Storia dei Santi degli Ultimi Giorni

SANTI DEGLI ULTIMI GIORNI DOVERE RICORDA LA LORO STORIA

Di Henry H. Goldman,

Storico della Chiesa rimanente

            All'interno del mondo giudeo-cristiano, solo tre grandi organizzazioni religiose sono legate alle loro storie: ebrei, cattolici e, in particolare, Santi degli Ultimi Giorni (di tutte le convinzioni e credenze). Siamo portatori di questo punto di vista. I Santi ricoprono un ruolo ben preciso nella storia cristiana e, di fatto, inconsapevolmente, nell'"interpretazione cristiana della storia". Sant'Agostino (354-430 d.C.), nel suo Confessioni, suggerisce che la storia cristiana segue un corso rettilineo, incrollabile, dalla Genesi all'Apocalisse. La storia NON si ripete. Ci sono sempre stati eventi che sembrano essere simili agli eventi precedenti, ma sono sempre unici. Agostino sostiene che Cristo era all'inizio e sarà con noi alla fine. Sion non è solo un concetto biblico, esiste. Questa idea sottolinea la "linea retta di 'storia cristiana" di Agostino. "

            I teologi protestanti moderni si sono in gran parte allontanati dalla visione della linea retta. Alcuni ritengono che la storia si ripeta, altri hanno optato per una prospettiva storica ciclica. La storia dei Santi degli Ultimi Giorni riafferma i concetti antichi di Agostino. I biblisti e coloro che leggono gli scritti dei “Padri cristiani” sono d'accordo con lui. Ha continuato a sviluppare la "teoria della linea retta" nel suo ultimo libro, La città di Dio. Citando Paolo nel Nuovo Testamento, Agostino riconosce pubblicamente che Cristo è l'unico veicolo di salvezza. Scrive, in parte, «Ho abbracciato il mediatore tra Dio e l'uomo, l'Uomo Cristo Gesù, che è sopra tutto. Dio benedetto per sempre, che mi chiama e dice: 'Io sono la Via, la Verità e la Vita'. . . .”

            La preghiera di Agostino “Per l'amor di Dio” è applicabile a noi, oggi, milleseicento anni dopo. La preghiera recita così:

Ascolta, o Signore, la mia supplica e non patire l'anima mia

                                   svenire sotto il tuo castigo. Permettimi di non farlo

                                   debole nel confessarti l'amorevole benevolenza con cui

                                   Mi hai salvato dalle mie vie malvagie. Sii più dolce

                                   a me di tutte le lusinghe che una volta ho perseguito, quello

                                    Posso amarti con tutte le mie forze e stringere la tua mano

                                    con tutto il cuore, perché io sia liberato da tutti

                                    tentazioni fino alla fine. . . .

            Quelli di noi che credono nell'esperienza di Joseph nel Bosco, nella veridicità del Libro di Mormon e nelle rivelazioni fornite in Dottrina e Alleanze, possono facilmente vedere la necessità di una piena comprensione e apprezzamento della nostra storia e di come questa si replica La visione in linea retta di Agostino. Mentre la nostra particolare prospettiva religiosa risale solo al 1830, la Restaurazione è, di per sé, una testimonianza dell'"interpretazione cristiana della storia". E ne consegue che la Chiesa Rimanente è il vero successore del Vangelo della Restaurazione del 1830.      

                                           

pubblicato in