Genesi

Genesi

CAPITOLO 1

Storia della creazione.

1 E avvenne che il Signore parlò a Mosè, dicendo: Ecco, io ti rivelo riguardo a questo cielo e questa terra; scrivi le parole che dico.

2 Io sono il Principio e la Fine; il Dio Onnipotente. Con il mio Unigenito ho creato queste cose.

3 Sì, in principio ho creato il cielo e la terra su cui stai.

4 E la terra era informe e vuota; e feci salire le tenebre sulla faccia dell'abisso.

5 E il mio Spirito si mosse sulla faccia delle acque, perché io sono Dio.

6 E io, Dio, dissi: Sia la luce, e vi sia la luce.

7 E io, Dio, vidi la luce, e quella luce era buona. E io, Dio, ho diviso la luce dalle tenebre.

8 E io, Dio, chiamai la luce giorno, e le tenebre chiamai notte. E questo l'ho fatto con la parola della mia potenza; ed è stato fatto come ho parlato. E la sera e la mattina furono il primo giorno.

9 E ancora, io, Dio, dissi: Vi sia un firmamento in mezzo alle acque; ed era così, anche mentre parlavo. E io dissi: Separi le acque dalle acque; ed è stato fatto.

10 E io, Dio, feci il firmamento e divise le acque; sì, le grandi acque sotto il firmamento, dalle acque che erano al di sopra del firmamento; ed era così, anche mentre parlavo.

11 E io, Dio, chiamai cielo il firmamento. E la sera e la mattina erano il secondo giorno.

12 E io, Dio, dissi: Si raccolgano le acque che sono sotto il cielo in un solo luogo; ed era così. E io, Dio, dissi: Sia l'asciutto; ed era così.

13 E io, Dio, chiamai l'asciutto terra; e l'adunarsi delle acque chiamai mare.

14 E io, Dio, vidi che tutte le cose che avevo fatto erano buone.

15 E io, Dio, dissi: Lascia che la terra produca erba; il seme che produce erba; l'albero da frutto che produce frutto secondo la sua specie; e l'albero che produce frutto, il cui seme dovrebbe essere in sé, sulla terra; ed era così, anche mentre parlavo.

16 E la terra produsse erba; ogni erba che produce seme secondo la sua specie; e l'albero che produce frutto, il cui seme dovrebbe essere in sé, secondo la sua specie.

17 E io, Dio, vidi che tutte le cose che avevo fatto erano buone. E la sera e la mattina erano il terzo giorno.

18 E io, Dio, dissi: Vi siano luci nel firmamento del cielo, per dividere il giorno dalla notte; e servano per segni e per stagioni, e per giorni e per anni, e servano per luci nel firmamento del cielo, per illuminare la terra; ed era così.

19 E io, Dio, feci due grandi lumi; la luce maggiore per governare il giorno e la luce minore per governare la notte; e la luce maggiore era il sole, e la luce minore era la luna.

20 E anche le stelle furono fatte, proprio secondo la mia parola; ed io, Dio, li ho posti nel firmamento del cielo, per illuminare la terra; e il sole per governare il giorno, e la luna per governare la notte, e per dividere la luce dalle tenebre.

21 E io, Dio, vidi che tutte le cose che avevo fatto erano buone. E la sera e la mattina erano il quarto giorno.

22 E io, Dio, dissi: Producano le acque in abbondanza, creatura commovente che ha vita, e uccelli che volano sopra la terra, nel firmamento aperto del cielo.

23 E io, Dio, ho creato le grandi balene e ogni creatura vivente che si muove, che le acque hanno prodotto in abbondanza, secondo la loro specie; e ogni uccello alato, secondo la sua specie.

24 E io, Dio, vidi che tutte le cose che avevo creato erano buone; ed io, Dio, li benedissi, dicendo: Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite le acque del mare e si moltiplicano gli uccelli sulla terra. E la sera e la mattina erano il quinto giorno.

25 E io, Dio, dissi: Fa' che la terra produca la creatura vivente, secondo la sua specie; bestiame, rettili e animali della terra, secondo la loro specie; ed era così.

26 E io, Dio, feci le bestie della terra, secondo la loro specie; e bestiame secondo la loro specie; e tutto ciò che striscia sulla terra, secondo la sua specie. E io, Dio, vidi che tutte queste cose erano buone.

27 E io, Dio, dissi al mio Unigenito, che era con me fin dal principio: Facciamo l'uomo a nostra immagine, a nostra somiglianza; ed era così.

28 E io, Dio, dissi: Che dominino sui pesci del mare, e sugli uccelli del cielo, e sul bestiame, e su tutta la terra, e su tutti i rettili che strisciano sulla terra.

29 E io, Dio, ho creato l'uomo a mia propria immagine, a immagine del mio Unigenito l'ho creato; maschio e femmina li ho creati.

30 E io, Dio, li benedissi e dissi loro: Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra e soggiogatela; e domina sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente che si muove sulla terra.

31 E io, Dio, dissi all'uomo: Ecco, io ti ho dato ogni erba, che porta seme, che è sulla faccia di tutta la terra; e ogni albero nel quale sarà frutto di un albero, che produrrà seme; per te sarà per la carne.

32 E a ogni bestia della terra, ea ogni uccello del cielo, ea tutto ciò che striscia sulla terra, a cui io do la vita, sarà data per cibo ogni erba pura; ed era così, anche mentre parlavo.

33 E io, Dio, vidi tutto ciò che avevo fatto, ed ecco, tutto ciò che avevo fatto era molto buono. E la sera e la mattina erano il sesto giorno.

CAPITOLO 2

La storia della creazione continua - Matrimonio istituito - Il giorno del riposo.

1 Così furono compiuti il cielo e la terra e tutto il loro esercito.

2 E il settimo giorno, io, Dio, terminai la mia opera e tutte le cose che avevo fatte; e il settimo giorno mi sono riposato da tutto il mio lavoro; e tutte le cose che avevo fatto erano finite. E io, Dio, ho visto che erano buoni.

3 E io, Dio, benedissi il settimo giorno e lo santificai, perché in esso mi ero riposato da tutte le mie opere, che io, Dio, avevo creato e fatto.

4 Ed ora, ecco, io vi dico che queste sono le generazioni del cielo e della terra, quando furono create nel giorno in cui io, il Signore Dio, feci il cielo e la terra e ogni pianta del campo prima che fosse sulla terra, e ogni erba del campo prima che crescesse;

5 Poiché io, il Signore Dio, ho creato tutte le cose di cui ho parlato spiritualmente, prima che fossero naturalmente sulla faccia della terra; poiché io, il Signore Dio, non avevo fatto piovere sulla faccia della terra.

6 E io, il Signore Dio, avevo creato tutti i figlioli degli uomini, e non ancora un uomo per coltivare la terra, perché li ho creati in cielo, e non c'era ancora carne sulla terra, né nell'acqua, né in l'aria;

7 Ma io, il Signore Iddio, parlavo, e si levò una nebbia dalla terra, e annaffiai tutta la superficie della terra.

8 E io, il Signore Iddio, formai l'uomo dalla polvere della terra, e gli soffiai nelle narici un soffio di vita; e l'uomo divenne un'anima viva; la prima carne sulla terra, anche il primo uomo;

9 Tuttavia, tutte le cose sono state prima create, ma spiritualmente sono state create e fatte, secondo la mia parola.

10 E io, il Signore Dio, piantai un giardino a oriente in Eden; e là ho messo l'uomo che avevo formato.

11 E dal suolo ho fatto crescere io, il Signore Iddio, ogni albero naturalmente, che è gradevole alla vista dell'uomo, e l'uomo poteva vederlo, ed esso divenne anche un'anima vivente; poiché era spirituale nel giorno in cui l'ho creato; poiché rimane nella sfera in cui io, Dio, l'ho creato; sì, anche tutte le cose che ho preparato per l'uso dell'uomo; e l'uomo vide che era buono per il cibo.

12 E io, il Signore Iddio, piantai anche l'albero della vita, in mezzo al giardino; e anche l'albero della conoscenza del bene e del male.

13 E io, il Signore Iddio, feci uscire un fiume dall'Eden, per irrigare il giardino; e di là si separò, e divenne in quattro teste.

14 E io, il Signore Iddio, chiamai il primo Pison, e circonda tutto il paese di Havilah, dove io, il Signore, creai molto oro; e l'oro di quel paese era buono, e c'era bdellio e pietra d'onice.

15 E il nome del secondo fiume fu chiamato Ghihon, lo stesso che circonda tutto il paese d'Etiopia.

16 E il nome del terzo fiume era Hiddekel, quello che va verso oriente dell'Assiria.

17 E il quarto fiume era l'Eufrate.

18 E io, il Signore Iddio, presi l'uomo e lo dedussi nel giardino dell'Eden, perché lo vestisse e lo custodisse.

19 E io, il Signore Dio, comandai all'uomo, dicendo: Di ogni albero del giardino puoi mangiare liberamente;

20 Ma dell'albero della conoscenza del bene e del male, non ne mangerai;

21 Nondimeno, puoi scegliere tu stesso, poiché ti è dato; ma ricorda che te lo proibisco;

22 Poiché nel giorno in cui ne mangerai, certamente morirai.

23 E io, il Signore Iddio, dissi al mio Unigenito che non era bene che l'uomo fosse solo;

24 Pertanto gli farò venire un aiuto.

25 E dal suolo, io, il Signore Dio, formai ogni bestia del campo e ogni uccello del cielo; e comandò che andassero da Adamo, per vedere come li avrebbe chiamati.

26 Ed erano anche anime viventi; poiché io, Dio, ho alitato in loro un alito di vita e ho comandato che qualunque cosa Adamo chiamasse ogni essere vivente, quello fosse il suo nome.

27 E Adamo diede nomi a tutto il bestiame, e agli uccelli del cielo, ea ogni bestia dei campi; ma quanto ad Adamo, non si trovò un aiuto adatto a lui.

28 E io, il Signore Iddio, feci cadere un sonno profondo su Adamo, ed egli si addormentò, e io presi una delle sue costole, e chiusi la carne al suo posto; e la costola, che io, il Signore Iddio, avevo tolta all'uomo, mi feci donna e la condussi all'uomo.

29 E Adamo disse: Questo ora so che è osso delle mie ossa e carne della mia carne. Sarà chiamata donna, perché è stata strappata all'uomo.

30 Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie; e saranno una sola carne.

31 Ed erano entrambi nudi, l'uomo e sua moglie, e non si vergognavano.

CAPITOLO 3

Ribellione di Satana — Il libero arbitrio, la tentazione e la caduta dell'uomo.

1 E io, il Signore Iddio, parlai a Mosè, dicendo: Che Satana, al quale tu hai comandato nel nome del mio Unigenito, è lo stesso che fu dal principio;

2 Ed egli venne davanti a me, dicendo: Ecco, mandami, io sarò tuo Figlio e riscatterò tutta l'umanità, affinché un'anima sola non vada perduta, e certamente lo farò; pertanto dammi il tuo onore.

3 Ma ecco, il mio diletto Figlio, che fu il mio diletto ed eletto fin dal principio, mi disse: Padre, sia fatta la tua volontà, e la tua gloria sia per sempre.

4 Pertanto, poiché Satana si è ribellato contro di me e ha cercato di distruggere il libero arbitrio dell'uomo, che io, il Signore Iddio, gli avevo dato; e anche che gli dessi il mio proprio potere; per la potenza del mio Unigenito ho fatto sì che fosse abbattuto; e divenne Satana.

5 Sì, anche il diavolo, il padre di tutte le menzogne, per ingannare e accecare gli uomini, e per condurli in cattività a suo piacimento, anche quanti non hanno ascoltato la mia voce.

6 Ed ora, il serpente era più astuto di qualsiasi bestia dei campi, che io, il Signore Iddio, avevo fatto.

7 E Satana lo mise nel cuore del serpente, poiché ne aveva attirati molti dietro; e cercò anche di sedurre Eva, poiché non conosceva la mente di Dio; pertanto, ha cercato di distruggere il mondo.

8 Ed egli disse alla donna: Sì, Dio ha detto: Non mangerete di ogni albero del giardino. E parlò per bocca del serpente.

9 E la donna disse al serpente: Possiamo mangiare del frutto degli alberi del giardino; ma del frutto dell'albero che tu vedi in mezzo al giardino, Dio ha detto: Non ne mangerete, né lo toccherete, per non morire.

10 E il serpente disse alla donna: Tu non morirai certamente; poiché Dio sa che nel giorno in cui ne mangerete, allora i vostri occhi si apriranno e sarete come dèi, conoscendo il bene e il male.

11 E quando la donna vide che l'albero era buono da mangiare, che diventava gradevole agli occhi e un albero da desiderare per renderla saggia, ne prese il frutto e ne mangiò; e diede con lei anche a suo marito, ed egli mangiò.

12 E gli occhi di entrambi si aprirono, e seppero che erano stati nudi; e cucirono insieme foglie di fico e si fecero grembiuli.

13 E udirono la voce del Signore Dio, mentre camminavano nel giardino, al fresco del giorno.

14 E Adamo e sua moglie andarono a nascondersi dalla presenza del Signore Dio, tra gli alberi del giardino.

15 E io, il Signore Iddio, chiamai Adamo e gli dissi: Dove vai? E disse: Ho udito la tua voce, nel giardino, e ho avuto paura, perché ho visto che ero nudo e mi sono nascosto.

16 E io, il Signore Iddio, dissi ad Adamo: Chi t'ha detto che eri nudo? Hai tu mangiato dell'albero di cui ti avevo comandato di non mangiare, se così dovessi morire?

17 E l'uomo disse: La donna che tu mi hai dato, e che hai comandato che rimanesse con me, mi ha dato del frutto dell'albero e io l'ho mangiata.

18 E io, il Signore Iddio, dissi alla donna: Cos'è questa cosa che hai fatto?

19 E la donna disse: Il serpente mi ha sedotto e io ho mangiato.

20 E io, il Signore Iddio, dissi al serpente: Poiché hai fatto questo, sarai maledetto sopra tutto il bestiame e sopra ogni bestia dei campi; sul tuo ventre andrai e polvere mangerai tutti i giorni della tua vita;

21 E io porrò inimicizia fra te e la donna; tra il tuo seme e il suo seme; ed egli ti schiaccerà il capo, e tu gli schiaccerai il calcagno.

22 Alla donna, io, il Signore Iddio, ho detto: Moltiplicherò grandemente il tuo dolore e il tuo concepimento; con dolore partorirai figli, e il tuo desiderio sarà per tuo marito, ed egli dominerà su di te.

23 E ad Adamo, io, il Signore Iddio, dissi: Perché hai dato ascolto alla voce di tua moglie e hai mangiato del frutto dell'albero, di cui ti avevo comandato, dicendo: Non ne mangerai, maledetto sarà la terra per amor tuo; con dolore ne mangerai tutti i giorni della tua vita;

24 Essa produrrà per te spine e cardi; e mangerai l'erba del campo;

25 Con il sudore della tua faccia mangerai il pane, finché tornerai alla terra, poiché certamente morirai; poiché da essa sei stato tratto, poiché eri polvere, e in polvere tornerai.

26 E Adamo chiamò sua moglie Eva, perché era la madre di tutti i viventi; poiché così io, il Signore Dio, ho chiamato la prima di tutte le donne, che sono molte.

27 Io, il Signore Iddio, ho fatto mantelli di pelle e li ho rivestiti per Adamo, e anche per sua moglie.

28 E io, il Signore Iddio, dissi al mio Unigenito: Ecco, l'uomo è divenuto come uno di noi, per conoscere il bene e il male; ed ora, affinché non stenda la mano, e non mangi anche dell'albero della vita, e non mangi e viva per sempre;

29 Perciò io, il Signore Iddio, lo manderò fuori dal giardino di Eden, ad arare il suolo da cui fu tratto;

30 Poiché, come io, il Signore Iddio, vivo, così le mie parole non possono tornare vuote, poiché, come escono dalla mia bocca, devono essere adempiute.

31 Così ho scacciato l'uomo e ho posto a oriente del giardino di Eden dei cherubini e una spada fiammeggiante, che girava da tutte le parti, per custodire la via dell'albero della vita.

32 (E queste sono le parole che dissi al mio servitore Mosè. E sono vere, proprio come voglio.

33 E te li ho parlati. Guarda di non mostrarli a nessuno, finché non te lo comando, tranne quelli che credono.) Amen.

CAPITOLO 4

Figli e figlie nati da Adamo — Offerta di sacrifici — Redenzione dichiarata — Satana allontana l'uomo da Dio.

1 E avvenne che, dopo che io, il Signore Iddio, li avevo scacciati, Adamo cominciò a coltivare la terra, e ad avere dominio su tutte le bestie dei campi, e a mangiare il suo pane con il sudore del suo fronte, come io, il Signore, gli avevo comandato, e anche Eva, sua moglie, lavorava con lui.

2 E Adamo conobbe sua moglie, ed ella gli partorì figli e figlie, ed essi cominciarono a moltiplicarsi e a riempire la terra.

3 E da quel momento in poi, i figli e le figlie di Adamo cominciarono a dividersi, due a due, nel paese, e ad arare il paese, e ad pascere le greggi; e generarono anche figli e figlie.

4 E Adamo invocò il nome del Signore, ed anche Eva, sua moglie; ed essi udirono la voce del Signore, dalla via verso il giardino dell'Eden, che parlava loro, e non lo videro; poiché erano esclusi dalla sua presenza.

5 E diede loro dei comandamenti, affinché adorassero il Signore loro Dio; e dovrebbero offrire i primogeniti del loro gregge in offerta al Signore.

6 E Adamo ubbidì ai comandamenti del Signore. E dopo molti giorni, un angelo del Signore apparve ad Adamo, dicendo: Perché offri sacrifici al Signore? E Adamo gli disse: Non lo so, salvo che il Signore me l'ha comandato.

7 E allora l'angelo parlò, dicendo: Questa cosa è una similitudine del sacrificio dell'Unigenito del Padre, che è pieno di grazia e di verità;

8 Pertanto, farai tutto ciò che fai, nel nome del Figlio. E ti pentirai e invocherai Dio, nel nome del Figlio per sempre.

9 E in quel giorno lo Spirito Santo scese su Adamo, che rende testimonianza del Padre e del Figlio, dicendo: Io sono l'Unigenito dal Padre dal principio, d'ora in poi e per sempre; affinché, come sei caduto, tu possa essere redento, e tutta l'umanità, anche quanti lo vogliono.

10 E in quel giorno Adamo benedisse Dio, e ne fu saziato, e cominciò a profetizzare riguardo a tutte le famiglie della terra; dicendo: Benedetto sia il nome di Dio, perché, a causa della mia trasgressione, i miei occhi si sono aperti, e in questa vita avrò gioia, e ancora, nella carne vedrò Dio.

11 Ed Eva, sua moglie, udì tutte queste cose e si rallegrò, dicendo: Se non fosse stato per la nostra trasgressione, non avremmo mai avuto una discendenza, e non avremmo mai conosciuto il bene e il male, e la gioia della nostra redenzione, e l'eterno vita che Dio dà a tutti gli obbedienti.

12 E Adamo ed Eva benedissero il nome di Dio; e fecero conoscere ogni cosa ai loro figli e alle loro figlie.

13 E Satana venne in mezzo a loro, dicendo: Anch'io sono figlio di Dio, ed egli comandò loro, dicendo: Non credete. E non ci credevano; e amavano Satana più di Dio. E da quel momento in poi gli uomini cominciarono ad essere carnali, sensuali e diabolici.

CAPITOLO 5

Satana allontana l'uomo da Dio — Predicata la salvezza — Nascita di Caino e Abele — Combinazioni segrete — Abele ucciso, Caino maledetto — Segreti rivelati dalle mogli di Lamech — La terra maledetta.

1 E il Signore Iddio invocò gli uomini, mediante lo Spirito Santo, dappertutto, e comandò loro che si pentissero;

2 E quanti credettero nel Figlio e si pentirono dei loro peccati, dovrebbero essere salvati. E quanti non hanno creduto e non si sono pentiti dovrebbero essere dannati. E le parole uscirono dalla bocca di Dio, con fermo decreto, per cui devono essere adempiute.

3 E Adamo non cessò di invocare Dio; ed Eva anche sua moglie.

4 E Adamo conobbe Eva sua moglie, ed ella concepì e partorì Caino, e disse: Ho preso un uomo dal Signore; pertanto non può rifiutare le sue parole. Ma ecco, anche Caino non ha ascoltato dicendo: Chi è il Signore, perché io lo conosca?

5 Ella concepì di nuovo e partorì suo fratello Abele. E Abele diede ascolto alla voce del Signore. E Abele era un guardiano di pecore, ma Caino era un coltivatore della terra.

6 E Caino amò Satana più di Dio. E Satana gli comandò, dicendo: Fai un'offerta al Signore. E col passare del tempo avvenne che Caino offrì del frutto della terra un'offerta al Signore.

7 E portò anche Abele, dei primogeniti del suo gregge e del suo grasso; e il Signore ebbe rispetto per Abele e per la sua offerta, ma per Caino e per la sua offerta non ebbe rispetto.

8 Ora Satana lo sapeva e gli piacque. E Caino si adirò molto, e il suo volto cadde.

9 E il Signore disse a Caino: Perché ti arrabbi? Perché il tuo volto è caduto? Se farai bene sarai accettato, e se non farai bene, il peccato sta alla porta; e Satana desidera averti, e a meno che tu non ascolti i miei comandamenti, io ti consegnerò, e ti sarà secondo il suo desiderio; e tu dominerai su di lui, poiché d'ora in poi sarai il padre delle sue menzogne.

10 Sarai chiamato Perdizione, perché anche tu eri davanti al mondo, e si dirà nel tempo a venire che queste abominazioni furono avute da Caino, poiché egli rigettava il consiglio più grande che era stato avuto da Dio; e questa è una maledizione che ti infliggerò, a meno che tu non ti ravveda.

11 E Caino si adirò e non ascoltò più la voce del Signore, né Abele suo fratello, che camminava in santità davanti al Signore.

12 E anche Adamo e sua moglie fecero cordoglio davanti al Signore, a causa di Caino e dei suoi fratelli.

13 E avvenne che Caino prese in moglie una delle figlie di suo fratello, ed esse amarono Satana più di Dio.

14 E Satana disse a Caino: Giurami per la tua gola, e se lo dici tu morirai; e giura ai tuoi fratelli per le loro teste e per il Dio vivente, che non lo dicono; poiché se lo dicono moriranno sicuramente; e questo perché tuo padre non lo sappia; e oggi metterò nelle tue mani tuo fratello Abele.

15 E Satana giurò a Caino che avrebbe fatto secondo i suoi comandi. E tutte queste cose sono state fatte in segreto.

16 E Caino disse: In verità io sono Mahan, il padrone di questo grande segreto, affinché io possa uccidere e ottenere guadagno. Perciò Caino fu chiamato maestro Mahan; e si gloriava della sua malvagità.

17 E Caino andò nel campo, e Caino parlò con Abele suo fratello; e avvenne che, mentre erano nei campi, Caino si levò contro Abele suo fratello e lo uccise.

18 E Caino si gloriava di ciò che aveva fatto, dicendo: Io sono libero; certo le greggi di mio fratello cadranno nelle mie mani.

19 E il Signore disse a Caino: Dov'è Abele, tuo fratello? E lui disse: Non lo so, sono io il custode di mio fratello?

20 E il Signore disse: Che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dalla terra.

21 Ed ora sarai maledetto dalla terra, che ha aperto la sua bocca per ricevere il sangue di tuo fratello dalla tua mano.

22 Quando lavorerai la terra, essa non ti cederà più la sua forza; fuggitivo e vagabondo sarai sulla terra.

23 E Caino disse al Signore: Satana mi ha tentato, a causa del gregge di mio fratello; e anch'io mi sono adirato, perché tu hai accettato la sua offerta, e non la mia.

24 La mia punizione è più grande di quanto possa sopportare. Ecco, tu mi hai scacciato oggi dalla faccia del Signore, e dalla tua faccia sarò nascosto; e sarò un fuggiasco e un vagabondo sulla terra; e avverrà che colui che mi trova mi ucciderà, a causa delle mie iniquità, poiché queste cose non sono nascoste al Signore.

25 E io, il Signore, gli dissi: Chiunque ti uccide, la vendetta sarà fatta su di lui sette volte; e io, il Signore, metto un segno su Caino, affinché chiunque lo trova non lo uccida.

26 E Caino fu escluso dalla presenza del Signore, e con sua moglie e molti dei suoi fratelli abitò nel paese di Nod, a oriente dell'Eden.

27 E Caino conobbe sua moglie, che concepì e partorì Enoc, che generò anche molti figli e figlie. E costruì una città, e la chiamò col nome di suo figlio Enoc.

28 E ad Enoc nacque Irad, e altri figli e figlie, e Irad generò Mehujael e altri figli e figlie.

29 E Mehujael generò Metusael e altri figli e figlie. E Metusaele generò Lamec.

30 E Lamec prese due mogli, di cui una si chiamava Adah, e l'altra si chiamava Zillah.

31 E Adah partorì Jabal; era il padre di quelli che abitavano nelle tende, ed erano custodi del bestiame; e il nome di suo fratello era Jubal, che era il padre di tutti coloro che maneggiano l'arpa e l'organo.

32 E Zillah partorì anche Tubal Caino, maestro di ogni artefice di bronzo e ferro; e la sorella di Tubal Caino era chiamata Naama.

33 E Lamech disse alle sue mogli: Adah e Zillah: Ascoltate la mia voce, mogli di Lamech; ascolta la mia parola, perché ho ucciso un uomo a mia ferita e un giovane a mia ferita.

34 Se Caino sarà vendicato sette volte, in verità Lamec sarà settantasette volte.

35 Poiché Lamech aveva stipulato un patto con Satana, alla maniera di Caino, in cui divenne maestro Mahan, maestro di quel grande segreto che fu amministrato a Caino da Satana;

36 E Irad, figlio di Enoc, avendo conosciuto il loro segreto, cominciò a rivelarlo ai figli di Adamo; pertanto Lamech, adirato, lo uccise, non come Caino suo fratello Abele, per guadagno; ma lo uccise per amor del giuramento;

37 Poiché, dai giorni di Caino, c'era una combinazione segreta, e le loro opere erano nelle tenebre, e conoscevano ogni uomo suo fratello.

38 Pertanto il Signore maledisse Lamec e la sua casa, e tutti coloro che avevano fatto alleanza con Satana; poiché non osservavano i comandamenti di Dio. E dispiacque a Dio, ed egli non li ministrava.

39 E le loro opere erano abominazioni e cominciavano a diffondersi tra tutti i figli degli uomini. Ed era tra i figli degli uomini.

40 E tra le figlie degli uomini queste cose non erano dette; perché che Lamech aveva detto il segreto alle sue mogli, ed esse si ribellarono contro di lui, e dichiararono queste cose all'estero, e non ne ebbero compassione.

41 Perciò Lamec fu disprezzato, e scacciato, e non venne tra i figli degli uomini, per non morire.

42 E così le opere delle tenebre cominciarono a prevalere su tutti i figli degli uomini.

43 E Dio maledisse la terra con una grave maledizione, e si adirò con gli empi, con tutti i figli degli uomini che aveva creato, perché non volevano ascoltare la sua voce, né credere al suo Figlio unigenito, anche colui che egli aveva dichiarato dovrebbe venire nel meridiano del tempo; che fu preparato prima della fondazione del mondo.

44 E così il vangelo cominciò ad essere predicato dal principio, essendo proclamato da santi angeli, mandato dalla presenza di Dio; e per sua stessa voce e per dono dello Spirito Santo.

45 E così tutte le cose furono confermate ad Adamo mediante una santa ordinanza; e il vangelo predicato; e un decreto emesso che dovrebbe essere nel mondo fino alla sua fine; e così è stato. Amen.

CAPITOLO 6

Adamo avverte gli uomini di pentirsi — Nasce Set — Viene mostrato il sacerdozio — Libro di generazioni conservato — Satana ha il dominio — La promessa di Dio a Enoc — La visione di Enoc — La sua predicazione.

1 E Adamo diede ascolto alla voce di Dio e invitò i suoi figli a pentirsi.

2 E Adamo riconobbe sua moglie, ed ella partorì un figlio, ed egli lo chiamò Set.

3 E Adamo glorificò il nome di Dio, poiché disse: Dio mi ha costituito un altro seme invece di Abele, che Caino uccise.

4 E Dio si rivelò a Set, ed egli non si ribellò, ma offrì un sacrificio gradito come quello di suo fratello Abele. E anche a lui nacque un figlio, e lo chiamò Enos.

5 E allora questi uomini cominciarono a invocare il nome del Signore; e il Signore li benedisse; e fu conservato un libro di ricordi nel quale fu scritto nella lingua di Adamo, poiché fu dato a tutti coloro che furono chiamati a Dio, per scrivere mediante lo Spirito di ispirazione;

6 E da loro fu insegnato ai loro figli a leggere e scrivere, avendo una lingua che era pura e incontaminata.

7 Ora questo stesso sacerdozio che era in principio, sarà anche alla fine del mondo.

8 Ora questa profezia disse Adamo, mosso dallo Spirito Santo.

9 E fu tenuta una genealogia dei figli di Dio. E questo era il libro delle generazioni di Adamo, dicendo: Nel giorno in cui Dio creò l'uomo (a somiglianza di Dio lo fece) a immagine del proprio corpo, maschio e femmina li creò e li benedisse , e chiamarono il loro nome Adamo, nel giorno in cui furono creati, e divennero anime viventi, nella terra, sullo sgabello dei piedi di Dio.

10 E Adamo visse centotrenta anni, e generò un figlio a sua somiglianza, a sua immagine, e lo chiamò Set.

11 E i giorni di Adamo, dopo aver generato Set, furono ottocento anni. E generò molti figli e figlie. E tutti i giorni in cui visse Adamo furono novecentotrenta anni; ed è morto.

12 Seth visse centocinque anni, generò Enos, profetizzò in tutti i suoi giorni e insegnò a suo figlio Enos nelle vie di Dio. Perciò anche Enos profetizzò. E Set visse dopo aver generato Enos, ottocentosette anni, e generò molti figli e figlie.

13 E i figliuoli degli uomini erano numerosi su tutta la faccia del paese. E in quei giorni, Satana aveva un grande dominio tra gli uomini, e infuriava nei loro cuori; e da allora in poi vennero guerre e spargimenti di sangue.

14 E la mano dell'uomo era contro il proprio fratello nell'amministrare la morte, a causa delle opere segrete, cercando il potere. E tutti i giorni di Set furono novecentododici anni; ed è morto.

15 Ed Enos visse novant'anni e generò Cainan. Ed Enos, e il residuo del popolo di Dio, uscirono dal paese che era chiamato Shulon, e abitò in un paese promesso, che chiamò dal suo proprio figlio, che aveva chiamato Cainan.

16 Ed Enos visse, dopo aver generato Cainan, ottocentoquindici anni, e generò molti figli e figlie. E tutti i giorni di Enos furono novecentocinque anni; ed è morto.

17 E Cainan visse settant'anni e generò Mahalaleel.

18 E Cainan visse, dopo aver generato Mahalaleel, ottocentoquarant'anni, e generò figli e figlie. E tutti i giorni di Cainan furono novecentodieci anni; ed è morto.

19 E Mahalaleel visse sessantacinque anni e generò Iared.

20 E Mahalaleel visse, dopo aver generato Iared, ottocentotrenta anni, e generò figli e figlie. E tutti i giorni di Mahalaleel furono ottocentonovantacinque anni; ed è morto.

21 E Iared visse centosessantadue anni e generò Enoc.

22 E Iared visse, dopo aver generato Enoc, ottocento anni, e generò figli e figlie. E Giared insegnò a Enoc in tutte le vie di Dio.

23 E questa è la genealogia dei figli di Adamo, che era figlio di Dio, con il quale Dio stesso conversò.

24 Ed erano predicatori di giustizia, parlavano e profetizzavano, e invitavano tutti gli uomini dovunque a pentirsi. E la fede fu insegnata ai figlioli degli uomini.

25 E avvenne che tutti i giorni di Giared furono novecentosessantadue anni; ed è morto.

26 Ed Enoc visse sessantacinque anni e generò Matusalemme. E avvenne che Enoc viaggiò nel paese, fra il popolo; e mentre camminava, lo Spirito di Dio discese dal cielo e dimorò su di lui;

27 E udì una voce dal cielo che diceva: Enoc, figlio mio, profetizza a questo popolo e di' loro: Pentitevi, poiché così dice il Signore: Sono adirato contro questo popolo, e la mia ira ardente si è accesa contro di loro; poiché i loro cuori si sono induriti e le loro orecchie sono ottuse e i loro occhi non possono vedere lontano.

28 E per queste molte generazioni, fin dal giorno in cui le ho create, si sono smarrite, mi hanno rinnegato e hanno cercato i loro propri consigli nelle tenebre; e nelle loro proprie abominazioni hanno escogitato il delitto e non hanno osservato i comandamenti che io diedi al loro padre Adamo.

29 Pertanto, hanno rinnegato se stessi, e con i loro giuramenti hanno portato su di sé la morte.

30 E ho preparato un inferno per loro, se non si pentono;

31 E questo è un decreto che ho mandato all'inizio del mondo, dalla mia propria bocca, dalla sua fondazione; e per bocca dei miei servi, tuoi padri, l'ho decretato; proprio come sarà inviato nel mondo, fino alla sua fine.

32 E quando Enoc ebbe udito queste parole, si prostrò a terra, davanti al Signore, e parlò davanti al Signore, dicendo: Perché ho trovato grazia ai tuoi occhi, e sono solo un ragazzo, e tutto il popolo odiami, perché sono lento a parlare; perché sono tuo servo?

33 E il Signore disse ad Enoc: Va' e fa' come ti ho comandato, e nessuno ti trafiggerà.

34 Apri la tua bocca e sarà piena, e io ti darò voce; poiché ogni carne è nelle mie mani e farò come mi sembra bene.

35 Dite a questo popolo: scegliete voi oggi per servire il Signore Iddio che vi ha creati.

36 Ecco, il mio Spirito è su di te; perciò giustificherò tutte le tue parole, e le montagne fuggiranno davanti a te, ei fiumi volgeranno il loro corso; e tu dimorerai in me e io in te; perciò cammina con me.

37 E il Signore parlò a Enoc, e gli disse: Ungi i tuoi occhi con argilla, e lavali, e tu vedrai; e lo ha fatto.

38 E vide gli spiriti che Dio aveva creato, e vide anche cose che non erano visibili all'occhio naturale; e da allora in poi venne il detto nel paese: Il Signore ha suscitato un veggente presso il suo popolo.

39 E avvenne che Enoc uscì nel paese, in mezzo al popolo, ritto sui colli e sugli alti luoghi, e gridò a gran voce, testimoniando contro le loro opere.

40 E tutti gli uomini furono offesi a causa di lui; ed essi uscirono per ascoltarlo sugli alti luoghi, dicendo ai guardiani delle tende: Rimanete qui e custodite le tende mentre andiamo laggiù a vedere il veggente, poiché egli profetizza; e c'è una cosa strana nel paese, un uomo selvaggio è venuto in mezzo a noi.

41 E avvenne che, quando lo udirono, nessuno gli mise le mani addosso, poiché tutti quelli che lo udivano furono presi da timore, poiché camminava con Dio.

42 E venne da lui un uomo, il cui nome era Mahijah, e gli disse: Dicci chiaramente chi sei e da dove vieni.

43 Ed egli disse loro: Io sono uscito dal paese di Cainan, il paese dei miei padri, un paese di giustizia fino ad oggi; e mio padre mi ha insegnato in tutte le vie di Dio.

44 E avvenne che, mentre viaggiavo dal paese di Cainan lungo il mare a oriente, ebbi una visione; ed ecco, vidi i cieli, e il Signore mi parlò, e mi diede comandamento; pertanto per questo motivo, per osservare il comandamento, pronuncio queste parole.

45 Ed Enoc continuò il suo discorso, dicendo: Il Signore che ha parlato con me, lo stesso è l'Iddio del cielo, ed è il mio Dio e il vostro Dio, e voi siete miei fratelli; e perché vi consigliate e rinnegate l'Iddio del cielo?

46 Fece i cieli; la terra è il suo sgabello dei piedi, e le sue fondamenta sono sue; ecco, l'ha deposta, e schiere di uomini ha fatto entrare sulla sua faccia.

47 E la morte è caduta sui nostri padri; tuttavia li conosciamo, e non possiamo negare, e anche il primo di tutto lo conosciamo, anche Adamo; per un libro di ricordi che abbiamo scritto tra noi, secondo il modello dato dal dito di Dio; ed è dato nella nostra lingua.

48 E quando Enoc pronunciò le parole di Dio, il popolo tremò e non poté stare in sua presenza.

49 Ed egli disse loro: Poiché Adamo è caduto, noi siamo; e con la sua caduta venne la morte, e noi siamo resi partecipi della miseria e del dolore.

50 Ecco, Satana è venuto fra i figlioli degli uomini, e li tenta ad adorarlo; e gli uomini sono diventati carnali, sensuali e diabolici, e sono esclusi dalla presenza di Dio.

51 Ma Dio ha fatto conoscere ai nostri padri che tutti gli uomini devono pentirsi.

52 E invocò il nostro padre Adamo, con la sua propria voce, dicendo: Io sono Dio; Ho creato il mondo e gli uomini prima che fossero nella carne.

53 Ed egli gli disse anche: Se vuoi, volgiti a me e ascolta la mia voce, e credi, e pentiti di tutte le tue trasgressioni, e sii battezzato, proprio in acqua, nel nome del mio Figlio Unigenito, che è pieno di grazia e di verità, che è Gesù Cristo, l'unico nome che sarà dato sotto il cielo, per mezzo del quale la salvezza verrà ai figlioli degli uomini; e riceverete il dono dello Spirito Santo, chiedendo ogni cosa nel suo nome, e qualunque cosa chiederete vi sarà data.

54 E nostro padre Adamo parlò al Signore, e disse: Perché gli uomini devono pentirsi ed essere battezzati in acqua?

55 E il Signore disse ad Adamo: Ecco, io ti ho perdonato la tua trasgressione nel giardino di Eden.

56 Di qui il detto diffuso tra il popolo, che il Figlio di Dio ha espiato la colpa originale, per cui i peccati dei genitori non possono essere risolti sul capo dei figli, perché sono integri fin dalla fondazione del mondo.

57 E il Signore parlò ad Adamo, dicendo: Poiché i tuoi figli sono concepiti nel peccato, così, quando cominciano a crescere il peccato concepisce nei loro cuori, e assaporano l'amaro, affinché sappiano apprezzare il bene.

58 E è dato loro di distinguere il bene dal male; pertanto, sono agenti a se stessi.

59 E vi ho dato un'altra legge e comandamento; pertanto insegnalo ai tuoi figli che tutti gli uomini, ovunque, devono pentirsi, altrimenti non possono in alcun modo ereditare il regno di Dio.

60 Poiché nessuna cosa impura può abitarvi, né abitare alla sua presenza; poiché, nel linguaggio di Adamo, il suo nome è Uomo di Santità; e il nome del suo Unigenito è il figlio dell'uomo, sì, Gesù Cristo, giudice giusto, che verrà nel meridiano dei tempi.

61 Perciò vi do un comandamento, di insegnare queste cose liberamente ai vostri figli, dicendo che a causa della trasgressione viene la caduta, la caduta porta la morte; e poiché siete nati nel mondo mediante acqua e sangue, e lo spirito, che io ho fatto, e così siete diventati di polvere un'anima vivente;

62 Così anche voi dovete rinascere, nel regno dei cieli, dell'acqua e dello Spirito, ed essere purificati dal sangue, sì, il sangue del mio Unigenito; affinché possiate essere santificati da ogni peccato; e godetevi le parole della vita eterna in questo mondo e della vita eterna nel mondo a venire; persino gloria immortale.

63 Poiché, mediante l'acqua, osservate il comandamento; per lo Spirito siete giustificati; e dal sangue siete santificati.

64 Perciò è dato di dimorare in te, la testimonianza del cielo, il Consolatore, le cose pacifiche di gloria immortale, la verità di tutte le cose, ciò che vivifica tutte le cose che rende vive tutte le cose, ciò che conosce ogni cosa e ha ogni potere secondo sapienza, misericordia, verità, giustizia e giudizio.

65 Ed ora, ecco, io vi dico: Questo è il piano di salvezza per tutti gli uomini, mediante il sangue del mio Unigenito, che verrà nel meridiano del tempo.

66 Ed ecco, tutte le cose hanno la loro somiglianza; e tutte le cose sono create e fatte per portare testimonianza di me; sia le cose che sono temporali, sia le cose che sono spirituali; le cose che sono nei cieli di sopra, e le cose che sono sulla terra, e le cose che sono sulla terra, e le cose che sono sotto la terra, sia di sopra che di sotto, tutte le cose portano testimonianza di me.

67 E avvenne, quando il Signore ebbe parlato con Adamo nostro padre, che Adamo gridò al Signore, e fu rapito dallo Spirito del Signore, e fu portato nell'acqua, e fu deposto sott'acqua , e fu tratto fuori dall'acqua; e così fu battezzato.

68 E lo Spirito di Dio scese su di lui, e così egli nacque dallo Spirito, e divenne vivificato nell'uomo interiore.

69 E udì una voce dal cielo, che diceva: Tu sei battezzato con fuoco e con Spirito Santo; questa è la testimonianza del Padre e del Figlio, d'ora in poi e per sempre;

70 E tu sei secondo l'ordine di colui che era senza principio di giorni né fine di anni, da tutta l'eternità a tutta l'eternità.

71 Ecco, tu sei uno in me, figlio di Dio; e così possano tutti diventare miei figli. Amen.

CAPITOLO 7

Profezia di Enoc, la sua predicazione — I cieli piangono — Riposo promesso alla terra — Sion è fuggita — L'alleanza è proseguita in Matusalemme.

1 E avvenne che Enoc continuò il suo discorso, dicendo: Ecco, nostro padre Adamo ha insegnato queste cose, e molti hanno creduto, e sono diventati figli di Dio; e molti non hanno creduto e sono periti nei loro peccati, e attendono con timore, con tormento, che l'ardente sdegno dell'ira di Dio si riversi su di loro.

2 E da quel momento in poi Enoc cominciò a profetizzare, dicendo al popolo che, mentre ero in viaggio e mi fermavo nel luogo di Mahujah, e gridavo al Signore, venne una voce dal cielo, che diceva: Volgetevi e salite sul monte Simeone.

3 E avvenne che io mi voltai e salii sul monte; e mentre stavo sul monte, vidi i cieli aperti e fui rivestito di gloria.

4 E vidi il Signore, ed egli stette davanti a me, e parlò con me, proprio come un uomo parla l'uno con l'altro, faccia a faccia; ed egli mi disse: Guarda, e io ti mostrerò il mondo per lo spazio di molte generazioni.

5 E avvenne che vidi nella valle di Sum, ed ecco! un grande popolo che abitava nelle tende, che era il popolo di Shum.

6 E ancora il Signore mi disse: Guarda, e io ho guardato verso il settentrione, e ho visto il popolo di Cainan, che abitava nelle tende.

7 E il Signore mi disse: Profetizza; e ho profetizzato dicendo:

8 Ecco, il popolo di Cainan, che è numeroso, avanzerà schierato contro il popolo di Sum e lo ucciderà, così che sarà completamente distrutto.

9 E il popolo di Cainan si dividerà nel paese, e il paese sarà sterile e infruttuoso, e nessun altro popolo vi abiterà, tranne il popolo di Cainan; poiché, ecco, il Signore maledirà il paese con molto calore, e la sua sterilità durerà per sempre.

10 E vi fu un'oscurità su tutti i figli di Cainan, che furono disprezzati da tutto il popolo.

11 E avvenne che il Signore mi disse: Guarda, e io ho guardato, e ho visto il paese di Sharon, e il paese di Enoc, e il paese di Omner, e il paese di Heni, e il paese di Sem, e il paese di Haner, e il paese di Hanannihah, e tutti i suoi abitanti.

12 E il Signore mi disse: Va' da questo popolo e di' loro: Pentitevi; per timore che io esca e li colpisca con una maledizione, e muoiano.

13 E mi diede un comandamento, che battezzassi nel nome del Padre e del Figlio, che è pieno di grazia e di verità, e dello Spirito Santo che porta testimonianza del Padre e del Figlio.

14 E avvenne che Enoc continuò a invocare tutto il popolo, salvo che fosse il popolo di Cainan, a pentirsi.

15 E così grande fu la fede di Enoc, che egli guidò il popolo di Dio, e i suoi nemici vennero a combatterlo, ed egli pronunciò la parola del Signore, e la terra tremò, e le montagne fuggirono, proprio secondo il suo comando.

16 E i fiumi d'acqua sviarono dal loro corso, e dal deserto si udì il ruggito dei leoni.

17 E tutte le nazioni ebbero grande timore, tanto era potente la parola di Enoc, e tanto grande era la potenza del linguaggio che Dio gli aveva dato.

18 Sorse anche un paese dalle profondità del mare; e così grande fu il timore dei nemici del popolo di Dio, che fuggirono e si fermarono a distanza, e andarono sulla terra che usciva dalle profondità del mare.

19 E anche i giganti del paese stavano a distanza; e su tutto il popolo che combatteva contro Dio si rivolse una maledizione.

20 E da quel momento in poi vi furono guerre e spargimenti di sangue tra loro; ma il Signore venne e abitò con il suo popolo, ed essi dimorarono nella rettitudine.

21 E il timore del Signore era su tutte le nazioni, tanto era grande la gloria del Signore che era sul suo popolo.

22 E il Signore benedisse il paese, ed essi furono benedetti sui monti e sugli alti luoghi, e fiorirono.

23 E il Signore chiamò il suo popolo, Sion, perché era di un solo cuore e di una sola mente, e abitava nella rettitudine; e non c'erano poveri tra loro.

24 Ed Enoc continuò la sua predicazione con giustizia al popolo di Dio.

25 E avvenne ai suoi giorni che costruì una città che fu chiamata la città della santità, cioè Sion.

26 E avvenne che Enoc parlò con il Signore, e disse al Signore: Certamente, Sion abiterà al sicuro per sempre. Ma il Signore disse a Enoc: Io ho benedetto Sion, ma ho maledetto il resto del popolo.

27 E avvenne che il Signore mostrò ad Enoc tutti gli abitanti della terra, ed egli vide, ed ecco! Sion nel corso del tempo fu assunta in cielo.

28 E il Signore disse ad Enoc: Ecco la mia dimora per sempre.

29 Ed Enoc vide anche il residuo del popolo che era figlio di Adamo, ed era un miscuglio di tutta la discendenza di Adamo, tranne che era la discendenza di Caino; poiché il seme di Caino era nero e non aveva posto in mezzo a loro.

30 E dopo che Sion fu assunta in cielo, Enoc vide, ed ecco, tutte le nazioni della terra erano davanti a lui; e vennero generazioni su generazioni.

31 Ed Enoc era alto ed elevato, proprio nel seno del Padre e del Figlio dell'uomo; ed ecco, i poteri di Satana erano su tutta la faccia della terra; e vide angeli scendere dal cielo, e udì una voce forte che diceva: Guai! guai! siate agli abitanti della terra!

32 E vide Satana, e teneva in mano una grande catena, che velava di tenebre tutta la faccia della terra; e alzò gli occhi e rise, e i suoi angeli si rallegrarono.

33 Ed Enoc vide angeli scendere dal cielo, recanti testimonianza del Padre e del Figlio.

34 E lo Spirito Santo scese su molti, e furono rapiti dalle potenze del cielo in Sion.

35 E avvenne che l'Iddio del cielo guardò il residuo del popolo, e pianse; ed Enoc ne rese testimonianza, dicendo: Com'è possibile che i cieli piangano e versino le loro lacrime come la pioggia sui monti? Ed Enoc disse al Signore: Come è possibile che tu possa piangere, vedendo che sei santo, e da tutta l'eternità a tutta l'eternità?

36 E se fosse possibile che l'uomo potesse contare le particelle della terra, sì, e milioni di terre come questa, non sarebbe un inizio per il numero delle tue creazioni;

37 E le tue tende sono ancora stese, e tu sei là, e il tuo seno è là; e inoltre, tu sei giusto, sei misericordioso e gentile per sempre;

38 Hai preso Sion nel tuo seno, da tutte le tue creazioni, da tutta l'eternità a tutta l'eternità; e nient'altro che pace, giustizia e verità è la dimora del tuo trono; e la misericordia passerà davanti a te e non avrà fine. Com'è che puoi piangere?

39 Il Signore disse a Enoc: Ecco, questi tuoi fratelli sono opera delle mie stesse mani, e io ho dato loro la loro intelligenza nel giorno che li ho creati.

40 E nel giardino di Eden diedi all'uomo il suo libero arbitrio; e ai tuoi fratelli ho detto, e anche comandato, che si amino gli uni gli altri; e che mi scelgano come Padre.

41 Ma ecco, sono privi di affetto e odiano il proprio sangue; e contro di loro si accende il fuoco della mia indignazione; e nel mio vivo dispiacere manderò su di loro i diluvio; perché la mia ira ardente è accesa contro di loro.

42 Ecco, io sono Dio; Uomo di Santità è il mio nome; Man of Counsel è il mio nome; e Endless and Eternal è anche il mio nome. Perciò posso stendere le mie mani e tenere tutte le creazioni che ho fatto, e anche il mio occhio può trafiggerle.

43 E fra tutta l'opera delle mie mani non c'è stata così grande malvagità come fra i tuoi fratelli; ma, ecco, i loro peccati ricadranno sul capo dei loro padri; Satana sarà il loro padre e la miseria sarà il loro destino; e tutto il cielo piangerà su di loro, tutta l'opera delle mie mani.

44 Perché non dovrebbero piangere i cieli, vedendoli soffrire? Ma ecco, quelli sui quali sono i tuoi occhi periranno nelle inondazioni; ed ecco, li farò tacere; ho preparato per loro una prigione, e colui che ho scelto mi ha supplicato;

45 Pertanto egli soffre per i loro peccati, in quanto si pentiranno, nel giorno in cui i miei eletti torneranno da me; e fino a quel giorno saranno tormentati.

46 Pertanto per questo piangeranno i cieli, sì, e tutta l'opera delle mie mani.

47 E avvenne che il Signore parlò a Enoc, e raccontò a Enoc tutte le azioni dei figlioli degli uomini.

48 Pertanto Enoc conobbe e guardò la loro malvagità e la loro miseria; e pianse, e stese le braccia, e il suo cuore si gonfiò come l'eternità, e le sue viscere bramarono, e tutta l'eternità tremarono.

49 Ed Enoc vide anche Noè, e la sua famiglia, che la posterità di tutti i figli di Noè fosse salvata con una salvezza temporale.

50 Pertanto Enoc vide che Noè costruì un'arca, e il Signore le sorrise, e la tenne nelle sue proprie mani; ma sul residuo degli empi vennero i fiumi e li inghiottirono.

51 E poiché Enoc vide così, ebbe amarezza nell'anima, e pianse sui suoi fratelli, e disse ai cieli: Rifiuterò di essere consolato.

52 Ma il Signore disse a Enoc: Alza il tuo cuore, rallegrati e guarda. E avvenne che Enoc guardò, e da Noè vide tutte le famiglie della terra, e gridò al Signore, dicendo: Quando verrà il giorno del Signore? Quando sarà sparso il sangue dei giusti, affinché tutti coloro che piangono siano santificati e abbiano la vita eterna?

53 E il Signore disse: Avverrà nel meridiano del tempo; nei giorni della malvagità e della vendetta.

54 Ed ecco, Enoc vide il giorno della venuta del Figlio dell'uomo, proprio nella carne; e la sua anima si rallegrava, dicendo: Il giusto è innalzato; e l'Agnello è immolato fin dalla fondazione del mondo; e per fede sono nel seno del Padre; ed ecco, Sion è con me!

55 E avvenne che Enoc guardò la terra, e udì una voce dalle sue viscere, che diceva: Guai! guai! sono io, la madre degli uomini! Sono addolorato, sono stanco, per la malvagità dei miei figli! Quando mi riposerò e sarò purificato dalla sporcizia che è uscita da me? Quando il mio Creatore mi santificherà, affinché io riposi e la giustizia per un tempo dimori sul mio volto?

56 E quando Enoc udì la terra piangere, pianse e gridò al Signore, dicendo: O Signore, non hai tu compassione della terra? non benedirai tu i figli di Noè?

57 E avvenne che Enoc continuò il suo grido al Signore, dicendo: Ti chiedo, o Signore, nel nome del tuo Unigenito, sì Gesù Cristo, che tu abbia pietà di Noè, e della sua discendenza, che la terra potrebbe non essere mai più coperta dalle inondazioni.

58 E il Signore non poteva trattenersi; ed egli fece un patto con Enoc, e gli giurò con un giuramento che avrebbe fermato le inondazioni; che avrebbe invocato i figli di Noè; e mandò un decreto inalterabile, che un residuo della sua progenie si trovasse sempre fra tutte le nazioni, mentre la terra restasse in piedi.

59 E il Signore disse: Benedetto colui per mezzo della cui discendenza verrà il Messia; poiché egli dice: Io sono il Messia, il Re di Sion, la Roccia del cielo, che è ampia come l'eternità; e chi entra per la porta e si arrampica per me non cadrà mai.

60 Perciò benedetti sono quelli di cui ho parlato, perché usciranno con canti di gioia eterna.

61 E avvenne che Enoc gridò al Signore, dicendo: Quando il Figlio dell'uomo verrà nella carne, la terra si riposerà? Ti prego, mostrami queste cose.

62 E il Signore disse ad Enoc: Guarda; ed egli guardò, e vide il Figlio dell'uomo innalzato sulla croce, alla maniera degli uomini.

63 E udì una voce forte, ei cieli erano velati; e tutte le creazioni di Dio piansero, e la terra gemette; e le rocce furono strappate; ei santi si levarono e furono incoronati alla destra del Figlio dell'uomo, con corone di gloria.

64 E tutti gli spiriti che erano in prigione uscirono e si fermarono alla destra di Dio. E il resto fu riservato nelle catene delle tenebre fino al giudizio del gran giorno.

65 E di nuovo Enoc pianse e gridò al Signore, dicendo: Quando si riposerà la terra?

66 Ed Enoc vide il Figlio dell'uomo salire al Padre; ed egli chiamò il Signore, dicendo: Non verresti tu di nuovo sulla terra? poiché tu sei Dio, e io ti conosco, e mi hai giurato, e mi hai comandato che dovessi chiedere nel nome del tuo Unigenito; tu mi hai creato, e mi hai dato diritto al tuo trono, e non da me stesso, ma per tua grazia; e perché ti chiedo se non verrai di nuovo sulla terra?

67 E il Signore disse a Enoc: Come io vivo, così verrò negli ultimi giorni, nei giorni della malvagità e della vendetta, per adempiere il giuramento che ti ho fatto riguardo ai figli di Noè.

68 E verrà il giorno in cui la terra si riposerà. Ma prima di quel giorno i cieli si oscureranno, e un velo di tenebre coprirà la terra; ei cieli tremeranno, e anche la terra.

69 E grandi tribolazioni vi saranno fra i figlioli degli uomini, ma io conserverò il mio popolo; e manderò la giustizia dal cielo, e manderò la verità dalla terra, per rendere testimonianza del mio Unigenito; la sua risurrezione dai morti; sì, e anche la risurrezione di tutti gli uomini.

70 E la giustizia e la verità farò spazzare la terra come con un diluvio, per raccogliere i miei eletti dai quattro lati della terra, in un luogo che preparerò; una città santa, affinché il mio popolo si cingi i lombi e attenda il tempo della mia venuta; poiché là sarà il mio tabernacolo, e sarà chiamato Sion; una Nuova Gerusalemme.

71 E il Signore disse ad Enoc: Allora tu e tutta la tua città li incontrerai là; e noi li accoglieremo nel nostro seno; ed essi ci vedranno, e noi cadremo sui loro colli, ed essi cadranno sui nostri colli, e noi ci baceremo;

72 E là sarà la mia dimora, e sarà Sion, che uscirà da tutte le creazioni che ho fatto; e per lo spazio di mille anni la terra riposerà.

73 E avvenne che Enoc vide il giorno della venuta del Figlio dell'uomo, negli ultimi giorni, per dimorare sulla terra, in rettitudine, per lo spazio di mille anni.

74 Ma prima di quel giorno vide una grande tribolazione tra gli empi; e vide anche il mare, che era agitato, e il cuore degli uomini veniva meno, aspettando con timore il giudizio dell'Iddio Onnipotente, che sarebbe sceso sugli empi.

75 E il Signore mostrò a Enoc ogni cosa, fino alla fine del mondo. E vide il giorno dei giusti, l'ora della loro redenzione, e ricevette una pienezza di gioia.

76 E tutti i giorni di Sion, ai giorni di Enoc, furono trecentosessantacinque anni.

77 Ed Enoc e tutto il suo popolo camminarono con Dio, ed egli abitò in mezzo a Sion.

78 E avvenne che Sion non c'era, poiché Dio l'ha ricevuta nel suo proprio seno; e di là usciva il detto: Sion è fuggita. E tutti i giorni di Enoc furono quattrocentotrent'anni.

79 E avvenne che Matusalemme, figlio di Enoc, non fu preso, affinché si adempissero le alleanze del Signore che aveva fatto con Enoc; poiché in verità fece un patto con Enoc, che Noè fosse del frutto dei suoi lombi.

80 E avvenne che Matusalemme profetizzò che dai suoi lombi sarebbero scaturiti tutti i regni della terra; (per mezzo di Noè) e si glorificò.

81 E venne una grande carestia nel paese, e il Signore maledisse la terra con una grave maledizione, e molti dei suoi abitanti morirono.

82 E avvenne che Matusalemme visse centottantasette anni, e generò Lamech; e Methuselah visse dopo aver generato Lamech, settecentottantadue anni, e generò figli e figlie. E tutti i giorni di Matusalemme furono novecentosessantanove anni, e morì.

83 E Lamec visse centottantadue anni, e generò un figlio, e lo chiamò Noè, dicendo: Questo figlio ci consolerà riguardo al nostro lavoro e alla fatica delle nostre mani, a causa della terra che il Signore ha maledetto .

84 E Lamech visse dopo aver generato Noè, cinquecentonovantacinque anni, e generò figli e figlie. E tutti i giorni di Lamech furono settecentosettantasette anni; ed è morto. 85 E Noè aveva quattrocentocinquanta anni e generò Iafet, e quarantadue anni dopo generò Sem, da colei che era la madre di Iafet, e quando questi aveva cinquecento anni generò Cam.

CAPITOLO 8

Dio dispiacque perché le figlie di Noè si vendono — Noè annuncia il vangelo — La terra ripiena di violenza — Preannunciato il diluvio — L'arca fatta — Comandamento di Noè — A due a due, il maschio e la sua femmina si salva — L'arca riposa, le acque si abbassano.

1 E Noè ei suoi figli diedero ascolto al Signore e prestarono attenzione; e furono chiamati figli di Dio.

2 E quando questi uomini cominciarono a moltiplicarsi sulla faccia della terra e nacquero loro delle figlie, i figli degli uomini videro che le loro figlie erano belle, e le presero per mogli come volevano.

3 E il Signore disse a Noè: Le figlie dei tuoi figli si sono vendute, poiché ecco, la mia ira si è accesa contro i figli degli uomini, perché non daranno ascolto alla mia voce.

4 E avvenne che Noè profetizzò e insegnò le cose di Dio, proprio com'era in principio.

5 E il Signore disse a Noè: Il mio spirito non lotterà sempre con l'uomo, poiché egli saprà che ogni carne morirà, ma i suoi giorni saranno centoventi anni; e se gli uomini non si pentono, manderò su di loro i diluvio.

6 E in quei giorni c'erano dei giganti sulla terra, e cercavano Noè per togliergli la vita;

7 Ma il Signore era con Noè, e la potenza del Signore era su di lui; e il Signore ordinò Noè secondo il suo proprio ordine, e gli comandò che andasse a proclamare il suo vangelo ai figlioli degli uomini, proprio come fu dato a Enoc.

8 E avvenne che Noè invocò i figlioli degli uomini, affinché si pentissero, ma non diedero ascolto alle sue parole.

9 E, dopo averlo udito, salirono davanti a lui, dicendo: Ecco, noi siamo figli di Dio, non abbiamo preso per noi le figlie degli uomini? e non stiamo mangiando e bevendo, e non ci sposiamo e non ci sposiamo? e le nostre mogli ci generano figli, e gli stessi sono uomini potenti, che sono come quelli di un tempo, uomini di grande fama. E non diedero ascolto alle parole di Noè.

10 E Dio vide che la malvagità dell'uomo era divenuta grande sulla terra; ed ogni uomo si elevava nell'immaginazione dei pensieri del suo cuore; essendo solo malvagio continuamente.

11 E avvenne che Noè continuò la sua predicazione al popolo, dicendo: Ascoltate e prestate attenzione alle mie parole, credete e pentitevi dei vostri peccati e siate battezzati nel nome di Gesù Cristo, il Figlio di Dio, proprio come nostro i padri l'hanno fatto, e voi riceverete lo Spirito Santo, affinché possiate avere tutte le cose rese manifeste;

12 E se non fai questo, i fiumi cadranno su di te; tuttavia, non hanno ascoltato.

13 E Noè si pentì, e il suo cuore fu addolorato, che il Signore aveva fatto l'uomo sulla terra, e lo addolorò nel suo cuore.

14 E il Signore disse: Io distruggerò l'uomo che ho creato, dalla faccia della terra, sia l'uomo che la bestia, i rettili e gli uccelli del cielo.

15 Poiché Noè si pente di averli creati e di averli fatti; ed egli mi ha invocato, perché hanno cercato la sua vita.

16 E così Noè trovò grazia agli occhi del Signore; poiché Noè era un uomo giusto e perfetto nella sua generazione; e camminò con Dio, e anche i suoi tre figli, Sem, Cam e Jafet.

17 La terra era corrotta davanti a Dio; ed era pieno di violenza. E Dio guardò la terra, ed ecco, era corrotta, poiché ogni carne aveva corrotto la sua via sulla terra.

18 E Dio disse a Noè: La fine di ogni carne è venuta dinanzi a me; poiché la terra è piena di violenza, ed ecco, io distruggerò ogni carne dalla terra.

19 Fa' di te dunque un'arca di legno di gopher; farai stanze nell'arca, e la farai crescere dentro e fuori con pece;

20 E farai trecento cubiti della lunghezza dell'arca; la sua larghezza cinquanta cubiti; e l'altezza di trenta cubiti.

21 E farai finestre all'arca, e in un cubito la finirai di sopra; e metterai la porta dell'arca dal lato di essa; farai in esso camere inferiori, seconda e terza.

22 Ed ecco, io anch'io farò venire un diluvio d'acqua sulla terra, per distruggere ogni carne, in cui è il soffio della vita, da sotto il cielo; ogni cosa che vive sulla terra morirà.

23 Ma con te stabilirò il mio patto, come ho giurato a tuo padre, Enoc, che dalla tua posterità verranno tutte le nazioni.

24 E tu entrerai nell'arca, tu ei tuoi figli, e tua moglie e le mogli dei tuoi figli con loro.

25 E di ogni essere vivente di ogni carne, ne porterai nell'arca due di ogni specie, per mantenersi in vita con te; saranno maschio e femmina.

26 Degli uccelli secondo la loro specie, e del bestiame secondo la loro specie, di ogni animale che striscia sulla terra, secondo la sua specie; ne porterai nell'arca due di ogni specie, per mantenerli in vita.

27 E prendi da te tutto il cibo che si mangia, e raccoglierai per te frutta di ogni specie nell'arca, e sarà di cibo per te e per loro.

28 Così fece Noè, secondo tutto ciò che Dio gli aveva comandato.

29 E il Signore disse a Noè: Vieni tu e tutta la tua casa nell'arca; poiché te solo ho visto giusto davanti a me, in questa generazione.

30 Di ogni bestia pura prenderai sette per te, il maschio e la sua femmina; e delle bestie che non sono mondate per due, il maschio e la sua femmina;

31 Di uccelli anche dell'aria, a sette, il maschio e la sua femmina; per mantenere vivo il seme sulla faccia della terra.

32 Per ancora sette giorni, e farò piovere sulla terra quaranta giorni e quaranta notti; e ogni sostanza vivente che ho fatto la distruggerò dalla faccia della terra.

33 E Noè fece secondo tutto ciò che il Signore gli aveva comandato. E Noè aveva seicento anni quando il diluvio delle acque era sulla terra.

34 E Noè entrò, ei suoi figli, e sua moglie e le mogli dei suoi figli con lui, nell'arca, a causa delle acque del diluvio.

35 Di bestie pure e di bestie che non erano pure, di uccelli e di ogni cosa che striscia sulla terra, due a due andarono da Noè nell'arca, il maschio e la femmina, come Dio aveva comandato Noè.

36 E avvenne, dopo sette giorni, che le acque del diluvio furono sulla terra. Nell'anno seicentesimo della vita di Noè, nel secondo mese e nel diciassettesimo giorno del mese, tutte le fontane del grande abisso furono frantumate, si aprirono le finestre del cielo e piovve terra quaranta giorni e quaranta notti.

37 Nello stesso giorno entrarono Noè, Sem, Cam e Iafet, figli di Noè; e la moglie di Noè, e le tre mogli dei suoi figli con loro nell'arca; essi, e ogni animale secondo la sua specie, e tutto il bestiame secondo la sua specie, e ogni animale che striscia sulla terra, secondo la sua specie, e ogni uccello secondo la sua specie, e ogni uccello di ogni specie;

38 E andarono da Noè, nell'arca, due più due di ogni carne, dove è il soffio della vita; e quelli che entravano, entravano maschio e femmina di ogni carne, come Dio gli aveva comandato, e il Signore lo rinchiuse.

39 E il diluvio durò quaranta giorni sulla terra, e le acque crebbero, e scoprirono l'arca, ed essa fu innalzata al di sopra della terra.

40 E le acque prevalsero e crebbero grandemente sulla terra, e l'arca andò sulla superficie delle acque.

41 E le acque prevalsero enormemente sulla faccia della terra, e tutti gli alti colli, sotto tutti i cieli furono coperti. Quindici cubiti e più in alto prevalsero le acque; e le montagne erano coperte.

42 E ogni carne che si muoveva sulla faccia della terra morì, sia di uccelli, sia di bestiame, e di bestie, e di ogni animale che striscia sulla terra, e di ogni uomo.

43 Tutti quelli nelle cui narici il Signore aveva alitato un alito di vita, di tutti quelli che erano sull'asciutto, morirono.

44 E ogni sostanza vivente che era sulla superficie del suolo fu distrutta, sia l'uomo, sia il bestiame, ei rettili e gli uccelli del cielo; e furono distrutti dalla terra;

45 E Noè solo rimase, e quelli che erano con lui nell'arca.

46 E le acque prevalsero sulla terra centocinquanta giorni.

47 E Dio si ricordò di Noè e di tutti quelli che erano con lui nell'arca. E Dio fece passare un vento sulla terra e le acque placarono.

48 Anche le fontane dell'abisso e le finestre del cielo furono chiuse e la pioggia dal cielo fu trattenuta; e le acque tornarono dalla terra.

49 E dopo la fine dei centocinquanta giorni, le acque si abbassarono. E l'arca si riposò nel settimo mese, il diciassettesimo giorno del mese, sul monte di Ararat.

50 E le acque diminuirono fino al decimo mese; e nel decimo mese, il primo giorno del mese, si vedevano le cime dei monti.

51 E avvenne, al termine di quaranta giorni, che Noè aprì la finestra dell'arca che aveva fatto, e mandò un corvo, che andava avanti e indietro, finché le acque si asciugarono dal terra.

52 Egli mandò anche da lui una colomba, per vedere se le acque si fossero ritirate dalla superficie del suolo; ma la colomba non trovò riposo per la pianta del suo piede, e tornò da lui nell'arca, poiché le acque non si erano ritirate dalla faccia di tutta la terra; poi stese la mano, la prese e la trascinò a sé nell'arca.

53 E stette ancora altri sette giorni, e di nuovo mandò fuori dall'arca la colomba, e la colomba entrò da lui la sera; ed ecco, nella sua bocca una foglia d'ulivo strappata; così Noè seppe che le acque si erano ritirate dalla terra.

54 E stette ancora altri sette giorni, e mandò una colomba, che non tornava più da lui.

55 E avvenne che nell'anno seicentouno, nel primo mese, il primo giorno del mese, le acque si seccarono dalla terra.

56 E Noè tolse la copertura dell'arca, e guardò, ed ecco, la faccia della terra era asciutta. E nel secondo mese, il settimo e il ventesimo giorno del mese, la terra fu asciugata.

CAPITOLO 9

Noè costruisce un altare — Comandamento di non spargere sangue — L'alleanza di Dio, il suo segno tra le nuvole — La follia di Noè, i suoi risultati.

1 E Dio parlò a Noè, dicendo: Esci dall'arca tu, tua moglie, i tuoi figli e le mogli dei tuoi figli teco.

2 Produci con te ogni essere vivente che è con te, di ogni carne, sia di uccelli che di bestiame, e di ogni animale che striscia sulla terra; affinché possano riprodursi in abbondanza sulla terra, essere fecondi e moltiplicarsi sulla terra.

3 E Noè uscì, ei suoi figli, e sua moglie e le mogli dei suoi figli con lui. E ogni bestia, ogni strisciante e ogni uccello sulla terra, secondo la loro specie, uscirono dall'arca.

4 E Noè costruì un altare all'Eterno, prese di ogni bestia pura e di ogni uccello puro, e offrì olocausti sull'altare; e rese grazie al Signore, e gioì nel suo cuore.

5 E il Signore parlò a Noè, ed egli lo benedisse. E Noè annusò un dolce sapore, e disse in cuor suo;

6 Invocherò il nome del Signore, perché non maledica più la terra per amore dell'uomo, perché l'immaginazione del cuore dell'uomo è malvagia fin dalla sua giovinezza; e che non colpirà più ogni cosa vivente, come ha fatto, finché la terra rimane;

7 E che la semina e la mietitura, e il freddo e il caldo, e l'estate e l'inverno, e il giorno e la notte, non possano cessare con l'uomo.

8 E Dio benedisse Noè ei suoi figli, e disse loro: Siate fecondi e moltiplicatevi, e riempite la terra. E il timore di te e il tuo terrore saranno su ogni bestia della terra e su ogni uccello del cielo, su tutto ciò che si muove sulla terra e su tutti i pesci del mare; nella tua mano sono consegnati.

9 Ogni cosa vivente che si muove sarà per te cibo; proprio come l'erba verde ti ho dato tutte le cose.

10 Ma il sangue di ogni carne che vi ho dato come cibo, sarà sparso sulla terra, che ne toglie la vita, e voi non ne mangerete il sangue.

11 E sicuramente, il sangue non sarà sparso, ma solo per il cibo, per salvare le vostre vite; e chiederò dalle tue mani il sangue di ogni bestia.

12 E chi sparge il sangue dell'uomo, dall'uomo sarà sparso il suo sangue; poiché l'uomo non verserà il sangue dell'uomo.

13 Per comandamento do: che il fratello di ogni uomo conservi la vita dell'uomo, perché a mia propria immagine ho fatto l'uomo.

14 E vi do un comandamento: siate fecondi e moltiplicatevi; procreate in abbondanza sulla terra e vi moltiplicate.

15 E Dio parlò a Noè e ai suoi figli con lui, dicendo: Ed io, ecco, io stabilirò il mio patto con te, che avevo fatto con tuo padre Enoc, riguardo alla tua discendenza dopo di te.

16 E avverrà che ogni essere vivente che è con te, dell'uccello, del bestiame e della bestia della terra che è con te, che uscirà dall'arca, non perirà del tutto ; né ogni carne sarà più sterminata dalle acque del diluvio; né ci sarà più un diluvio per distruggere la terra.

17 E stabilirò con te il mio patto che ho fatto con Enoc, riguardo ai superstiti della tua posterità.

18 E Dio fece un patto con Noè, e disse: Questo sarà il segno del patto che io faccio tra me e te, e per ogni creatura vivente con te, per generazioni perpetue;

19 Metterò il mio arco nella nuvola; e sarà per segno di un patto tra me e la terra.

20 E avverrà, quando porterò una nuvola sulla terra, che l'arco sarà visto nella nuvola; e ricorderò la mia alleanza, che ho stipulato tra me e te, per ogni essere vivente di ogni carne. E le acque non diventeranno più un diluvio per distruggere ogni carne.

21 E l'arco sarà nella nuvola; e lo guarderò, per poter ricordare l'alleanza eterna, che ho fatto a tuo padre Enoc; affinché, quando gli uomini dovessero osservare tutti i miei comandamenti, Sion venga di nuovo sulla terra, la città di Enoc che io stesso ho rapito.

22 E questo è il mio patto eterno, che quando la tua posterità abbraccerà la verità e guarderà in alto, allora Sion guarderà in basso, e tutti i cieli tremeranno di gioia e la terra tremerà di gioia;

23 E l'assemblea generale della chiesa del primogenito scenderà dal cielo, prenderà possesso della terra e avrà luogo fino alla fine. E questo è il mio patto eterno, che ho fatto con tuo padre Enoc.

24 E l'arco sarà nella nuvola, e io stabilirò con te il mio patto, che ho fatto tra me e te, per ogni creatura vivente di ogni carne che sarà sulla terra.

25 E Dio disse a Noè: Questo è il segno del patto che ho stabilito tra me e te; per ogni carne che sarà sulla terra.

26 E i figli di Noè che uscirono dall'arca furono Sem, Cam e Iafet; e Cam fu padre di Canaan. Questi furono i tre figli di Noè, e da loro era distesa tutta la terra.

27 E Noè cominciò ad arare la terra, ed era un agricoltore; e piantò una vigna, bevve del vino e si ubriacò; e fu scoperto nella sua tenda;

28 E Cam, padre di Canaan, vide la nudità di suo padre, e disse ai suoi fratelli di fuori; e Sem e Iafet presero una veste e si misero su entrambe le spalle, e tornarono indietro e coprirono la nudità del loro padre, e non videro la nudità del loro padre.

29 E Noè si svegliò dal suo vino, e seppe ciò che il suo figlio più giovane gli aveva fatto, e disse: Maledetto sia Canaan; servo dei servi sarà per i suoi fratelli.

30 E disse: Benedetto sia il Signore, Dio di Sem; e Canaan sarà suo servo, e un velo di tenebre lo coprirà, affinché sarà conosciuto da tutti gli uomini.

31 Dio allargherà Iafet, ed egli abiterà nelle tende di Sem; e Canaan sarà suo servo.

32 E Noè visse, dopo il diluvio, trecentocinquanta anni. E tutti i giorni di Noè furono novecentocinquanta anni; ed è morto.

CAPITOLO 10

Genealogia dei figli di Noè.

1 Queste furono le generazioni de' figliuoli di Noè; Sem, Cam e Iafet; e da loro nacquero figli dopo il diluvio.

2 I figli di Iafet; Gomer e Magog, Madai e Iavan, Tubal, Meschech e Tiras.

3 E questi sono i figli di Gomer; Ashkenaz e Riphath e Togarmah. E i figli di Iavan; Elisha e Tarsis, Kittim e Dodanim. Da questi erano divise le isole dei Gentili nelle loro terre; ciascuno secondo la stessa lingua, secondo le loro famiglie, nelle loro nazioni.

4 E i figli di Cam; Cush, Mizraim, Phut e Canaan. E i figli di Cush; Seba, e Havilah, e Sabtah, e Rama, e Sabtecha. E i figli di Rama; Saba e Dedan.

5 E Cush generò Nimrod; cominciò ad essere un potente sulla terra. Era un potente cacciatore della terra. Pertanto, si dice; Anche come Nimrod, il potente cacciatore della terra.

6 E iniziò un regno, e l'inizio del suo regno fu Babele, Erech, Accad e Calne, nel paese di Sennaar.

7 Da quel paese uscì Assur e costruì Ninive, e la città Rehoboth, e Calah, e Resen tra Ninive e Calah; la stessa era una grande città.

8 Mizraim generò Ludim, Anamim, Lehabim, Naphtuhim, Pathrusim e Casluhim, dai quali uscirono Filistei e Caftorim.

9 E Canaan generò Sidone, suo primogenito, e Heth, e il Gebuseo, e l'Amorrei, e Ghirgashite, e l'Eveo, e l'Archita, e il Sinito, e l'Arvadita, e Zemarita, e l'Amatita; e dopo si sparsero le famiglie dei Cananei.

10 E i confini dei Cananei erano da Sidone, come tu vieni a Gherar fino a Gaza; come tu vai a Sodoma e Gomorra, e Adma e Zeboim fino a Lasa.

11 Questi furono i figli di Cam, secondo le loro famiglie, secondo la stessa lingua, nei loro paesi e nelle loro nazioni.

12 Anche a Sem, che era il maggiore, nacquero dei figli; ed egli fu padre di Eber, e anche da lui nacquero dei figli.

13 E questi sono i figliuoli di Sem; Eber, Elam, Assur, Arphaxad, Lud e Aram.

14 E questi furono i figliuoli di Aram; Noi, e Hul, e Gether, e Mash.

15 E Arphaxad generò Salah, e Salah generò Eber. E ad Eber nacquero due figli; il nome di uno, Peleg, l'altro Joktan.

16 E Peleg era un uomo potente, perché ai suoi giorni la terra era divisa.

17 E Joktan generò Almodad, Sheleph, Hazarmaveth, Jerah, Hadoram, Uzal, Diklah, Obal, Abimael, Sheba, Ofar, Havilah e Jobab; e questi furono i figli di Ioctan.

18 E la loro dimora era da Mesha, mentre tu vai a Sefar, un monte dell'oriente.

19 Questi furono i figli di Sem, secondo le loro famiglie, secondo le loro lingue, nei loro paesi, secondo le loro nazioni.

20 Queste furono le famiglie dei figli di Noè, secondo le loro generazioni, nelle loro nazioni; e da questi furono divise le nazioni sulla terra, dopo il diluvio.

CAPITOLO 11

Babele costruita - Lingua confusa - Generazioni di Shem - Nato Abramo; sposato, e va in Canaan.

1 E tutta la terra era della stessa lingua e della stessa lingua. E avvenne che molti partirono da oriente, e mentre viaggiavano da oriente, trovarono una pianura nel paese di Sennaar, e vi dimorarono nella pianura di Sennaar.

2 E si dissero l'un l'altro: Venite, andate, facciamo dei mattoni e li bruciamo bene. E avevano mattone per pietra, e melma per malta.

3 E dissero: «Vieni, va', costruiamoci una città e una torre la cui cima sarà alta, vicina al cielo; e facciamo di noi un nome, per non essere dispersi sulla faccia di tutta la terra.

4 E il Signore scese, vedendo la città e la torre che i figli degli uomini stavano costruendo;

5 E il Signore disse: Ecco, il popolo è lo stesso, e tutti hanno la stessa lingua; e questa torre cominciano a costruire, e ora nulla sarà trattenuto da loro, che hanno immaginato, tranne che io, il Signore, confondo il loro linguaggio, affinché non possano capire il discorso dell'altro. Così io, il Signore, li disperderò di là, su tutta la faccia del paese e in ogni parte della terra.

6 Ed essi furono confusi e abbandonarono la costruzione della città, e non diedero ascolto al Signore, perciò si chiama Babel, perché il Signore si scontentò delle loro opere, e vi confuse il linguaggio di tutti i terra; e di là il Signore li disperse sulla sua faccia.

7 E queste furono le generazioni di Sem. E avendo Sem cento anni, generò Arphaxad due anni dopo il diluvio; e Sem visse dopo aver generato Arphaxad cinquecento anni, e generò figli e figlie.

8 E Arphaxad visse trentacinque anni, e generò Salah; e Arphaxad visse dopo aver generato Salah, quattrocentotre anni, e generò figli e figlie.

9 E Salah visse trent'anni, e generò Eber; e Salah visse dopo aver generato Eber quattrocentotre anni, e generò figli e figlie.

10 Ed Eber visse trentaquattro anni, e generò Peleg; ed Eber visse dopo aver generato Peleg quattrocentotrenta anni, e generò figli e figlie.

11 E Peleg visse trent'anni e generò Reu; e Peleg visse dopo aver generato Reu, duecentonove anni, e generò figli e figlie.

12 E Reu visse trentadue anni e generò Serug; e Reu visse dopo aver generato Serug duecentosette anni, e generò figli e figlie.

13 E Serug visse trent'anni e generò Nahor; e Serug visse dopo aver generato Nahor duecento anni, e generò figli e figlie.

14 E Nahor visse nove e venti anni, e generò Terah; e Nahor visse dopo aver generato Terah e centodiciannove anni, e generò figli e figlie.

15 E Terah visse settant'anni e generò Abram, Nahor e Haran.

16 Queste furono le generazioni di Terah; Terah generò Abram, Nahor e Haran; e Haran generò Lot.

17 E Caran morì davanti a suo padre Terah, nel suo paese natale, a Ur dei Caldei.

18 E Abram e Nahor li presero mogli; e il nome della moglie di Abramo era Sarai; e il nome della moglie di Nahor, Milca, figlia di Caran, padre di Milca e padre di Isca; ma Sarai era sterile e non aveva figli.

19 E Terah prese suo figlio Abram, e Lot figlio di Caran, figlio di suo figlio, e Sarai sua nuora, moglie di suo figlio Abram; e uscì con loro da Ur dei Caldei, per andare nel paese di Canaan; e giunsero a Caran, e vi si stabilirono.

20 E i giorni di Terah furono duecentocinque anni; e Terah morì ad Haran.

CAPITOLO 12

Il comando di Dio ad Abramo — Egli obbedisce per fede — Patto con Abramo — Faraone afflitto per amore di Sarai.

1 Ora, il Signore aveva detto ad Abramo: Vattene dal tuo paese, dalla tua stirpe e dalla casa di tuo padre, verso un paese che io ti mostrerò;

2 E farò di te una grande nazione, ti benedirò e renderò grande il tuo nome; e tu sarai una benedizione; e io benedirò quelli che ti benedicono, e maledirò quelli che ti maledicono; e in te saranno benedette le famiglie della terra.

3 Allora Abramo se ne andò, come il Signore gli aveva parlato; e Lot andò con lui. E Abramo aveva settantacinque anni quando partì da Carran.

4 E Abram prese Sarai, sua moglie, e Lot, figlio di suo fratello, e tutto il loro patrimonio che avevano raccolto, e le anime che aveano prese in Caran; e uscirono per andare nel paese di Canaan; e giunsero nel paese di Canaan.

5 E Abram attraversò il paese fino al luogo di Sichem e alla pianura di Moreh. E i Cananei erano allora nel paese.

6 E il Signore apparve ad Abramo e disse: Alla tua discendenza io darò questo paese. E là costruì un altare al Signore, che gli apparve.

7 E di là si trasferì su un monte a oriente di Betel, e piantò la sua tenda, lasciando Betel a occidente, e Hai a oriente. E là costruì un altare al Signore, e invocò il nome del Signore. E Abramo si mise in viaggio, proseguendo ancora verso sud.

8 E vi fu una carestia nel paese; e Abramo scese in Egitto per soggiornarvi; poiché la carestia si fece grave nel paese.

9 E avvenne, quando fu vicino per entrare in Egitto, che disse a Sarai sua moglie: Ecco, ora so che sei una bella donna da guardare; perciò avverrà, quando gli Egiziani ti vedranno, che diranno: Questa è sua moglie; e mi uccideranno, ma ti salveranno in vita; di' loro che ti prego, io sono sua sorella; affinché mi vada bene per amor tuo; e l'anima mia vivrà per te.

10 E avvenne che quando Abramo fu entrato in Egitto, gli Egiziani videro la donna, che era molto bella.

11 Anche i capi del Faraone la videro e ordinarono che fosse condotta davanti al Faraone; e la donna fu portata in casa del faraone.

12 E pregò bene Abram per amor di lei; e aveva pecore e buoi, e asini, e servi e serve, e lei asini e cammelli.

13 E il Signore colpì il Faraone e la sua casa con grandi piaghe, a causa di Sarai, moglie di Abram.

14 E Faraone chiamò Abram e gli disse: Che mi hai fatto in questo? Perché non mi hai detto che era tua moglie? Perché hai detto: Lei è mia sorella? così avrei potuto prendermela in moglie; ora dunque, ecco, io ti dico: Prendi tua moglie e va'.

15 E Faraone comandò agli uomini riguardo a lui; e lo mandarono via, e sua moglie, e tutto ciò che aveva.

CAPITOLO 13

Abramo esce dall'Egitto - Separazione di Abramo e Lot, con i loro beni - Abramo abita a Mamre, Lot nella pianura verso Sodoma.

1 E Abram uscì dall'Egitto, lui, sua moglie e tutto ciò che aveva, e Lot con lui, a sud. E Abram era ricchissimo di bestiame, d'argento e d'oro.

2 E partì dal sud, fino a Betel, al luogo dove in principio era stata la sua tenda, fra Betel e Hai; al luogo dell'altare, che vi aveva fatto prima; e là Abramo invocò il nome del Signore.

3 E anche Lot, che andava con Abram, aveva greggi, armenti e tende.

4 E il paese non poteva sopportarli, affinché abitassero insieme; poiché la loro sostanza era grande, così che non potevano abitare insieme. E vi fu una contesa tra i mandriani del bestiame di Abramo ei mandriani del bestiame di Lot, che non potevano abitare insieme.

5 E il Cananeo e il Perizzita abitarono allora nel paese.

6 E Abram disse a Lot: Non vi sia contesa, ti prego, fra me e te, e fra i miei mandriani ei tuoi mandriani; perché siamo fratelli.

7 Non è tutto il paese davanti a te? Separati, ti prego, da me; se vai a sinistra, io andrò a destra; se tu vai a destra, allora io andrò a sinistra.

8 E Lot alzò gli occhi e vide tutta la pianura del Giordano, che era dovunque ben irrigata, prima che il Signore distruggesse Sodoma e Gomorra, come il giardino del Signore, come il paese d'Egitto.

9 Allora Lot lo scelse per tutta la pianura del Giordano; e Lot si diresse verso oriente; e si separarono l'uno dall'altro.

10 Abramo abitò nel paese di Canaan, e Lot abitò nelle città della pianura e piantò la sua tenda verso Sodoma.

11 Ma gli uomini di Sodoma, divenuti peccatori e estremamente malvagi davanti al Signore, il Signore si adirò contro di loro.

12 E il Signore disse ad Abramo, dopo che Lot si era separato da lui: Alza ora gli occhi e guarda dal luogo in cui sei, a nord, a sud, e a oriente e a occidente;

13 E ricorda il patto che io faccio con te; poiché sarà un patto eterno; e ricorderai i giorni di Enoc tuo padre;

14 Poiché tutto il paese che vedi, io ti darò e alla tua discendenza per sempre; e renderò la tua progenie come la polvere della terra; così che se uno può contare la polvere della terra, anche la tua discendenza sarà contata.

15 Alzati, cammina per il paese in lungo e in largo, perché io te lo darò. Allora Abramo rimosse la sua tenda, venne ad abitare nella pianura di Mamre, che era a Hebron, e vi costruì un altare al Signore.

CAPITOLO 14

Melchisedec benedice Abramo e gli dà pane e vino — Lot preso prigioniero, viene liberato da Abramo — Il sacerdozio — Abramo paga le decime a Melchisedec, custode del deposito del Signore.

1 E avvenne ai giorni di Amrafel re di Sennaar, e di Arioch re di Ellasar, e Chedorlaomer re di Elam, e di Tidal re delle nazioni;

2 Questi re fecero guerra a Bera, re di Sodoma, e a Birsa, re di Gomorra, a Shinab, re di Adma, e a Shemeber, re di Zeboim, e al re di Bela, che è Zoar.

3 Tutti questi furono riuniti nella valle di Siddim, che è il mare salato;

4 Per dodici anni servirono Chedorlaomer e nel tredicesimo anno si ribellarono.

5 E nell'anno quattordicesimo venne Chedorlaomer e i re che erano con lui, e sconfissero i Refaim ad Ashteroth Karnaim, e gli Zuzim a Ham, e gli Emim a Shaveh Kiriathaim e gli Horei sul loro monte Seir, fino a Elparan, che era presso il deserto.

6 E tornarono e giunsero a Enmishpat, che è Kades, e percossero tutto il paese degli Amaleciti e anche gli Amorrei, a Hazezontamar.

7 E uscirono il re di Sodoma, e il re di Gomorra, e il re di Adma, e il re di Zeboim, e il re di Bela, che è Zoar;

8 E si unirono a loro battaglia nella valle di Siddim; con Chedorlaomer re di Elam, e con Tidal re delle nazioni, e Amrafel re di Sennaar, e Arioch re di Ellasar; quattro re con cinque.

9 E la valle di Siddim era piena di pozzi di melma; ei re di Sodoma e Gomorra fuggirono e vi caddero; e quelli che rimasero fuggirono al monte che era chiamato Hanabal.

10 E presero tutti i beni di Sodoma e Gomorra, e tutte le loro vettovaglie, e se ne andarono.

11 E presero Lot, figlio del fratello di Abram, che abitava a Sodoma, e i suoi beni, e se ne andò.

12 E venne uno che era scampato e lo riferì ad Abram l'ebreo, l'uomo di Dio, perché abitava nella pianura di Mamre l'Amorrei, fratello di Eschol e fratello di Aner; e questi erano alleati di Abram.

13 E quando Abramo seppe che Lot, figlio di suo fratello, era stato fatto prigioniero, armò i suoi uomini addestrati, e quelli che erano nati nella sua propria casa, trecentodiciotto, e inseguì Dan.

14 E si divise contro di loro, lui ei suoi uomini, di notte, e li percosse, e li inseguì fino a Hobah, che era alla sinistra di Damasco.

15 E ricondusse Lot, figlio di suo fratello, e tutti i suoi beni, e anche le donne e il popolo.

16 E anche il re di Sodoma gli uscì incontro dopo il suo ritorno dal massacro di Chedorlaomer e dei re che erano con lui, nella valle di Shaveh, che era la valle del re.

17 E Melchisedec, re di Salem, portò pane e vino; e spezzò il pane e lo benedisse; e benedisse il vino, essendo sacerdote dell'Iddio altissimo,

18 E diede ad Abramo, ed egli lo benedisse, e disse: Beato Abramo, tu sei un uomo dell'Iddio altissimo, possessore del cielo e della terra;

19 E benedetto è il nome dell'Iddio altissimo, che ha messo nelle tue mani i tuoi nemici.

20 E Abramo gli diede le decime di tutto ciò che aveva preso.

21 E il re di Sodoma disse ad Abramo: Dammi le persone e prendi per te i beni.

22 E Abramo disse al re di Sodoma: Io ho alzato la mia mano verso il Signore, l'Iddio altissimo, possessore del cielo e della terra.

23 E ho giurato che non ti prenderò da un filo nemmeno a un fermascarpe, e che non prenderò nulla di tuo, (perché tu non dica: ho arricchito Abramo;)

24 Salvo solo quello che hanno mangiato i giovani e la parte degli uomini che sono venuti con me, Ener, Eschol e Mamre; lascia che prendano la loro parte.

25 E Melchisedec alzò la voce e benedisse Abramo.

26 Or Melchisedec era un uomo di fede, che operava la giustizia; e quand'era fanciullo temeva Dio, tappava le bocche dei leoni e spegneva la violenza del fuoco.

27 E così, essendo stato approvato da Dio, fu ordinato sommo sacerdote secondo l'ordine del patto che Dio fece con Enoc,

28 Essendo secondo l'ordine del Figlio di Dio; quale ordine è venuto, non dall'uomo, né dalla volontà dell'uomo; né dal padre né dalla madre; né all'inizio dei giorni né alla fine degli anni; ma di Dio;

29 E fu trasmesso agli uomini mediante l'appello della sua propria voce, secondo la sua propria volontà, a quanti credettero nel suo nome.

30 Poiché Dio ha giurato a Enoc e alla sua discendenza con un giuramento per se stesso; che ogni essere ordinato secondo questo ordine e chiamata abbia il potere, per fede, di rompere le montagne, di dividere i mari, di prosciugare le acque, di farle deviare dal loro corso;

31 Per sfidare gli eserciti delle nazioni, per dividere la terra, per spezzare ogni banda, per stare alla presenza di Dio; fare ogni cosa secondo la sua volontà, secondo il suo comando, sottomettere principati e potestà; e questo per volontà del Figlio di Dio che fu prima della fondazione del mondo.

32 E uomini che avevano questa fede, venendo a quest'ordine di Dio, furono traslati e assunti in cielo.

33 Ed ora Melchisedec era sacerdote di questo ordine; perciò ottenne la pace a Salem, e fu chiamato il Principe della pace.

34 E il suo popolo operò giustizia, ottenne il cielo, e cercò la città di Enoc che Dio aveva prima preso, separandola dalla terra, avendola riservata agli ultimi giorni, o alla fine del mondo;

35 E ha detto, e giurato, che i cieli e la terra si sarebbero uniti; ei figli di Dio dovrebbero essere provati come col fuoco.

36 E questo Melchisedec, avendo così stabilito la giustizia, fu chiamato dal suo popolo il re del cielo, o, in altre parole, il re della pace.

37 E alzò la voce e benedisse Abramo, che era il sommo sacerdote e il custode del deposito di Dio;

38 Colui che Dio aveva stabilito per ricevere le decime per i poveri.

39 Pertanto Abramo gli pagò le decime di tutto ciò che aveva, di tutte le ricchezze che possedeva, che Dio gli aveva dato più di quanto aveva bisogno.

40 E avvenne che Dio benedisse Abramo e gli diede ricchezze, onore e terre in possesso eterno; secondo il patto che aveva fatto e secondo la benedizione con cui Melchisedec lo aveva benedetto.

CAPITOLO 15

Dio fa patti con Abramo — La visione di Abramo — La prigionia predetta.

1 E avvenne che, dopo queste cose, la parola del Signore fu rivolta ad Abramo in visione, dicendo:

2 Non temere, Abramo; sarò il tuo scudo; Sarò la tua grandissima ricompensa. E secondo le benedizioni del mio servitore, io ti darò.

3 E Abram disse: Signore Iddio, cosa mi dai, visto che vado senza figli, ed Eliezer di Damasco è stato nominato amministratore della mia casa?

4 E Abram disse: Ecco, a me tu non hai dato seme; ed ecco, uno nato in casa mia è mio erede.

5 Ed ecco, la parola del Signore gli fu rivolta di nuovo, dicendo:

6 Questo non sarà tuo erede; ma colui che uscirà dalle tue viscere sarà tuo erede.

7 E lo fece uscire fuori, e disse: Guarda ora verso il cielo e parla alle stelle, se riesci a contarle.

8 Ed egli gli disse: così sarà la tua discendenza.

9 E Abram disse: Signore Dio, come mi darai questo paese in eredità eterna?

10 E il Signore disse: Anche se eri morto, tuttavia non posso dartelo?

11 E se tu morirai, tuttavia lo possederai, poiché viene il giorno in cui il Figlio dell'uomo vivrà; ma come può vivere se non è morto? deve prima essere vivificato.

12 E avvenne che Abramo guardò avanti e vide i giorni del Figlio dell'uomo, e si rallegrò, e la sua anima trovò riposo, e credette nel Signore; e il Signore glielo contò come giustizia.

13 E il Signore gli disse: Io, il Signore, ti ho fatto uscire da Ur, dei Caldei, per darti questo paese in sua eredità.

14 E Abram disse: Signore, da che cosa saprò che lo erediterò? eppure credeva in Dio. E il Signore gli disse: Prendimi una giovenca di tre anni, una capra di tre anni, un montone di tre anni, una tortora e un giovane piccione.

15 E prese a sé tutti questi, e li divise in mezzo, e ne posò ciascuno uno contro l'altro; ma gli uccelli non lo divisero.

16 E quando gli uccelli caddero sui cadaveri, Abramo li scacciò. E quando il sole stava tramontando, un sonno profondo cadde su Abramo; ed ecco, un grande orrore delle tenebre cadde su di lui.

17 E il Signore parlò, e disse ad Abramo: Sappi per certo che la tua discendenza sarà straniera in un paese che non sarà loro, e servirà stranieri; ed essi saranno afflitti, e li serviranno per quattrocento anni; e anche la nazione che essi serviranno io giudicherò; e poi usciranno con grande sostanza.

18 E tu morirai, e andrai in pace dai tuoi padri; sarai sepolto in una buona vecchiaia.

19 Ma nella quarta generazione verranno di nuovo qui; poiché l'iniquità degli Amorei non è ancora piena.

20 E avvenne che, quando il sole tramontava, ed era buio, ecco una fornace fumante e una lampada ardente che passavano fra quei pezzi che Abramo aveva diviso.

21 E in quello stesso giorno il Signore fece un patto con Abramo, dicendo: Alla tua discendenza ho dato questo paese, dal fiume d'Egitto fino al gran fiume Eufrate;

22 I Keniti, i Kenaziti, i Kadmoniti, gli Ittiti, i Perizziti, i Refaim, gli Amorei, i Cananei, i Ghirgashiti ei Gebusei.

CAPITOLO 16

Il dono di Sarai ad Abramo — Dio non riconosce Agar come la moglie di Abramo, nata Ismaele — A Sarai viene promesso un figlio.

1 Ora Sarai, moglie di Abramo, non gli partorì figli. E aveva un'ancella, un'egiziana, il cui nome era Agar.

2 E Sarai disse ad Abram: Ecco, ora il Signore mi ha trattenuto dal portare; Ti prego, entra dalla mia serva; può darsi che io possa ottenere dei figli da lei. E Abramo diede ascolto alla voce di Sarai.

3 E Sarai, moglie di Abram, prese Agar, la sua serva, l'egiziana, dopo che Abram aveva abitato dieci anni nel paese di Canaan, e la diede in moglie ad Abram suo marito.

4 Ed egli entrò da Agar, ed ella concepì; e quando vide che aveva concepito, la sua padrona fu disprezzata ai suoi occhi.

5 E Sarai disse ad Abram: Il mio torto è su di te; ho dato la mia serva nel tuo seno; e quando vide che aveva concepito, fui disprezzato ai suoi occhi; il Signore giudica tra me e te.

6 Ma Abram disse a Sarai: Ecco, la tua serva è nelle tue mani; fa' a lei come ti piace.

7 E quando Sarai l'ha trattata duramente, è fuggita dalla sua faccia.

8 E un angelo del Signore la trovò presso una fonte d'acqua nel deserto, presso la fonte sulla via di Sur.

9 E disse: Agar, serva di Sarai, da dove vieni e dove andrai? e lei disse: Fuggo dal volto della mia padrona Sarai.

10 E l'angelo del Signore le disse: Torna dalla tua padrona e sottomettiti alle sue mani.

11 E l'angelo del Signore le disse: Il Signore moltiplicherà enormemente la tua discendenza, così che non sarà contata per moltitudine.

12 E l'angelo del Signore le disse: Ecco, tu sei incinta e partorirai un figlio e lo chiamerai Ismaele, perché il Signore ha ascoltato le tue afflizioni.

13 E sarà un uomo selvaggio; e la sua mano sarà contro ogni uomo, e la mano di ciascuno contro di lui; e abiterà alla presenza di tutti i suoi fratelli.

14 E chiamò il nome dell'angelo del Signore.

15 Ed egli le parlò, dicendo: Sai tu che Dio ti vede?

16 Ed ella disse: So che Dio mi vede, perché anche qui mi sono preso cura di lui.

17 E c'era un pozzo tra Kades e Bered, vicino a dove Agar vide l'angelo.

18 E il nome dell'angelo era Beer-la-hai-roi; pertanto il pozzo fu chiamato Beer-la-hai-roi per un memoriale.

19 E Agar partorì un figlio Abram; e Abramo chiamò il figlio di suo figlio, che Agar ha portato, Ismaele.

20 E Abram aveva quattro venti e sei anni, quando Agar partorì Ismaele ad Abram.

CAPITOLO 17

Il nuovo nome di Abram: istituita la circoncisione.

1 E quando Abramo aveva novantanove anni, il Signore apparve ad Abramo e gli disse: Io, l'Iddio onnipotente, ti do un comandamento; che camminerai rettamente davanti a me e sarai perfetto.

2 E io stabilirò il mio patto fra me e te, e ti moltiplicherò enormemente.

3 E avvenne che Abramo si gettò con la faccia a terra e invocò il nome del Signore.

4 E Dio gli parlò, dicendo: Il mio popolo si è sviato dai miei precetti e non ha osservato i miei statuti, che io diedi ai loro padri;

5 E non hanno osservato la mia unzione, né la sepoltura, né il battesimo con cui avevo loro comandato;

6 Ma si sono allontanati dal comandamento e hanno preso su di sé il bucato dei bambini e il sangue dell'aspersione;

7 E hanno detto che il sangue del giusto Abele fu sparso per i peccati; e non ho saputo dove sono responsabili davanti a me.

8 Ma quanto a te, ecco, io stabilirò il mio patto con te, e tu sarai padre di molte nazioni.

9 E io faccio questo patto, affinché i tuoi figli siano conosciuti fra tutte le nazioni. Né il tuo nome sarà più chiamato Abramo, ma il tuo nome sarà chiamato Abramo; poiché io ti ho costituito padre di molte nazioni.

10 E ti renderò estremamente fecondo, e farò di te nazioni, e da te verranno e dalla tua discendenza.

11 E stabilirò con te un patto di circoncisione, e sarà il mio patto tra me e te, e la tua discendenza dopo di te, nelle loro generazioni; affinché tu sappia per sempre che i bambini non sono responsabili davanti a me fino a quando non hanno otto anni.

12 E osserverai di osservare tutti i miei patti in cui ho fatto alleanza con i tuoi padri; e tu osserverai i comandamenti che ti ho dato con la mia propria bocca, e io sarò un Dio per te e per la tua discendenza dopo di te.

13 E io darò a te e alla tua discendenza dopo di te, un paese in cui sei straniero; tutto il paese di Canaan, in possesso eterno; e io sarò il loro Dio.

14 E Dio disse ad Abrahamo: Perciò tu osserverai il mio patto, tu e la tua discendenza dopo di te, nelle loro generazioni.

15 E questo sarà il mio patto che voi osserverete tra me e te e la tua discendenza dopo di te; ogni bambino tra voi sarà circonciso.

16 E circonciderete la carne del vostro prepuzio; e sarà un segno del patto tra me e te.

17 E colui che ha otto giorni sarà circonciso in mezzo a voi, ogni figlio maschio delle vostre generazioni;

18 Colui che è nato in casa, o comprato con denaro da un estraneo, che non è della tua discendenza.

19 Chi è nato in casa tua e chi è stato comprato con il tuo denaro, deve essere circonciso, e il mio patto sarà nella tua carne per un patto eterno.

20 E il fanciullo incirconciso, la cui carne del suo prepuzio non è circoncisa, quell'anima sarà stroncata dal suo popolo, ha infranto il mio patto.

21 E Dio disse ad Abramo: Quanto a Sarai tua moglie, non la chiamerai Sarai, ma la chiamerai Sara.

22 E io la benedirò, e te ne darò un figlio; sì, la benedirò, e sarà benedetta, Madre delle nazioni; re e popolo saranno da lei.

23 Allora Abramo si gettò con la faccia a terra e si rallegrò, e disse in cuor suo: A colui che ha cento anni nascerà un bambino e partorirà Sara che ha novant'anni.

24 E Abramo disse a Dio: Oh che Ismaele vivesse rettamente davanti a te!

25 E Dio disse: Sara, tua moglie, ti partorirà un figlio, e tu gli porrai nome Isacco; e stabilirò anche il mio patto con lui, per un patto eterno con la sua discendenza dopo di lui.

26 E quanto a Ismaele, ti ho ascoltato; Ecco, io l'ho benedetto, lo renderò fecondo e lo moltiplicherò enormemente;

27 Genererà dodici principi e io farò di lui una grande nazione.

28 Ma stabilirò il mio patto con Isacco, che Sara ti partorirà a questo tempo stabilito l'anno prossimo.

29 E smise di parlare con lui; e Dio salì da Abramo.

30 E Abrahamo prese Ismaele suo figlio, e tutti quelli che erano nati nella sua casa, e tutti quelli che erano stati comprati con il suo denaro, ogni maschio tra gli uomini della casa di Abrahamo; e circoncise la carne del loro prepuzio in quello stesso giorno, come Dio gli aveva detto.

31 E Abramo aveva novantanove anni quando fu circonciso nella carne del suo prepuzio.

32 E Ismaele aveva tredici anni quando fu circonciso nella carne del suo prepuzio.

33 Nello stesso giorno Abramo fu circonciso e Ismaele suo figlio; e con lui furono circoncisi anche tutti gli uomini della sua casa, che erano nati in casa sua e comprati con denaro da estranei.

CAPITOLO 18

Il Signore appare ad Abramo — Lot, avvertito da Dio, fugge.

1 E il Signore apparve ad Abramo nelle pianure di Mamre. E sedeva alla porta della sua tenda nella calura del giorno;

2 Ed egli alzò gli occhi e guardò, ed ecco tre uomini gli stavano accanto; e quando vide, corse loro incontro dalla porta della sua tenda, si prostrò verso terra e disse;

3 Fratelli miei, se ora ho trovato grazia ai vostri occhi, non passare, ti prego dal tuo servo.

4 Fatevi venire a prendere un po' d'acqua, lavatevi i piedi e riposatevi sotto l'albero, e io andrò a prendere un boccone di pane e vi consolerò i vostri cuori; dopo di che passerai; poiché dunque siete venuti dal vostro servo. E dissero: "Fai pure, come hai detto".

5 E Abrahamo corse nella tenda da Sara, e disse: Prepara subito tre misure di farina eccellente, impasta e fai focacce sul focolare.

6 E Abrahamo corse al gregge, andò a prendere un vitello, tenero e buono, e lo diede a un giovane, che si affrettò a conciarlo.

7 E prese del burro, del latte e del vitello che aveva vestito, e li pose davanti a loro, e stette vicino a loro sotto l'albero, ed essi mangiarono.

8 E gli dissero: Dov'è Sara tua moglie? Ed egli disse: Ecco, nella tenda.

9 E uno di loro benedisse Abramo, e disse: Certamente tornerò da te dal mio viaggio, ed ecco, secondo il tempo della vita, Sara tua moglie avrà un figlio.

10 E Sara lo udì, all'ingresso della tenda.

11 Ed ora Abramo e Sara erano vecchi e afflitti dall'età; perciò aveva cessato di essere con Sarah alla maniera delle donne;

12 Perciò Sara rise in sé stessa, dicendo: Dopo che sarò invecchiata, mi piacerà, essendo vecchio anche il mio signore?

13 E l'angelo del Signore disse ad Abramo: Perché Sara rise, dicendo: Devo io partorire sicuro un bambino che è vecchio? Qualcosa è troppo difficile per il Signore?

14 Al tempo stabilito, ecco, io ritornerò a te dal mio viaggio che il Signore mi ha mandato; e secondo il tempo della vita tu puoi sapere che Sara avrà un figlio.

15 Allora Sara negò, dicendo: Non ho riso; perché aveva paura. E lui disse: No, ma tu hai riso.

16 E gli angeli si levarono di là e guardarono verso Sodoma; e Abramo andò con loro per condurli in cammino.

17 E l'angelo del Signore disse: Devo nascondere ad Abrahamo ciò che il Signore farà per lui? visto che Abramo diventerà sicuramente una nazione grande e potente, e tutte le nazioni della terra saranno benedette in lui?

18 Poiché lo conosco, che comanderà ai suoi figli e alla sua famiglia dopo di lui, ed essi osserveranno la via del Signore, per fare giustizia e giudizio, affinché il Signore possa far venire su Abramo ciò di cui ha parlato di lui.

19 E l'angelo del Signore disse ad Abramo: Il Signore ci ha detto: Poiché il grido di Sodoma e Gomorra è grande, e poiché il loro peccato è molto grave, li distruggerò.

20 E io vi manderò, e ora scendete, e vedrete che le loro iniquità saranno loro ricompensate.

21 E tutte le cose saranno compiute tutte insieme secondo il grido che è giunto a me.

22 E se non lo fate, sarà sulle vostre teste; perché io li distruggerò e tu saprai che lo farò, perché sarà davanti ai tuoi occhi.

23 E gli angeli, che erano uomini santi, e che erano stati mandati secondo l'ordine di Dio, voltarono la faccia di là e andarono verso Sodoma.

24 Ma Abrahamo stava ancora dinanzi al Signore, ricordando le cose che gli erano state dette.

25 E Abrahamo si avvicinò a Sodoma e disse al Signore, invocando il suo nome, dicendo: Vuoi tu distruggere il giusto con l'empio? Non li risparmierai?

26 Forse ci possono essere cinquanta giusti nella città, vuoi anche distruggere e non risparmiare il posto per i cinquanta giusti che possono essere in essa?

27 O sia lontano da te fare in questo modo, uccidere il giusto con l'empio; e che i giusti siano come gli empi.

28 O Dio, può questo essere lontano da te, perché il giudice di tutta la terra non farà il bene?

29 E il Signore disse ad Abramo: Se trovi in Sodoma cinquanta giusti nella città, allora risparmierò tutto il luogo per amor loro.

30 E Abrahamo rispose e disse: Ecco, ora mi sono affidato a me per parlare al Signore, che è in grado di distruggere la città, e di porre tutto il popolo nella polvere e nella cenere;

31 Forse il Signore li risparmierà se mancano cinque dei cinquanta giusti; distruggerai tu tutta la città per la sua malvagità, se vi trovo quarantacinque giusti?

32 E disse: Non li distruggerò, ma li risparmierò.

33 Ed egli gli parlò di nuovo, e disse: Forse ve ne dovrebbero essere trovati quaranta?

34 E disse: Non lo distruggerò per amore di quaranta.

35 Ed egli disse di nuovo al Signore: Oh, non si adiri il Signore, e io parlerò: Forse là se ne troveranno trenta?

36 Ed egli disse: Non li distruggerò se ne troverai trenta.

37 Ed egli disse: Ecco, ora mi sono affidato a me per parlare al Signore; li distruggerai se per caso se ne trovano venti?

38 E disse: Non li distruggerò per amore di venti.

39 E Abrahamo disse al Signore: Oh, non si adiri il Signore, e io parlerò ancora, ma questa volta, forse se ne troveranno là dieci?

40 E il Signore disse: Io non li distruggerò per amore di dieci. E il Signore cessò di parlare con Abramo.

41 E appena ebbe lasciato la comunione con il Signore, Abramo se ne andò.

42 E avvenne che Abrahamo tornò alla sua tenda.

CAPITOLO 19

Rovesciamento di Sodoma e Gomorra — Integrità di Lot — Misericordia di Dio — Fuga di Lot — La moglie di Lot perì — Iniquità delle figlie di Lot.

1 E avvenne che tre angeli vennero a Sodoma la sera; e Lot sedette alla porta di casa sua, nella città di Sodoma.

2 E Lot, vedendo gli angeli, si alzò incontro loro; e si chinò con la faccia a terra;

3 Ed egli disse: «Ecco, miei signori, venite, vi prego, nella casa del vostro servo, e restate tutta la notte, e lavatevi i piedi, e vi alzerete presto e andrete per le vostre vie.

4 E dissero: No; ma resteremo per strada tutta la notte.

5 E li incalzava molto; e si rivolsero a lui, ed entrarono in casa sua; e fece loro un banchetto, e fece cuocere pani azzimi, ed essi mangiarono.

6 Ma prima di coricarsi per riposare, gli uomini della città di Sodoma fecero il giro della casa, uomini vecchi e giovani, gente d'ogni parte;

7 E chiamarono Lot e gli dissero: Dove sono gli uomini che sono venuti da te questa notte? portaceli alla luce, affinché possiamo conoscerli.

8 E Lot uscì dalla porta, da loro, e chiuse la porta dietro a sé, e disse: Vi prego, fratelli, non fate così malvagità.

9 E gli dissero: Stai indietro. Ed erano arrabbiati con lui.

10 E dissero fra loro: Quest'uomo è venuto a dimorare in mezzo a noi, e ora avrà bisogno di farsi giudice; ora ci occuperemo peggio di lui che di loro.

11 Pertanto dissero all'uomo: Avremo gli uomini e anche le tue figlie; e faremo di loro come ci sembra buono.

12 Ora questo avvenne dopo la malvagità di Sodoma.

13 E Lot disse: Ecco, ora ho due figlie che non hanno conosciuto uomo; permettetemi, vi prego, di supplicare i miei fratelli di non portarli a voi; e non farete loro ciò che sembra bene ai vostri occhi;

14 Poiché Dio non giustificherà il suo servo in questo; pertanto, permettetemi di supplicare i miei fratelli, una sola volta, che non fate nulla a questi uomini, affinché possano avere pace nella mia casa; poiché perciò vennero all'ombra del mio tetto.

15 E si adirarono contro Lot e si avvicinarono per sfondare la porta, ma gli angeli di Dio, che erano uomini santi, stesero la mano e trascinarono Lot in casa loro, e chiusero la porta.

16 E percossero di cecità gli uomini, piccoli e grandi, che non potevano venire alla porta.

17 E si adirarono, tanto che si stancarono di trovare la porta, e non la trovarono.

18 E questi santi uomini dissero a Lot: Hai tu qui, oltre ai tuoi generi, ai figli di tuo figlio e alle tue figlie?

19 E ordinarono a Lot, dicendo: Tutto ciò che hai in città, lo farai uscire da questo luogo, perché noi distruggeremo questo luogo;

20 Perché il loro grido si è fatto grande e le loro abominazioni sono salite davanti alla faccia del Signore; e il Signore ci ha mandato a distruggerla.

21 E Lot uscì e parlò ai suoi generi, che avevano sposato le sue figlie, e disse: Su, uscite da questo luogo, perché il Signore distruggerà questa città.

22 Ma ai suoi generi sembrava come uno che scherniva.

23 E quando venne il mattino, gli angeli si affrettarono a Lot, dicendo: Alzati, prendi tua moglie e le tue due figlie che sono qui, affinché tu non sia consumato nell'iniquità della città.

24 E mentre egli indugiava, gli angeli gli strinsero la mano, e la mano di sua moglie, e la mano delle sue due figlie; il Signore è misericordioso con loro; e li fecero uscire e li deposero fuori della città.

25 E avvenne, quando li ebbero fatti uscire fuori, che dissero loro: Fuggite per le vostre vite; non guardare dietro di te, né restare in tutta la pianura; fuggi sulla montagna per non essere consumato.

26 E Lot disse a uno di loro: Oh, non così, mio Signore! ecco ora, il tuo servitore ha trovato grazia ai tuoi occhi e tu hai magnificato la tua misericordia che mi hai mostrato salvando la mia vita; e non posso fuggire sulla montagna, perché qualche male non mi raggiunga e io muoia.

27 Ecco, ora, ecco un'altra città, e questa è vicina dove rifugiarsi ed è una piccola; oh, lasciami scappare di là, e che il Signore non lo distrugga, e la mia anima vivrà.

28 E l'angelo gli disse: Vedi, io ti ho accolto anche riguardo a questa cosa, che non rovescerò questa città, per la quale tu hai parlato; affrettati, fuggi di là, perché non posso fare nulla finché tu non sia venuta là.

29 E il nome della città fu chiamata Zoar. Perciò il sole sorse sulla terra quando Lot entrò in Zoar.

30 E il Signore non distrusse Sodoma finché Lot non fosse entrato in Zoar.

31 E poi, quando Lot fu entrato in Zoar, il Signore fece piovere su Sodoma e su Gomorra; poiché gli angeli invocarono il nome del Signore come zolfo e fuoco dal Signore dal cielo.

32 E così distrussero quelle città e tutta la pianura, e tutti gli abitanti delle città, e ciò che cresceva sulla terra.

33 Ma avvenne che, quando Lot fuggì, sua moglie si volse indietro da dietro di lui e divenne una statua di sale.

34 E Abrahamo si alzò di buon mattino nel luogo dove stava davanti al Signore; e guardò verso Sodoma e Gomorra, e verso tutto il paese della pianura, ed ecco, il fumo del paese si alzò come il fumo di una fornace.

35 E avvenne, quando Dio ebbe distrutte le città della pianura, che Dio parlò ad Abramo, dicendo: Mi sono ricordato di Lot e l'ho mandato fuori dal mezzo del rovesciamento, affinché tuo fratello non fosse distrutto, quando Ho rovesciato la città in cui abitò tuo fratello Lot.

36 E Abramo fu consolato. E Lot salì da Zoar e abitò sul monte, e con lui le sue due figlie; poiché temeva di abitare a Zoar. E abitò in una grotta, lui e le sue due figlie.

37 E il primogenito agiva malvagiamente, e disse al minore: Nostro padre è diventato vecchio, e non abbiamo un uomo sulla terra che venga da noi, che viva con noi alla maniera di tutti quelli che vivono sulla terra;

38 Perciò vieni, facciamo bere il vino a nostro padre e giaceremo con lui, per preservare la discendenza di nostro padre.

39 E fecero malvagità, e quella notte fecero bere vino al loro padre; e la primogenita entrò e giacque con suo padre; e non si accorse quando si coricò, né quando si alzò.

40 E avvenne il domani che il primogenito disse alla minore: Ecco, io sono giaciuta ieri notte con mio padre; facciamogli bere del vino anche questa notte, ed entra e giace con lui, affinché possiamo preservare la discendenza di nostro padre.

41 E quella notte fecero bere vino al loro padre; e la più giovane si alzò e si sdraiò con lui, e non si accorse di quando si coricò, né di quando si alzò.

42 Così le due figlie di Lot ebbero un figlio dal padre.

43 E il primogenito partorì un figlio, e lo chiamò Moab; il padre dei Moabiti, gli stessi che sono ancora oggi.

44 E anche la minore partorì un figlio, e lo chiamò Ben-Ammi; il padre dei figli che sono ammoniti; le stesse che sono fino ad oggi.

CAPITOLO 20

Abramo va da Gherar - Abramo e Sara rimproverati da Abimelech.

1 E Abrahamo partì di là verso il paese del sud, e si stabilì tra Kades e Shur, e soggiornò a Gherar.

2 E Abramo disse ancora di Sara sua moglie: Ella è mia sorella.

3 E Abimelech, re di Gherar, mandò a rapire Sara. Ma Dio venne di notte in sogno ad Abimelech e gli disse: Ecco, hai preso una donna che non è tua, perché è la moglie di Abramo.

4 E il Signore gli disse: Tu la restituirai ad Abramo, perché se non lo fai, morirai.

5 E Abimelech non si era avvicinato a lei; poiché il Signore non l'aveva patito.

6 Ed egli disse: Signore, vuoi tu uccidere me, e anche una nazione giusta? Ecco, non mi ha detto: È mia sorella? E lei, anche lei stessa disse: Egli è mio fratello; e nell'integrità del mio cuore e nell'innocenza delle mie mani ho fatto questo.

7 E Dio gli disse in sogno: Sì, so che hai fatto questo nell'integrità del tuo cuore; poiché anch'io ti ho trattenuto dal peccare contro di me; perciò non ti ho permesso di toccarla.

8 Ora, dunque, restituiscigli la moglie, perché egli è un profeta, ed egli pregherà per te, e tu vivrai; e se non gliela restituisci, sappi che sicuramente morirai; tu e tutto ciò che è tuo.

9 Perciò Abimelech si alzò di buon mattino, chiamò i suoi servi e raccontò tutte queste cose ai loro orecchi; e gli uomini erano molto spaventati.

10 Allora Abimelech chiamò Abramo e gli disse: Che cosa ci hai fatto? e in che cosa ti ho offeso, perché hai fatto su di me e sul mio regno un grande peccato?

11 Mi hai fatto cose che non dovrebbero essere fatte. E Abimelech disse ad Abramo: Che hai visto, che hai fatto questa cosa?

12 E Abramo disse: Perché io credevo che il timore di Dio non fosse in questo luogo, e mi avrebbero ucciso per amore di mia moglie;

13 Eppure in verità ella era mia sorella; era figlia di mio padre, ma non figlia di mia madre; ed è diventata mia moglie.

14 E avvenne, quando Dio mi fece allontanare dalla casa di mio padre, che le dissi: Questa sarà la tua gentilezza che mi mostrerai, in ogni luogo dove verremo, di' di me: Egli è mio fratello.

15 E Abimelech prese pecore e buoi, servi e schiave, e li diede ad Abramo, e gli restituì Sara sua moglie.

16 E Abimelech disse: Ecco, il mio paese giace dinanzi a te; dimora dove ti piace.

17 E a Sara disse: Ecco, io ho dato a tuo fratello mille sicli d'argento; ecco, egli ti coprirà gli occhi, e sarà un segno per tutti che non sarai più tolto ad Abramo tuo marito. E così fu rimproverata.

18 Allora Abramo pregò Dio; e Dio guarì Abimelech, sua moglie e le sue serve, e gli partorì dei figli.

19 Poiché a causa di Sara, moglie di Abramo, il Signore aveva digiunato tutti i grembi della casa di Abimelech.

CAPITOLO 21

Un figlio nato ad Abramo - di nome Isacco - Schiava scacciata - Patto con Abimelech.)

1 E il Signore visitò Sara come aveva detto, e il Signore fece a Sara come aveva parlato per bocca dei suoi angeli; poiché Sara concepì e partorì un figlio ad Abramo nella sua vecchiaia, al tempo stabilito di cui gli angeli di Dio gli avevano parlato.

2 E Abramo chiamò Isacco il figlio che gli era nato, che Sara gli aveva partorito.

3 E Abramo circoncise suo figlio Isacco, che aveva otto giorni, come Dio gli aveva comandato.

4 E Abramo aveva cento anni, quando gli nacque suo figlio Isacco.

5 E Sara disse: Dio mi ha fatto rallegrare; e anche tutti quelli che mi conoscono si rallegreranno con me.

6 E disse ad Abramo: Chi avrebbe detto che Sara avrebbe dovuto allattare dei figli? Perché ero sterile, ma il Signore ha promesso e ho partorito ad Abramo un figlio nella sua vecchiaia.

7 E il bambino crebbe e fu svezzato. E il giorno in cui Isacco fu svezzato, Abramo fece un grande banchetto e Sara vide il figlio di Agar l'Egiziana, che Agar aveva partorito ad Abramo, beffardo; ed era turbata.

8 Perciò ella disse ad Abrahamo: Caccia via questa schiava e suo figlio; poiché il figlio di questa schiava non sarà erede di mio figlio Isacco.

9 E questa cosa fu molto grave per Abramo a causa di suo figlio.

10 E Dio disse ad Abrahamo: Non sia doloroso ai tuoi occhi, a causa del ragazzo, ea causa della tua schiava; in tutto ciò che Sara ti ha detto, ascolta la sua voce; poiché in Isacco sarà chiamata la tua discendenza.

11 E anche del figlio della schiava farò una nazione, perché è la tua discendenza.

12 E Abrahamo si alzò di buon mattino, prese del pane e una bottiglia d'acqua, e lo diede ad Agar, ed ella prese il bambino, ed egli la mandò via; ed ella partì, e vagò nel deserto di Beer-Sceba.

13 E avvenne che l'acqua fu esaurita nella bottiglia, ed ella gettò il bambino sotto uno degli arbusti, e andò e si sedette sopra il bambino, molto lontano, come fosse un tiro con l'arco; poiché ella disse: Non farmi vedere la morte del fanciullo.

14 Ella si sedette contro il fanciullo, alzò la voce e pianse.

15 E Dio udì la voce del ragazzo; e l'angelo del Signore chiamò Agar dal cielo e le disse;

16 Che cosa ti affligge, Agar? non temere, perché Dio ha udito la voce del ragazzo dov'egli giace; alzati, solleva il ragazzo e tienilo nella tua mano, perché farò di lui una grande nazione.

17 E Dio le aprì gli occhi, ed ella vide un pozzo d'acqua; ed ella andò, riempì d'acqua l'otre e diede da bere al ragazzo.

18 E Dio era con il ragazzo; ed egli crebbe, e abitò nel deserto, e divenne un arciere; e abitò nel deserto di Paran, lui e sua madre.

19 E gli prese una moglie fuori dal paese d'Egitto.

20 E avvenne in quel tempo che Abimelech e Ficol, capo del suo esercito, parlarono ad Abramo, dicendo: Dio è con te in tutto ciò che fai.

21 Ora dunque, giurami qui che, con l'aiuto di Dio, non agirai menzognamente né con me, né con mio figlio, né con il figlio di mio figlio; ma che, secondo la gentilezza che ti ho mostrato, farai a me e al paese in cui hai soggiornato.

22 E Abramo disse: Lo giuro.

23 E Abramo rimproverò Abimelech, a causa di un pozzo d'acqua che i servi di Abimelech avevano portato via con violenza.

24 E Abimelech disse: Non me l'hai detto; e non so chi abbia fatto questa cosa; né ho ancora sentito che sia stato fatto fino ad oggi.

25 E Abrahamo prese pecore e buoi e li diede ad Abimelech; ed entrambi fecero un patto.

26 E Abramo mise da sole sette agnelle del gregge.

27 E Abimelech disse ad Abramo: Che ne farai di queste sette pecorelle che hai messo da parte?

28 Ed egli disse: Sette agnelli mi prenderai per mano, affinché mi siano testimoni che ho scavato questo pozzo.

29 E poiché entrambi giuravano, perciò chiamò quel luogo Beer-Sceba;

30 E così fecero un patto a Beer-Sceba;

31 Allora Abimelech e Ficol, capo dei suoi eserciti, si alzarono e piantarono un bosco a Beer-Sceba, e là invocarono il nome del Signore; e tornarono nel paese dei Filistei.

32 E Abramo adorò l'Iddio eterno, e soggiornò nel paese dei Filistei molti giorni.

CAPITOLO 22

Abramo comandò di offrire Isacco — La sua volontà fu accettata — Sollevato dall'interposizione divina — Nomi dei figli di Nahor.

1 E avvenne dopo queste cose, che Dio mise alla prova Abrahamo e gli disse: Abrahamo; e Abramo disse: Ecco, eccomi.

2 E il Signore disse: Prendi ora tuo figlio, il tuo unico Isacco, che ami, e va' nel paese di Moriah; e là offrilo in olocausto, su uno dei monti di cui ti parlerò.

3 E Abramo si alzò di buon mattino, sellò il suo asino e prese con sé due dei suoi giovani e Isacco suo figlio,

4 Tagliate la legna per l'olocausto; si alzò e andò nel luogo di cui Dio gli aveva parlato.

5 Allora il terzo giorno Abramo alzò gli occhi e vide il luogo lontano.

6 E Abramo disse ai suoi giovani: Rimanete qui con l'asino, e io e il ragazzo andremo laggiù e adoreremo, e verremo di nuovo da voi.

7 E Abrahamo prese la legna dell'olocausto e se la mise sulla schiena; e prese in mano il fuoco, e un coltello, e suo figlio Isacco; e sono andati entrambi insieme.

8 E Isacco parlò ad Abramo, suo padre, e disse: Mio padre! E lui disse: Eccomi, figlio mio.

9 E disse: Ecco il fuoco e la legna; ma dov'è l'agnello per l'olocausto?

10 E Abramo disse: Figlio mio, Dio si darà un agnello per l'olocausto. Così andarono entrambi insieme; e giunsero al luogo di cui Dio gli aveva parlato.

11 E Abramo vi costruì un altare, vi mise in ordine la legna, legò suo figlio Isacco e lo depose sull'altare, sulla legna.

12 E Abramo stese la mano e prese il coltello per uccidere suo figlio.

13 E l'angelo del Signore lo chiamò dal cielo e disse: Abramo! Abramo! E Abramo disse: Eccomi.

14 E l'angelo disse: Non stendere la mano sul fanciullo e non fargli nulla;

15 Perché ora so che tu temi Dio, poiché non mi hai negato tuo figlio, il tuo unico Isacco.

16 E Abrahamo alzò gli occhi e guardò, ed ecco, dietro un boschetto, c'era un montone preso in esso per le corna.

17 E Abrahamo andò, prese l'ariete e lo offrì in olocausto al posto di suo figlio.

18 E Abrahamo chiamò quel luogo Geova-jireh; come è detto fino ad oggi: Sul monte del Signore si vedrà.

19 E l'angelo del Signore chiamò Abramo dal cielo per la seconda volta, e disse:

20 Così dice il Signore: Io ho giurato per me stesso che, poiché tu hai fatto questo e non mi hai negato tuo figlio, il tuo unico Isacco;

21 Che nella benedizione io ti benedirò; e moltiplicando, moltiplicherò la tua discendenza come le stelle del cielo e come la sabbia che è sulla riva del mare.

22 E la tua discendenza possederà la porta dei suoi nemici; e nella tua discendenza saranno benedette tutte le nazioni della terra; perché hai obbedito alla mia voce.

23 Allora Abramo tornò dai suoi giovani, che si alzarono e andarono a Beer-Sceba; e Abramo dimorò a Beer-Sceba.

24 E dopo queste cose avvenne che fu detto ad Abrahamo, dicendo:

25 Ecco, Milcah, anche lei ha partorito figli a tuo fratello Nahor; Huz è il suo primogenito e Buz è suo fratello.

26 E Kemuel è il padre di Aram, e Chesed, e Haza, e Bildash, e Jidlaph, e Bethuel;

27 E Bethuel generò Rebecca.

28 Questi otto Milca partorirono a Nahor, fratello di Abramo; e la sua concubina, il cui nome era Reumah, partorì anche Tebah, Gaham, Thahash e Maachah.

CAPITOLO 23

Morte e sepoltura di Sara — Acquisto del campo di Efron.

1 E Sara aveva centoventisette anni, e morì; e così finirono gli anni della vita di Sara.

2 E Sara morì a Kirjatharba; la stessa ora è chiamata Hebron, nel paese di Canaan.

3 E Abramo venne a fare cordoglio per Sara, e a piangere per lei, sua moglie che era morta.

4 E Abrahamo si alzò di fronte ai suoi morti, e parlò ai figli di Heth, dicendo: Io sono un forestiero e un forestiero con voi; dammi un possesso di un luogo di sepoltura con te, affinché io possa seppellire i miei morti fuori dalla mia vista.

5 E i figliuoli di Heth risposero ad Abrahamo, dicendogli: Ascoltaci, mio signore; tu sei un potente principe tra noi; nel più pregiato dei nostri sepolcri seppellisci i tuoi morti; nessuno di noi ti tratterrà il suo sepolcro, ma affinché tu possa seppellire i tuoi morti.

6 E Abrahamo si alzò e si prostrò davanti al popolo del paese e ai figliuoli di Heth; ed egli comunicò con loro, dicendo:

7 Se pensi che io seppellisca il mio morto lontano dalla mia vista, ascoltami e supplica per me Efron, figlio di Zohar, che mi dia la grotta di Macpela, che ha all'estremità del suo campo;

8 Poiché avrà tanto denaro quanto vale, se me lo darà in possesso di un luogo di sepoltura in mezzo a voi.

9 Ed Efron dimorò fra i figliuoli di Heth.

10 Ed Efron, l'Hittita, rispose ad Abramo nell'udienza dei figli di Heth, fra tutti quelli che entravano alle porte della città, dicendo:

11 Ascolta, mio signore, e ascoltami; ti do il campo e la caverna che vi è; Te lo do alla presenza dei figli del mio popolo; e te lo do; perciò seppellisci i tuoi morti.

12 E Abrahamo si prostrò davanti al popolo del paese, e parlò a Efron all'udienza del popolo del paese, dicendo: Ti prego, ascoltami;

13 Se vuoi prendermela, ti darò del denaro per il campo e vi seppellirò il mio morto, ma te lo darò.

14 Ed Efron rispose ad Abrahamo, dicendogli: Mio signore, ascoltami; avrai il paese per quattrocento sicli d'argento; che cosa sarà tra me e te? Seppellisci dunque i tuoi morti.

15 E Abrahamo diede ascolto a Efron; e Abramo pesò a Efron l'argento che aveva nominato all'udienza dei figli di Heth, quattrocento sicli d'argento, che era in comune con il mercante.

16 E il campo di Efron, che era a Macpelah, che era davanti a Mamre; il campo, e la caverna che vi era, e tutti gli alberi che erano nel campo e che erano in tutti i confini tutt'intorno, furono assicurati ad Abramo per un possesso, alla presenza dei figli di Heth, davanti a tutti che entrava per la porta della città.

17 E dopo questo Abramo seppellì sua moglie Sara nella caverna del campo di Macpela, che è davanti a Mamre; lo stesso si chiama Hebron, nel paese di Canaan.

18 E il campo e la caverna che vi erano furono assicurati ad Abramo in possesso di un luogo di sepoltura dai figli di Heth.

CAPITOLO 24

Giuramento del servo di Abramo - Storia del fidanzamento e del matrimonio di Isacco e Rebecca.

1 Ed ora Abrahamo era vecchio, essendo ben colpito in età; e il Signore aveva benedetto Abramo in ogni cosa.

2 E Abrahamo disse al suo servitore più anziano della sua casa, che regnava su tutto ciò che aveva; Stendi, ti prego, la tua mano sotto la mia, e ti farò giurare davanti al Signore, Dio del cielo e Dio della terra, che non prenderai moglie a mio figlio, delle figlie dei Cananei tra i quali abito; ma tu andrai nel mio paese e tra i miei parenti e prenderai una moglie per mio figlio Isacco.

3 E il servo gli disse: Forse la donna non vorrà seguirmi in questo paese, allora devo ricondurre tuo figlio nel paese da cui sei venuto.

4 E Abrahamo gli disse: Bada di non ricondurre quivi mio figlio.

5 L'Eterno, l'Iddio del cielo, che mi ha preso dalla casa di mio padre e dal paese della mia stirpe, e che mi ha parlato, e che mi ha giurato, dicendo: A te darò questo paese;

6 Egli manderà il suo angelo davanti a te, e di là prenderai una moglie per mio figlio.

7 E se la donna non vorrà seguirti, allora sarai libera da questo tuo giuramento, ma non ricondurre là mio figlio.

8 E il servo mise la sua mano sotto la mano di Abramo, suo signore, e glielo giurò a riguardo.

9 E il servo prese dieci cammelli del suo padrone e se ne andò; poiché tutti i beni del suo padrone erano nelle sue mani.

10 E si alzò e andò in Mesopotamia, nella città di Nahor.

11 E fece inginocchiare i suoi cammelli fuori città, presso un pozzo d'acqua, la sera, ora che le donne escono ad attingere l'acqua.

12 Ed egli disse: O Signore, Dio del mio signore Abramo, ti prego oggi che tu mostri benignità al mio padrone Abramo, e mi mandi buona velocità.

13 Ecco, io sto presso il pozzo dell'acqua, e le figlie degli uomini della città escono per attingere acqua;

14 E avvenga che la fanciulla alla quale dirò: Abbassa la tua brocca, ti prego, che io possa bere; ed ella dirà: Bevi, e io darò da bere anche ai tuoi cammelli; sia lei quella che hai designato per il tuo servitore Isacco; e così saprò che hai mostrato gentilezza al mio padrone.

15 E avvenne, prima che avesse finito di parlare, che ecco uscì Rebecca, che era nata da Betuel, figlio di Milca, moglie di Nahor, fratello di Abramo, con la sua brocca sulla spalla.

16 Ed essendo la fanciulla una vergine, molto bella a vedersi, tale che il servitore di Abramo non aveva visto, né alcuno l'aveva conosciuta come lei; ed ella scese al pozzo, riempì la sua brocca e salì.

17 E il servo le corse incontro e le disse: Lasciami, ti prego, bere un po' d'acqua della tua brocca.

18 Ed ella disse: Bevi, mio signore; ed ella si affrettò, si gettò sulla mano la brocca e gli diede da bere.

19 E quando ebbe finito di dargli da bere, disse: Attirerò anche per i tuoi cammelli, finché avranno finito di bere.

20 Ed ella si affrettò, e vuotò la sua brocca nell'abbeveratoio, e corse di nuovo al pozzo per attingere, e attirò per tutti i suoi cammelli.

21 E l'uomo, meravigliato di lei, tacque, meditando in cuor suo se il Signore avesse reso prospero o no il suo cammino.

22 E avvenne, come i cammelli avevano bevuto, che l'uomo prese un orecchino d'oro del peso di mezzo siclo e due braccialetti per le sue mani di dieci sicli d'oro, e disse: Di chi sei figlia? dimmi, ti prego; e c'è posto nella casa di tuo padre dove possiamo alloggiare?

23 Ed ella gli disse: Io sono la figlia di Betuel, figlio di Milca, che ella partorì a Nahor.

24 Ella gli disse inoltre: Abbiamo paglia e foraggio a sufficienza e spazio per alloggiare.

25 E l'uomo chinò il capo e adorò il Signore.

26 E disse: Benedetto il Signore, Dio del mio signore Abramo, che non ha lasciato il mio padrone privo della sua misericordia e della sua verità; e quando fui di mezzo, il Signore mi condusse alla casa dei fratelli del mio padrone.

27 E la fanciulla corse a casa e raccontò queste cose a sua madre.

28 E Rebecca aveva un fratello, il cui nome era Labano; e Labano corse dall'uomo, al pozzo.

29 E avvenne quando vide gli orecchini e i braccialetti alle mani di sua sorella, e quando udì la parola di Rebecca sua sorella, che diceva: Così mi parlò quell'uomo, e io andai dall'uomo, ed ecco, lui stava vicino ai cammelli al pozzo.

30 Ed egli disse: Entra, benedetto dal Signore; perché stai fuori? perché ho preparato la casa e la stanza per i cammelli.

31 E l'uomo entrò in casa.

32 E alleggerì i suoi cammelli, e diede paglia e foraggio per i cammelli, e acqua per lavare i suoi piedi e quelli degli uomini che venivano con lui.

33 E gli fu posto davanti da mangiare; ma egli disse: Non mangerò finché non avrò detto la mia commissione.

34 E Labano disse: Continua a parlare. Ed egli disse: Io sono servo di Abramo;

35 E il Signore ha benedetto grandemente il mio signore, ed è diventato grande, e gli ha dato greggi, armenti, argento e oro; e servi, e schiave, e cammelli e asini.

36 E Sara, moglie del mio signore, partorì un figlio al mio padrone quando era vecchia; e a lui ha dato tutto ciò che ha.

37 E il mio signore mi fece giurare, dicendo: Non prenderai moglie a mio figlio delle figlie dei Cananei, nel cui paese io abito;

38 Ma tu andrai alla casa di mio padre, e alla mia parentela, e prenderai una moglie per mio figlio.

39 E dissi al mio signore: Forse la donna non mi seguirà.

40 Ed egli mi disse: Il Signore, davanti al quale cammino, manderà il suo angelo con te, ed egli farà prosperare la tua via;

41 E prenderai una moglie per mio figlio, della mia stirpe e della casa di mio padre; allora sarai libero dal mio giuramento.

42 Quando verrai tra i miei parenti e se non ti daranno una moglie per mio figlio, sarai libera dal mio giuramento.

43 E oggi sono venuto al pozzo e ho detto: O Signore, Dio del mio signore Abramo, se ora tu farai prosperare la mia via che io vado;

44 Ecco, io sto presso il pozzo dell'acqua; e avverrà che quando la vergine verrà ad attingere acqua, e io le dirò: Dammi, ti prego, un po' d'acqua della tua brocca da bere;

45 E se ella mi dice: Bevi entrambi, e io attirerò anche per i tuoi cammelli; la stessa è la donna che il Signore ha designata per il figlio del mio signore.

46 E prima che avessi finito di parlare in cuor mio, ecco, Rebecca uscì con la sua brocca sulla spalla, e scese al pozzo e attingeva acqua.

47 E le dissi: Lascia che io beva, ti prego;

48 E si affrettò, e si lasciò cadere la brocca dalla spalla, e disse: Bevi, e io darò da bere anche ai tuoi cammelli; così ho bevuto, e lei ha fatto bere anche i cammelli.

49 E io le domandai e le dissi: Di chi sei figlia?

50 Ed ella disse: La figlia di Betuel, figliuolo di Nahor, che Milkah gli partorì.

51 E le diedi gli orecchini, da mettere nelle sue orecchie, ei braccialetti alle sue mani.

52 E io chinai il capo, e adorai l'Eterno, e benedissi l'Eterno, l'Iddio del mio signore Abramo, che mi aveva condotto per la retta via a prendere la figlia del fratello del mio signore a suo figlio.

53 Ed ora, se vuoi trattare gentilmente e sinceramente con il mio padrone, dimmelo; e se no, dimmelo; affinché io possa girare a destra oa sinistra.

54 Allora Labano e Betuel risposero, e dissero: La cosa procede dal Signore; non possiamo parlarti male o bene.

55 Ecco, Rebecca è davanti a te, prendila e va', e fa' che sia la moglie del figlio del tuo signore, come il Signore ha parlato.

56 E avvenne che, quando il servo d'Abraamo udì queste parole, adorò il Signore, prostrandosi a terra.

57 E il servo portò fuori gioielli d'argento, gioielli d'oro e vesti, e li diede a Rebecca. Diede anche al fratello e alla madre cose preziose.

58 E mangiarono e bevvero, lui e gli uomini che erano con lui, e rimasero tutta la notte.

59 E si levarono al mattino, ed egli disse: Mandami via dal mio signore.

60 E suo fratello e sua madre dissero: Lascia che la fanciulla rimanga con noi almeno dieci giorni; dopo di che lei se ne andrà.

61 Ed egli disse loro: Non ostacolarmi, poiché il Signore ha fatto prosperare la mia via; mandami via, perché io possa andare dal mio padrone.

62 E dissero: Chiameremo la fanciulla e la esamineremo sulla sua bocca.

63 E chiamarono Rebecca e le dissero: Vuoi andare con quest'uomo?

64 E lei disse: io andrò. E mandarono via Rebecca, loro sorella, e la sua nutrice, e la serva di Abramo, ei suoi uomini.

65 E benedissero Rebecca, e le dissero: O tu, nostra sorella, sii benedetta da migliaia, da milioni; e la tua discendenza possieda la porta di quelli che li odiano.

66 E Rebecca si alzò, e le sue damigelle, e cavalcarono sui cammelli, e seguirono l'uomo; e il servo prese Rebecca e se ne andò.

67 E Isacco venne dalla via del pozzo La-hai-roi; poiché abitava nel paese del sud.

68 E Isacco uscì a meditare nel campo alla sera; ed egli alzò gli occhi, e vide, ed ecco venire i cammelli.

69 E Rebecca alzò gli occhi, e quando vide Isacco, accese il cammello; poiché ella disse alla serva: Quale uomo è costui che cammina nei campi incontro a noi?

70 E il servo disse: È il mio padrone; perciò prese un velo e si coprì.

71 E il servo raccontò a Isacco tutte le cose che aveva fatto.

72 E Isacco la condusse nella tenda di sua madre Sara, e prese Rebecca, ed ella divenne sua moglie; e lui l'amava.

73 E Isacco fu consolato dopo la morte di sua madre.

CAPITOLO 25

Abrahamo sposa Keturah — La sua morte — Le generazioni di Ismaele — La sua morte — La nascita di Esaù e Giacobbe — Esaù vende la primogenitura.

1 Poi Abramo prese di nuovo una moglie, e il suo nome era Keturah.

2 E gli partorì Zimran, Jokshan, Medan, Madian, Isbak e Shuah.

3 Iokshan generò Saba e Dedan. E i figli di Dedan furono Assurim, Letusim e Leummim.

4 E i figli di Madian; Efa, ed Efer, e Hanoc, e Abidah, ed Eldaah. Tutti questi erano i figli di Keturah.

5 E Abramo diede tutto ciò che aveva a Isacco.

6 Ma ai figli delle concubine, che Abramo aveva, Abramo fece dei doni e li mandò via da Isacco suo figlio, mentre viveva ancora, a oriente, nella regione dell'oriente.

7 E questo è il numero degli anni della vita di Abramo, che visse, centotre venti e quindici anni.

8 Allora Abramo rinunciò allo spirito e morì in buona vecchiaia, vecchio e pieno di anni; e fu radunato presso il suo popolo.

9 E i suoi figli Isacco e Ismaele lo seppellirono nella grotta di Macpela, nel campo di Efron, figlio di Zohar l'Hittita, che è davanti a Mamre;

10 Il campo che Abramo acquistò dai figli di Heth; là fu sepolto Abramo e Sara sua moglie.

11 E avvenne dopo la morte di Abramo, che Dio benedisse suo figlio Isacco, e Isacco abitò presso il pozzo La-hai-roi.

12 Queste sono le generazioni di Ismaele, figlio di Abramo, che Agar l'Egiziana, serva di Sara, partorì ad Abramo;

13 E questi sono i nomi dei figli di Ismaele, secondo i loro nomi, secondo le loro generazioni; il primogenito di Ismaele, Nebajoth; e Kedar, e Adbeel e Mibsam.

14 E Mishma, Duma e Massa.

15 Hadar, e Tema, Jetur, Naphish e Kedemah;

16 Questi sono i figli di Ismaele, e questi sono i loro nomi, secondo le loro città e secondo i loro castelli; dodici principi secondo le loro nazioni.

17 E questo è il numero degli anni della vita di Ismaele, centotrentasette anni; e rinunciò allo spirito e morì, e fu radunato presso il suo popolo.

18 E si stabilirono da Havilah fino a Shur, che è davanti all'Egitto, mentre tu vai verso l'Assiria; e morì in presenza di tutti i suoi fratelli.

19 E queste sono le generazioni di Isacco, figlio di Abramo; Abramo generò Isacco;

20 E Isacco aveva quarant'anni quando prese Rebecca in moglie, figlia di Betuel il Siro di Padan-Aram, sorella di Labano il Siro.

21 E Isacco pregò il Signore per sua moglie, perché partorisse dei figli, perché era sterile. E il Signore fu supplicato da lui, e Rebecca sua moglie concepì.

22 E i bambini lottarono insieme nel suo grembo; e lei disse: Se sono incinta, perché è così per me? E andò a interrogare il Signore.

23 E il Signore le disse: Due nazioni sono nel tuo seno, e due specie di persone saranno separate dalle tue viscere; e un popolo sarà più forte dell'altro popolo; e il maggiore servirà il minore.

24 E quando furono compiuti i suoi giorni per essere liberati, ecco, c'erano due gemelli nel suo grembo.

25 E il primo ne uscì rosso, dappertutto come una veste pelosa; e lo chiamarono Esaù.

26 E dopo ciò uscì suo fratello, e la sua mano afferrò il calcagno di Esaù; e il suo nome fu chiamato Giacobbe; e Isaac aveva trecento anni quando li mise a nudo.

27 E i ragazzi crebbero; ed Esaù era un astuto cacciatore, un uomo dei campi; e Giacobbe era un uomo semplice, che abitava in tende.

28 E Isacco amava Esaù, perché mangiava della sua selvaggina; ma Rebecca amava Giacobbe.

29 E Jacob sod pottage; ed Esaù uscì dal campo, ed era debole;

30 Ed Esaù disse a Giacobbe: Nutrimi, ti prego, con quella stessa minestra rossa; poiché sono debole; perciò il suo nome fu chiamato Edom.

31 E Giacobbe disse: Vendimi oggi la tua primogenitura.

32 Ed Esaù disse: Ecco, io sto per morire; e cosa mi gioverà questo diritto di primogenitura?

33 E Giacobbe disse: Giurami oggi; ed egli gli giurò; e vendette la primogenitura a Giacobbe.

34 Poi Giacobbe diede a Esaù del pane e una minestra di lenticchie; e mangiò e bevve, si alzò e se ne andò. Così Esaù disprezzò il suo diritto di primogenitura.

CAPITOLO 26

Isacco va da Gherar - Dio lo benedica - rinnega sua moglie - Esaù si sposa.

1 E vi fu una carestia nel paese, oltre alla prima carestia che ci fu ai giorni di Abramo. E Isacco andò da Abimelech, re dei Filistei, a Gherar.

2 E il Signore gli apparve e gli disse: Non scendere in Egitto; abita nel paese di cui ti parlerò.

3 Soggiorna in questo paese e io sarò con te e ti benedirò; poiché a te e alla tua discendenza darò tutti questi paesi, e manterrò il giuramento che ho fatto ad Abrahamo tuo padre;

4 E farò moltiplicare la tua discendenza come le stelle del cielo, e darò alla tua discendenza tutti questi paesi; e nella tua discendenza saranno benedette tutte le nazioni della terra;

5 Perché Abramo ha ubbidito alla mia voce e ha osservato il mio comando, i miei comandamenti, i miei statuti e le mie leggi.

6 E Isacco abitò a Gherar.

7 E gli uomini del luogo lo interrogarono riguardo a sua moglie; e lui disse: Lei è mia sorella; poiché temeva di dire: Lei è mia moglie; affinché gli uomini del luogo non lo uccidano per prendere Rebecca; perché era giusta da guardare.

8 E avvenne, dopo che era stato là da molto tempo, che Abimelech, re dei Filistei, guardò fuori dalla finestra, e vide, ed ecco, Isacco stava scherzando con Rebecca sua moglie.

9 E Abimelech chiamò Isacco e gli disse: «Ecco, Rebecca è sicuramente tua moglie; e come hai detto che è tua sorella? E Isacco gli disse: L'ho detto perché temevo di morire per lei.

10 E Abimelech disse: Che ci hai fatto questo? uno del popolo avrebbe potuto con leggerezza giacere con tua moglie, e tu avresti dovuto infliggere su di noi la colpa.

11 E Abimelech comandò a tutto il suo popolo, dicendo: Chi ha teso quest'uomo o sua moglie sarà certamente messo a morte.

12 Allora Isacco seminò in quel paese e ricevette in quello stesso anno il centuplo; e il Signore lo benedisse.

13 E l'uomo crebbe alla grande, andò avanti e crebbe fino a diventare grandissimo;

14 Poiché possedeva greggi, possedeva armenti e una grande scorta di servi; ei Filistei lo invidiavano.

15 Poiché tutti i pozzi che i servi di suo padre avevano scavato al tempo di Abramo suo padre, i Filistei li avevano fermati e li avevano riempiti di terra.

16 E Abimelech disse a Isacco: Vattene da noi; perché tu sei molto più potente di noi.

17 E Isacco partì di là, e piantò la sua tenda nella valle di Gherar, e vi abitò.

18 E Isacco scavò di nuovo i pozzi d'acqua, che avevano scavato ai giorni di Abramo suo padre; poiché i Filistei li avevano fermati dopo la morte di Abramo, ed egli aveva chiamato i loro nomi con i nomi con cui li aveva chiamati suo padre.

19 E i servi di Isacco scavarono nella valle e vi trovarono un pozzo d'acqua sorgiva.

20 E il mandriano di Gherar combatteva con i mandriani di Isacco, dicendo: L'acqua è nostra; e chiamò il pozzo Esek; perché hanno lottato con lui.

21 E scavarono un altro pozzo, e si sforzarono anche per quello; e lo chiamò Sitnah.

22 E si allontanò di là, e scavò un altro pozzo; e per questo non si sforzarono; e ne chiamò Rehoboth; ed egli disse: Poiché ora il Signore ci ha fatto posto, e noi saremo fecondi nel paese.

23 E di là salì a Beer-Sceba.

24 E il Signore gli apparve quella stessa notte, e disse: Io sono il Dio di Abrahamo tuo padre; non temere, perché io sono con te e ti benedirò e moltiplicherò la tua discendenza per amore del mio servitore Abramo.

25 E vi costruì un altare, e invocò il nome del Signore, e vi piantò la sua tenda; e là i servi di Isacco scavarono un pozzo.

26 Allora Abimelech andò da lui da Gherar, e Ahuzzath, uno dei suoi amici, e Phichol, capo del suo esercito.

27 E Isacco disse loro: Perché venite da me, vedendo che mi odiate e mi avete allontanato da voi?

28 Ed essi dissero: Certamente abbiamo visto che il Signore era con te; e noi dicemmo: Ci sia ora un giuramento tra noi, anche tra noi e te, e facciamo un patto con te;

29 Che tu non ci faccia del male, poiché non ti abbiamo toccato, e poiché non ti abbiamo fatto altro che bene, e ti abbiamo mandato via in pace; ora sei il benedetto del Signore.

30 E fece loro un banchetto, ed essi mangiarono e bevvero.

31 E si levarono di buon mattino, e giurarono l'un l'altro; e Isacco li congedò, e se ne andarono da lui in pace.

32 E avvenne lo stesso giorno che i servi di Isacco vennero e gli riferirono del pozzo che avevano scavato, e gli dissero: Abbiamo trovato dell'acqua.

33 E lo chiamò Saba; perciò il nome della città è Beer-Sceba fino ad oggi.

34 Esaù aveva quarant'anni quando prese in moglie Giuditta, figlia di Beeri l'Hittita, e Bashemath, figlia di Elon, l'Hittita;

35 Il che fu un dolore d'animo per Isacco e per Rebecca.

CAPITOLO 27

Giacobbe con uno stratagemma ottiene la benedizione.

1 E avvenne che quando Isacco era vecchio, e i suoi occhi erano annebbiati, così che non poteva vedere, chiamò Esaù suo figlio maggiore e gli disse: Figlio mio; ed egli gli disse: Ecco, eccomi.

2 Ed egli disse: Ecco, ora sono vecchio, non conosco il giorno della mia morte;

3 Ora dunque prendi, ti prego, le tue armi, la tua faretra e il tuo arco, ed esci al campo, e prendimi della selvaggina;

4 E preparami una carne saporita, come quella che amo, e portamela, perché io possa mangiarla; affinché la mia anima ti benedica prima che muoia.

5 E Rebecca udì quando Isacco parlò a suo figlio Esaù. Ed Esaù andò al campo a cacciare della selvaggina e a portarla.

6 E Rebecca parlò a suo figlio Giacobbe, dicendo: «Ecco, ho sentito tuo padre parlare a tuo fratello Esaù, dicendo:

7 Portami della selvaggina e fammi una carne saporita, che io possa mangiare e ti benedica davanti al Signore prima della mia morte.

8 Ora dunque, figlio mio, obbedisci alla mia voce secondo ciò che ti comando.

9 Va' ora al gregge, e portami di là due buoni capretti; e li farò carne saporita per tuo padre, come lui ama;

10 E lo porterai a tuo padre, perché mangi e ti benedica prima della sua morte.

11 E Giacobbe disse a Rebecca sua madre: Ecco, mio fratello Esaù è un uomo peloso, e io sono un uomo liscio;

12 Mio padre forse mi sentirà e io gli sembrerò un ingannatore; e io porterò su di me una maledizione, e non una benedizione.

13 E sua madre gli disse: Su di me sia la tua maledizione, figlio mio; obbedisci solo alla mia voce e vai a prendermeli.

14 Ed egli andò, li andò a prenderli e li condusse a sua madre; e sua madre faceva una carne saporita, come amava suo padre.

15 E Rebecca prese le belle vesti di Esaù suo figlio maggiore, che era con lei in casa, e le vestì su Giacobbe, suo figlio minore;

16 E gli mise sulle mani e sulla liscia del collo le pelli dei capretti dei capri;

17 E diede la carne saporita e il pane, che aveva preparato, nelle mani di suo figlio Giacobbe.

18 E venne da suo padre e disse: Mio padre; e disse: Eccomi; chi sei, figlio mio?

19 E Giacobbe disse a suo padre: Io sono Esaù tuo primogenito; ho fatto come mi hai detto; alzati, ti prego, siediti e mangia della mia carne di cervo, affinché la tua anima mi benedica.

20 E Isacco disse a suo figlio: Come mai l'hai trovato così presto, figlio mio? E disse: Perché il Signore, tuo Dio, me l'ha portato.

21 E Isacco disse a Giacobbe: Avvicinati, ti prego, affinché io possa sentirti, figlio mio, sia che tu sia il mio stesso figlio Esaù o no.

22 E Giacobbe si avvicinò a Isacco suo padre; ed egli lo sentì e disse: La voce è la voce di Giacobbe, ma le mani sono le mani di Esaù.

23 E non lo vide, perché le sue mani erano pelose, come le mani di suo fratello Esaù; così lo benedisse.

24 Ed egli disse: Sei tu il mio stesso figlio Esaù? E lui ha detto, lo sono.

25 E disse: Avvicinamelo, e io mangerò della selvaggina di mio figlio, affinché l'anima mia ti benedica. E gliela fece avvicinare, ed egli mangiò; e gli portò del vino, ed egli bevve.

26 E suo padre Isacco gli disse: Avvicinati ora e baciami, figlio mio.

27 E si avvicinò e lo baciò; ed egli annusò l'odore delle sue vesti, e lo benedisse, e disse: Vedi, l'odore di mio figlio è come l'odore di un campo che il Signore ha benedetto;

28 Perciò Dio ti dà della rugiada del cielo, e della grassezza della terra, e abbondanza di grano e di vino;

29 Gli uomini ti servano e le nazioni si prostrino davanti a te; sii signore dei tuoi fratelli, e si prostrino davanti a te i figli di tua madre; sia maledetto chiunque ti maledice, e benedetto sia colui che ti benedice.

30 E avvenne, non appena Isacco ebbe finito di benedire Giacobbe, e Giacobbe era appena uscito dalla presenza di Isacco suo padre, che Esaù suo fratello tornò dalla sua caccia.

31 E aveva anche preparato una carne saporita, e l'ha portata a suo padre, e ha detto a suo padre: Si alzi mio padre e mangi la selvaggina di suo figlio, affinché la tua anima mi benedica.

32 E Isacco suo padre gli disse: Chi sei? Ed egli disse: Io sono tuo figlio, il tuo primogenito, Esaù.

33 E Isacco tremò molto e disse: Chi? dov'è colui che ha preso della selvaggina e me l'ha portata, e io ho mangiato di tutto prima che venissi e l'ho benedetto? sì, e sarà benedetto.

34 E quando Esaù udì le parole di suo padre, gridò con un grido grande ed estremamente amaro, e disse a suo padre: Benedici anche me, o padre mio.

35 Ed egli disse: Tuo fratello è venuto con astuzia, e ha tolto la tua benedizione.

36 E disse: Non si chiama giustamente Giacobbe? poiché mi ha soppiantato queste due volte; mi ha tolto il diritto di primogenitura; ed ecco, ora ha tolto la mia benedizione. E disse: Non mi hai riservato una benedizione?

37 E Isacco rispose e disse a Esaù: Ecco, io l'ho costituito tuo signore, e gli ho dato tutti i suoi fratelli per servi; e con grano e vino l'ho sostenuto; e che ti farò adesso, figlio mio?

38 Ed Esaù disse a suo padre: Hai tu una sola benedizione, padre mio? benedici me, anche me, o padre mio. Ed Esaù alzò la voce e pianse.

39 E suo padre Isacco rispose e gli disse: Ecco, la tua dimora sarà il grasso della terra e la rugiada del cielo dall'alto;

40 E di tua spada vivrai, e servirai tuo fratello; e avverrà quando avrai il dominio, che spezzerai il suo giogo dal tuo collo.

41 Ed Esaù odiava Giacobbe a causa della benedizione con cui suo padre lo benedisse; ed Esaù disse in cuor suo: I giorni del lutto per mio padre sono vicini; allora ucciderò mio fratello Giacobbe.

42 E queste parole di Esaù suo figlio maggiore furono riferite a Rebecca; ed ella mandò a chiamare Giacobbe suo figlio più giovane, e gli disse: Ecco, tuo fratello Esaù, mentre toccandoti, si consola, proponendosi di ucciderti.

43 Ora dunque, figlio mio, obbedisci alla mia voce; e levati, fuggi da Labano mio fratello, da Haran;

44 E rimani con lui alcuni giorni, finché il furore di tuo fratello non si plachi;

45 Finché l'ira di tuo fratello non si allontani da te, ed egli dimentichi ciò che gli hai fatto; allora ti manderò e ti prenderò di là; perché dovrei essere privato anche di voi due in un giorno?

46 E Rebecca disse a Isacco: Sono stanco della mia vita a causa delle figlie di Heth; se Giacobbe prende in moglie una delle figlie di Heth, come queste che sono delle figlie del paese, a che cosa mi gioverà la mia vita?

CAPITOLO 28

Isacco benedice Giacobbe — Esaù sposa Mahalath — La visione della scala di Giacobbe — La pietra di Beth-el — Il voto di Giacobbe.

1 Isacco chiamò Giacobbe, lo benedisse, lo ordinò e gli disse: Non prenderai moglie delle figlie di Canaan.

2 Levati, va' a Padan-Aram, alla casa di Betuel, padre di tua madre; e prenditi moglie di là dalle figlie di Labano, fratello di tua madre.

3 E Dio onnipotente ti benedica, ti renda fecondo e ti moltiplichi, affinché tu sia una moltitudine di persone;

4 E darti la benedizione di Abramo, a te e alla tua discendenza con te; affinché tu possa ereditare il paese in cui sei straniero, che Dio diede ad Abramo.

5 E Isacco mandò via Giacobbe; e andò a Padan-Aram da Labano, figlio di Betuel il Siro, fratello di Rebecca, madre di Giacobbe ed Esaù.

6 Quando Esaù vide che Isacco aveva benedetto Giacobbe, e lo mandò a Padan-Aram, per prenderlo in moglie di là; e che mentre lo benediceva, gli diede un ordine, dicendo: Non prenderai moglie delle figlie di Canaan;

7 E che Giacobbe ubbidì a suo padre ea sua madre, e se ne andò a Padan-Aram;

8 Ed Esaù, vedendo che le figlie di Canaan non piacevano a Isacco suo padre;

9 Allora Esaù andò da Ismaele e prese in moglie le mogli che aveva Mahalath, figlia di Ismaele, figlio di Abramo, sorella di Nebajoth.

10 E Giacobbe uscì da Beer-Sceba e andò verso Caran.

11 E accese un certo luogo, e vi rimase tutta la notte, perché il sole era tramontato; e prese delle pietre di quel luogo, e le pose per i suoi guanciali, e si coricò in quel luogo per dormire.

12 Ed egli sognò, ed ecco una scala eretta sulla terra, e la cui cima raggiungeva il cielo; ed ecco gli angeli di Dio salire e scendere su di essa.

13 Ed ecco, il Signore stette sopra di essa e disse: Io sono il Signore, Dio di Abramo, tuo padre, e il Dio di Isacco; la terra su cui dimori, a te la darò e alla tua discendenza;

14 E la tua progenie sarà come la polvere della terra; e ti estenderai a occidente, a oriente, a settentrione ea meridione; e in te e nella tua discendenza saranno benedette tutte le famiglie della terra.

15 Ed ecco, io sono con te, e ti custodirò in ogni luogo dove vai, e ti ricondurrò in questo paese; poiché non ti lascerò finché non avrò fatto ciò di cui ti ho parlato.

16 E Giacobbe si svegliò dal suo sonno, e disse: Certamente il Signore è in questo luogo; e io non lo sapevo.

17 Ed ebbe paura e disse: Com'è terribile questo luogo! questa non è altro che la casa di Dio, e questa è la porta del cielo.

18 E Giacobbe si alzò di buon mattino, prese la pietra che aveva messo per i suoi guanciali, la eresse come una colonna e versò dell'olio sopra di essa.

19 E chiamò quel luogo Betel; ma il nome di quella città fu dapprima chiamato Luz.

20 E Giacobbe fece un voto, dicendo: Se Dio sarà con me, e mi custodirà per questa via che vado, e mi darà pane da mangiare e vesti per vestirmi,

21 Così vengo di nuovo in pace alla casa di mio padre; allora il Signore sarà il mio Dio;

22 E il luogo di questa pietra, che ho posto come colonna, sarà il luogo della casa di Dio; e di tutto ciò che mi darai, io ti darò sicuramente il decimo.

CAPITOLO 29

Giacobbe viene a Caran - Giacobbe fa un patto per Rachele - Si lascia ingannare con Lia - Si sposa con Rachele.

1 Allora Giacobbe si mise in viaggio e giunse nel paese del popolo dell'oriente.

2 Ed egli guardò, ed vide un pozzo nel campo, ed ecco, c'erano tre greggi di pecore che giacevano vicino ad esso; poiché da quel pozzo abbeveravano le greggi; e una grande pietra era sulla bocca del pozzo.

3 E là erano radunati tutti i greggi; e rotolarono la pietra dalla bocca del pozzo, e abbeverarono le pecore, e rimisero la pietra sulla bocca del pozzo al suo posto.

4 E Giacobbe disse loro: Fratelli miei, da dove venite? E dissero: Da Haran.

5 Ed egli disse loro: Conoscete voi Labano, figlio di Nahor? E hanno detto, Lo conosciamo.

6 Ed egli disse loro: Sta bene? E dissero: Egli sta bene; ed ecco, Rachele, sua figlia viene con le pecore.

7 Ed egli disse: Ecco, è ancora giorno alto, né è tempo che il bestiame si raduni; abbeverate le pecore e andate a dar loro da mangiare.

8 E dissero: Non possiamo, finché tutte le greggi non si siano radunate e finché non rotoleranno la pietra dalla bocca del pozzo; poi annaffiamo le pecore.

9 E mentre ancora parlava con loro, Rachele venne con le pecore di suo padre; perché lei li ha tenuti.

10 E avvenne che quando Giacobbe vide Rachele, figlia di Labano, fratello di sua madre, e le pecore di Labano, fratello di sua madre, Giacobbe si avvicinò, rotolò la pietra dalla bocca del pozzo e abbeverò il gregge di Labano di sua madre fratello.

11 E Giacobbe baciò Rachele, alzò la voce e pianse.

12 E Giacobbe disse a Rachele che era il fratello di suo padre e che era figlio di Rebecca; e lei corse e lo disse a suo padre.

13 E avvenne, quando Labano udì la notizia di Giacobbe figlio di sua sorella, che gli corse incontro, lo abbracciò, lo baciò e lo condusse a casa sua. E disse a Labano tutte queste cose.

14 E Làbano gli disse: «Certo tu sei le mie ossa e la mia carne». E rimase con lui lo spazio di un mese.

15 E Làbano disse a Giacobbe: Poiché tu sei mio fratello, dovresti dunque servirmi invano? dimmi, quale sarà il tuo salario?

16 E Labano aveva due figlie; il nome della maggiore era Lia, e il nome della minore era Rachele.

17 Lia aveva gli occhi teneri; ma Rachel era bella e favorita.

18 E Giacobbe amava Rachele; e disse: Ti servirò sette anni per Rachele tua figlia minore.

19 E Làbano disse: È meglio che io la dia a te, che a un altro uomo; dimora con me.

20 E Giacobbe servì sette anni per Rachele; e gli parvero pochi giorni, per l'amore che aveva per lei.

21 E Giacobbe disse a Labano: Dammi mia moglie, affinché io vada a prenderla, poiché i miei giorni in cui ti ho servito sono compiuti.

22 E Labano la diede a Giacobbe, e radunò tutti gli uomini del luogo, e fece un banchetto.

23 E avvenne che la sera egli prese sua figlia Lia e la condusse da Giacobbe, ed ella entrò e si addormentò con lui.

24 E Labano diede a sua figlia Lia, Zilpa, sua serva, perché le facesse da serva.

25 E avvenne che al mattino, ecco, era Leah; e disse a Labano: Che mi hai fatto questo? non ho servito con te per Rachel? perché dunque mi hai ingannato?

26 E Làbano disse: Non si deve fare così nel nostro paese, dare il minore prima del primogenito.

27 Soddisfa la sua settimana, e te lo daremo anche per il servizio che servirai con me per altri sette anni.

28 E Giacobbe fece così, e adempì la sua settimana; e gli diede in moglie anche Rachele sua figlia.

29 E Labano diede a Rachele sua figlia, Bilhah, sua serva, come serva.

30 E anche lui entrò e si addormentò con Rachele, e amò anche Rachele più di Lia, e servì con Labano ancora sette anni.

31 E quando il Signore vide che Lia era odiata, le aprì il grembo; ma Rachel era sterile.

32 E Lia concepì e partorì un figlio; e lo chiamò Ruben; poiché ella disse: Sicuramente il Signore ha guardato alla mia afflizione; ora dunque mio marito mi amerà.

33 Ed ella concepì di nuovo, e partorì un figlio; e disse: Poiché il Signore ha udito che ero odiato, perciò mi ha dato anche questo figlio; e lo chiamò Simeone.

34 Ed ella concepì di nuovo, e partorì un figlio; e disse: Ora, questa volta mio marito si unirà a me, perché gli ho partorito tre figli; perciò si chiamava Levi.

35 Ed ella concepì di nuovo, e partorì un figlio; ed ella disse: Ora loderò il Signore; perciò lo chiamò Giuda; e cuscinetto sinistro.

CAPITOLO 30

Rachele dà la sua serva a Giacobbe - Lia dà la sua serva - Rachele porta Giuseppe - La politica di Giacobbe.

1 E quando Rachele vide che non dava figli a Giacobbe, Rachele invidiava sua sorella; e disse a Giacobbe: Dammi figli, altrimenti muoio.

2 E l'ira di Giacobbe si accese contro Rachele; ed egli disse: Sono io in vece di Dio, che ti ha negato il frutto del grembo?

3 Ed ella disse: Ecco, la mia serva Bilhah, entra e giaci con lei; ed ella mi porterà sulle ginocchia, affinché anch'io possa avere figli da lei.

4 Ed ella gli diede in moglie Bilhah, la sua serva; e Giacobbe andò e giacque con lei.

5 E Bilha concepì e partorì un figlio a Giacobbe.

6 E Rachele disse: Dio mi ha giudicato, e ha anche ascoltato la mia voce, e mi ha dato un figlio; perciò la chiamò Dan.

7 E Bilhah, serva di Rachele, concepì di nuovo e partorì un secondo figlio a Giacobbe.

8 E Rachele disse: Con grandi lotte ho lottato con mia sorella e ho vinto; e lo chiamò Neftali.

9 Quando Lia vide che aveva abbandonato la portazione, prese Zilpa, sua serva, e la diede in moglie a Giacobbe.

10 E Zilpa, serva di Lea, partorì un figlio a Giacobbe.

11 E Lia disse: Viene una truppa; e lei lo chiamò Gad.

12 E Zilpa, serva di Lea, partorì a Giacobbe un secondo figlio.

13 E Lia disse: Felice sono io, perché le figlie mi chiameranno beata; e lei lo chiamò Asher.

14 E Ruben andò nei giorni della mietitura del grano, trovò delle mandragole nel campo e le condusse a sua madre Lia. Allora Rachele disse a Lia: Dammi, ti prego, delle mandragole di tuo figlio.

15 Ed ella le disse: È poca cosa che tu abbia preso mio marito? e toglieresti anche le mandragole di mio figlio? E Rachele disse: Perciò stanotte giacerà con te per le mandragole di tuo figlio.

16 E la sera Giacobbe uscì dal campo, e Lia gli andò incontro, e disse: Devi entrare e giacere con me; perché sicuramente ti ho assunto con le mandragole di mio figlio. E giacque con lei quella notte.

17 E Dio diede ascolto a Lia, ed ella concepì e partorì a Giacobbe il quinto figliuolo.

18 E Lia disse: Dio mi ha dato il mio salario, perché ho dato la mia fanciulla a mio marito; e lo chiamò Issacar.

19 E Lia concepì di nuovo e partorì il sesto figlio Giacobbe.

20 E Lia disse: Dio mi ha dato una buona dote; ora mio marito abiterà con me, perché gli ho partorito sei figli; e lo chiamò Zabulon.

21 E poi partorì una figlia, e la chiamò Dina.

22 E Dio si ricordò di Rachele, e Dio le diede ascolto e le aprì il grembo.

23 Ed ella concepì e partorì un figlio; e disse: Dio ha tolto il mio biasimo;

24 E lei lo chiamò Giuseppe; e disse: Il Signore mi aggiungerà un altro figlio.

25 E avvenne, quando Rachele ebbe partorito Giuseppe, che Giacobbe disse a Labano: Mandami via, affinché io possa andare al mio proprio luogo e al mio paese.

26 Dammi le mie mogli ei miei figli, per i quali ti ho servito, e lasciami andare; poiché conosci il mio servizio che ti ho reso.

27 E Labano gli disse: Ti prego, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, indugia; poiché ho imparato per esperienza che il Signore mi ha benedetto per amor tuo.

28 Ed egli disse: Fissami il tuo salario, e io te lo darò.

29 Ed egli gli disse: Tu sai come ti ho servito e come il tuo bestiame era con me.

30 Poiché era poco quello che avevi prima che io venissi, ed ora è cresciuto fino a diventare una moltitudine; e il Signore ti ha benedetto sin dalla mia venuta; e ora, quando provvederò anche alla mia casa?

31 Ed egli disse: Che cosa ti darò? E Giacobbe disse: Non mi darai nulla; se tu farai questo per me, io pascolerò di nuovo e pascolerò il tuo gregge.

32 Oggi io passerò per tutto il tuo gregge, togliendo di là tutto il bestiame macchiato e macchiato, e tutto il bestiame bruno fra le pecore, e quello macchiato e macchiato fra i capri; e di questi sarà il mio salario.

33 Così mi risponderà la mia giustizia nel tempo a venire, quando verrà per il mio salario davanti a te; chiunque non sia macchiato e macchiato tra i capri e marrone tra le pecore, sarà considerato rubato con me.

34 E Labano disse: Ecco, io vorrei che fosse secondo la tua parola.

35 E quel giorno tolse i capretti striati e macchiati, e tutte le capre screziate e macchiate, e tutte quelle che avevano del bianco, e tutte le pecore brune, e le diede nelle mani dei suoi figli.

36 E stabilì tre giorni di viaggio tra sé e Giacobbe; e Giacobbe sfamò il resto del gregge di Labano.

37 E Giacobbe gli prese delle bacchette di pioppo verde, di nocciolo e di castagno; e vi riempiva di strisce bianche, e faceva apparire il bianco che era nelle bacchette.

38 E pose le bacchette che aveva accatastato davanti alle greggi nelle grondaie negli abbeveratoi quando le greggi venivano ad abbeverarsi, affinché concepissero quando venissero ad abbeverarsi.

39 E le greggi concepirono davanti alle verghe e diedero alla luce bestiame striato, chiazzato e macchiato.

40 E Giacobbe separò gli agnelli, e pose la faccia del gregge verso il striato e tutto il bruno nel gregge di Labano; e sistemò i suoi greggi da soli, e non li mise al bestiame di Labano.

41 E avvenne, ogni volta che il bestiame più forte concepiva, che Giacobbe poneva le verghe davanti agli occhi del bestiame nelle grondaie, affinché potessero concepire tra le verghe.

42 Ma quando il bestiame era debole, non lo fece entrare; così più deboli erano di Labano e più forti di Giacobbe.

43 E l'uomo crebbe enormemente, e aveva molto bestiame, e serve, e servi, e cammelli e asini.

CAPITOLO 31

Giacobbe se ne va in segreto - Labano lo insegue - Il patto di Galeed.

1 E udì le parole dei figli di Labano, che dicevano: Giacobbe ha portato via tutto ciò che era di nostro padre; e da ciò che era di nostro padre ha ottenuto tutta questa gloria.

2 E Giacobbe vide il volto di Labano, ed ecco, non era verso di lui come prima.

3 E il Signore disse a Giacobbe: Ritorna alla terra dei tuoi padri e alla tua stirpe; e io sarò con te.

4 E Giacobbe mandò a chiamare Rachele e Lia al campo presso il suo gregge,

5 E disse loro: Vedo il volto di vostro padre, che non è verso di me come prima; ma il Dio di mio padre è stato con me.

6 E voi sapete che con tutta la mia potenza ho servito vostro padre.

7 E tuo padre mi ha ingannato, e ha cambiato il mio salario dieci volte; ma Dio gli ha permesso di non farmi del male.

8 Se ha detto così: Le macchiettate saranno il tuo salario; poi tutto il bestiame nudo maculato; ed egli disse così: L'anello striato sarà il tuo compenso; quindi spogli tutto il bestiame striato dall'anello.

9 Così Dio ha preso il bestiame di tuo padre e me lo ha dato.

10 E avvenne, nel momento in cui il bestiame concepì, che alzai gli occhi e vidi in sogno, ed ecco, gli arieti che saltavano sul bestiame erano striati, macchiati e brizzolati.

11 E l'angelo di Dio mi parlò in sogno, dicendo: Giacobbe; e ho detto: eccomi.

12 E disse: Alza ora gli occhi e guarda, tutti gli arieti che saltano sul bestiame sono striati, chiazzati e brizzolati; poiché ho visto tutto ciò che Labano ti fa.

13 Io sono l'Iddio di Betel, dove hai unto la colonna e dove mi hai fatto un voto; ora levati, esci da questo paese e torna nel paese della tua stirpe.

14 E Rachele e Lia risposero e gli dissero: C'è ancora qualche parte o eredità per noi nella casa di nostro padre?

15 Non siamo forse considerati estranei a lui? poiché ci ha venduti e ha divorato anche il nostro denaro.

16 Per tutte le ricchezze che Dio ha tolto a nostro padre, questo è nostro e dei nostri figli; ora dunque qualunque cosa Dio ti ha detto, fallo.

17 Allora Giacobbe si alzò e fece salire i suoi figli e le sue mogli sui cammelli;

18 E portò via tutto il suo bestiame e tutti i suoi beni che aveva ottenuto, il bestiame che aveva ricevuto, che aveva preso a Padanaram, per andare da Isacco suo padre nel paese di Canaan.

19 E Labano andò a tosare le sue pecore; e Rachel aveva rubato le immagini che erano di suo padre.

20 E Giacobbe se ne andò di sorpresa a Labano il Siro, in quanto non gli disse che era fuggito.

21 Così fuggì con tutto ciò che aveva; ed egli si alzò, passò oltre il fiume e si rivolse al monte di Galaad.

22 E il terzo giorno fu riferito a Labano che Giacobbe era fuggito.

23 E prese con sé i suoi fratelli, e lo inseguì per sette giorni di viaggio; e lo raggiunsero sul monte di Galaad.

24 E Dio venne di notte in sogno da Labano, il Siro, e gli disse: Guarda di non parlare a Giacobbe né di bene né di male.

25 Allora Labano raggiunse Giacobbe. Ora Giacobbe aveva piantato la sua tenda sul monte; e Labano con i suoi fratelli si accampò sul monte di Galaad.

26 E Làbano disse a Giacobbe: Che cosa hai fatto, che mi hai rubato inavvertitamente, e portato via le mie figlie, come prigioniere prese con la spada?

27 Perché sei fuggito di nascosto, e mi hai rubato; e non mi hai detto che ti avrei mandato via con allegria, e con canti, con tabarta e con arpa?

28 E non mi hai permesso di baciare i miei figli e le mie figlie? ora hai agito scioccamente così facendo.

29 È in potere della mia mano farti del male; ma il Dio di tuo padre mi ha parlato ieri sera, dicendo: Bada di non parlare a Giacobbe né di bene né di male.

30 Ed ora, anche se vorresti andartene, perché desideravi ardentemente la casa di tuo padre, tuttavia perché hai rubato i miei dèi?

31 E Giacobbe rispose e disse a Labano: Perché avevo paura; poiché ho detto: forse mi prenderesti con la forza le tue figlie.

32 Con chiunque trovi i tuoi dèi, non viva; davanti ai nostri fratelli discerni ciò che è tuo presso di me e portalo a te. Giacobbe infatti non sapeva che Rachele le aveva rubate.

33 E Labano entrò nella tenda di Giacobbe, nella tenda di Lia e nelle tende delle due serve; ma non li trovò. Allora uscì dalla tenda di Lia ed entrò nella tenda di Rachele.

34 Ora Rachele aveva preso le immagini, le aveva deposte nella mobilia del cammello e si era seduta su di esse. E Labano perquisì tutta la tenda, ma non le trovò.

35 E disse a suo padre: Non dispiacere al mio signore che io non possa insorgere davanti a te; poiché l'usanza delle donne è su di me. E ha cercato, ma non ha trovato le immagini.

36 E Giacobbe si adirò, e si scagliò con Labano; e Giacobbe rispose e disse a Labano: Qual è la mia colpa? qual è il mio peccato, che tu mi hai perseguitato così ardentemente?

37 Mentre hai perquisito tutte le mie cose, che cosa hai trovato di tutte le tue cose di casa? mettila qui davanti ai miei fratelli e ai tuoi fratelli, affinché giudichino tra noi due.

38 Questi vent'anni sono stato con te; le tue pecore e le tue capre non hanno gettato i loro piccoli e non ho mangiato gli arieti del tuo gregge.

39 Non ti ho portato ciò che era stato sbranato dalle bestie; ne sopporto la perdita; dalla mia mano l'hai voluta, rubata di giorno o rubata di notte.

40 Così ero; di giorno la siccità mi ha consumato, e il gelo di notte; e il mio sonno si allontanò dai miei occhi.

41 Così sono stato vent'anni in casa tua; Ti ho servito quattordici anni per le tue due figlie e sei anni per il tuo bestiame; e tu hai cambiato il mio salario dieci volte.

42 Se il Dio di mio padre, il Dio di Abramo, e il timore di Isacco non erano stati con me, tu mi avevi mandato via ora vuoto. Dio ha visto la mia afflizione e la fatica delle mie mani, e ieri sera ti ha rimproverato.

43 E Labano rispose e disse a Giacobbe: Queste figlie sono le mie figlie, e questi bambini sono i miei figli, e questo bestiame è il mio bestiame, e tutto ciò che vedi è mio; e che cosa posso fare oggi a queste mie figlie, o ai loro figli che hanno partorito?

44 Ora dunque vieni tu, facciamo un patto, io e tu; e fa' che sia una testimonianza tra me e te.

45 E Giacobbe prese una pietra e la eresse come colonna.

46 E Giacobbe disse ai suoi fratelli: Raccogliete le pietre; e presero delle pietre, e fecero un mucchio; e là mangiarono sul mucchio.

47 E Labano lo chiamò Jegarsahadutha; ma Giacobbe lo chiamò Galeed.

48 E Labano disse: Questo mucchio è oggi un testimone tra me e te. Perciò il suo nome fu chiamato Galeed,

49 E Mizpa; poiché disse: Il Signore veglia tra me e te, quando siamo assenti l'uno dall'altro.

50 Se affliggerai le mie figlie, o se prenderai altre mogli oltre alle mie figlie, nessuno è con noi; vedi, Dio è testimone tra me e te.

51 E Labano disse a Giacobbe: Guarda questo mucchio, ed ecco questa stele, che io ho gettato fra me e te;

52 Questo mucchio sia testimone, e questa colonna sia testimonianza, che io non passerò questo mucchio a te, e che tu non passerai sopra questo mucchio e questa colonna per me, per danno.

53 Il Dio di Abramo e il Dio di Nahor, il Dio del loro padre, giudicano tra di noi. E Giacobbe giurò per il timore di suo padre Isacco.

54 Allora Giacobbe offrì sacrificio sul monte e chiamò i suoi fratelli a mangiare il pane; e mangiarono del pane e rimasero tutta la notte sul monte.

55 E di buon mattino Labano si alzò, baciò i suoi figli e le sue figlie, e li benedisse; e Labano se ne andò e tornò al suo posto.

CAPITOLO 32

La visione di Giacobbe — Egli manda un dono a Esaù — Combatte con un angelo a Peniel — È chiamato Israele.

1 E Giacobbe si avviò e gli angeli di Dio gli vennero incontro.

2 E quando Giacobbe li vide, disse: Questo è l'esercito di Dio; e chiamò il nome di quel luogo Mahanaim.

3 E Giacobbe mandò davanti a lui messaggeri a suo fratello Esaù nel paese di Seir, il paese di Edom.

4 Ed egli comandò loro, dicendo: Così parlerete al mio signore Esaù; Il tuo servo Giacobbe dice così: Ho soggiornato con Labano e vi sono rimasto fino ad ora;

5 E ho buoi, e asini, greggi, e servi e schiave; e ho mandato a dirlo al mio signore, affinché possa trovare grazia ai tuoi occhi.

6 E i messaggeri tornarono da Giacobbe, dicendo: Siamo venuti da tuo fratello Esaù, e anche lui viene ad incontrarti, e con lui quattrocento uomini.

7 Allora Giacobbe fu grandemente spaventato e angosciato; e ha diviso il popolo che

era con lui, e le greggi, e gli armenti e i cammelli, in due bande;

8 E disse: Se Esaù viene da una compagnia e la colpisce, allora l'altra compagnia rimasta scapperà.

9 E Giacobbe disse: O Dio di mio padre Abramo, e Dio di mio padre Isacco, il Signore che mi ha detto: Ritorna al tuo paese e alla tua stirpe, e io ti tratterò bene;

10 Io non sono degno della minima di tutte le misericordie e di tutta la verità che hai mostrato al tuo servitore; poiché con il mio bastone ho passato questo Giordano; e ora sono diventato due band.

11 Liberami, ti prego, dalla mano di mio fratello, dalla mano di Esaù; poiché lo temo, perché non venga a colpire me e le madri con i bambini.

12 E tu dicesti: Io certamente ti farò del bene, e renderò la tua discendenza come la sabbia del mare, che non può essere numerata per moltitudine.

13 E vi alloggiò quella stessa notte; e prese in dono di ciò che gli capitava in mano per Esaù suo fratello;

14 Duecento capre e venti capre lui, duecento pecore e venti montoni,

15 Trenta cammelli da latte con i loro puledri, quaranta vacche e dieci buoi, venti asini e dieci puledri.

16 E li consegnò nelle mani dei suoi servi, ciascuno guidato da sé; e disse ai suoi servi: Passa davanti a me, e metti uno spazio tra la guida e la guida.

17 E comandò ai primi, dicendo: Quando Esaù mio fratello ti viene incontro e te lo interroga, dicendo: Di chi sei? e dove vai? e di chi sono questi prima di te?

18 E tu dirai: Essi sono del tuo servitore Giacobbe; è un regalo inviato al mio signore Esaù; ed ecco, anche lui è dietro di noi.

19 E così comandò al secondo e al terzo, e a tutti quelli che seguivano il branco, dicendo: In questo modo parlerete a Esaù, quando lo troverete.

20 E dite inoltre: Ecco, il tuo servo Giacobbe è dietro di noi. Perché ha detto che lo placherò con il presente che mi precede, e dopo vedrò la sua faccia; forse accetterà da me.

21 Così il presente gli passò davanti; e lui stesso alloggiò quella notte in compagnia.

22 E quella notte si alzò, prese le sue due mogli, le sue due serve e i suoi undici figli, e passò oltre il guado di Jabbok.

23 E li prese, e li mandò oltre il ruscello, e mandò quello che aveva.

24 E Giacobbe rimase solo; e là lottò un uomo con lui fino allo spuntare del giorno.

25 E quando vide che non lo prevaleva, gli toccò l'incavo della coscia; e l'incavo della coscia di Giacobbe era storto, mentre lottava con lui.

26 E disse: Lasciami andare, perché fa giorno. E disse: Non ti lascerò andare, a meno che tu non mi benedica.

27 Ed egli gli disse: Qual è il tuo nome? E lui disse, Giacobbe.

28 Ed egli disse: Il tuo nome non sarà più chiamato Giacobbe, ma Israele; poiché come principe hai potere presso Dio e sugli uomini, e hai prevalso.

29 E Giacobbe lo interrogò e disse: Dimmi, ti prego, il tuo nome. E disse: Perché chiedi il mio nome? E lì lo benedisse.

30 E Giacobbe chiamò il luogo Peniel; poiché ho visto Dio faccia a faccia e la mia vita è preservata.

31 E mentre passava sopra Penuel, il sole sorse su di lui ed egli si fermò sulla sua coscia.

32 Perciò i figli d'Israele non mangiano del tendine che si è contratto, che è sull'incavo della coscia, fino ad oggi; perché ha toccato l'incavo della coscia di Giacobbe nel tendine che si era contratto.

CAPITOLO 33

La gentilezza di Giacobbe ed Esaù al loro incontro — Giacobbe costruisce un altare chiamato El-Elohe-Israel.

1 E Giacobbe alzò gli occhi e guardò, ed ecco venne Esaù, e con lui quattrocento uomini. E divise i figli a Lia, a Rachele e alle due ancelle.

2 E mise in primo piano le ancelle ei loro figli, e dopo Lia ei suoi figli, e dietro Rachele e Giuseppe.

3 E passò davanti a loro, e si prostrò a terra sette volte, finché si avvicinò a suo fratello.

4 Ed Esaù gli corse incontro, lo abbracciò, gli si gettò al collo e lo baciò; e piansero.

5 Ed egli alzò gli occhi, e vide le donne ei fanciulli, e disse: Chi sono quelli con te? E disse: I figli che Dio ha benignamente dato al tuo servo.

6 Allora si avvicinarono le ancelle, essi ei loro figli, e si prostrarono.

7 E anche Lia con i suoi figli si avvicinò e si prostrarono; e dopo si avvicinarono Giuseppe e Rachele, e si prostrarono.

8 E disse: Che cosa vuoi dire con tutto questo puledro che ho incontrato? E disse: Questi devono trovare grazia agli occhi del mio signore.

9 Ed Esaù disse: Ho abbastanza, fratello mio; custodisci quello che hai per te.

10 E Giacobbe disse: No, ti prego, se ora ho trovato grazia ai tuoi occhi, allora ricevi il mio dono dalla mia mano; poiché perciò ho visto il tuo volto, come se avessi visto il volto di Dio, e tu ti sei compiaciuto di me.

11 Prendi, ti prego, la mia benedizione che ti è stata recata; perché Dio mi ha trattato benevolmente, e perché ne ho abbastanza. E lo esortò, e lo prese.

12 Ed egli disse: Facciamo il nostro viaggio, andiamo, e io andrò davanti a te.

13 Ed egli gli disse: Il mio signore sa che i fanciulli sono teneri, e le greggi e gli armenti con i piccoli sono con me; e se un giorno gli uomini dovessero sopraffarli, tutto il gregge morirà.

14 Lascia che il mio signore, ti prego, passi davanti al suo servo; e io procederò dolcemente, secondo che il bestiame che mi precede ei bambini possono resistere, finché io verrò dal mio signore a Seir.

15 Ed Esaù disse: Lascia che ora ti lasci un po' del popolo che è con me. E lui disse: Che cosa ne ha bisogno? fammi trovare grazia agli occhi del mio signore.

16 Così in quel giorno Esaù tornò a Seir.

17 E Giacobbe si recò a Succoth, gli costruì una casa e fece delle capanne per il suo bestiame; perciò il nome del luogo si chiama Succoth.

18 E Giacobbe venne a Shalem, una città di Sichem, che è nel paese di Canaan, quando venne da Padan-Aram; e piantò la sua tenda davanti alla città.

19 E comprò un appezzamento di campo, dove aveva piantato la sua tenda, per cento pezzi di denaro, dalle mani dei figli di Camor, padre di Sichem.

20 E vi eresse un altare, e lo chiamò El-Elohe-Israel.

CAPITOLO 34

Dina è rapita da Sichem — Circoncisione dei Sichemiti — I figli di Giacobbe li uccidono e depredano la loro città — Giacobbe rimprovera Simeone e Levi.

1 E Dina, figlia di Lia, che aveva partorito a Giacobbe, uscì per vedere le figlie del paese.

2 E quando la vide Sichem, figlio di Camor, l'Eveo, principe del paese, la prese, si sdraiò con lei e la profanò.

3 E la sua anima si strinse a Dina, figliuola di Giacobbe, ed egli amò la fanciulla e parlò gentilmente alla fanciulla.

4 E Sichem parlò a Camor suo padre, dicendo: Dammi in moglie questa fanciulla.

5 E Giacobbe seppe che aveva contaminato Dina sua figlia; ora i suoi figli erano con il suo bestiame nel campo; e Giacobbe tacque finché furono venuti.

6 E Camor, padre di Sichem, uscì da Giacobbe per comunicare con lui.

7 E i figli di Giacobbe uscirono dal campo, quando lo seppero; e gli uomini furono addolorati, ed erano molto adirati, perché aveva commesso follia in Israele giacendo con la figlia di Giacobbe; quale cosa non dovrebbe essere fatta.

8 E Hamor parlò con loro, dicendo: L'anima di mio figlio Sichem desidera ardentemente tua figlia; Prego che tu gli dia lui in moglie.

9 E sposate con noi, e dateci le vostre figlie, e prendete le nostre figlie a voi.

10 E abiterete con noi; e il paese sarà davanti a te; dimorate e commerciatevi, e vi procurate possedimenti.

11 E Sichem disse a suo padre e ai suoi fratelli: Fammi trovare grazia ai tuoi occhi, e quello che mi direte io lo darò.

12 Non chiedetemi mai tanta dote e dono, e io darò secondo quanto mi direte; ma dammi la damigella in moglie.

13 E i figli di Giacobbe risposero con inganno a Sichem e ad Hamor suo padre, e dissero: perché aveva contaminato Dina loro sorella;

14 E dissero loro: Non possiamo fare questo, per dare la nostra sorella a uno che è incirconciso; poiché ciò era per noi un rimprovero;

15 Ma in questo vi acconsentiremo; Se volete essere come noi, che ogni maschio di voi sia circonciso;

16 Allora ti daremo le nostre figlie, e porteremo a noi le tue figlie, e abiteremo con te, e diventeremo un solo popolo.

17 Ma se non ci ascolterete, per essere circoncisi; allora prenderemo nostra figlia e ce ne andremo.

18 E le loro parole piacquero a Camor e al figlio di Camor Sichem.

19 E il giovane si rimandò a non fare la cosa, perché si dilettava della figlia di Giacobbe; ed era più onorevole di tutta la casa di suo padre.

20 E Camor e suo figlio Sichem vennero alla porta della loro città e parlarono con gli uomini della loro città, dicendo:

21 Questi uomini sono pacifici con noi; perciò dimorino nel paese e vi commerciano; poiché il paese, ecco, è abbastanza grande per loro; prendiamo in moglie le loro figlie e diamo loro le nostre figlie.

22 Solo qui gli uomini acconsentiranno a noi di abitare con noi, di essere un solo popolo, se ogni maschio tra noi sarà circonciso, come sono circoncisi.

23 Il loro bestiame, i loro beni e ogni loro bestia non saranno forse nostri? solo acconsentiamo a loro, ed essi abiteranno con noi.

24 E suo figlio diede ascolto a Camor ea Sichem a tutti quelli che uscivano dalla porta della sua città; e ogni maschio fu circonciso, tutti quelli che uscivano dalla porta della sua città.

25 E avvenne il terzo giorno, quando erano doloranti, che due dei figli di Giacobbe, Simeone e Levi, fratelli di Dina, presero ciascuno la sua spada, e vennero coraggiosamente sulla città e uccisero tutti i maschi.

26 E uccisero a fil di spada Camor e suo figlio Sichem, portarono Dina fuori dalla casa di Sichem e uscirono.

27 I figli di Giacobbe si avventarono sugli uccisi e depredarono la città, perché avevano contaminato la loro sorella.

28 Presero le loro pecore, i loro buoi, i loro asini, ciò che era in città e ciò che era nei campi,

29 E tutte le loro ricchezze, tutti i loro piccoli e le loro mogli li presero in cattività e spoglierono anche tutto ciò che era nella casa.

30 E Giacobbe disse a Simeone ea Levi: «Voi mi avete turbato per farmi puzzare tra gli abitanti del paese, tra i Cananei ei Perizziti; ed io essendo poco di numero, si raduneranno contro di me e mi uccideranno; e sarò distrutto, io e la mia casa.

31 E dissero: Dovrebbe trattare la nostra sorella come una prostituta?

CAPITOLO 35

Dio manda Giacobbe a Beth-el — Egli purifica la sua casa dagli idoli — Costruisce un altare a Beth-el — Dio benedice Giacobbe a Beth-el — Rachele muore — Ruben giace con Bilha — I figli di Giacobbe — Giacobbe va da Isacco a Hebren - La morte di Isacco.

1 E Dio disse a Giacobbe: Alzati, sali a Betel, e abita là; e fa' là un altare a Dio, che ti apparve quando fuggisti dalla faccia di Esaù tuo fratello.

2 Allora Giacobbe disse alla sua casa ea tutti quelli che erano con lui: Deponete gli dèi stranieri che sono in mezzo a voi, e siate puri, e cambiatevi le vesti;

3 E alziamoci e saliamo a Betel; e vi farò un altare a Dio, che mi ha risposto nel giorno della mia angoscia, ed è stato con me nella via che percorrevo.

4 E diedero a Giacobbe tutti gli dèi stranieri che erano nelle loro mani e tutti i loro orecchini che erano nelle loro orecchie; e Giacobbe li nascose sotto la quercia che era presso Sichem.

5 E viaggiarono; e il terrore di Dio era sulle città che erano intorno a loro, e non inseguivano i figli di Giacobbe.

6 Così Giacobbe venne a Luz, che è nel paese di Canaan, cioè a Betel, lui e tutto il popolo che era con lui.

7 E vi costruì un altare, e chiamò quel luogo El-Beth-el; perché là Dio gli apparve, quando fuggì dalla faccia di suo fratello.

8 Ma Debora, nutrice di Rebecca, morì, e fu sepolta sotto Betel, sotto una quercia; e il suo nome si chiamava Allonbachuth.

9 E Dio apparve di nuovo a Giacobbe, quando egli uscì da Padanaram, e lo benedisse.

10 E Dio gli disse: Il tuo nome è Giacobbe; il tuo nome non sarà più chiamato Giacobbe, ma il tuo nome sarà Israele; e lo chiamò Israele.

11 E Dio gli disse: Io sono l'Iddio Onnipotente; sii fecondo e moltiplicati; una nazione e una compagnia di nazioni sarà da te, e re usciranno dai tuoi lombi;

12 E il paese che ho dato ad Abramo e a Isacco, a te lo darò, e alla tua discendenza dopo di te darò il paese.

13 E Dio salì da lui nel luogo dove egli parlava con lui.

14 E Giacobbe eresse una stele nel luogo dov'egli parlava, una stele di pietra; e vi versò sopra una libazione, e vi versò dell'olio.

15 E Giacobbe chiamò il luogo dove Dio gli aveva parlato, Beth-el.

16 E partirono da Betel; e non c'era che un po' di strada per venire a Efrat; e Rachel ha avuto il travaglio, e ha avuto un duro lavoro.

17 E avvenne, mentre era in travaglio, che la levatrice le disse: Non temere; avrai anche questo figlio.

18 E avvenne, mentre la sua anima se ne andava, (poiché morì), che gli chiamò Ben-oni; ma suo padre lo chiamava Beniamino.

19 E Rachele morì e fu sepolta sulla via di Efrat, che è Betlemme.

20 E Giacobbe pose una stele sulla sua tomba; questa è la colonna della tomba di Rachele fino ad oggi.

21 E Israele partì e stese la sua tenda oltre la torre di Edar.

22 E avvenne, quando Israele abitò in quel paese, che Ruben andò e si coricò con Bilhah, la concubina di suo padre; e Israele lo udì. Ora i figli di Giacobbe erano dodici;

23 I figli di Lia; Ruben, primogenito di Giacobbe, e Simeone, Levi, Giuda, Issacar e Zabulon;

24 I figli di Rachele; Giuseppe e Beniamino;

25 E i figli di Bilhah, serva di Rachele; Dan e Neftali;

26 E i figli di Zilpa, serva di Lia; Gad e Asher. Questi sono i figli di Giacobbe, che gli nacquero in Padan-Aram.

27 E Giacobbe venne da Isacco suo padre a Mamre, nella città di Arba, che è Hebron, dove Abramo e Isacco soggiornarono.

28 E i giorni di Isacco furono centoquattr'anni.

29 E Isacco rese lo spirito, morì e fu raccolto presso il suo popolo, essendo vecchio e pieno di giorni; ei suoi figli Esaù e Giacobbe lo seppellirono.

CAPITOLO 36

Le tre mogli di Esaù: i suoi figli.

1 Queste sono le generazioni di Esaù, che è Edom.

2 Esaù prese le mogli delle figlie di Canaan; Adah, figlia di Elon l'Hittita, e Aholibamah, figlia di Anah, figlia di Zibeon, l'Hittita;

3 E Bashemath, figliuola di Ismaele, sorella di Nebajoth.

4 E Adah partorì a Esaù Elifaz; e Bashemath spogliò Reuel;

5 E Aholibama partorì Jeush, Jaalam e Korah; questi sono i figli di Esaù, che gli nacquero nel paese di Canaan.

6 Ed Esaù prese le sue mogli, ei suoi figli, e le sue figlie, e tutta la gente della sua casa, e il suo bestiame, e tutte le sue bestie e tutto il suo patrimonio, che aveva avuto nel paese di Canaan; e se ne andò nel paese dalla faccia di suo fratello Giacobbe.

7 Poiché le loro ricchezze erano più di quanto potessero abitare insieme; e il paese dove erano forestieri non poteva sopportarli a causa del loro bestiame.

8 Così abitò Esaù sul monte Seir; Esaù è Edom.

9 E queste sono le generazioni di Esaù, padre degli Edomiti, sul monte Seir;

10 Questi sono i nomi dei figli di Esaù; Elifaz, figlio di Adah, moglie di Esaù, Reuel, figlio di Bashemath, moglie di Esaù.

11 E i figli di Elifaz furono Teman, Omar, Zefo, Gatam e Kenaz.

12 E Timna era concubina di Elifaz, figlio di Esaù; e partorì ad Elifaz Amalek; questi furono i figli di Adah, moglie di Esaù.

13 E questi sono i figliuoli di Reuel; Nahath, e Zera, Shammah e Mizzah; questi furono i figli di Bashemath, moglie di Esaù.

14 E questi furono i figli di Aholibama, figlia di Anah, figlia di Tsibeon, moglie di Esaù; e partorì a Esaù Jeush, Jaalam e Korah.

15 Questi furono capi de' figliuoli di Esaù; i figli di Elifaz, figlio primogenito di Esaù; duca Teman, duca Omar, duca Zepho, duca Kenaz,

16 Il duca Core, il duca Gatam e il duca Amalek; questi sono i capi che vennero da Elifaz nel paese di Edom; questi furono i figli di Adah.

17 E questi sono i figliuoli di Reuel, figlio di Esaù; il duca Nahath, il duca Zerach, il duca Shammah, il duca Mizzah; questi sono i duchi che vennero da Reuel nel paese di Edom; questi sono i figli di Bashemath, moglie di Esaù.

18 E questi sono i figliuoli di Aholibama, moglie di Esaù; il duca Jeush, il duca Jaalam, il duca Korah; questi furono i capi che vennero da Aholibama, figlia di Anah, moglie di Esaù.

19 Questi sono i figli di Esaù, che è Edom, e questi sono i loro capi.

20 Questi sono i figliuoli di Seir l'Horeo, che abitava il paese; Lotan, Shobal, Zibeon e Anah,

21 E Dishon, Ezer e Dishan; questi sono i capi degli Horei, figli di Seir nel paese di Edom.

22 E i figli di Lotan furono Hori e Hemam; e la sorella di Lotan era Timna.

23 E i figliuoli di Shobal erano questi; Alvan, Manahath, Ebal, Shepho e Onam.

24 E questi sono i figliuoli di Tsibeon; sia Ajah che Anah; questo fu quell'Anah che trovò i muli nel deserto, mentre nutriva gli asini di Zibeon suo padre.

25 E i figliuoli di Anah erano questi; Dishon e Abholibamah, figlia di Anah.

26 E questi sono i figliuoli di Dison; Hemdan, Eshban, Ithran e Cheran.

27 Questi sono i figli di Ezer; Bilhan, Zaavan e Akan.

28 Questi sono i figli di Dishan; Uz e Aran.

29 Questi sono i capi che vennero dagli Horei; duca Lotan, duca Shobal, duca Zibeon, duca Anah,

30 duca Dishon, duca Ezer, duca Dishan; questi sono i duchi che vennero da Hori, tra i loro duchi nel paese di Seir.

31 E questi sono i re che regnarono nel paese di Edom, prima che regnasse un re sui figli d'Israele.

32 E Bela, figlio di Beor, regnò in Edom; e il nome della sua città era Dinaba.

33 E Bela morì, e al suo posto regnò Jobab, figlio di Zera, di Botsra.

34 E Jobab morì, e Husham, del paese di Temani, regnò al suo posto.

35 E Husham morì, e al suo posto regnò Adad, figlio di Bedad, che percosse Madian nel campo di Moab; e il nome della sua città era Avith.

36 E Adad morì e al suo posto regnò Samla di Masreka.

37 E Samla morì, e Saul di Rehoboth presso il fiume regnò al suo posto.

38 E Saul morì, e al suo posto regnò Baal-Canan, figlio di Acbor.

39 E Baal-Canan, figliuolo di Acbor, morì, e al suo posto regnò Adar; e il nome della sua città era Pau; e il nome di sua moglie era Mehetabel, figlia di Matred, figlia di Mezahab.

40 E questi sono i nomi dei duchi che vennero da Esaù, secondo le loro famiglie, secondo i loro luoghi, secondo i loro nomi; il duca Timna, il duca Alva, il duca Jetheth,

41 Il duca Aholibama, il duca Ela, il duca Pinon,

42 Il duca Kenaz, il duca Teman, il duca Mibzar,

43 il duca Magdiel, duca Iram; questi sono i duchi di Edom, secondo le loro abitazioni nel paese di loro possesso; è Esaù il padre degli Edomiti.

CAPITOLO 37

Giuseppe odiava i suoi fratelli - I suoi due sogni - Viene venduto agli Ismaeliti - Viene venduto a Potifar.

1 E Giacobbe abitò nel paese dove suo padre era forestiero, nel paese di Canaan.

2 E questa è la storia delle generazioni di Giacobbe. Giuseppe, che aveva diciassette anni, pascolava il gregge con i suoi fratelli; e il ragazzo era con i figli di Bilhah, e con i figli di Zilpah, mogli di suo padre; e Giuseppe portò a suo padre la loro cattiva notizia.

3 Ora Israele amava Giuseppe più di tutti i suoi figli, perché era figlio della sua vecchiaia; e gli fece un mantello di molti colori.

4 E quando i suoi fratelli videro che il loro padre lo amava più di tutti i suoi fratelli, lo odiavano e non potevano parlargli pacificamente.

5 E Giuseppe fece un sogno, e lo raccontò ai suoi fratelli; e lo odiavano ancora di più.

6 Ed egli disse loro: Ascoltate, vi prego, questo sogno che ho fatto;

7 Poiché, ecco, noi legavamo dei covoni nel campo, ed ecco, il mio covone si alzò e si fermò anche in piedi; ed ecco, i tuoi covoni stavano tutt'intorno, e rendevano omaggio al mio covone.

8 E i suoi fratelli gli dissero: Regnerai tu davvero su di noi? o avrai davvero dominio su di noi? E lo odiavano ancora di più per i suoi sogni e per le sue parole.

9 E fece un altro sogno, lo raccontò ai suoi fratelli e disse: Ecco, ho fatto un altro sogno; ed ecco, il sole e la luna e le undici stelle mi hanno reso omaggio.

10 E lo raccontò a suo padre e ai suoi fratelli; e suo padre lo rimproverò e gli disse: Che cos'è questo sogno che hai fatto? Verremo davvero io, tua madre ei tuoi fratelli per inchinarci davanti a te fino alla terra?

11 E i suoi fratelli lo invidiavano; ma suo padre osservò il detto.

12 E i suoi fratelli andarono a pascolare il gregge del loro padre a Sichem.

13 E Israele disse a Giuseppe: I tuoi fratelli non pascolano il gregge a Sichem? vieni, e io ti manderò da loro. E gli disse: Eccomi.

14 Ed egli gli disse: Va', ti prego, vedi se sta bene ai tuoi fratelli e bene alle greggi; e portami di nuovo la parola. Così lo mandò fuori dalla valle di Hebron, e venne a Sichem.

15 E un tale lo trovò, ed ecco, vagava per i campi; e l'uomo gli chiese, dicendo: Che cosa cerchi?

16 Ed egli disse: Io cerco i miei fratelli; dimmi, ti prego, dove pascolano le loro greggi.

17 E l'uomo disse: Sono partiti di qui; poiché li ho sentiti dire: Andiamo a Dothan. E Giuseppe seguì i suoi fratelli e li trovò a Dothan.

18 E quando lo videro da lontano, prima ancora che si avvicinasse a loro, cospirarono contro di lui per ucciderlo.

19 E si dissero l'un l'altro: Ecco, viene questo sognatore.

20 Ora vieni dunque, uccidiamolo, e gettiamolo in qualche fossa, e diremo: Qualche bestia malvagia l'ha divorato; e vedremo cosa ne sarà dei suoi sogni.

21 E Ruben lo udì, e lo liberò dalle loro mani; e disse: Non uccidiamolo.

22 E Ruben disse loro: Non spargete sangue, ma gettatelo in questa fossa che è nel deserto, e non mettetegli le mani sopra; per liberarlo dalle loro mani, per riconsegnarlo a suo padre.

23 E avvenne, quando Giuseppe fu venuto dai suoi fratelli, che essi spogliarono Giuseppe della sua tunica, la sua tunica di molti colori che era su di lui;

24 E lo presero e lo gettarono in una fossa; e la fossa era vuota, non c'era acqua in essa.

25 E si sedettero a mangiare il pane; e alzarono gli occhi e guardarono, ed ecco, una compagnia di Ismaeliti veniva da Galaad, con i loro cammelli portando spezie, balsamo e mirra, e andava a portarla in Egitto.

26 E Giuda disse ai suoi fratelli: Che giova se uccidiamo il nostro fratello e nascondiamo il suo sangue?

27 Venite, vendiamolo agli Ismaeliti, e la nostra mano non ricada su di lui; poiché è nostro fratello e nostra carne; ei suoi fratelli furono contenti.

28 Poi passarono mercanti Madianiti; e tirarono fuori Giuseppe, tirarono fuori dalla fossa e vendettero Giuseppe agli Ismaeliti per venti sicli d'argento; e condussero Giuseppe in Egitto.

29 E Ruben tornò alla fossa; ed ecco, Giuseppe non era nella fossa; e ha affittato i suoi vestiti.

30 E tornò dai suoi fratelli, e disse: Il bambino non è; ed io, dove devo andare?

31 E presero la tunica di Giuseppe, uccisero un capretto, e intinsero la tunica nel sangue;

32 E mandarono la tunica di molti colori, e la portarono al loro padre; e disse: Questo abbiamo trovato; sa ora se è il mantello di tuo figlio o no.

33 Ed egli lo seppe, e disse: È la tunica di mio figlio; una bestia malvagia l'ha divorato; Giuseppe è senza dubbio fatto a pezzi.

34 E Giacobbe si stracciò le vesti, si mise un sacco sui lombi e fece cordoglio per suo figlio per molti giorni.

35 E tutti i suoi figli e tutte le sue figlie si alzarono per confortarlo; ma rifiutò di essere consolato; ed egli disse: poiché io scenderò nella tomba da mio figlio in lutto. Così suo padre pianse per lui.

36 E i Madianiti lo vendettero in Egitto a Potifar, ufficiale del Faraone e capo delle guardie.

CAPITOLO 38

Nascita di Er, Onan e Shelah — Er sposa Tamar — Seduce Giuda.

1 E avvenne in quel tempo che Giuda discese dai suoi fratelli e si trasformò in un certo Adullamita, il cui nome era Chira.

2 E Giuda vi vide una figlia di un certo cananeo, il cui nome era Suah; ed egli la prese, ed entrò e giacque con lei.

3 Ed ella concepì e partorì un figlio; e lo chiamò Er.

4 Ed ella concepì di nuovo, e partorì un figlio; e lei lo chiamò Onan.

5 Ed ella ancora concepì e partorì un figlio; e lo chiamò Shelah; ed era a Chezib, quando lei lo partorì.

6 E Giuda prese una moglie per Er, suo primogenito, il cui nome era Tamar.

7 Ed Er, primogenito di Giuda, era malvagio agli occhi del Signore; e il Signore lo uccise.

8 E Giuda disse a Onan: Va' e sposa la moglie di tuo fratello, e suscita una discendenza a tuo fratello.

9 E Onan sapeva che il seme non doveva essere suo; e avvenne, quando sposò la moglie di suo fratello, che non volle giacere con lei, per timore di suscitare una discendenza a suo fratello.

10 E la cosa che fece dispiacque al Signore; perciò uccise anche lui.

11 Allora Giuda disse a Tamar sua nuora: Rimani vedova in casa di tuo padre, finché Sela, mio figlio, non sia cresciuto; poiché disse: Per non morire anche lui, come fecero i suoi fratelli. E Tamar andò ad abitare nella casa di suo padre.

12 E col tempo la figliuola di Suah, moglie di Giuda, morì; e Giuda fu consolato, e salì dai suoi pastori a Timnath, lui e il suo amico Hirah l'Adullamita.

13 E fu riferito a Tamar, dicendo: Ecco, tuo suocero sale a Timnath per tosare le sue pecore.

14 Ed ella si tolse le vesti da vedova, la coprì con un velo, si avvolse e si sedette in un luogo aperto, che è sulla via di Timnath; poiché vide che Shelah era cresciuta e non gli fu data in moglie.

15 Quando Giuda la vide, pensò che fosse una prostituta; perché si era coperta il viso.

16 E si voltò verso di lei lungo la via, e le disse: Va', ti prego, fammi entrare e giacere con te; (poiché non sapeva che era sua nuora;) e lei disse: Che cosa mi darai, affinché tu possa entrare e giacere con me?

17 Ed egli disse: Ti manderò un capretto del gregge. E lei disse: Vuoi darmi un pegno, finché non lo mandi?

18 Ed egli disse: Che pegno devo darti? Ed ella disse: Il tuo sigillo, i tuoi braccialetti e il tuo bastone che hai in mano. Ed egli gliela diede, ed entrò e si addormentò con lei, ed ella concepì per mezzo di lui.

19 Ed ella si alzò e se ne andò, si tolse il velo e si rivestì delle vesti della sua vedovanza.

20 E Giuda mandò il capretto per mano del suo amico Adullamita, a ricevere il suo pegno dalla mano della donna; ma non l'ha trovata.

21 Allora interrogò gli uomini di quel luogo, dicendo: Dov'è la prostituta che era apertamente lungo la strada? E dissero: Non c'era nessuna prostituta in questo posto.

22 E tornò da Giuda, e disse: Non posso trovarla; e anche gli uomini del luogo dissero che non c'era nessuna prostituta in questo luogo.

23 E Giuda disse: Lascia che gliela porti, perché non ci vergogniamo; ecco, ho mandato questo capretto, e tu non l'hai trovata.

24 E avvenne circa tre mesi dopo che fu detto a Giuda, dicendo: Tamar tua nuora si è prostituita; ed inoltre, ecco, ella è incinta per prostituzione. E Giuda disse: Portala fuori e fa' che sia bruciata.

25 Quando fu generata, mandò dal suocero a dirgli: Compra l'uomo di cui sono questi, sono incinta; ed ella disse: Discerni, ti prego, di chi sono questi, il sigillo, i braccialetti e il bastone.

26 E Giuda li riconobbe e disse: Ella è stata più giusta di me; perché non l'ho data a Shelah, mio figlio. E non la riconobbe più.

27 E avvenne che al tempo del suo travaglio, ecco, due gemelli erano nel suo grembo.

28 E avvenne, quando ella travagliava, che uno stese la mano; e la levatrice prese e gli legò sulla mano un filo scarlatto dicendo: Questo è uscito prima.

29 E avvenne, mentre ritirava la mano, che, ecco, suo fratello uscì; ed ella disse: Come hai fatto irruzione? questa violazione sia su di te; perciò il suo nome fu chiamato Pharez.

30 E dopo uscì suo fratello, che aveva in mano il filo scarlatto; e il suo nome si chiamava Zarah.

CAPITOLO 39

Giuseppe avanzò in casa di Potifar — Viene gettato in prigione.

1 E Giuseppe fu condotto in Egitto; e Potifar, ufficiale del faraone, capitano delle guardie, egiziano, lo comprò dalle mani degli Ismaeliti, che l'avevano condotto laggiù.

2 E il Signore era con Giuseppe, ed era un uomo prospero; ed era in casa del suo signore l'Egiziano.

3 E il suo signore vide che il Signore era con lui e che il Signore faceva prosperare nelle sue mani tutto ciò che faceva.

4 E Giuseppe trovò grazia ai suoi occhi, e lo servì; e lo costituì custode della sua casa, e gli mise in mano tutto ciò che aveva.

5 E avvenne dal momento in cui lo aveva costituito sorvegliante nella sua casa e su tutto ciò che aveva, che il Signore benedisse la casa dell'Egiziano per amore di Giuseppe; e la benedizione del Signore era su tutto ciò che aveva nella casa e nel campo.

6 E lasciò tutto ciò che aveva nelle mani di Giuseppe; e non sapeva nulla di ciò che aveva, tranne il pane che mangiava. E Giuseppe era una brava persona, e ben favorito.

7 E avvenne dopo queste cose che la moglie del suo padrone gettò gli occhi su Giuseppe; e lei disse: Sdraiati con me.

8 Ma egli rifiutò e disse alla moglie del suo padrone: Ecco, il mio padrone non sa cosa c'è con me in casa, e ha affidato tutto ciò che ha nelle mie mani;

9 Non c'è nessuno in questa casa più grande di me; né mi ha trattenuto nulla all'infuori di te, perché tu sei sua moglie; come posso dunque fare questa grande malvagità e peccare contro Dio?

10 E avvenne, mentre ella parlava giorno dopo giorno a Giuseppe, che egli non le dava ascolto, per mentire con lei o per stare con lei.

11 E avvenne in quel tempo che Giuseppe entrò in casa per fare i suoi affari; e là dentro non c'era nessuno degli uomini della casa.

12 Ed ella lo afferrò per la veste, dicendo: Stenditi con me; e lasciò la sua veste nelle sue mani, fuggì e lo fece uscire.

13 E avvenne, quando ella vide che egli aveva lasciato la sua veste nelle sue mani, e fuggì fuori,

14 Che ella chiamò gli uomini della sua casa e parlò loro, dicendo: Vedete, egli ci ha condotto un ebraico per deriderci; venne da me per giacere con me, e io gridai a gran voce;

15 E avvenne, quando udì che alzavo la voce e gridavo, che lasciò con me la sua veste, fuggì e lo fece uscire.

16 E depose la sua veste presso di lei, finché il suo signore tornò a casa.

17 Ed ella gli parlò secondo queste parole, dicendo: Il servo ebreo, che tu ci hai condotto, è venuto da me per deridermi;

18 E avvenne che, mentre alzavo la voce e gridavo, egli lasciò con me la sua veste e fuggì.

19 E avvenne che quando il suo padrone udì le parole di sua moglie, che ella gli rivolse, dicendo: In questo modo mi ha fatto il tuo servo; che la sua ira era accesa.

20 E il signore di Giuseppe lo prese e lo mise in prigione, luogo dove erano legati i prigionieri del re; ed era lì in prigione.

21 Ma il Signore era con Giuseppe, gli mostrò misericordia e gli fece grazia agli occhi del guardiano della prigione.

22 E il guardiano della prigione affidò nelle mani di Giuseppe tutti i prigionieri che erano nella prigione; e qualunque cosa vi facessero, egli ne era il sorvegliante.

23 Il guardiano della prigione non badava a nulla che fosse sotto la sua mano; poiché il Signore era con lui e ciò che fece, il Signore lo fece prosperare.

CAPITOLO 40

Il maggiordomo e fornaio del faraone — Giuseppe interpreta i loro sogni.

1 E dopo queste cose avvenne che il maggiordomo del re d'Egitto e il suo fornaio avevano offeso il loro signore, il re d'Egitto.

2 E Faraone si adirò contro due dei suoi ufficiali, contro il capo dei maggiordomi e contro il capo dei fornai.

3 E li fece rinchiudere nella casa del capitano delle guardie, nella prigione, luogo dove era legato Giuseppe.

4 E il capitano delle guardie li accusò di Giuseppe, e questi li servì; e continuarono una stagione in reparto.

5 E fecero un sogno ambedue, ciascuno il suo sogno in una notte, ciascuno secondo l'interpretazione del suo sogno, il maggiordomo e il fornaio del re d'Egitto, che furono rinchiusi in prigione.

6 E Giuseppe entrò da loro al mattino, e li guardò, ed ecco, erano tristi.

7 E interrogò gli ufficiali del faraone che erano con lui nel reparto della casa del suo signore, dicendo: Perché guardate così tristemente oggi?

8 E gli dissero: Abbiamo fatto un sogno, e non c'è nessun interprete di esso. E Giuseppe disse loro: Le interpretazioni non appartengono a Dio? Dimmelo, ti prego.

9 E il capo dei maggiordomi raccontò il suo sogno a Giuseppe, e gli disse: Nel mio sogno, ecco, una vite era davanti a me;

10 E nella vite c'erano tre tralci; ed era come se germogliasse, e i suoi fiori germogliassero; ei suoi grappoli produssero uva matura;

11 E la coppa del faraone era nelle mie mani; e presi l'uva, la spremetti nella coppa del faraone e diedi la coppa nelle mani del faraone.

12 E Giuseppe gli disse: Questa ne è l'interpretazione; I tre rami sono tre giorni;

13 Eppure entro tre giorni il Faraone solleverà la tua testa e ti riporterà al tuo posto; e tu porrai nelle sue mani la coppa del faraone, come prima quando eri suo maggiordomo.

14 Ma pensa a me quando andrà bene per te, e mostra benignità, ti prego, per me, e parla di me al Faraone, e fammi uscire da questa casa;

15 Infatti io fui rapito dal paese degli Ebrei; e anche qui non ho fatto nulla perché mi mettessero in prigione.

16 Quando il capo panettiere vide che l'interpretazione era buona, disse a Giuseppe: Anch'io ero in sogno, ed ecco, avevo tre ceste bianche sul capo;

17 E nel cesto più in alto c'era ogni sorta di focaccia per il Faraone; e gli uccelli li mangiarono dalla cesta sul mio capo.

18 E Giuseppe rispose e disse: Questa è la sua interpretazione; I tre canestri sono tre giorni;

19 Eppure entro tre giorni il faraone solleverà la tua testa da te e ti farà appendere a un albero; e gli uccelli mangeranno la tua carne di dosso.

20 E avvenne il terzo giorno, che era il compleanno del faraone, che fece una festa a tutti i suoi servi; e alzò la testa del capo dei maggiordomi e del capo dei fornai in mezzo ai suoi servi.

21 E restituì di nuovo il capo dei maggiordomi al suo incarico di maggiordomo; e diede la coppa nelle mani del faraone;

22 Ma fece impiccare il capo dei fornai; come Giuseppe aveva loro interpretato.

23 Eppure il capo dei maggiordomi non si ricordò di Giuseppe, ma lo dimenticò.

CAPITOLO 41

I due sogni del Faraone — Giuseppe dà consigli al Faraone — Manasse ed Efraim.

1 E avvenne alla fine di due anni interi che il Faraone sognò; ed ecco, si fermò presso il fiume.

2 Ed ecco, dal fiume uscivano sette vacche ben favorite e dalla carne grassa; e si nutrivano in un prato.

3 Ed ecco, dopo di loro uscirono dal fiume altre sette vacche, di cattivo gusto e di carne magra; e si fermò presso l'altra vacca sull'orlo del fiume.

4 E le vacche sgraziate e dalla carne magra divorarono le sette vacche sgraziate e grasse. Così il faraone si svegliò.

5 E si addormentò e sognò la seconda volta; ed ecco sette spighe di grano spuntarono su uno stelo, grosso e buono.

6 Ed ecco, sette spighe sottili e sferzate dal vento orientale si levò dietro di loro.

7 E le sette spighe sottili divorarono le sette spighe grandi e piene. E il Faraone si svegliò, ed ecco, era un sogno.

8 E avvenne al mattino che il suo spirito fu turbato; e mandò a chiamare tutti i maghi d'Egitto, e tutti i suoi saggi; e Faraone raccontò loro il suo sogno; ma non c'era nessuno che potesse interpretarli al Faraone.

9 Allora il capo dei camerieri parlò al faraone, dicendo: «Ricordo oggi le mie colpe;

10 Il faraone si adirò con i suoi servi, e mi mise in guardia nel capo della casa delle guardie, io e il capo dei fornai;

11 E abbiamo fatto un sogno in una notte, io e lui; abbiamo sognato ogni uomo secondo l'interpretazione del suo sogno.

12 E là era con noi un giovane, un ebreo, servitore del capitano delle guardie; e noi glielo dicemmo, ed egli ci interpretò i nostri sogni; a ciascuno secondo il suo sogno ha interpretato.

13 E avvenne, come ci ha interpretato, così avvenne; me ha restituito al mio ufficio, e lui l'ha impiccato.

14 Allora il faraone mandò a chiamare Giuseppe, e lo fecero uscire in fretta dalla prigione; e si rase, si cambiò le vesti, e venne dal Faraone.

15 E Faraone disse a Giuseppe: Ho fatto un sogno, e non c'è nessuno che possa interpretarlo; e ho sentito dire di te che puoi capire un sogno per interpretarlo.

16 E Giuseppe rispose a Faraone, dicendo: Non è in me; Dio darà al Faraone una risposta di pace.

17 E Faraone disse a Giuseppe: Nel mio sogno, ecco, mi trovavo sulla riva del fiume;

18 Ed ecco, dal fiume uscirono sette vacche, carnose e di bell'aspetto; e si nutrivano in un prato;

19 Ed ecco, dopo di loro salirono altre sette vacche, povere, molto sgraziate e di carne magra, come non vidi mai per cattiveria in tutto il paese d'Egitto;

20 E la magra nelle vacche sfavorevoli divorò le prime sette vacche grasse;

21 E quando li ebbero mangiati, non si poteva sapere che li avessero mangiati; ma erano ancora sfavoriti, come all'inizio. Così mi sono svegliato.

22 E vidi nel mio sogno, ed ecco, sette spighe spuntavano in un gambo, piene e buone;

23 Ed ecco, sette spighe, secche, magre e avvolte dal vento orientale, spuntarono dietro a loro;

24 E le spighe sottili divorarono le sette spighe buone; e dissi questo ai maghi; ma non c'era nessuno che me lo potesse dichiarare.

25 E Giuseppe disse al Faraone: Il sogno del Faraone è uno; Dio ha mostrato al Faraone quello che sta per fare.

26 Le sette vacche buone sono sette anni; e le sette spighe buone sono sette anni; il sogno è uno.

27 E le sette vacche magre e sgraziate che vennero dopo di loro sono sette anni; e le sette spighe vuote, soffiate dal vento orientale, saranno sette anni di carestia.

28 Questa è la cosa che ho detto al Faraone; Ciò che Dio sta per fare, lo mostra al Faraone.

29 Ecco, vengono sette anni di grande abbondanza in tutto il paese d'Egitto;

30 E dopo di loro sorgeranno sette anni di carestia; e tutta l'abbondanza sarà dimenticata nel paese d'Egitto; e la carestia consumerà il paese;

31 E non si conoscerà l'abbondanza nel paese a causa di quella carestia che seguì; perché sarà molto grave.

32 E per questo il sogno fu raddoppiato due volte al Faraone; è perché la cosa è stabilita da Dio, e Dio presto la farà avverare.

33 Ora dunque il faraone guardi un uomo scaltro e saggio, e lo collochi sul paese d'Egitto.

34 Il faraone faccia questo, e stabilisca ufficiali sul paese, e occupi la quinta parte del paese d'Egitto nei sette anni abbondanti.

35 E raccolgano tutto il cibo di quegli anni felici che vengono, e raccolgano il grano sotto la mano del faraone, e si servano nelle città.

36 E quel cibo sarà di scorta per il paese contro i sette anni di carestia, che sarà nel paese d'Egitto; che il paese non muoia per la carestia.

37 E la cosa era buona agli occhi del Faraone e agli occhi di tutti i suoi servi.

38 E Faraone disse ai suoi servi: Possiamo noi trovare uno come questo, un uomo nel quale è lo Spirito di Dio?

39 E Faraone disse a Giuseppe: Poiché Dio ti ha mostrato tutto questo, non c'è nessuno così discreto e saggio come te;

40 Tu sarai sopra la mia casa, e secondo la tua parola tutto il mio popolo sarà governato; solo sul trono sarò più grande di te.

41 E Faraone disse a Giuseppe: Vedi, io ti ho costituito su tutto il paese d'Egitto.

42 E Faraone si tolse l'anello dalla mano, e lo mise alla mano di Giuseppe, lo rivestì di vesti di lino fino e gli mise al collo una catena d'oro;

43 E lo fece salire sul secondo carro che aveva; e gridarono davanti a lui: Piegate le ginocchia; e lo costituì sovrano su tutto il paese d'Egitto.

44 E Faraone disse a Giuseppe: Io sono Faraone, e senza di te nessuno alzerà mano o piede in tutto il paese d'Egitto.

45 E Faraone chiamò Giuseppe Zafnat-Paaneah; e lo diede in moglie Asenath, figlia di Potifera, sacerdote di On. E Giuseppe uscì per tutto il paese d'Egitto.

46 E Giuseppe aveva trent'anni quando si presentò al faraone, re d'Egitto. E Giuseppe si allontanò dalla presenza del faraone e percorse tutto il paese d'Egitto.

47 E nei sette anni abbondanti la terra produsse a manciate.

48 E raccolse tutto il cibo dei sette anni, che era nel paese d'Egitto, e ripose il cibo nelle città; il cibo del campo, che era intorno a ogni città, lo depose nella stessa.

49 E Giuseppe raccolse granturco come la sabbia del mare, molto, finché lasciò il conteggio; perché era senza numero.

50 E a Giuseppe nacquero due figli, prima che venissero gli anni della carestia; che Asenath, figlia di Potifera, sacerdote di On, gli partorì.

51 E Giuseppe chiamò il primogenito Manasse; Perché Dio, disse, mi ha fatto dimenticare tutta la mia fatica e tutta la casa di mio padre.

52 E il nome del secondo lo chiamò Efraim; Poiché Dio mi ha fatto fruttificare nel paese della mia afflizione.

53 E furono finiti i sette anni di abbondanza che c'era nel paese d'Egitto.

54 E cominciarono a venire i sette anni di carestia, secondo quanto aveva detto Giuseppe; e la carestia era in tutte le terre; ma in tutto il paese d'Egitto c'era pane.

55 E quando tutto il paese d'Egitto fu affamato, il popolo gridò al Faraone chiedendo pane; e Faraone disse a tutti gli Egiziani: Andate da Giuseppe; quello che ti dice, fallo.

56 E la carestia fu su tutta la faccia della terra; e Giuseppe aprì tutti i magazzini e vendette agli Egiziani; e la carestia aumentò nel paese d'Egitto.

57 E tutti i paesi vennero in Egitto da Giuseppe per comprare il grano; perché la carestia era così grave in tutti i paesi.

CAPITOLO 42

Giacobbe manda i suoi dieci figli a comprare il grano in Egitto — Sono imprigionati da Giuseppe.

1 Quando Giacobbe vide che c'era del grano in Egitto, Giacobbe disse ai suoi figli: Perché vi guardate l'un l'altro?

2 Ed egli disse: Ecco, ho sentito dire che c'è del grano in Egitto; portati laggiù e compra per noi di là; affinché possiamo vivere e non morire.

3 E i dieci fratelli di Giuseppe scesero a comprare il grano in Egitto.

4 Ma Beniamino, fratello di Giuseppe, Giacobbe non mandò con i suoi fratelli; poiché disse: Perché non gli accada un male.

5 E i figli d'Israele vennero a comprare del grano fra quelli che venivano; poiché la carestia era nel paese di Canaan.

6 E Giuseppe era il governatore del paese, ed era lui che vendeva a tutto il popolo del paese; e i fratelli di Giuseppe vennero, e si prostrarono davanti a lui con la faccia a terra.

7 E Giuseppe vide i suoi fratelli, e li riconobbe, ma si rese loro estraneo e parlò loro rudemente; ed egli disse loro: Da dove venite? E dissero: Dal paese di Canaan per comprare da mangiare.

8 E Giuseppe conosceva i suoi fratelli, ma essi non lo conoscevano.

9 E Giuseppe si ricordò dei sogni che aveva fatto loro, e disse loro: Voi siete spie; per vedere la nudità del paese siete venuti.

10 E gli dissero: No, mio signore, ma i tuoi servi sono venuti per comprare da mangiare.

11 Siamo tutti figli di un solo uomo; siamo veri uomini; i tuoi servi non sono spie.

12 Ed egli disse loro: No, ma siete venuti per vedere la nudità del paese.

13 E dissero: I tuoi servi sono dodici fratelli, figli di un solo uomo nel paese di Canaan; ed ecco, il più giovane è oggi con nostro padre, e uno no.

14 E Giuseppe disse loro: Ecco che vi ho parlato, dicendo: Voi siete spie;

15 In questo modo sarete messi alla prova; Per la vita di Faraone non uscirai di qui, a meno che il tuo fratello minore non venga qui.

16 Manda uno di voi a prendere vostro fratello, e sarete tenuti in prigione, affinché le vostre parole siano provate, se c'è qualche verità in voi; oppure, per la vita di Faraone, siete sicuramente delle spie.

17 E li riunì tutti insieme per tre giorni.

18 E Giuseppe disse loro il terzo giorno: Fate questo e vivete; poiché temo Dio;

19 Se siete uomini veri, sia legato uno dei vostri fratelli nella casa della vostra prigione; andate, portate grano per la carestia delle vostre case;

20 Ma portami il tuo fratello più giovane; così le vostre parole saranno verificate e non morirete. E lo hanno fatto.

21 E dissero l'uno all'altro: Siamo veramente colpevoli riguardo al nostro fratello, in quanto abbiamo visto l'angoscia della sua anima, quando ci supplicava, e non volevamo udire; perciò è venuta su di noi questa angoscia.

22 E Ruben rispose loro, dicendo: Non vi ho parlato dicendo: Non peccare contro il fanciullo; e non sentiresti? perciò, ecco, è richiesto anche il suo sangue.

23 E non sapevano che Giuseppe li capiva; poiché parlò loro per mezzo di un interprete.

24 E si voltò da loro, e pianse; e tornò da loro, e comunicò con loro, prese da loro Simeone e lo legò davanti ai loro occhi.

25 Allora Giuseppe comandò di riempire i loro sacchi di grano, di riporre il denaro di ciascuno nel suo sacco, e di dar loro provviste per il viaggio; e così fece loro.

26 E caricarono i loro asini con il grano, e partirono di là.

27 E quando uno di loro aprì il sacco per dare cibo al suo asino nell'albergo, vide il suo denaro; poiché, ecco, era nella bocca del suo sacco.

28 Ed egli disse ai suoi fratelli: Il mio denaro è stato restituito; ed ecco, è anche nel mio sacco; e il loro cuore venne meno loro, ed ebbero paura, dicendosi l'un l'altro: Che cos'è questo che Dio ci ha fatto?

29 E vennero da Giacobbe, loro padre, nel paese di Canaan; e gli raccontò tutto ciò che era loro accaduto; detto,

30 Quell'uomo, che è il signore del paese, ci parlò rudemente e ci prese per spie del paese.

31 E noi gli dicemmo: Noi siamo veri uomini; non siamo spie;

32 Siamo dodici fratelli, figli di nostro padre; uno non lo è, e il più giovane è oggi con nostro padre nel paese di Canaan.

33 E l'uomo, il signore del paese, ci disse: Da questo saprò che siete veri uomini; lascia qui con me uno dei tuoi fratelli, prendi da mangiare per la carestia delle tue famiglie e vattene;

34 E portami il tuo fratello più giovane; allora saprò che non siete spie, ma che siete veri uomini; così vi libererò vostro fratello e voi trafficerete nel paese.

35 E avvenne mentre svuotavano i loro sacchi, che, ecco, il fascio di denaro di ciascuno era nel suo sacco; e quando sia loro che il loro padre videro i pacchi di denaro, ebbero paura.

36 E Giacobbe, loro padre, disse loro: Io mi avete privato dei miei figliuoli; Giuseppe no, e Simeone no, e voi porterete via Beniamino; tutte queste cose sono contro di me.

37 E Ruben parlò a suo padre, dicendo: Uccidi i miei due figli, se non te lo conduco; consegnalo nelle mie mani e io te lo ricondurrò.

38 E disse: Mio figlio non scenderà con te; poiché suo fratello è morto ed è rimasto solo; se per la via per la quale andate gli capita un danno, allora fareste scendere nella tomba i miei capelli grigi con dolore.

CAPITOLO 43

Giuseppe fa una festa ai suoi fratelli.

1 E la carestia era grave nel paese.

2 E avvenne che, quando ebbero mangiato il grano che avevano portato fuori dall'Egitto, il loro padre disse loro: «Andate di nuovo, comprateci un po' di cibo».

3 E Giuda gli parlò, dicendo: Quell'uomo ci protestò solennemente, dicendo: Non vedrai la mia faccia, se tuo fratello non sarà con te.

4 Se mandi con noi nostro fratello, scendiamo e ti compriamo da mangiare;

5 Ma se tu non lo mandi, non scenderemo; poiché l'uomo ci ha detto: Non vedrete la mia faccia, a meno che vostro fratello non sia con voi.

6 E Israele disse: Perché mi avete trattato così male da dire a quell'uomo se avevi ancora un fratello?

7 E dissero: Quell'uomo ci ha interrogato strettamente sulla nostra condizione e sulla nostra stirpe, dicendo: Tuo padre è ancora vivo? hai un altro fratello? e gli abbiamo detto secondo il tenore di queste parole; Potremmo certamente sapere che avrebbe detto: Abbatti tuo fratello?

8 E Giuda disse a Israele suo padre: Manda il ragazzo con me, e noi ci alzeremo e andremo; affinché possiamo vivere, e non morire, sia noi, sia tu, e anche i nostri piccoli.

9 Io sarò garante di lui; dalla mia mano lo richiederai; se non te lo conduco e te lo pongo dinanzi, lascia che io ne porti la colpa per sempre.

10 Poiché, a parte il fatto che ci siamo attardati, sicuramente ora eravamo tornati questa seconda volta.

11 E il loro padre Israele disse loro: Se deve essere così ora, fate questo; prendete nei vostri vasi i migliori frutti della terra e portate all'uomo un regalo, un po' di balsamo e un po' di miele, spezie e mirra, noci e mandorle;

12 E prendi in mano il doppio del denaro; e il denaro che è stato portato di nuovo alla bocca dei tuoi sacchi, portalo di nuovo in mano; forse è stata una svista.

13 Prendi anche tuo fratello, e alzati, torna dall'uomo;

14 E Iddio onnipotente ti dia misericordia davanti a quell'uomo, affinché mandi via l'altro tuo fratello e Beniamino. Se sono in lutto per i miei figli, sono in lutto.

15 E gli uomini presero quel regalo, e presero in mano il doppio del denaro, e Beniamino; e si alzò, scese in Egitto e si fermò davanti a Giuseppe.

16 E quando Giuseppe vide Beniamino con loro, disse al capo della sua casa: Conduci questi uomini a casa, uccidili e preparati; poiché questi uomini ceneranno con me a mezzogiorno.

17 E l'uomo fece come Giuseppe aveva ordinato; e l'uomo condusse gli uomini nella casa di Giuseppe.

18 E gli uomini ebbero paura, perché furono condotti nella casa di Giuseppe; e dissero: Per il denaro che è stato restituito la prima volta nei nostri sacchi, siamo stati introdotti; affinché cerchi occasione contro di noi, e cada su di noi, e ci prenda per schiavi e per i nostri asini.

19 E si avvicinarono al maggiordomo della casa di Giuseppe, e parlarono con lui, all'ingresso della casa,

20 E dissi: O signore, noi siamo veramente scesi la prima volta per comprare da mangiare;

21 E avvenne, quando siamo giunti alla locanda, che abbiamo aperto i nostri sacchi, ed ecco, il denaro di ciascuno era alla bocca del suo sacco, il nostro denaro a tutto peso; e l'abbiamo portato di nuovo nelle nostre mani.

22 E abbiamo portato nelle nostre mani altro denaro per comprare da mangiare; non possiamo dire chi ha messo i nostri soldi nei nostri sacchi.

23 Ed egli disse: Pace a voi, non temete; il tuo Dio, e il Dio di tuo padre, ti ha dato un tesoro nei tuoi sacchi; Avevo i tuoi soldi. E condusse loro Simeone.

24 E l'uomo condusse gli uomini nella casa di Giuseppe, diede loro dell'acqua ed essi si lavarono i piedi; e diede cibo ai loro asini.

25 E prepararono il dono contro Giuseppe che venne a mezzogiorno; poiché avevano sentito dire che lì avrebbero dovuto mangiare il pane.

26 E quando Giuseppe tornò a casa, gli portarono in casa il dono che avevano in mano e si prostrarono davanti a lui fino a terra.

27 Ed egli domandò loro il loro benessere, e disse: Tuo padre sta bene, il vecchio di cui hai parlato? È ancora vivo?

28 Ed essi risposero: Il tuo servo, nostro padre, sta bene, è ancora vivo. E chinarono il capo, e fecero omaggio.

29 E alzò gli occhi, e vide suo fratello Beniamino, figlio di sua madre, e disse: È questo tuo fratello minore, di cui mi hai parlato? Ed egli disse: Dio ti sia propizio, figlio mio.

30 E Giuseppe si affrettò; poiché le sue viscere bramavano suo fratello; e cercò dove piangere; ed entrò nella sua camera, e là pianse.

31 E si lavò la faccia, uscì, si trattenne e disse: Mettiti a mangiare.

32 E partirono per lui da solo, e per loro da soli, e per gli Egiziani, che mangiavano con lui, da soli; perché gli Egiziani non potevano mangiare il pane con gli Ebrei; poiché questo è un abominio per gli Egiziani.

33 E si sedettero davanti a lui, il primogenito secondo la primogenitura, e il più giovane secondo la giovinezza; e gli uomini si meravigliavano l'uno dell'altro.

34 E prese e mandò loro pasticci davanti a lui; ma il pasticcio di Benjamin era cinque volte tanto quanto il loro. E bevvero e si rallegrarono con lui.

CAPITOLO 44

La politica di Giuseppe.

1 E ordinò al maggiordomo della sua casa, dicendo: «Riempite di cibo i sacchi degli uomini, quanto possono portare, e mettete il denaro di ciascuno in bocca al suo sacco,

2 E metti la mia coppa, la coppa d'argento, alla bocca del sacco del più giovane, e il suo denaro. E fece secondo la parola che Giuseppe aveva detto.

3 Non appena fu mattina, gli uomini furono mandati via, essi e i loro asini.

4 E quando furono usciti dalla città, e non ancora lontani, Giuseppe disse al suo maggiordomo: Su, segui gli uomini; e quando li raggiungerai, di' loro: Perché avete ricompensato il male con il bene?

5 Non è in questo che il mio signore beve, e per mezzo del quale invero indovina? avete fatto il male così facendo.

6 E li raggiunse, e disse loro queste stesse parole.

7 Ed essi gli dissero: Perché dice il mio signore queste parole? Dio non voglia che i tuoi servi agiscano secondo questa cosa;

8 Ecco, il denaro che abbiamo trovato alla bocca dei nostri sacchi, l'abbiamo riportato a te del paese di Canaan; come potremmo dunque rubare schegge o oro dalla casa del tuo signore?

9 Con chiunque si troverà tra i tuoi servi, entrambi muoia, e anche noi saremo schiavi del mio signore.

10 Ed egli disse: Ora avvenga anche secondo le tue parole; colui presso il quale si trova sarà mio servitore; e sarete irreprensibili.

11 Allora essi rapidamente deposero ciascuno il suo sacco a terra e aprirono ciascuno il suo sacco.

12 E cercò, e cominciò dal maggiore, e partì dal più giovane; e la coppa fu trovata nel sacco di Beniamino.

13 Allora si stracciarono le vesti, caricarono ciascuno il suo asino e tornarono in città.

14 E Giuda ei suoi fratelli vennero a casa di Giuseppe; poiché era ancora là; e caddero davanti a lui per terra.

15 E Giuseppe disse loro: Che atto è questo che avete fatto? Non sapevi che un uomo come io posso certamente indovinare?

16 E Giuda disse: Che diremo al mio signore? di cosa parliamo? o come possiamo ripulirci? Dio ha scoperto l'iniquità dei tuoi servi; ecco, noi siamo servi del mio signore, sia noi, sia colui col quale si trova la coppa.

17 Ed egli disse: Dio non voglia che io lo faccia; ma l'uomo nelle cui mani si trova il calice, sarà mio servitore; e quanto a te, alzati in pace da tuo padre.

18 Allora Giuda si avvicinò a lui e gli disse: «O mio signore, lascia che il tuo servo, ti prego, dica una parola agli orecchi del mio signore, e non arda la tua ira contro il tuo servo; perché tu sei proprio come Faraone.

19 Il mio signore interrogò i suoi servi, dicendo: Avete un padre o un fratello?

20 E dicemmo al mio signore: Abbiamo un padre, un vecchio, e un figlio della sua vecchiaia, un piccolo; e suo fratello è morto, e lui solo è rimasto di sua madre, e suo padre lo ama.

21 E tu dicesti ai tuoi servi: Fallo scendere da me, affinché io ponga i miei occhi su di lui.

22 E noi dicemmo al mio signore: Il ragazzo non può lasciare suo padre; perché se avesse lasciato suo padre, suo padre sarebbe morto.

23 E tu dicesti ai tuoi servi: Se il vostro fratello minore non è sceso con voi, non vedrete più la mia faccia.

24 E avvenne che quando ci avvicinammo al tuo servitore, mio padre, gli riferimmo le parole del mio signore.

25 E nostro padre disse: Ritorna e compraci un po' di cibo.

26 E noi dicemmo: Non possiamo scendere; se il nostro fratello minore è con noi, allora scenderemo; poiché potremmo non vedere la faccia di quell'uomo, a meno che il nostro fratello minore non sia con noi.

27 E il tuo servo, mio padre, ci disse: Voi sapete che mia moglie mi ha partorito due figli;

28 E quello uscì da me, e io dissi: Certo è sbranato; e non l'ho visto da allora:

29 E se prendete anche questo da me, e gli accade un male, farete scendere con dolore nella tomba i miei capelli grigi.

30 Ora dunque, quando verrò dal tuo servo, mio padre, e il ragazzo non sarà con noi; vedendo che la sua vita è legata alla vita del ragazzo;

31 Quando vedrà che il ragazzo non è con noi, avverrà che morirà; ei tuoi servi faranno scendere con dolore nella tomba i capelli grigi del tuo servo nostro padre.

32 Poiché il tuo servitore si è fatto garante del ragazzo presso mio padre, dicendo: Se non te lo conduco, porterò la colpa a mio padre per sempre.

33 Ora dunque, ti prego, lascia che il tuo servo resti al posto del ragazzo schiavo del mio signore; e salga il ragazzo con i suoi fratelli.

34 Perché come salirò da mio padre e il ragazzo non sarà con me? per non vedere il male che verrà su mio padre.

CAPITOLO 45

Giuseppe è noto dai suoi fratelli — Egli manda a chiamare suo padre — Giacobbe si ravviva con la notizia.

1 Allora Giuseppe non poté trattenersi davanti a tutti quelli che gli stavano accanto; e gridò: Fa' che ogni uomo esca da me. E non c'era nessuno con lui, mentre Giuseppe si faceva conoscere ai suoi fratelli.

2 E pianse forte; e gli Egiziani e la casa del Faraone udirono.

3 E Giuseppe disse ai suoi fratelli: Io sono Giuseppe; mio padre è ancora vivo? E i suoi fratelli non potevano rispondergli; poiché erano turbati dalla sua presenza.

4 E Giuseppe disse ai suoi fratelli: Avvicinatevi a me, vi prego. E si avvicinarono. E disse: Io sono Giuseppe vostro fratello, che voi avete venduto in Egitto.

5 Ora dunque non siate addolorati, né adiratevi con voi stessi, per avermi venduto qui; poiché Dio mi ha mandato davanti a te per preservare la vita.

6 Da due anni nel paese c'è la carestia; eppure ci sono cinque anni, nei quali non ci sarà né spigatura né mietitura.

7 E Dio mi ha mandato davanti a te per conservarti una posterità sulla terra e per salvare la tua vita con una grande liberazione.

8 Così ora non sei tu che mi hai mandato qui, ma Dio; ed egli mi ha costituito padre di Faraone, signore di tutta la sua casa, e capo di tutto il paese d'Egitto.

9 Affrettati, sali da mio padre e digli: Così dice tuo figlio Giuseppe: Dio mi ha costituito signore di tutto l'Egitto; scendi a me, non indugiare;

10 E abiterai nel paese di Gosen, e sarai vicino a me, tu, i tuoi figli, ei figli dei tuoi figli, e le tue greggi, e i tuoi armenti e tutto ciò che hai;

11 E là io ti nutrirò; perché ancora ci sono cinque anni di carestia; affinché tu, la tua famiglia e tutto ciò che hai, veniate in miseria.

12 Ed ecco, i tuoi occhi vedono, e gli occhi di mio fratello Beniamino, che è la mia bocca che ti parla.

13 E racconterete a mio padre tutta la mia gloria in Egitto e tutto ciò che avete visto; e vi affretterete a far cadere qui mio padre.

14 E cadde al collo di suo fratello Beniamino, e pianse; e Beniamino pianse sul suo collo.

15 Inoltre baciò tutti i suoi fratelli e pianse su di loro; e poi i suoi fratelli parlarono con lui.

16 E la sua fama si udì nella casa del Faraone, dicendo: I fratelli di Giuseppe sono venuti; e piacque molto al Faraone e ai suoi servi.

17 E Faraone disse a Giuseppe: Di' ai tuoi fratelli: Fate questo; carica le tue bestie e va' a portarti nel paese di Canaan;

18 E prendi tuo padre e le tue famiglie, e vieni da me; e vi darò il bene del paese d'Egitto, e voi mangerete il grasso del paese.

19 Ora vi è stato comandato, fate questo; prendete carri fuori dal paese d'Egitto per i vostri piccoli e per le vostre mogli, portate vostro padre e venite.

20 Non badare neppure alle tue cose; poiché il bene di tutto il paese d'Egitto è tuo.

21 E così fecero i figli d'Israele; e Giuseppe diede loro dei carri, secondo il comandamento del faraone, e diede loro provviste per il cammino.

22 A tutti diede a ciascuno dei cambi di vesti; ma a Beniamino diede trecento sicli d'argento e cinque cambi di vesti.

23 E mandò a suo padre in questo modo; dieci asini carichi dei beni dell'Egitto e dieci asini carichi di grano, pane e carne per suo padre lungo la strada.

24 Così mandò via i suoi fratelli, che se ne andarono; ed egli disse loro: Badate di non cadere per la via.

25 E salirono dall'Egitto e vennero nel paese di Canaan da Giacobbe, loro padre,

26 E gli disse: Giuseppe è ancora vivo, ed è governatore di tutto il paese d'Egitto. E il cuore di Giacobbe si svenne, perché non credeva loro.

27 E gli riferirono tutte le parole di Giuseppe che aveva detto loro; e quando vide i carri che Giuseppe aveva mandato a portarlo, lo spirito di Giacobbe, loro padre, si ravvivò.

28 E Israele disse: Basta; Giuseppe mio figlio è ancora vivo; Andrò a trovarlo prima di morire.

CAPITOLO 46

Giacobbe è consolato - Va in Egitto - Il numero della sua famiglia - Rachele chiama solo la moglie di Giacobbe - Giuseppe incontra Giacobbe.

1 E Israele partì con tutto ciò che aveva, e venne a Beer-Sceba, e offrì sacrifici al Dio di suo padre Isacco.

2 E Dio parlò a Israele nelle visioni della notte, e disse: Giacobbe, Giacobbe. E lui disse: Eccomi.

3 Ed egli disse: Io sono Dio, il Dio di tuo padre; temere di non scendere in Egitto; poiché là farò di te una grande nazione.

4 Scenderò con te in Egitto; e sicuramente ti farò risuscitare; e Giuseppe metterà la sua mano sui tuoi occhi.

5 E Giacobbe si levò da Beer-Sceba; ei figli d'Israele portarono Giacobbe, loro padre, i loro piccoli e le loro mogli, sui carri che il faraone aveva mandato a portarlo.

6 E presero il loro bestiame e i loro beni, che avevano preso nel paese di Canaan, e vennero in Egitto, Giacobbe e tutta la sua discendenza con lui;

7 I suoi figli, ei figli dei suoi figli con lui, le sue figlie e le figlie dei suoi figli, e tutta la sua discendenza lo condussero con sé in Egitto.

8 E questi sono i nomi dei figli d'Israele, che vennero in Egitto, Giacobbe e i suoi figli; Ruben, il primogenito di Jacob.

9 E i figli di Ruben; Hanoch, Fallu, Hezron e Carmi.

10 E i figli di Simeone; Jemuel, e Jamin, e Ohad, e Jachin, e Zohar, e Saul, figlio di una cananea.

11 E i figli di Levi; Gershon, Kohath e Merari.

12 E i figli di Giuda; Er, e Onan, e Shelah, e Pharez, e Zarah; ma Er e Onan morirono nel paese di Canaan. E i figli di Farez furono Hetsron e Hamul.

13 E i figli di Issacar; Tola, e Phuvah, e Giobbe e Shimron.

14 E i figli di Zabulon; Sered, Elon e Jahleel.

15 Questi sono i figli di Lia, che ella partorì a Giacobbe in Padanaram, con sua figlia Dina; tutte le anime dei suoi figli e delle sue figlie erano trentatré.

16 E i figli di Gad; Zifione, Haggi, Shuni, Ezbon, Eri, Arodi e Areli.

17 E i figli di Aser; Jimna, Ishua, Isui, Beria e Serah, loro sorella; ei figli di Beria; Heber e Malchiel.

18 Questi sono i figli di Zilpa, che Labano diede a sua figlia Lia; e queste diede a Giacobbe anche sedici anime.

19 I figli di Rachele, moglie di Giacobbe; Giuseppe e Beniamino.

20 E a Giuseppe, nel paese d'Egitto, nacquero Manasse ed Efraim, che Asenath, figlia di Potifera, sacerdote di On, gli partorì.

21 E i figli di Beniamino furono Belah, Becher, Ashbel, Gera, e Naaman, Ehi, e Rosh, Muppim, Huppim e Ard.

22 Questi sono i figli di Rachele, che nacquero a Giacobbe; tutte le anime erano quattordici.

23 E i figli di Dan; Silenzio.

24 E i figli di Neftali; Jahzeel, e Guni, e Jezer, e Shillem.

25 Questi sono i figli di Bilhah, che Labano diede a sua figlia Rachele, ed ella li partorì a Giacobbe; tutte le anime erano sette.

26 Tutte le anime che vennero con Giacobbe in Egitto, che uscirono dai suoi lombi, oltre alle mogli dei figli di Giacobbe, erano tutte tre venti e sei;

27 E i figli di Giuseppe, che gli furono partoriti in Egitto, erano due anime; tutte le anime della casa di Giacobbe, che venne in Egitto, erano tre ventidue.

28 E mandò Giuda davanti a lui da Giuseppe, per dirigere la sua faccia verso Gosen; e vennero nel paese di Gosen.

29 E Giuseppe preparò il suo carro, e salì incontro a Israele suo padre, a Gosen, e si presentò a lui; e si gettò al collo, e pianse sul collo per un bel po'.

30 E Israele disse a Giuseppe: Ora lasciami morire, poiché ho visto la tua faccia, perché sei ancora vivo.

31 E Giuseppe disse ai suoi fratelli e alla casa di suo padre: "Io salirò, gli mostrerò il faraone e gli dirò: I miei fratelli e la casa di mio padre, che erano nel paese di Canaan, sono venuti da me;

32 E gli uomini sono pastori, poiché il loro mestiere è stato quello di nutrire il bestiame; e hanno portato i loro greggi, i loro armenti e tutto ciò che hanno.

33 E avverrà quando il Faraone ti chiamerà e ti dirà: Qual è la tua occupazione?

34 Che tu dirai: Il commercio dei tuoi servi ha riguardato il bestiame dalla nostra giovinezza fino ad ora, sia noi che anche i nostri padri; affinché possiate dimorare nel paese di Gosen; poiché ogni pastore è un abominio per gli Egiziani.

CAPITOLO 47

Giuseppe presenta cinque dei suoi fratelli, e suo padre, davanti al faraone, dell'età di Giacobbe, e giura a Giuseppe di seppellirlo con i suoi padri.

1 Allora Giuseppe venne e lo riferì al faraone, e disse: Mio padre, i miei fratelli, i loro greggi, i loro armenti e tutto ciò che hanno, sono usciti dal paese di Canaan; ed ecco, sono nel paese di Gosen.

2 E prese alcuni dei suoi fratelli, anche cinque uomini, e li presentò al Faraone.

3 E Faraone disse ai suoi fratelli: Qual è la vostra occupazione? E dissero al Faraone: I tuoi servi sono pastori, sia noi, sia i nostri padri.

4 Dissero inoltre al Faraone: Perché per dimorare nel paese siamo venuti; poiché i tuoi servi non hanno pascolo per il loro gregge; poiché la carestia è grave nel paese di Canaan; ora dunque, ti preghiamo, che i tuoi servi abitino nel paese di Gosen.

5 E Faraone parlò a Giuseppe, dicendo: Tuo padre ei tuoi fratelli sono venuti da te;

6 Il paese d'Egitto è davanti a te; nel migliore del paese fa' abitare tuo padre ei tuoi fratelli; nel paese di Gosen dimorino; e se conosci tra loro uomini attivi, rendili governanti sul mio bestiame.

7 E Giuseppe fece entrare Giacobbe suo padre, e lo pose davanti al faraone; e Giacobbe benedisse il Faraone.

8 E Faraone disse a Giacobbe: Quanti anni hai?

9 E Giacobbe disse a Faraone: I giorni degli anni del mio pellegrinaggio sono centotrenta anni; pochi e malvagi sono stati i giorni degli anni della mia vita, e non sono giunti ai giorni degli anni della vita dei miei padri nei giorni del loro pellegrinaggio.

10 E Giacobbe benedisse il faraone e uscì davanti al faraone.

11 E Giuseppe mise suo padre ei suoi fratelli e diede loro un possedimento nel paese d'Egitto, nel migliore del paese, nel paese di Ramses, come il faraone aveva comandato.

12 E Giuseppe nutrì di pane suo padre, i suoi fratelli e tutta la casa di suo padre, secondo le loro famiglie.

13 E non c'era pane in tutto il paese; poiché la carestia fu molto grave, tanto che il paese d'Egitto e tutto il paese di Canaan svennero a causa della carestia.

14 E Giuseppe raccolse tutto il denaro che era stato trovato nel paese d'Egitto e nel paese di Canaan, per il grano che avevano comprato; e Giuseppe portò il denaro in casa del faraone.

15 E quando il denaro venne a mancare nel paese d'Egitto e nel paese di Canaan, tutti gli Egiziani vennero da Giuseppe e dissero: Dacci del pane; perché dovremmo morire in tua presenza? perché i soldi mancano.

16 E Giuseppe disse: Date il vostro bestiame; e ti darò per il tuo bestiame, se il denaro viene a mancare.

17 E portarono il loro bestiame a Giuseppe; e Giuseppe diede loro del pane in cambio di cavalli, e per le greggi, e per il bestiame degli armenti e per gli asini; e li diede da mangiare di pane per tutto il loro bestiame per quell'anno.

18 Quando quell'anno fu finito, vennero da lui il secondo anno e gli dissero: Non lo nasconderemo al mio signore, come viene speso il nostro denaro; il mio signore ha anche le nostre mandrie di bestiame; non è rimasto nulla agli occhi del mio signore, ma i nostri corpi e le nostre terre;

19 Perché moriremo davanti ai tuoi occhi, noi e il nostro paese? compra noi e la nostra terra per pane, e noi e la nostra terra saremo servi del Faraone; e dacci un seme, affinché possiamo vivere e non morire, affinché il paese non sia desolato.

20 E Giuseppe acquistò tutto il paese d'Egitto per Faraone; poiché gli Egiziani vendettero a ciascuno il suo campo, perché la carestia li sopraffece; così la terra divenne del Faraone.

21 E quanto al popolo, lo trasferì in città da un capo all'altro dei confini dell'Egitto fino all'altro capo.

22 Solo che non acquistò la terra dei sacerdoti; poiché i sacerdoti avevano una parte assegnata loro dal Faraone, e mangiarono la loro parte che il Faraone aveva loro dato; perciò non vendettero le loro terre.

23 Allora Giuseppe disse al popolo: Ecco, io ho acquistato te oggi e il tuo paese per il Faraone; ecco, ecco per voi un seme, e voi seminerete la terra.

24 E avverrà con l'aumento che darete la quinta parte al Faraone, e quattro parti saranno vostre, come seme del campo, e come cibo, e per quelli delle vostre famiglie, e come cibo per i tuoi piccoli.

25 E dissero: Tu hai salvato le nostre vite; troviamo grazia agli occhi del mio signore e saremo servi del Faraone.

26 E Giuseppe stabilì una legge sul paese d'Egitto fino ad oggi, che il Faraone avesse la quinta parte; tranne il solo paese dei sacerdoti, che non divenne del Faraone.

27 E Israele abitò nel paese d'Egitto, nel paese di Gosen; e vi avevano possedimenti, crebbero e si moltiplicarono enormemente.

28 E Giacobbe visse nel paese d'Egitto diciassette anni; così tutta l'età di Giacobbe fu di centoquarantasette anni.

29 E si avvicinò il tempo che Israele doveva morire; ed egli chiamò suo figlio Giuseppe e gli disse: Se ora ho trovato grazia ai tuoi occhi, metti, ti prego, la tua mano sotto la mia coscia, e trattami benevolmente e con sincerità; non seppellirmi, ti prego, in Egitto;

30 Ma io giacerò con i miei padri e tu mi porterai fuori dall'Egitto e mi seppellirai nel loro sepolcreto. E disse: Farò come hai detto.

31 Ed egli disse: Giurami. E glielo giurò. E Israele si prostrò sul capo del letto.

CAPITOLO 48

Giuseppe fa visita al padre malato — Giacobbe benedice Efraim e Manasse — profetizza il loro ritorno a Canaan.

1 E avvenne dopo queste cose che fu detto a Giuseppe, dicendo: Ecco, tuo padre è malato; e prese con sé i suoi due figli, Manasse ed Efraim.

2 E fu riferito a Giacobbe, dicendo: Guarda, ed ecco, tuo figlio Giuseppe viene da te; e Israele si rafforzò e si sedette sul letto.

3 E Giacobbe disse a Giuseppe: L'Iddio onnipotente mi è apparso a Luz, nel paese di Canaan, e mi ha benedetto,

4 E mi disse: Ecco, io ti renderò fecondo e ti moltiplicherò, dice il Signore, e farò di te una moltitudine di persone; e darò questo paese alla tua discendenza dopo di te, in possesso eterno.

5 Ed ora, dei tuoi due figli, Efraim e Manasse, che ti sono nati nel paese d'Egitto, prima che io venissi da te in Egitto; ecco, sono miei, e il Dio dei miei padri li benedirà; come Ruben e Simeone saranno benedetti, perché sono miei; pertanto saranno chiamati col mio nome. (Per questo furono chiamati Israele.)

6 E la tua discendenza, che tu generi dopo di loro, sarà tua, e sarà chiamata col nome dei loro fratelli nella loro eredità, nelle tribù; perciò furono chiamate le tribù di Manasse e di Efraim.

7 E Giacobbe disse a Giuseppe: Quando l'Iddio dei miei padri mi apparve a Luz, nel paese di Canaan; mi giurò che avrebbe dato a me e alla mia discendenza la terra in possesso eterno.

8 Perciò, o figlio mio, mi ha benedetto nel sollevarti per essere mio servo, nel salvare la mia casa dalla morte;

9 Liberando il mio popolo, i tuoi fratelli, dalla carestia che era grave nel paese; pertanto l'Iddio dei tuoi padri benedirà te e il frutto dei tuoi lombi, affinché siano benedetti al di sopra dei tuoi fratelli e al di sopra della casa di tuo padre;

10 Poiché tu hai prevalso, e la casa di tuo padre si è inchinata davanti a te, proprio come ti era stato mostrato, prima che tu fossi venduto in Egitto dalle mani dei tuoi fratelli; pertanto i tuoi fratelli si inchineranno a te, di generazione in generazione, al frutto dei tuoi lombi per sempre;

11 Poiché tu sarai una luce per il mio popolo, per liberarlo dalla schiavitù nei giorni della sua cattività; e per portare loro la salvezza, quando sono del tutto piegati sotto il peccato.

12 E perciò, quanto a me, quando venni da Padan, Rachele morì presso di me nel paese di Canaan, sulla via quando eravamo ancora poco per venire a Efrat; e là la seppellii sulla via di Efrat; la stessa si chiama Betlemme.

13 E Israele vide i figli di Giuseppe e disse: Chi sono questi?

14 E Giuseppe disse a suo padre: Sono i miei figli che Dio mi ha dato in questo paese.

15 Ed egli disse: Portameli, ti prego, a me, e io li benedirò.

16 Or gli occhi d'Israele erano annebbiati per l'età, così che non poteva vedere bene. E li fece avvicinare a lui; e li baciò, e li abbracciò.

17 E Israele disse a Giuseppe: Non avevo pensato di vedere la tua faccia; ed ecco, Dio mi ha mostrato anche la tua progenie.

18 E Giuseppe li fece uscire di fra le sue ginocchia, e si prostrò con la faccia a terra.

19 E Giuseppe li prese entrambi, Efraim con la sua destra verso la sinistra d'Israele, e Manasse con la sua sinistra, verso la destra d'Israele, e li fece avvicinare a lui.

20 E Israele stese la sua mano destra, e la posò sul capo di Efraim, che era il più giovane, e la sua mano sinistra sul capo di Manasse, guidando volontariamente le sue mani; poiché Manasse era il primogenito.

21 E benedisse Giuseppe e disse: Il Dio, davanti al quale camminarono i miei padri Abramo e Isacco, il Dio che mi ha nutrito per tutta la mia vita fino ad oggi,

22 L'angelo che mi ha redento da ogni male, benedica i ragazzi; e su di essi sia nominato il mio nome, e il nome dei miei padri Abramo e Isacco; e crescano in una moltitudine in mezzo alla terra.

23 E quando Giuseppe vide che suo padre posava la sua mano destra sul capo di Efraim, ne fu dispiaciuto; e alzò la mano di suo padre per toglierla dal capo di Efraim fino al capo di Manasse.

24 E Giuseppe disse a suo padre: Non così, padre mio; poiché questo è il primogenito; metti la tua destra sul suo capo.

25 E suo padre rifiutò, e disse: Lo so, figlio mio, lo so; anch'egli diverrà un popolo, e anch'egli sarà grande; ma in verità suo fratello minore sarà più grande di lui e la sua discendenza diverrà una moltitudine di nazioni.

26 E quel giorno li benedisse, dicendo: In te Israele benedirà, dicendo: Dio ti faccia come Efraim e come Manasse; e pose Efraim davanti a Manasse.

27 E Israele disse a Giuseppe: Ecco, io muoio; ma Dio sarà con te e ti ricondurrà nel paese dei tuoi padri.

28 Inoltre ti ho dato una parte al di sopra dei tuoi fratelli, che ho preso dalla mano dell'Amorrei con la mia spada e con il mio arco.

CAPITOLO 49

Giacobbe benedice i suoi figli: muore.

1 E Giacobbe chiamò i suoi figli e disse: Radunatevi, affinché io possa dirvi ciò che vi accadrà negli ultimi giorni.

2 Radunatevi e ascoltate, figli di Giacobbe; e ascolta Israele tuo padre.

3 Ruben, tu sei il mio primogenito, la mia forza, e l'inizio della mia forza, l'eccellenza della dignità e l'eccellenza della potenza;

4 Instabile come l'acqua, non eccellerai; perché sei salito al letto di tuo padre; poi l'hai profanato; è salito sul mio divano.

5 Simeone e Levi sono fratelli; strumenti di crudeltà sono nelle loro abitazioni.

6 O anima mia, non entrare nel loro segreto; alla loro assemblea, onore mio, non essere unito; poiché nella loro ira uccisero un uomo e nella loro ostinazione hanno scavato un muro.

7 Maledetta sia la loro ira, perché era feroce; e la loro ira, perché era crudele; li dividerò in Giacobbe e li disperderò in Israele.

8 Giuda, tu sei colui che i tuoi fratelli loderanno; la tua mano sarà nel collo dei tuoi nemici; i figli di tuo padre si prostreranno davanti a te.

9 Giuda è un cucciolo di leone; dalla preda, figlio mio, sei salito; si è chinato, si è accovacciato come un leone, e come un vecchio leone, chi lo risveglierà?

10 Lo scettro non si allontanerà da Giuda, né un legislatore tra i suoi piedi, finché non venga Sciloh; ea lui sarà il raduno del popolo.

11 Legando il suo puledro alla vite, e ha un puledro d'asino alla vite scelta; lavò le sue vesti nel vino e le sue vesti nel sangue dell'uva;

12 I suoi occhi saranno rossi di vino, ei suoi denti saranno bianchi di latte.

13 Zabulon abiterà al porto del mare; e sarà per un rifugio di navi; e il suo confine sarà fino a Sidon.

14 Issacar è un asino robusto, adagiato tra due fardelli;

15 E vide che il riposo era buono, e il paese che era ameno; e chinò la spalla per sopportare, e divenne un servitore per il tributo.

16 Dan giudicherà il suo popolo, come una delle tribù d'Israele.

17 Dan sarà un serpente lungo la via, una vipera nel sentiero che morde i talloni del cavallo, così che il suo cavaliere cadrà all'indietro.

18 Ho aspettato la tua salvezza, o Signore.

19 Gad, una truppa lo vincerà; ma alla fine vincerà.

20 Da Aser il suo pane sarà grasso e produrrà doni reali.

21 Neftali è una cerva lasciata andare; dice belle parole.

22 Giuseppe è un ramo fecondo, anche un ramo fecondo presso un pozzo; i cui rami corrono oltre il muro;

23 Gli arcieri lo hanno gravemente addolorato, gli hanno sparato e l'hanno odiato,

24 Ma il suo arco rimase forte, e le braccia delle sue mani furono fortificate dalle mani del potente Dio di Giacobbe; (di là è il pastore, la pietra d'Israele;)

25 Anche per l'Iddio di tuo padre, che ti aiuterà; e dall'Onnipotente, che ti benedirà con benedizioni del cielo in alto, benedizioni dell'abisso che giace sotto, benedizioni del seno e del grembo;

26 Le benedizioni di tuo padre hanno prevalso sulle benedizioni dei miei progenitori fino al limite estremo delle colline eterne; saranno sul capo di Giuseppe e sulla sommità del capo di colui che era separato dai suoi fratelli.

27 Beniamino correrà come un lupo; al mattino divorerà la preda e di notte dividerà il bottino.

28 Tutte queste sono le dodici tribù d'Israele; e questo è che il loro padre parlò loro, e li benedisse; ciascuno secondo la sua benedizione li benedisse.

29 Ed egli li comandò e disse loro: Devo essere radunato presso il mio popolo; seppellitemi con i miei padri nella caverna che è nel campo di Efron l'Hittita,

30 Nella caverna che è nel campo di Macpela, che è davanti a Mamre, nel paese di Canaan, che Abramo comprò con il campo di Efron l'Hittita come possesso di un sepolcreto.

31 Là seppellirono Abramo e Sara sua moglie; là seppellirono Isacco e Rebecca sua moglie; e lì ho seppellito Leah.

32 L'acquisto del campo e della caverna che è in esso fu de' figliuoli di Heth.

33 E quando Giacobbe ebbe cessato di dare ordini ai suoi figli, raccolse i piedi nel letto, e rese lo spirito, e si raccolse al suo popolo.

CAPITOLO 50

Il lutto per Giacobbe — Il funerale — Giuseppe consola i suoi fratelli — Egli profetizza — Egli muore.

1 E Giuseppe si gettò sulla faccia di suo padre, pianse su di lui e lo baciò.

2 E Giuseppe comandò ai suoi servi, i medici di imbalsamare suo padre; ei medici imbalsamarono Israele.

3 E quaranta giorni furono compiuti per lui; poiché così si compiono i giorni degli imbalsamati; e gli Egiziani piansero per lui tre venti e dieci giorni.

4 E trascorsi i giorni del suo lutto, Giuseppe parlò alla casa del faraone, dicendo: Se ora ho trovato grazia ai tuoi occhi, parla, ti prego, agli orecchi del faraone, dicendo:

5 Mio padre mi ha fatto giurare, dicendo: Ecco, io muoio; nella mia tomba che ho scavato per me nel paese di Canaan, là mi seppellirai. Ora dunque lasciami salire, ti prego, e seppellisci mio padre, e io verrò di nuovo.

6 E il faraone disse: "Sali, e seppellisci tuo padre, come ti ha fatto giurare".

7 E Giuseppe salì a seppellire suo padre; e con lui salirono tutti i servi del faraone, gli anziani della sua casa e tutti gli anziani del paese d'Egitto,

8 E tutta la casa di Giuseppe, e dei suoi fratelli, e la casa di suo padre; lasciarono nel paese di Gosen solo i loro piccoli, le loro greggi e i loro armenti.

9 E con lui salirono carri e cavalieri; ed è stata un'ottima compagnia.

10 E giunsero all'aia di Atad, che è oltre il Giordano; e là tuo pianto con un grande e doloroso lamento; e per sette giorni fece lutto per suo padre.

11 E quando gli abitanti del paese, i Cananei, videro il lutto nel pavimento di Atad, dissero: Questo è un grave lutto per gli Egiziani; perciò il suo nome fu chiamato Abel-Mizraim, che è al di là del Giordano.

12 E i suoi figli gli fecero come aveva loro comandato;

13 Poiché i suoi figli lo portarono nel paese di Canaan e lo seppellirono nella caverna del campo di Macpela, che Abramo comprò con il campo come possesso di un sepolcro di Efron l'Hittita, davanti a Mamre.

14 E Giuseppe tornò in Egitto, lui, i suoi fratelli e tutti quelli che erano saliti con lui per seppellire suo padre, dopo che ebbe seppellito suo padre.

15 E quando i fratelli di Giuseppe videro che il loro padre era morto, dissero: Giuseppe forse ci odierà, e certamente ci risarcirà tutto il male che gli abbiamo fatto.

16 E mandarono un messaggero a Giuseppe, dicendo: Tuo padre aveva comandato prima di morire, dicendo:

17 Così direte a Giuseppe: Perdona, ora ti prego, la trasgressione dei tuoi fratelli e il loro peccato; poiché ti hanno fatto del male; e ora ti preghiamo, perdona la trasgressione dei servi del Dio di tuo padre. E Giuseppe pianse quando gli parlarono.

18 E anche i suoi fratelli andarono e si prostrarono davanti a lui; e dissero: Ecco, noi siamo tuoi servi.

19 E Giuseppe disse loro: Non temete; perché sono io al posto di Dio?

20 Ma quanto a voi, avete pensato male contro di me; ma Dio lo intendeva per il bene, per portare a compimento, come è questo giorno, per salvare in vita molte persone.

21 Ora dunque non temete; Nutrirò te e i tuoi piccoli. E li confortò, e parlò loro benevolmente.

22 E Giuseppe dimorò in Egitto, lui e la casa di suo padre; e Giuseppe visse centodieci anni.

23 E Giuseppe vide i figli di Efraim della terza generazione; anche i figli di Machir, figlio di Manasse, furono allevati sulle ginocchia di Giuseppe.

24 E Giuseppe disse ai suoi fratelli: Io muoio e vado dai miei padri; e scendo con gioia nella mia tomba. Il Dio di mio padre Giacobbe sia con te, per liberarti dall'afflizione nei giorni della tua schiavitù; poiché il Signore mi ha visitato e ho ottenuto una promessa dal Signore, che dal frutto dei miei lombi il Signore Iddio susciterà un ramo giusto dai miei lombi; ea te, che mio padre Giacobbe ha chiamato Israele, profeta; (non il Messia che è chiamato Scilo;) e questo profeta libererà il mio popolo dall'Egitto nei giorni della tua schiavitù.

25 E avverrà che saranno di nuovo dispersi; e un ramo sarà spezzato e sarà portato in un paese lontano; nondimeno saranno ricordati nei patti del Signore, quando il Messia verrà; poiché sarà loro manifestato negli ultimi giorni, nello Spirito di potenza; e li farà uscire dalle tenebre alla luce; dalle tenebre nascoste e dalla prigionia verso la libertà.

26 Il Signore, mio Dio, susciterà un veggente, che sarà un veggente scelto per il frutto dei miei lombi.

27 Così mi dice il Signore, Dio dei miei padri: Io susciterò un veggente scelto dal frutto dei tuoi lombi, ed egli sarà altamente stimato fra il frutto dei tuoi lombi; e a lui darò comando che faccia un'opera per il frutto dei tuoi lombi, suoi fratelli.

28 Ed egli li porterà alla conoscenza dei patti che ho fatto con i tuoi padri; ed egli farà tutto il lavoro che gli comanderò.

29 E lo renderò grande ai miei occhi, perché farà la mia opera; e sarà grande come colui che ho detto che avrei suscitato per te, per liberare il mio popolo, o casa d'Israele, dal paese d'Egitto; poiché io susciterò un veggente per liberare il mio popolo dal paese d'Egitto; e sarà chiamato Mosè. E da questo nome conoscerà di essere della tua casa; poiché sarà allattato dalla figlia del re e sarà chiamato suo figlio.

30 E ancora, io susciterò un veggente dal frutto dei tuoi lombi, ea lui darò il potere di portare avanti la mia parola al seme dei tuoi lombi; e non solo per portare alla luce la mia parola, dice il Signore, ma per convincerli della mia parola, che sarà già pronunciata tra loro negli ultimi giorni;

31 Pertanto il frutto dei tuoi lombi scriverà, e il frutto dei lombi di Giuda scriverà; e ciò che sarà scritto mediante il frutto dei tuoi lombi, e anche ciò che sarà scritto mediante il frutto dei lombi di Giuda, crescerà insieme fino a confondere le false dottrine, a deporre contese e a stabilire la pace tra i frutto dei tuoi lombi, e portali alla conoscenza dei loro padri negli ultimi giorni; e anche alla conoscenza delle mie alleanze, dice il Signore.

32 E per debolezza sarà reso forte, in quel giorno in cui la mia opera andrà avanti in mezzo a tutto il mio popolo, che ristabilirà loro, che sono della casa d'Israele, negli ultimi giorni.

33 E io benedirò quel veggente, e quelli che cercano di distruggerlo saranno confusi; per questa promessa io ti do; poiché io ti ricorderò di generazione in generazione; e il suo nome si chiamerà Giuseppe, e sarà dal nome di suo padre; ed egli sarà come te; poiché ciò che il Signore produrrà per sua mano porterà il mio popolo alla salvezza.

34 E il Signore giurò a Giuseppe che avrebbe preservato la sua discendenza per sempre, dicendo: Io susciterò Mosè, e avrà un bastone nelle sue mani, ed egli radunerà il mio popolo, ed egli lo condurrà come un gregge, e colpirà le acque del Mar Rosso con la sua verga.

35 Ed egli avrà giudizio, e scriverà la parola del Signore. E non dirà molte parole, perché gli scriverò la mia legge con il dito della mia stessa mano. E farò per lui un portavoce, e il suo nome sarà chiamato Aaron.

36 E ti sarà fatto anche negli ultimi giorni, proprio come ho giurato. Perciò Giuseppe disse ai suoi fratelli: Dio certamente vi visiterà e vi farà uscire da questo paese, nel paese che aveva giurato ad Abramo, a Isacco e a Giacobbe.

37 E Giuseppe confermò molte altre cose ai suoi fratelli, e fece un giuramento dei figli d'Israele, dicendo loro: Dio certamente vi visiterà, e di qui porterete le mie ossa.

38 Così Giuseppe morì quando aveva centodieci anni; e lo imbalsamarono, e lo misero in una bara in Egitto; e fu impedito dalla sepoltura dai figli d'Israele, affinché fosse portato e deposto nel sepolcro con suo padre. E così si ricordarono del giuramento che gli avevano fatto.

Biblioteca delle Scritture:

Suggerimento per la ricerca

Digita una singola parola o usa le virgolette per cercare un'intera frase (ad es. "perché Dio ha tanto amato il mondo").

scripture

Per ulteriori risorse, visitare il nostro Risorse per i membri pagina.