che il tuo frutto rimanga; affinché qualunque cosa chiederete al Padre nel mio nome, ve la dia.

17 Vi comando queste cose, che vi amiate gli uni gli altri.

18 Se il mondo vi odia, sappiate che ha odiato me prima di odiare voi.

19 Se foste del mondo, il mondo amerebbe i suoi; ma poiché voi non siete del mondo, ma io vi ho scelti fuori dal mondo, perciò il mondo vi odia.

20 Ricorda la parola che ti ho detto. Il servo non è più grande del suo signore. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche te; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la tua.

21 Ma tutte queste cose ti faranno a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato.

22 Se non fossi venuto e non avessi parlato loro, non avrebbero commesso peccato; ma ora non hanno mantello per il loro peccato.

23 Chi odia me odia anche il Padre mio.

24 Se non avessi fatto tra loro le opere che nessun altro ha fatto, non avrebbero commesso peccato; ma ora entrambi hanno visto e odiano me e mio Padre.

25 Ma questo avviene, affinché si adempisse la parola che è scritta nella loro legge: Mi hanno odiato senza motivo.

26 Ma quando verrà il Consolatore, che io vi manderò dal Padre, sì, lo Spirito di verità, che procede dal Padre, egli testimonierà di me;

27 E anche voi mi renderete testimonianza, perché siete stati con me fin dal principio.


CAPITOLO 16

Cristo preavverte della persecuzione — La promessa dello Spirito Santo — Risurrezione e ascensione — Le loro preghiere nel suo nome sono gradite al Padre — Pace in Cristo e nell'afflizione del mondo.

1 Vi ho detto queste cose, affinché non vi offendiate.

2 Vi espelleranno dalle sinagoghe; sì, viene il tempo in cui chiunque ti uccide penserà di rendere servizio a Dio.

3 E queste cose vi faranno, perché non hanno conosciuto il Padre, né me.

4 Ma queste cose vi ho detto, affinché quando verrà il tempo, vi ricorderete che ve le ho raccontate. E queste cose non ti ho detto all'inizio perché ero con te.

5 Ma ora vado da colui che mi ha mandato; e nessuno di voi mi chiede: dove vai?

6 Ma poiché ti ho detto queste cose, il dolore ha riempito il tuo cuore.

7 Tuttavia io vi dico la verità; È opportuno per te che io me ne vada; poiché se non me ne vado, il Consolatore non verrà da te; ma se me ne vado, te lo manderò.

8 E quando sarà venuto, rimprovererà il mondo del peccato, della giustizia e del giudizio;

9 Del peccato, perché non credono in me;

10 Di giustizia, perché vado dal Padre mio e non mi vedono più;

11 Di giudizio, perché il principe di questo mondo è giudicato.

12 Ho ancora molte cose da dirvi, ma non potete sopportarle ora.

13 Tuttavia, quando sarà venuto lui, lo Spirito di verità, egli vi guiderà in tutta la verità; poiché non parlerà di se stesso; ma tutto ciò che udrà, lo dirà; e ti mostrerà le cose a venire.

14 Egli mi glorificherà; poiché egli riceverà del mio e ve lo mostrerà.

15 Tutte le cose che ha il Padre sono mie; perciò ho detto che prenderà del mio e ve lo mostrerà.

16 Un po' e non mi vedrete; e ancora, poco tempo, e mi vedrete, perché vado al Padre.

17 Allora alcuni de' suoi discepoli dissero fra loro: Cos'è questo che ci dice: Un po', e non mi vedrete? e ancora, un po', e mi vedrete; e, Perché vado il Padre?

18 Dissero dunque: Cos'è questo ch'egli dice: Poco tempo? non possiamo dire cosa dice.

19 Ora Gesù sapeva che erano desiderosi di interrogarlo, e disse loro: Informatevi tra voi che io ho detto: Un po' e non mi vedrete; e ancora, un po', e mi vedrete?

20 In verità, in verità vi dico che piangerete e vi lamenterete, ma il mondo si rallegrerà; e sarete tristi, ma il vostro dolore si trasformerà in gioia.

21 Una donna quando è in travaglio ha dolore, perché la sua ora è venuta; ma appena ha partorito il bambino, non ricorda più l'angoscia, per la gioia che un uomo è nato al mondo.

22 E ora dunque avete dolore; ma io ti rivedrò, e il tuo cuore si rallegrerà, e la tua gioia nessuno ti toglierà.

23 E in quel giorno non mi chiederete nulla, ma vi sarà fatto. In verità, in verità vi dico: qualunque cosa chiederete al Padre nel mio nome, egli ve la darà.

24 Finora non avete chiesto nulla nel mio nome; chiedete e riceverete, affinché la vostra gioia sia piena.

25 Queste cose ti ho detto in proverbi; ma verrà il tempo in cui non vi parlerò più con proverbi, ma vi mostrerò chiaramente il Padre.

26 In quel giorno chiederete nel mio nome; e non vi dico che pregherò il Padre per voi;

27 Poiché il Padre stesso vi ama, perché mi avete amato e avete creduto che sono uscito da Dio.

28 Io sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ancora, lascio il mondo e vado al Padre.

29 I suoi discepoli gli dissero: Ecco, ora parli chiaramente e non dici proverbi.

30 Ora siamo certi che tu sappia ogni cosa, e non hai bisogno che alcuno te lo chieda; per questo noi crediamo che sei uscito da Dio.

31 Gesù rispose loro: Credete ora?

32 Ecco, l'ora viene, sì, ora è venuta, che sarete dispersi, ciascuno per conto suo, e mi lascerete solo; eppure non sono solo, perché il Padre è con me.

33 Vi ho detto queste cose, affinché possiate avere pace in me. Nel mondo avrete tribolazione; ma sii di buon umore; Ho vinto il mondo.


CAPITOLO 17

Cristo prega suo Padre di glorificarlo — Per mantenere i suoi apostoli nell'unità e nella verità, e tutti gli altri credenti, con lui.

1 Queste parole disse Gesù, e alzò gli occhi al cielo e disse: Padre, l'ora è venuta; glorifica tuo Figlio, affinché anche loro Figlio glorifichino te;

2 Poiché gli hai dato potere su ogni carne, affinché dia vita eterna a quanti tu gli hai dato.

3 E questa è la vita eterna, che conoscano te, il solo vero Dio, e Gesù Cristo, che tu hai mandato.

4 Io ti ho glorificato sulla terra; Ho finito il lavoro che mi hai dato da fare.

5 Ed ora, o Padre, glorificami tu con te stesso con la gloria che avevo con te prima che il mondo fosse.

6 Ho manifestato il tuo nome agli uomini che mi hai dato fuori del mondo; erano tuoi, e tu me li hai dati; e hanno osservato la tua parola.

7 Ora hanno saputo che tutte le cose che mi hai dato sono da te.

8 Poiché ho dato loro le parole che tu mi hai dato; e li hanno ricevuti, e hanno sicuramente saputo che sono uscito da te, e hanno creduto che tu mi hai mandato.

9 Prego per loro; Non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato; perché sono tuoi.

10 E tutto il mio è tuo, e il tuo è mio; e in loro sono glorificato.

11 E ora io non sono più nel mondo, ma questi sono nel mondo, e vengo a te. Santo Padre, custodisci nel tuo stesso nome coloro che mi hai dato, affinché siano una cosa sola, come noi.

12 Mentre ero con loro nel mondo, li ho custoditi nel tuo nome; quelli che mi hai dato li ho conservati, e nessuno di loro è perduto, ma il figlio della perdizione; affinché la Scrittura si adempisse.

13 Ed ora vengo da te; e queste cose dico nel mondo, affinché si compiassero in se stesse la mia gioia.

14 Ho dato loro la tua parola; e il mondo li ha odiati, perché non sono del mondo, come io non sono del mondo.

15 Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li protegga dal male.

16 Non sono del mondo, come io non sono del mondo.

17 Santificali mediante la tua verità; la tua parola è verità.

18 Come tu hai mandato me nel mondo, così anch'io ho mandato loro nel mondo.

19 E per loro santifico me stesso, affinché anche loro siano santificati mediante la verità.

20 Né io prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola;

21 affinché tutti siano uno; come tu, Padre, sei in me e io in te, affinché anche loro siano uno in noi; affinché il mondo creda che tu mi hai mandato.

22 E la gloria che mi hai dato io l'ho data loro; affinché possano essere uno, proprio come noi siamo uno;

23 Io in loro e tu in me, affinché siano resi perfetti in uno; e affinché il mondo sappia che tu mi hai mandato e li hai amati come hai amato me.

24 Padre, voglio che anche quelli che tu mi hai dato, siano con me dove sono io; affinché contemplino la mia gloria, che tu mi hai data; perché mi hai amato prima della fondazione del mondo.

25 O giusto Padre, il mondo non ti ha conosciuto; ma ho saputo che mi hai mandato.

26 E io ho dichiarato loro il tuo nome, e lo dichiarerò; affinché l'amore con cui mi hai amato sia in loro, e io in loro.


CAPITOLO 18

Giuda tradisce Gesù — Gli ufficiali cadono a terra — Pietro stacca l'orecchio di Malco — Il rinnegamento di Pietro — Gesù esamina davanti a Caifa — Davanti a Pilato — I giudei chiedono a Barabba.

1 Dopo aver detto queste parole, Gesù uscì con i suoi discepoli oltre il torrente Cedron, dov'era un giardino, nel quale entrò, e con i suoi discepoli.

2 E anche Giuda, che lo tradì, conosceva il luogo; perché Gesù vi ricorreva spesso con i suoi discepoli.

3 Giuda dunque, dopo aver ricevuto una banda di uomini e ufficiali dai sommi sacerdoti e dai farisei, vi si reca con lanterne, torce e armi.

4 Gesù dunque, conoscendo tutte le cose che sarebbero avvenute su di lui, uscì e disse loro: Chi cercate?

5 Gli risposero: Gesù il Nazareno. Gesù dice loro: Io sono lui. E anche Giuda, che lo tradì, rimase con loro.

6 Non appena dunque ebbe detto loro: Io sono lui, essi tornarono indietro e caddero a terra.

7 Allora egli li interrogò di nuovo: Chi cercate? E dissero: Gesù di Nazaret.

8 Gesù rispose: Ti ho detto che sono io; se dunque mi cercate, lasciate che questi se ne vadano;

9 Perché si adempisse la parola ch'egli disse: Di quelli che tu mi hai dato non ne ho perso nessuno.

10 Allora Simon Pietro, avendo una spada, la sguainò, percosse il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l'orecchio destro. Il nome del servitore era Malco.

11 Allora Gesù disse a Pietro: Metti la spada nel fodero; il calice che il Padre mio mi ha dato, non lo berrò io?

12 Allora la banda, il capitano e gli ufficiali dei Giudei presero Gesù e lo legarono.

13 E lo condusse prima da Anna; poiché era suocero di Caifa, che in quello stesso anno era sommo sacerdote.

14 Ora Caifa era colui che consigliava ai Giudei che era opportuno che un solo uomo morisse per il popolo.

15 E Simon Pietro seguì Gesù, e così fece un altro discepolo; quel discepolo era noto al sommo sacerdote, ed entrò con Gesù nel palazzo del sommo sacerdote.

16 Ma Pietro stava alla porta di fuori. Allora uscì quell'altro discepolo, che era noto al sommo sacerdote, e parlò a colei che custodiva la porta, e fece entrare Pietro.

17 Allora disse la fanciulla che teneva la porta a Pietro: Non sei anche tu un discepolo di quest'uomo? Dice, non lo sono.

18 E là stavano i servi e gli ufficiali, che avevano acceso un fuoco di carboni, perché faceva freddo; e si scaldavano; e Pietro stette con loro e si scaldò.

19 Allora il sommo sacerdote chiese a Gesù dei suoi discepoli e della sua dottrina.

20 Gesù gli rispose: Io ho parlato apertamente al mondo; Ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove i Giudei ricorrono sempre; e in segreto non ho detto nulla.

21 Perché me lo chiedi? chiedi a coloro che mi hanno ascoltato cosa ho detto loro; ecco, sanno cosa ho detto.

22 E detto questo, uno degli ufficiali che stavano a guardare colpì Gesù col palmo della mano, dicendo: Rispondi tu così, sommo sacerdote?

23 Gesù gli rispose: Se ho parlato male, rendi testimonianza del male; ma se va bene, perché mi colpisci?

24 Ora Anna lo aveva mandato legato al sommo sacerdote Caifa.

25 E Simon Pietro si alzò e si scaldò. Gli dissero dunque: Non sei anche tu uno dei suoi discepoli? Lo ha negato e ha detto che non lo sono.

26 Uno dei servi del sommo sacerdote, essendo suo parente a cui Pietro stroncò l'orecchio, disse: Non ti ho visto nel giardino con lui?

27 Pietro allora rinnegò di nuovo; e subito l'equipaggio del gallo.

28 Allora essi condussero Gesù da Caifa nella sala del giudizio; ed era presto; ed essi stessi non entrarono nella sala del giudizio, per timore di essere contaminati; ma perché mangiassero la pasqua.

29 Pilato allora uscì da loro e disse: Quale accusa portate contro quest'uomo?

30 Essi risposero e gli dissero: Se non fosse stato un malfattore, non te lo avremmo consegnato.

31 Allora Pilato disse loro: Prendetelo e giudicatelo secondo la vostra legge. Perciò i Giudei gli dissero: Non ci è lecito mettere a morte alcuno;

32 Perché si adempisse la parola di Gesù, che egli pronunciò a significare di quale morte sarebbe dovuto morire.

33 Allora Pilato tornò di nuovo nel tribunale, chiamò Gesù e gli disse: Sei tu il re dei Giudei?

34 Gesù gli rispose: Dici tu questo da te, o altri te l'hanno detto di me?

35 Pilato rispose: Sono io giudeo? La tua nazione ei capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me; cosa hai fatto?

36 Gesù rispose: Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, allora i miei servi combatterebbero, affinché io non sia consegnato ai Giudei; ma ora è il mio regno non da qui.

37 Pilato dunque gli disse: Sei tu dunque un re? Gesù rispose: Tu dici che io sono un re. A tal fine sono nato, e per questo sono venuto nel mondo, per testimoniare la verità. Chiunque è dalla verità ascolta la mia voce.

38 Pilato gli disse: Che cos'è la verità? E detto questo, uscì di nuovo dai Giudei e disse loro: Non trovo in lui alcuna colpa.

39 Ma voi avete un'usanza, che io ve ne rilasci uno alla pasqua; volete dunque che io vi rilasci il re dei Giudei?

40 Allora tutti gridarono di nuovo, dicendo: Non quest'uomo, ma Barabba. Ora Barabba era un ladro.


CAPITOLO 19

Cristo è flagellato, coronato di spine e percosso — Pilato lo consegna perché sia crocifisso — Tirano a sorte per le sue vesti — Egli muore — Il suo costato è trafitto — È sepolto da Giuseppe e Nicodemo.

1 Allora Pilato prese dunque Gesù e lo flagellò.

2 E i soldati gli impiattarono una corona di spine, gliela posero sul capo e gli rivestirono una veste di porpora,

3 E disse: Salve, re dei Giudei! e lo percossero con le mani.

4 Pilato dunque uscì di nuovo e disse loro: Ecco, io ve lo conduco fuori, affinché sappiate che non trovo in lui alcuna colpa.

5 Allora Gesù uscì, indossando la corona di spine e la veste di porpora. E Pilato disse loro: Ecco l'uomo!

6 Quando dunque i sommi sacerdoti e gli ufficiali lo videro, gridarono dicendo: Crocifiggilo, crocifiggilo. Pilato disse loro: Prendetelo e crocifiggetelo; perché non trovo alcuna colpa in lui.

7 Gli risposero i Giudei: Abbiamo una legge, e per la nostra legge deve morire, perché si è fatto Figlio di Dio.

8 Quando dunque Pilato udì queste parole, ebbe più paura;

9 E tornò nella sala del giudizio e disse a Gesù: Da dove sei? Ma Gesù non gli diede risposta.

10 Allora Pilato gli disse: Non mi parli? Non sai tu che ho il potere di crocifiggerti e ho il potere di liberarti?

11 Gesù rispose: Non potresti avere alcun potere contro di me, se non ti è stato dato dall'alto; perciò colui che mi ha consegnato a te ha il peccato più grande.

12 E da allora in poi Pilato cercò di liberarlo; ma i Giudei gridarono dicendo: Se lasci andare quest'uomo, non sei amico di Cesare; chi si fa re parla contro Cesare.

13 Pilato dunque, udito questo detto, fece uscire Gesù e si sedette sul tribunale in un luogo chiamato Marciapiede, ma in ebraico Gabbata.

14 E fu la preparazione della pasqua, e verso l'ora sesta; ed egli disse ai Giudei: Ecco il tuo re!

15 Ma essi gridarono: Via di lui, via di lui, crocifiggilo. Pilato disse loro: Devo crocifiggere il vostro re? I sommi sacerdoti risposero: Non abbiamo re all'infuori di Cesare.

16 Quindi lo consegnò loro perché fosse crocifisso. E presero Gesù, e lo condussero via.

17 E portando la sua croce uscì in un luogo chiamato luogo di sepoltura; che è chiamato in ebraico Golgota;

18 Dove lo crocifissero, e con lui altri due, da una parte e dall'altra, e Gesù in mezzo.

19 E Pilato scrisse un titolo e lo mise sulla croce. E la scritta era: GESÙ DI NAZARETH IL RE DEGLI EBREI.

20 Questo titolo lesse allora molti Giudei; poiché il luogo dove fu crocifisso Gesù era vicino alla città; ed era scritto in ebraico, greco e latino.

21 Allora i sommi sacerdoti dei Giudei dissero a Pilato: Non scrivere, Re dei Giudei; ma che ha detto, io sono il re dei Giudei.

22 Pilato rispose: Ciò che ho scritto l'ho scritto.

23 Allora i soldati, dopo aver crocifisso Gesù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una parte per ogni soldato; e anche il suo mantello; ora il cappotto era senza cucitura, intrecciato dall'alto in tutto.

24 Dissero dunque fra loro: Non stracciamolo, ma tiriamo a sorte per esso, di chi sarà; affinché si adempisse la Scrittura, la quale dice: Si divisero tra loro le mie vesti e tirarono a sorte per la mia veste. Queste cose dunque facevano i soldati.

25 Ora stavano presso la croce di Gesù sua madre, e la sorella di sua madre, Maria, moglie di Cleofa, e Maria Maddalena.

26 Quando dunque Gesù vide sua madre, e il discepolo che gli stava accanto, che amava, disse a sua madre: Donna, ecco tuo figlio!

27 Poi disse al discepolo: Ecco tua madre! E da quell'ora quel discepolo la portò a casa sua.

28 Dopo questo, sapendo Gesù che ogni cosa era ormai compiuta, affinché si adempisse la Scrittura, dice: Ho sete.

29 Ora c'era un vaso pieno d'aceto, mescolato con fiele, e ne riempirono una spugna, la misero sopra issopo e gli misero alla bocca.

30 Gesù dunque, ricevuto l'aceto, disse: È finito; e chinò il capo, e rinunciò allo spirito.

31 I Giudei dunque, poiché era la preparazione che i corpi non rimanessero sulla croce in giorno di sabato (poiché quel giorno di sabato era un giorno alto), pregarono Pilato che si spezzassero le gambe e che fossero portato via.

32 Allora vennero i soldati e spezzarono le gambe al primo e all'altro che era stato crocifisso con lui.

33 Ma quando vennero da Gesù, e videro che era già morto, non gli spezzarono le gambe;

34 Ma uno dei soldati con una lancia gli trafisse il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua.

35 E colui che lo vide spoglio testimonianza, e la sua testimonianza è veritiera; ed egli sa che dice il vero, affinché possiate credere.

36 Poiché queste cose sono state fatte, affinché si adempisse la Scrittura: un suo osso non si romperà.

37 E ancora un'altra scrittura dice: Guarderanno colui che hanno trafitto.

38 E dopo questo Giuseppe d'Arimatea, essendo discepolo di Gesù, ma di nascosto per timore dei Giudei, pregò Pilato di poter togliere il corpo di Gesù; e Pilato lo congedò. Venne dunque e prese il corpo di Gesù.

39 E venne anche Nicodemo, che una volta andò da Gesù di notte, e portò un miscuglio di mirra e di aloe, del peso di circa cento libbre.

40 Allora presero il corpo di Gesù e lo avvolsero in panni di lino con gli aromi, come si usa de' Giudei per seppellire.

41 Ora, nel luogo dove fu crocifisso, c'era un giardino; e nel giardino un nuovo sepolcro, nel quale non fu ancora deposto l'uomo.

42 Là dunque deposero Gesù, a motivo del giorno della preparazione dei Giudei; perché il sepolcro era vicino.


CAPITOLO 20

Maria viene al sepolcro — Così fanno Pietro e Giovanni — Gesù appare a Maria Maddalena e ai suoi discepoli — L'incredulità e la confessione di Tommaso.

1 Il primo giorno della settimana viene Maria Maddalena di buon'ora, quando era ancora buio, al sepolcro, e vede la pietra tolta dal sepolcro, e due angeli vi siedono sopra.

2 Allora essa corse, e venne da Simon Pietro e dall'altro discepolo, che Gesù amava, e disse loro: Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'abbiano posto.

3 Pietro dunque uscì, e quell'altro discepolo, e venne al sepolcro.

4 Così corsero ambedue insieme; e l'altro discepolo superò Pietro, e giunse per primo al sepolcro.

5 Ed egli, chinatosi, e guardando dentro, vide le vesti di lino sdraiate; eppure non è entrato.

6 Allora Simon Pietro venne dietro a lui, entrò nel sepolcro e vide giacere le vesti di lino,

7 E il tovagliolo, che era intorno al suo capo, non giaceva con le vesti di lino, ma avvolto insieme in un luogo a parte.

8 Allora entrò anche quell'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.

9 Poiché ancora non conoscevano la Scrittura, che doveva risuscitare dai morti.

10 Allora i discepoli tornarono a casa loro.

11 Ma Maria stette fuori presso il sepolcro piangendo; e piangendo, si chinò e guardò nel sepolcro,

12 E vede due angeli vestiti di bianco, l'uno al capo e l'altro ai piedi, dove giaceva il corpo di Gesù.

13 E le dicono: Donna, perché piangi? Ella disse loro: Perché hanno portato via il mio Signore e non so dove l'abbiano posto.

14 E detto questo, si volse indietro e vide Gesù in piedi, e non sapeva che era Gesù.

15 Gesù le disse: Donna, perché piangi? chi cerchi? Ella, supponendo che fosse il giardiniere, gli disse: Signore, se l'hai portato di qui, dimmi dove l'hai posto e io lo porterò via.

16 Gesù le disse: Maria. Ella si volse e gli disse: Rabbunì; vale a dire, Maestro.

17 Gesù le disse: Non trattenermi; poiché non sono ancora asceso al Padre mio; ma va dai miei fratelli e dì loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro; e al mio Dio e al tuo Dio.

18 Maria Maddalena venne e disse ai discepoli che aveva visto il Signore e che egli le aveva detto queste cose.

19 Allora la sera dello stesso giorno, essendo il primo giorno della settimana, quando erano chiuse le porte dove erano radunati i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo e disse loro: Pace a voi.

20 E detto questo, mostrò loro le mani e il costato. Allora i discepoli si rallegrarono, quando videro il Signore.

21 Allora Gesù disse loro di nuovo: Pace a voi; come il Padre mio ha mandato me, così anch'io mando voi.

22 E detto questo, alitò su di loro e disse loro: Ricevete lo Spirito Santo;

23 A chi rimetterete i peccati, sarà loro rimesso; e tutti i peccati che ritenete sono ritenuti.

24 Ma Tommaso, uno dei dodici, chiamato Didimo, non era con loro quando venne Gesù.

25 Gli altri discepoli dunque gli dissero: Abbiamo visto il Signore. Ma egli disse loro: Se non vedrò nelle sue mani il segno dei chiodi, e non metto il mio dito nel segno dei chiodi, e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò.

26 E dopo otto giorni di nuovo furono dentro i suoi discepoli, e Tommaso con loro; allora venne Gesù, con le porte chiuse, e stette in mezzo, e disse: Pace a voi.

27 Poi disse a Tommaso: Metti qua il tuo dito, e guarda le mie mani; e stendi qui la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere infedele, ma credente.

28 E Tommaso rispose e gli disse: Mio Signore e mio Dio.

29 Gesù gli disse: Tommaso, perché mi hai visto, hai creduto; beati coloro che non hanno visto e tuttavia hanno creduto.

30 E molti altri segni veramente fece Gesù alla presenza dei suoi discepoli, che non sono scritti in questo libro;

31 Ma queste sono scritte affinché crediate che Gesù è il Cristo, il figlio di Dio; e affinché, credendo, possiate avere la vita per mezzo del suo nome.


CAPITOLO 21

Cristo che appare di nuovo ai suoi discepoli — Egli pranza con loro.

1 Dopo queste cose Gesù si mostrò di nuovo ai discepoli presso il mare di Tiberiade; e su questo saggio si mostrò lui stesso.

2 C'erano insieme Simone Pietro, Tommaso chiamato Didimo, Natanaele di Cana in Galilea, i figli di Zebedeo e altri due suoi discepoli.

3 Simon Pietro disse loro: Vado a pescare. Gli dicono: Anche noi andiamo con te. Uscirono e subito entrarono in una nave; e quella notte non presero nulla.

4 Ma venuta ormai la mattina, Gesù si fermò sulla riva; ma i discepoli non sapevano che era Gesù.

5 Allora Gesù disse loro: Figli, avete della carne? Gli hanno risposto no.

6 Ed egli disse loro: Gettate la rete sul lato destro della nave, e troverete. Gettarono dunque, e ora non potevano trarlo per la moltitudine dei pesci.

7 Perciò quel discepolo che Gesù amava dice a Pietro: È il Signore. Quando Simon Pietro seppe che era il Signore, gli cinse la sua tunica da pescatore, perché era nudo, e si gettò in mare.

8 E gli altri discepoli vennero con una navicella, (perché non erano lontani da terra, ma quasi duecento cubiti), trascinando la rete con i pesci.

9 Non appena furono giunti a terra, videro lì un fuoco di carboni, e del pesce adagiato su di esso, e del pane.

10 Gesù disse loro: Portate del pesce che ora avete pescato.

11 Simon Pietro salì e tirò la rete a terra piena di grossi pesci, centocinquantatre; e per tutti ce n'erano tanti, ma la rete non era spezzata.

12 Gesù disse loro: Venite a cenare. E nessuno dei discepoli osò chiedergli: Chi sei? sapendo che era il Signore.

13 Allora Gesù viene, e prende il pane, e lo dà, e similmente pesca.

14 Questa è la terza volta che Gesù si mostrava ai suoi discepoli, dopo che era risorto dai morti.

15 Così, dopo aver cenato, Gesù disse a Simon Pietro: Simone, figlio di Giona, mi ami tu più di questi? Gli disse: Sì, Signore; tu sai che ti amo. Gli disse: Pasci i miei agnelli.

16 Gli disse di nuovo la seconda volta: Simone, figlio di Giona, mi ami tu? Gli disse: Sì, Signore, tu sai che ti amo. Gli disse: Pasci le mie pecore.

17 Gli disse la terza volta: Simone, figlio di Giona, mi ami tu? Pietro fu addolorato perché gli disse la terza volta: Mi ami tu? Ed egli gli disse: Signore, tu conosci ogni cosa; tu sai che ti amo. Gesù gli disse: Pasci le mie pecore.

18 In verità, in verità io ti dico: Quando eri giovane, ti cingevi e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, stenderai le tue mani e un altro ti cingerà e ti porterà dove tu non vorrai.

19 Così disse, indicando con quale morte avrebbe dovuto glorificare Dio. E dopo aver detto questo, gli disse: Seguimi.

20 Allora Pietro, voltandosi, vede il discepolo che Gesù amava seguire; il quale, a cena, si chinò sul petto e disse: Signore, chi è colui che ti tradisce?

21 Pietro, vedendolo, disse a Gesù: Signore, e che farà quest'uomo?

22 Gesù gli disse: Se voglio che rimanga finché io venga, che t'importa? seguimi.

23 Allora si diffuse fra i fratelli questo dicendo che quel discepolo non doveva morire; eppure Gesù non gli disse: Egli non morirà; ma se voglio che si trattenga finché non vengo, che te ne importa?

24 Questi è il discepolo che rende testimonianza di queste cose, e ha scritto queste cose; e sappiamo che la sua testimonianza è vera.

25 E vi sono anche molte altre cose che Gesù fece, le quali, se dovessero essere scritte tutti, suppongo che anche il mondo stesso non potrebbe contenere i libri che dovrebbero essere scritti. Amen.

Biblioteca delle Scritture:

Suggerimento per la ricerca

Digita una singola parola o usa le virgolette per cercare un'intera frase (ad es. "perché Dio ha tanto amato il mondo").

scripture

Per ulteriori risorse, visitare il nostro Risorse per i membri pagina.