Il libro di Giacobbe

Il libro di Giacobbe

Il fratello di Nefi

Capitolo 1

Le parole della sua predicazione ai suoi fratelli. Confonde un uomo che cerca di rovesciare la dottrina di Cristo. Alcune parole riguardanti la storia del popolo di Nefi.1 Poiché ecco, avvenne che erano trascorsi cinquantacinque anni da quando Lehi lasciò Gerusalemme; pertanto Nefi diede a me, Giacobbe, un comandamento riguardo a queste piccole tavole, su cui queste cose sono incise.
2 E mi diede, Giacobbe, un comandamento che dovessi scrivere su queste tavole, alcune delle cose che ritenevo più preziose: che non dovessi toccare, se non con leggerezza, riguardo alla storia di questo popolo, che sono chiamati il popolo di Nefi.
3 Poiché egli disse che la storia del suo popolo doveva essere incisa sulle altre sue tavole, e che io avrei custodito queste tavole e le avrei trasmesse alla mia discendenza, di generazione in generazione.
4 E se vi fosse una predicazione sacra, o una rivelazione grande, o una profezia, che io ne inciderei le teste su queste tavole e le toccherei quanto più è possibile, per amor di Cristo, e per amor della nostra gente:
5 Poiché, a motivo della fede e della grande ansietà, in verità ci era stato reso manifesto riguardo al nostro popolo ciò che doveva accadere loro.
6 E avemmo anche molte rivelazioni, e lo spirito di molte profezie; pertanto sapevamo di Cristo e del suo regno, che doveva venire.
7 Pertanto, abbiamo lavorato diligentemente in mezzo al nostro popolo, per persuaderlo a venire a Cristo e a prendere parte alla bontà di Dio, affinché potessero entrare nel suo riposo, affinché non giurasse in alcun modo nella sua ira che non sarebbero entrati in, come nella provocazione nei giorni della tentazione, mentre i figli d'Israele erano nel deserto.
8 Pertanto, vorremmo Dio di poter persuadere tutti gli uomini a non ribellarsi a Dio, per provocarlo ad ira, ma che tutti gli uomini credessero in Cristo, e vedessero la sua morte, e subissero la sua croce, e portassero la vergogna della mondo; pertanto, io, Giacobbe, prendo su di me l'adempimento del comandamento di mio fratello Nefi.
9 Ora Nefi cominciò a essere vecchio, e vide che doveva presto morire; pertanto unse un uomo perché fosse ora un re e un capo del suo popolo, secondo i regni dei re.
10 Il popolo ha amato Nefi estremamente, essendo egli stato un grande protettore per loro, avendo maneggiato la spada di Labano in loro difesa e avendo lavorato in tutti i suoi giorni per il loro benessere; pertanto il popolo desiderava conservare in ricordo il suo nome.
11 E chiunque dovesse regnare al suo posto, fu chiamato dal popolo, secondo Nefi, terzo Nefi, ecc., secondo i regni dei re; e così furono chiamati dal popolo, di qualunque nome volessero.
12 E avvenne che Nefi morì.
13 Ora le persone che non erano Lamaniti erano Nefiti; nondimeno furono chiamati Nefiti, Giacobiti, Giuseppini, Zoramiti, Lamaniti, Lemueliti e Ismaeliti.
14 Ma io, Giacobbe, non li distinguerò in seguito con questi nomi, ma li chiamerò Lamaniti, che cercano di distruggere il popolo di Nefi; e coloro che sono amici di Nefi li chiamerò Nefiti, o popolo di Nefi, secondo i regni dei re.
15 Ed ora avvenne che il popolo di Nefi, sotto il regno del secondo re, cominciò a indurire il proprio cuore e a indulgere in qualche modo in pratiche malvagie, come quelle dell'antico Davide, desiderando molte mogli e concubine , e anche Salomone, suo figlio:
16 Sì, e cominciarono anche a cercare molto oro e argento, e cominciarono a sollevarsi un po' nell'orgoglio;
17 Pertanto, io, Giacobbe, dissi loro queste parole mentre insegnavo loro nel tempio, avendo prima ottenuto il mio incarico dal Signore.
18 Poiché io, Giacobbe e mio fratello Giuseppe eravamo stati sacerdoti consacrati e insegnanti di questo popolo per mano di Nefi.
19 E magnificammo il nostro ufficio presso il Signore, assumendoci la responsabilità, rispondendo ai peccati del popolo sul nostro capo, se non insegnavamo loro la parola di Dio con tutta diligenza;
20 Pertanto, lavorando con le nostre forze, il loro sangue potrebbe non venire sulle nostre vesti; altrimenti il loro sangue verrebbe sulle nostre vesti e non saremmo trovati senza macchia all'ultimo giorno.

 

Giacobbe avverte i Nefiti

capitolo 2

1 Le parole che Giacobbe, fratello di Nefi, rivolse al popolo di Nefi, dopo la morte di Nefi:
2 Ora, miei diletti fratelli, io, Giacobbe, secondo la responsabilità che ho davanti a Dio, di magnificare il mio ufficio con sobrietà e di liberare le mie vesti dai vostri peccati, salgo oggi nel tempio, affinché potrei dichiararti la parola di Dio;
3 E voi stessi sapete che finora sono stato diligente nell'ufficio della mia vocazione; ma io oggi sono appesantito da molto più desiderio e ansia per il bene delle vostre anime, di quanto non lo sia stato finora.
4 Poiché ecco, finora siete stati ubbidienti alla parola del Signore, che vi ho dato.
5 Ma ecco, ascoltatemi e sappiate che con l'aiuto dell'onnipotente Creatore del cielo e della terra, posso dirvi, riguardo ai vostri pensieri, come state cominciando a lavorare nel peccato, peccato per il quale appare molto abominevole me, sì, e abominevole a Dio.
6 Sì, addolora la mia anima e mi fa rimpicciolire con vergogna davanti alla presenza del mio Fattore, che devo testimoniarvi riguardo alla malvagità dei vostri cuori;
7 E inoltre, mi addolora il fatto di dover usare tanta franchezza di parola, riguardo a te, davanti alle tue mogli e ai tuoi figli, molti dei cui sentimenti sono estremamente teneri, casti e delicati davanti a Dio, cosa che piace a Dio;
8 E suppongo che siano saliti qui per udire la piacevole parola di Dio, sì, la parola che guarisce l'anima ferita.
9 Perciò mi grava l'anima che io sia costretto, a motivo del severo comandamento che ho ricevuto da Dio, ad ammonire te, secondo i tuoi delitti, ad allargare le piaghe di coloro che sono già feriti, invece di consolare e sanare le loro ferite;
10 E a coloro che non sono stati feriti, invece di banchettare con la gradita parola di Dio, hanno messo dei pugnali per trafiggere le loro anime e ferire le loro menti delicate.
11 Ma, nonostante la grandezza del compito, devo agire secondo i severi comandi di Dio, e parlarti delle tue malvagità e abominazioni, alla presenza dei puri di cuore e del cuore spezzato, e sotto lo sguardo del occhio penetrante del Dio Onnipotente.
12 Perciò devo dirvi la verità, secondo la semplicità della parola di Dio.
13 Poiché ecco, mentre interrogavo il Signore, così mi fu rivolta la parola, dicendo: Giacobbe, sali domani nel tempio, e dichiara a questo popolo la parola che ti darò.
14 Ed ora ecco, fratelli miei, questa è la parola che vi dichiaro: che molti di voi hanno cominciato a cercare oro, argento e ogni sorta di minerali preziosi, nei quali questo paese, che è un paese di promessa a te e al tuo seme, abbonda in abbondanza.
15 E la mano della provvidenza ti ha sorriso molto bene, perché hai ottenuto molte ricchezze;
16 E poiché alcuni di voi hanno ottenuto più abbondantemente di quello dei vostri fratelli, siete elevati nell'orgoglio del vostro cuore, e portate il collo rigido e la testa alta, a causa del costo delle vostre vesti, e perseguitate i vostri fratelli, perché voi supponete di essere migliori di loro.
17 Ed ora, fratelli miei, credete che Dio vi giustifichi in questo? Ecco, io ti dico, no.
18 Ma egli vi condanna, e se persistete in queste cose, i suoi giudizi devono pervenire rapidamente a voi.
19 Oh, se ti mostrasse che può trafiggerti, e con uno sguardo del suo occhio, ti può percuotere fino alla polvere.
20 Oh, se ti liberasse da questa iniquità e abominio.
21 E, oh, se voleste ascoltare la parola dei suoi comandi, e non lasciare che questo orgoglio dei vostri cuori distrugga le vostre anime.
22 Pensate ai vostri fratelli come voi, e conoscete tutti bene, e liberi della vostra sostanza, affinché possano essere ricchi come voi.
23 Ma prima di cercare ricchezze, cercate il regno di Dio.
24 E dopo aver ottenuto una speranza in Cristo, otterrete ricchezze, se le cercate; e li cercherete, per l'intento di fare il bene; per vestire gli ignudi, per sfamare l'affamato, per liberare il prigioniero e per dare sollievo agli ammalati e agli afflitti.
25 Ed ora, fratelli miei, vi ho parlato riguardo all'orgoglio; e quelli di voi che hanno afflitto il vostro prossimo e lo perseguitarono, perché eri superbo in cuor tuo delle cose che Dio ti ha dato, che ne dici?
26 Non credete che tali cose siano abominevoli per colui che ha creato ogni carne?
27 E l'uno è prezioso ai suoi occhi come l'altro.
28 E ogni carne è dalla polvere; e per lo stesso scopo li ha creati, affinché osservino i suoi comandamenti e lo glorifichino per sempre.
29 Ed ora smetto di parlarvi di questo orgoglio.
30 E se non dovessi parlarvi di un crimine più grave, il mio cuore si rallegrerebbe enormemente, a causa vostra.
31 Ma la parola di Dio mi grava a causa dei tuoi delitti più grossolani.
32 Poiché ecco, così dice il Signore: Questo popolo comincia a crescere nell'iniquità; non comprendono le scritture, perché cercano di scusarsi commettendo prostituzioni, a causa delle cose che furono scritte riguardo a Davide e a suo figlio Salomone.
33 Ecco, Davide e Salomone avevano davvero molte mogli e concubine, cosa abominevole davanti a me, dice il Signore,
34 Pertanto, così dice il Signore, ho condotto questo popolo fuori dal paese di Gerusalemme, mediante la potenza del mio braccio, per innalzarmi un ramo giusto dal frutto dei lombi di Giuseppe.
35 Pertanto, io, il Signore Iddio, non permetterò che questo popolo faccia come l'antico.
36 Pertanto, fratelli miei, ascoltatemi e ascoltate la parola del Signore: poiché nessuno tra voi avrà se non una sola moglie; e non avrà concubine: poiché io, il Signore Dio, mi compiaccio della castità delle donne.
37 E le prostituzioni sono un abominio davanti a me: così dice il Signore degli eserciti.
38 Pertanto, questo popolo osserverà i miei comandamenti, dice il Signore degli eserciti, o maledetto il paese per causa loro.
39 Perché se io voglio, dice l'Eterno degli eserciti, susciti per me una discendenza, comanderò al mio popolo; altrimenti darà ascolto a queste cose.
40 Poiché ecco, io, il Signore, ho visto il dolore e ho ascoltato il lutto delle figlie del mio popolo nel paese di Gerusalemme; sì, e in tutti i paesi del mio popolo, a causa della malvagità e delle abominazioni dei loro mariti.
41 E non permetterò, dice il Signore degli eserciti, che le grida delle belle figlie di questo popolo, che ho condotto fuori dal paese di Gerusalemme, salgano verso di me, contro gli uomini del mio popolo, dice il Signore degli eserciti;
42 Poiché non condurranno in cattività le figlie del mio popolo, a motivo della loro tenerezza, se non le visiterò con una grave maledizione, fino alla perdizione;
43 Poiché non commetteranno prostituzioni, come gli antichi, dice il Signore degli eserciti.
44 Ed ora ecco, fratelli miei, voi sapete che questi comandamenti furono dati a nostro padre Lehi; pertanto li avete conosciuti prima; e siete giunti a una grande condanna: poiché avete fatto queste cose, che non avreste dovuto fare.
45 Ecco, avete commesso un'iniquità maggiore dei Lamaniti, nostri fratelli.
46 Avete spezzato il cuore delle vostre tenere mogli e avete perso la fiducia dei vostri figli, a causa dei cattivi esempi che avete dinanzi a loro; e i singhiozzi dei loro cuori salgono a Dio contro di te.
47 E a causa della severità della parola di Dio, che discende contro di voi, molti cuori sono morti, trafitti da profonde ferite.
48 Ma ecco, io, Giacobbe, parlerei a voi che siete puri di cuore.
49 Guarda a Dio con fermezza di mente e pregalo con immensa fede, ed egli ti consolerà nelle tue afflizioni, e difenderà la tua causa e manderà la giustizia su coloro che cercano la tua distruzione.
50 O voi tutti che siete puri di cuore, alzate il capo e accogliete la gradita parola di Dio, e banchettate del suo amore; poiché potete, se le vostre menti sono ferme per sempre.
51 Ma guai, guai a voi che non siete puri di cuore; che sono sporchi oggi davanti a Dio; poiché, a meno che non vi pentiate, il paese è maledetto per voi;
52 E i Lamaniti che non sono sporchi come te (nondimeno sono maledetti con una feroce maledizione) ti flagelleranno fino alla distruzione.
53 E presto viene il tempo in cui, a meno che non vi pentiate, essi possederanno la terra della vostra eredità, e il Signore Dio condurrà via i giusti di mezzo a voi.
54 Ecco, i Lamaniti, vostri fratelli, che voi odiate a causa della loro sporcizia e delle maledizioni che sono venute sulla loro pelle, sono più giusti di voi;
55 Poiché non hanno dimenticato i comandamenti del Signore, che furono dati ai nostri padri, che avrebbero avuto, se non fosse una sola moglie: e non avrebbero avuto concubine; e non ci dovrebbero essere prostituzioni commesse tra loro.
56 Ed ora osservano di osservare questo comandamento; pertanto a causa di questa osservanza nell'obbedire a questo comandamento, il Signore Dio non li distruggerà, ma sarà misericordioso con loro; e un giorno diventeranno un popolo benedetto.
57 Ecco, i loro mariti amano le loro mogli, e le loro mogli amano i loro mariti, ei loro mariti e le loro mogli amano i loro figli;
58 E la loro incredulità e il loro odio verso di te, è a causa dell'iniquità dei loro padri; perciò quanto sei migliore di loro, agli occhi del tuo grande Creatore?
59 O fratelli miei, temo che, a meno che non vi pentiate dei vostri peccati, la loro pelle sarà più bianca della vostra, quando sarete condotti con loro davanti al trono di Dio.
60 Pertanto vi do un comandamento, che è la parola di Dio, di non insultarli più, a causa dell'oscurità della loro pelle; né li insulterete a causa della loro sporcizia;
61 Ma vi ricorderete della vostra sporcizia, e vi ricorderete che la loro sporcizia è venuta a causa dei loro padri.
62 Pertanto, ricorderete i vostri figli, come avete addolorato i loro cuori a causa dell'esempio che avete dato loro;
63 E ricordate inoltre che potete, a causa della vostra sporcizia, portare alla distruzione i vostri figli, ei loro peccati essere accumulati sulla vostra testa nell'ultimo giorno.
64 O fratelli miei, ascoltate la mia parola; risveglia le facoltà della tua anima; scuotetevi, affinché possiate svegliarvi dal sonno della morte;
65 E liberatevi dalle pene dell'inferno, affinché non diventiate angeli al diavolo, per essere gettati in quel lago di fuoco e zolfo, che è la seconda morte.
66 Ed ora io, Giacobbe, dissi molte altre cose al popolo di Nefi, avvertendolo contro la fornicazione, la lascivia e ogni tipo di peccato, dicendo loro le terribili conseguenze di esse;
67 E una centesima parte dei procedimenti di questo popolo, che ora cominciò ad essere numeroso, non può essere scritta su queste tavole;
68 Ma molti dei loro procedimenti sono scritti su tavole più grandi, e le loro guerre, e le loro contese, e i regni dei loro re.
69 Queste tavole sono chiamate le tavole di Giacobbe; e furono fatti dalla mano di Nefi.
70 E metto fine a dire queste parole.

 

capitolo 3

1 Ora ecco, avvenne che io, Giacobbe, avendo servito molto al mio popolo, a parole, (e non posso scrivere che poco delle mie parole, a causa della difficoltà di incidere le nostre parole sulle tavole, ) e sappiamo che le cose che scriviamo sulle tavole devono rimanere;
2 Ma tutto ciò che scriviamo su qualcosa, tranne che su tavole, deve perire e svanire; ma possiamo scrivere alcune parole su tavole, che daranno ai nostri figli, e anche ai nostri amati fratelli, un piccolo grado di conoscenza su di noi o sui loro padri.
3 Ora in questo ci rallegriamo; e ci adoperiamo diligentemente per incidere queste parole sulle tavole, sperando che i nostri diletti fratelli e i nostri figli le ricevano con cuore grato e li guardino, affinché possano imparare con gioia, e non con dolore, né con disprezzo riguardo ai loro primi genitori:
4 Infatti, per questo intento abbiamo scritto queste cose, affinché sappiano che abbiamo conosciuto Cristo, e che abbiamo sperato nella sua gloria, molti secoli prima della sua venuta, e non solo noi stessi abbiamo sperato nella sua gloria, ma anche tutti i santi profeti che ci hanno preceduto.
5 Ecco, essi credettero in Cristo e adorarono il Padre nel suo nome; e inoltre, adoriamo il Padre nel suo nome.
6 E per questo intento osserviamo la legge di Mosè, indicando a lui le nostre anime; e per la loro causa, è santificato per noi, per la giustizia, proprio come fu reso conto ad Abramo nel deserto, di essere obbedienti ai comandi di Dio, offrendo suo figlio Isacco, che è una similitudine di Dio e il suo unico figlio generato.
7 Pertanto, esaminiamo i profeti; e abbiamo molte rivelazioni, e lo spirito di profezia, e avendo tutti questi testimoni, otteniamo una speranza, e la nostra fede diventa incrollabile, tanto che possiamo veramente comandare nel nome di Gesù, e gli stessi alberi ci obbediscono, o il montagne, o le onde del mare;
8 Nondimeno, il Signore Iddio ci mostra la nostra debolezza, affinché possiamo sapere che è mediante la sua grazia e la sua grande condiscendenza verso i figlioli degli uomini che abbiamo il potere di fare queste cose.
9 Ecco, grandi e meravigliose sono le opere del Signore.
10 Quanto sono imperscrutabili le profondità dei suoi misteri; ed è impossibile che l'uomo scopra tutte le sue vie.
11 E nessuno conosce le sue vie, a meno che non gli sia rivelato; pertanto, fratelli, non disprezzate le rivelazioni di Dio.
12 Poiché ecco, mediante la potenza della sua parola, l'uomo venne sulla faccia della terra; quale terra è stata creata dalla potenza della sua parola.
13 Pertanto, se Dio, potendo parlare, e il mondo fosse; e per parlare, e l'uomo fu creato, o allora, perché non in grado di comandare la terra, o l'opera delle sue mani sulla sua faccia, secondo la sua volontà e il suo piacere.
14 Pertanto, fratelli, non cercate di consigliare il Signore, ma di prendere consiglio dalla sua mano.
15 Poiché ecco, voi stessi sapete che egli consiglia con saggezza, e giustizia e grande misericordia su tutte le sue opere;
16 Pertanto, fratelli diletti, siate riconciliati con lui, mediante l'espiazione di Cristo, suo Figlio unigenito.
17 Affinché possiate ottenere una risurrezione, secondo la potenza della risurrezione che è in Cristo, ed essere presentati come primizie di Cristo, a Dio, avendo fede, e ottenendo in lui una buona speranza di gloria, prima che egli si manifesti nella carne.
18 Ed ora, carissimi, non meravigliarvi che vi dica queste cose; perché perché non parlare dell'espiazione di Cristo e raggiungere una perfetta conoscenza di lui, come raggiungere la conoscenza di una risurrezione e del mondo a venire?
19 Ecco, fratelli miei, colui che profetizza, profetizzi all'intelletto degli uomini; poiché lo Spirito dice la verità e non mente.
20 Pertanto, parla delle cose come sono realmente, e delle cose come realmente saranno; pertanto queste cose ci sono manifestate chiaramente, per la salvezza delle nostre anime.
21 Ma ecco, noi non siamo testimoni soli in queste cose; poiché Dio le ha anche pronunciate ai profeti dell'antichità.
22 Ma ecco, i Giudei erano un popolo dal collo rigido; e disprezzarono le parole di semplicità, uccisero i profeti e cercarono cose che non potevano comprendere.
23 Pertanto, a causa della loro cecità, che è venuta dal guardare oltre il segno, devono necessariamente cadere:
24 Poiché Dio ha tolto loro la sua semplicità, e ha consegnato loro molte cose che non possono comprendere, perché lo desideravano.
25 E poiché lo desideravano, Dio l'ha fatto, affinché inciampassero.
26 Ed ora io, Giacobbe, sono condotto dallo Spirito a profetizzare: poiché percepisco dall'opera dello Spirito che è in me, che a causa dell'inciampo dei Giudei, essi rigetteranno la pietra su cui potrebbero edificare, e avere basi sicure.
27 Ma ecco, secondo le Scritture, questa pietra diverrà il grande, l'ultimo e l'unico fondamento sicuro sul quale i Giudei possono edificare.
28 Ed ora, miei diletti, come è possibile che questi, dopo aver rifiutato il fondamento sicuro, possano mai edificarvi, affinché diventi il capo del loro angolo?
29 Ecco, miei diletti fratelli, io vi svelerò questo mistero; se non lo faccio, scuoti in qualche modo la mia fermezza nello Spirito e inciampo a causa della mia ansia per te.
30 Ecco, fratelli miei, non vi ricordate di aver letto le parole del profeta Zenos, che parlò alla casa d'Israele, dicendo: Ascoltate, o casa d'Israele, e ascoltate le parole di me, profeta del Signore :
31 Poiché ecco, così dice il Signore, io ti assomiglierò, o casa d'Israele, a un ulivo domestico, che un uomo prese e nutrì nella sua vigna: ed essa crebbe, invecchiò e cominciò a marcire.
32 E avvenne che il padrone della vigna uscì e vide che il suo olivo cominciava a marcire; e disse: Lo poterò, lo scaverò e lo nutrirò, affinché forse germogli giovani e teneri rami e non muoia.
33 E avvenne che lo potò, lo scavò intorno e lo nutrì, secondo la sua parola.
34 E avvenne che dopo molti giorni cominciò a fare un po' rami giovani e teneri; ma ecco, la sua sommità principale cominciò a perire.
35 E avvenne che il padrone della vigna lo vide, e disse al suo servitore: Mi addolora che io perda quest'albero;
36 Pertanto, va' a strappare i rami da un olivo selvatico, e portameli qui; e noi strapperemo quei rami principali che cominciano ad appassire e li getteremo nel fuoco, perché possano essere bruciati.
37 Ed ecco, dice il Signore della vigna, io tolgo molti di questi giovani e teneri tralci e li innesto dovunque voglio;
38 E non importa che se è così, che la radice di quest'albero perisce, io possa conservarne il frutto per me stesso;
39 Perciò prenderò questi rami giovani e teneri e li innesterò dovunque io vorrò.
40 Prendi i rami dell'olivo selvatico e innestali al suo posto;
41 E questi che ho strappato, li getterò nel fuoco e li brucerò, affinché non ingombrano il terreno della mia vigna.
42 E avvenne che il servo del Signore della vigna, fece secondo la parola del Signore della vigna, e si innestò sui rami dell'olivo selvatico.
43 E il Signore della vigna fece che fosse scavata, potata e nutrita, dicendo al suo servitore: Mi addolora che io perda quest'albero;
44 Pertanto, per preservarne forse le radici affinché non muoiano, per preservarmele, ho fatto questa cosa.
45 Pertanto, va' per la tua via; guarda l'albero e nutrilo, secondo le mie parole.
46 E questi li metterò nella parte più bassa della mia vigna, dovunque voglio, a te non importa;
47 E lo faccio, per potermi conservare i rami naturali dell'albero; e anche, affinché io ne deponga il frutto, contro la stagione, per me stesso: poiché mi addolora che io perda questo albero e il suo frutto.
48 E avvenne che il Signore della vigna andò per la sua strada e nascose i rami naturali dell'olivo addomesticato nelle parti più basse della vigna; alcuni in uno e altri in un altro, secondo la sua volontà e il suo piacere.
49 E avvenne che passò molto tempo, e il Signore della vigna disse al suo servitore: Vieni, scendiamo nella vigna, affinché possiamo lavorare nella vigna.
50 E avvenne che il Signore della vigna, e anche il servo, scesero nella vigna a lavorare.
51 E avvenne che il servo disse al suo padrone: Ecco, guarda qui; guarda l'albero.
52 E avvenne che il Signore della vigna guardò e vide l'albero nel quale erano stati innestati i rami di olivo selvatico; ed era germogliato e aveva cominciato a portare frutto.
53 Ed egli vide che era buono: e il suo frutto era simile al frutto naturale.
54 E disse al servo: Ecco, i rami dell'albero selvatico hanno afferrato l'umidità della sua radice, che la sua radice ha prodotto molta forza;
55 E a motivo della grande forza della sua radice, i rami selvatici hanno prodotto frutti domestici:
56 Ora, se non avessimo innestato in questi rami, il loro albero sarebbe perito.
57 Ed ora, ecco, io darò molto frutto, che il suo albero ha prodotto; e ne darò il frutto, contro la stagione, per me stesso.
58 E avvenne che il Signore della vigna disse al servo: Vieni, andiamo nelle parti più basse della vigna, ed ecco se anche i rami naturali dell'albero non hanno prodotto molto frutto, affinché io possa accumulare il suo frutto, contro la stagione, per me stesso.
59 E avvenne che essi uscirono dove il padrone della vigna aveva nascosto i rami naturali dell'albero, ed egli disse al servo: Ecco questi:
60 E vide il primo, che aveva prodotto molto frutto; e vide anche che era buono.
61 E disse al servo: Prendi del suo frutto e mettilo da parte, contro la stagione, affinché io lo conservi per me stesso;
62 Poiché ecco, disse, da molto tempo l'ho nutrito e ha prodotto molto frutto.
63 E avvenne che il servo disse al suo padrone: Come sei venuto qui a piantare quest'albero, o questo ramo dell'albero? poiché ecco, era il luogo più povero di tutto il paese della tua vigna.
64 E il Signore della vigna gli disse: Non consigliarmi: sapevo che era un luogo povero; pertanto, ti ho detto, l'ho nutrito per questo lungo tempo; e tu vedi che ha prodotto molto frutto.
65 E avvenne che il Signore della vigna disse al suo servitore: Guarda qua: ecco, ho piantato anche un altro ramo dell'albero; e tu sai che questo luogo di terra era più povero del primo.
66 Ma ecco l'albero: l'ho nutrito da molto tempo, e ha prodotto molto frutto; perciò raccoglilo e mettilo da parte, contro la stagione, affinché io lo conservi per me stesso.
67 E avvenne che il Signore della vigna disse di nuovo al suo servitore: Guarda qua, ed ecco anche un altro tralcio, che io ho piantato; ecco che anch'io l'ho nutrito e ha prodotto frutto.
68 E disse al servo: Guarda qua, ed ecco l'ultimo: ecco, questo ho piantato in un buon posto di terra; e l'ho nutrito per questo lungo tempo, e solo una parte dell'albero ha portato frutti addomesticati; e l'altra parte dell'albero ha prodotto frutti selvatici: ecco, ho nutrito questo albero come gli altri.
69 E avvenne che il Signore della vigna disse al servo: Strappa i tralci che non hanno prodotto buon frutto e gettali nel fuoco.
70 Ma ecco, il servo gli disse: Potiamolo, scaviamolo e nutriamolo ancora un po', affinché forse ti porti buon frutto, che tu possa metterlo da parte contro la stagione.
71 E avvenne che il Signore della vigna, e il servo del Signore della vigna, nutrirono tutto il frutto della vigna.
72 E avvenne che molto tempo era passato, e il Signore della vigna disse al suo servitore: Vieni, scendiamo nella vigna, affinché possiamo lavorare di nuovo nella vigna.
73 Poiché ecco, il tempo si avvicina e presto viene la fine: pertanto, devo mettere frutto, contro la stagione, per me stesso.
74 E avvenne che il Signore della vigna, e il servo, scesero nella vigna; e giunsero all'albero i cui rami naturali erano stati spezzati e vi erano stati innestati i rami selvatici; ed ecco, ogni sorta di frutto ingombrava l'albero.
75 E avvenne che il Signore della vigna assaggiò il frutto, ogni sorta secondo il suo numero.
76 E il Signore della vigna disse: Ecco, da tanto tempo abbiamo nutrito quest'albero, e io mi sono accumulato contro la stagione, molto frutto.
77 Ma ecco, questa volta ha prodotto molto frutto, e non c'è nulla di buono.
78 Ed ecco, ci sono tutti i tipi di frutti cattivi; e non mi giova a nulla, nonostante tutto il nostro lavoro: e ora, mi addolora di perdere questo albero.
79 E il Signore della vigna disse al servo: Che cosa dobbiamo fare all'albero, affinché io ne conservi di nuovo il buon frutto per me stesso?
80 E il servo disse al suo padrone: Ecco, poiché hai innestato nei rami dell'olivo selvatico, essi hanno nutrito le radici, sono vivi e non sono periti; perciò vedi che sono ancora buoni.
81 E avvenne che il Signore della vigna disse al suo servitore: L'albero non mi giova a nulla; e le sue radici non mi giovano a nulla, finché produrranno frutti cattivi.
82 Tuttavia, so che le radici sono buone; e per mio proprio scopo li ho conservati; e per la loro grande forza hanno finora prodotto buoni frutti dai rami selvatici.
83 Ma ecco, i rami selvatici sono cresciuti e ne hanno invaso le radici; e poiché i rami selvatici hanno vinto le loro radici, ha prodotto molto frutto malvagio;
84 E poiché ha prodotto tanto frutto cattivo, vedi che comincia a perire: e presto maturerà, affinché possa essere gettato nel fuoco, a meno che non facciamo qualcosa perché lo conservi.
85 E avvenne che il Signore della vigna disse al suo servitore: Scendiamo nelle parti più basse della vigna, ed ecco se anche i tralci naturali hanno prodotto frutti cattivi.
86 E avvenne che scesero nelle parti più basse della vigna.
87 E avvenne che essi videro che anche il frutto dei tralci naturali era divenuto corrotto; sì, il primo, e il secondo, e anche l'ultimo; ed erano tutti diventati corrotti.
88 E il frutto selvatico degli ultimi aveva sopraffatto quella parte dell'albero che portava buon frutto, sì che il ramo si era seccato ed era morto.
89 E avvenne che il Signore della vigna pianse e disse al servo: Che cosa avrei potuto fare di più per la mia vigna?
90 Ecco, io sapevo che tutto il frutto della vigna, tranne questi, si era corrotto.
91 Ed ora, quelli che un tempo portavano buoni frutti, si sono anche corrotti.
92 Ed ora, tutti gli alberi della mia vigna non servono a nulla, tranne che per essere tagliati e gettati nel fuoco.
93 Ed ecco, quest'ultimo, il cui ramo si è seccato, l'ho piantato in un buon posto; sì, anche ciò che è stato scelto per me, al di sopra di tutte le altre parti del paese della mia vigna.
94 E tu hai visto che anch'io ho abbattuto ciò che ingombrava questo punto di terra, per poter piantare quest'albero al suo posto.
95 E tu hai visto che una parte di essa portava buon frutto; e una parte di essa produsse frutti di bosco.
96 E poiché non ne ho strappato i rami e non li ho gettati nel fuoco, ecco, hanno vinto il ramo buono, che si è seccato.
97 Ed ora ecco, nonostante tutta la cura che abbiamo preso della mia vigna, i suoi alberi si sono corrotti, che non portano buon frutto:
98 E questi avevo sperato di conservare, di averne raccolto il frutto, contro la stagione, per me stesso.
99 Ma ecco, sono diventati come l'olivo selvatico; e non valgono altro che essere falciati e gettati nel fuoco: e mi addolora di perderli.
100 Ma cosa avrei potuto fare di più nella mia vigna?
101 Ho forse allentato la mia mano, per non averla nutrita?
102 No; L'ho nutrito, l'ho scavato, l'ho potato e l'ho concimato; e ho steso la mia mano quasi tutto il giorno; e la fine si avvicina.
103 E mi addolora di dover tagliare tutti gli alberi della mia vigna e gettarli nel fuoco, affinché siano bruciati.
104 Chi è che ha corrotto la mia vigna?
105 E avvenne che il servo disse al suo padrone: Non è l'altezza della tua vigna?
106 I suoi rami non hanno forse superato le radici, che sono buone?
107 E poiché i rami hanno vinto le sue radici, ecco, sono cresciuti più velocemente della forza delle radici, prendendo forza per se stessi.
108 Ecco, io dico: non è questa la causa che gli alberi della tua vigna si sono corrotti?
109 E avvenne che il Signore della vigna disse al servo: Andiamo a tagliare gli alberi della vigna e gettiamoli nel fuoco, affinché non ingombrano il terreno della mia vigna: poiché ho fatto tutto; cosa avrei potuto fare di più per la mia vigna?
110 Ma ecco, il servo disse al Signore della vigna: Risparmiala ancora un po'.
111 E il Signore disse: Sì, lo risparmierò ancora un po': poiché mi addolora di perdere gli alberi della mia vigna.
112 Pertanto prendiamo dei rami di questi che ho piantato nelle parti più basse della mia vigna, e innestiamoli nell'albero da cui sono venuti;
113 E strappiamo dall'albero quei rami il cui frutto è più amaro, e innestiamoli nei rami naturali dell'albero al suo posto.
114 E questo farò, affinché l'albero non muoia, affinché forse io ne conservi le radici, per il mio proprio scopo.
115 Ed ecco, le radici dei rami naturali dell'albero che ho piantato dovunque volevo, sono ancora vive;
116 Pertanto, per preservarli anche io, per il mio proprio scopo, prenderò dei rami di quest'albero e ve li innesterò.
117 Sì, innesterò in loro i rami del loro albero madre, così da preservare le radici anche per me stesso, affinché quando saranno sufficientemente forti, forse possano portarmi buoni frutti, e io possa ancora abbi gloria nel frutto della mia vigna.
118 E avvenne che presero dall'albero naturale che era diventato selvatico, e lo innestarono negli alberi naturali che erano diventati anch'essi selvatici:
119 E presero anche degli alberi naturali che erano diventati selvatici, e si innestarono nel loro albero madre.
120 E il Signore della vigna disse al servo: Non strappare i rami selvatici dagli alberi, salvo quelli più amari; e in esse vi innesterete, secondo quanto ho detto.
121 E nutriremo di nuovo gli alberi della vigna, e ne taglieremo i rami; e noi strapperemo dagli alberi quei rami maturi che devono perire e li getteremo nel fuoco.
122 E questo faccio, affinché forse le sue radici prendano forza, a causa della loro bontà; e per il mutamento dei rami, affinché il bene vinca il male;
123 E poiché ho conservato i rami naturali e le loro radici; e che ho innestato di nuovo nei rami naturali, nel loro albero madre; e hanno preservato le radici del loro albero madre, affinché forse gli alberi della mia vigna portino di nuovo buoni frutti;
124 E affinché io possa avere di nuovo gioia nel frutto della mia vigna; e forse per rallegrarmi enormemente di aver conservato le radici ei rami della primizia.
125 Pertanto, andate e chiamate i servi, affinché possiamo lavorare diligentemente con le nostre forze nella vigna, affinché possiamo preparare la via, affinché io possa portare di nuovo il frutto naturale, il cui frutto naturale è buono e il più prezioso sopra tutti gli altri frutti.
126 Pertanto, andiamo a, e lavoriamo con le nostre forze, per quest'ultima volta; poiché ecco, la fine si avvicina: e questa è l'ultima volta che poterò la mia vigna.
127 innesto nei rami; cominciate dall'ultimo, perché siano i primi, e che i primi siano ultimi, e scavate per gli alberi, vecchi e giovani, il primo e l'ultimo, e l'ultimo e il primo, perché tutti possano essere nutriti ancora una volta per l'ultima volta.

128 Pertanto, scavali intorno, potali e gettali di nuovo a sterco, per l'ultima volta: poiché la fine si avvicina.
129 E se accadrà che questi ultimi innesti crescano e producano il frutto naturale, allora preparerete loro la via, affinché crescano;
130 E quando cominceranno a crescere, sterminerete i rami che producono frutti amari, secondo la forza del bene e la sua grandezza;
131 E non ne cancellerete il male, tutto in una volta, affinché le sue radici non siano troppo forti per l'innesto, e il suo innesto perisca, e io perda gli alberi della mia vigna.
132 Poiché mi addolora di perdere gli alberi della mia vigna; pertanto, eliminerete il male, secondo che il bene crescerà, affinché la radice e la sommità siano eguali in forza, finché i buoni vinceranno i cattivi e i cattivi saranno falciati e gettati nel fuoco, affinché essi non ingombrare il suolo della mia vigna; e così spazzerò via i cattivi dalla mia vigna.
133 E i rami dell'albero naturale li innesterò di nuovo, nell'albero naturale; e innesterò i rami dell'albero naturale nei rami naturali dell'albero;
134 E così li riunirò di nuovo, affinché producano il frutto naturale; e saranno uno.
135 E il cattivo sarà scacciato; sì, anche da tutto il paese della mia vigna; poiché ecco, solo questa volta poterò la mia vigna.
136 E avvenne che il Signore della vigna mandò il suo servitore; e il servo andò e fece come il Signore gli aveva comandato, e condusse altri servi; ed erano pochi.
137 E il Signore della vigna disse loro: Andate e lavorate nella vigna, con le vostre forze.
138 Poiché ecco, questa è l'ultima volta che nutrirò la mia vigna: poiché la fine è vicina, e la stagione viene presto;
139 E se vi affaticate con me con le vostre forze, gioirete del frutto che darò per me stesso, contro il tempo che verrà presto.
140 E avvenne che i servi andarono e lavorarono con le loro forze; e anche il Signore della vigna lavorò con loro; e ubbidirono ai comandamenti del Signore della vigna, in ogni cosa.
141 E cominciò ad esserci di nuovo il frutto naturale nella vigna; ei rami naturali cominciarono a crescere ea prosperare straordinariamente;
142 E i rami selvatici cominciarono ad essere strappati e ad essere gettati via; e mantenevano uguale la sua radice e la sua sommità, secondo la sua forza.
143 E così essi lavorarono, con ogni diligenza, secondo i comandamenti del Signore della vigna, finché i cattivi furono scacciati dalla vigna, e il Signore si fosse preservato, che gli alberi fossero tornati al naturale frutta;
144 E divennero come un solo corpo; e il frutto era uguale; e il Signore della vigna aveva conservato per sé il frutto naturale, che gli era preziosissimo fin dal principio.
145 E avvenne che quando il Signore della vigna vide che il suo frutto era buono e che la sua vigna non era più corrotta, chiamò i suoi servi e disse loro: Ecco, poiché quest'ultima volta abbiamo nutrito la mia vigna ; e tu vedi che ho fatto secondo la mia volontà;
146 E ho conservato il frutto naturale, che è buono, proprio come com'era in principio; e benedetto sei tu.
147 Poiché poiché siete stati diligenti nel lavorare con me nella mia vigna, e avete osservato i miei comandamenti, e mi avete riportato il frutto naturale, affinché la mia vigna non sia più corrotta e il male è rigettato, ecco, voi rallegrati con me, per il frutto della mia vigna.
148 Poiché ecco, per molto tempo darò per me il frutto della mia vigna, contro la stagione, che presto viene;
149 E per l'ultima volta ho nutrito la mia vigna, l'ho potata, l'ho scavata e l'ho concimata;
150 Pertanto mi dedicherò a lungo del frutto, secondo ciò che ho detto.
151 E quando verrà il tempo in cui il frutto cattivo ritornerà nella mia vigna, allora farò raccogliere i buoni e i cattivi:
152 E conservo per me la buona volontà; e la cattiva volontà l'ho gettata al suo posto.
153 E poi viene la stagione e la fine; e farò bruciare col fuoco la mia vigna.

 

capitolo 4

1 Ed ora, ecco, fratelli miei, come vi ho detto che avrei profetizzato, ecco, questa è la mia profezia:
2 Che le cose che disse questo profeta Zenos riguardo alla casa d'Israele, nella quale le paragonò a un ulivo addomesticato, devono certamente avverarsi.
3 E nel giorno in cui metterà di nuovo la mano per la seconda volta per recuperare il suo popolo, sarà il giorno, sì, l'ultima volta, in cui i servi del Signore usciranno in suo potere, per nutrire e potare la sua vigna ; e dopo di ciò, presto verrà la fine.
4 E come sono benedetti coloro che hanno lavorato diligentemente nella sua vigna; e come sono maledetti coloro che saranno scacciati al loro posto!
5 E il mondo sarà bruciato dal fuoco.
6 E quanto è misericordioso il nostro Dio con noi; poiché si ricorda della casa d'Israele, radici e rami; e tende loro le mani tutto il giorno;
7 E sono un popolo ostinato e ostinato; ma quanti non induriscono il loro cuore, saranno salvati nel regno di Dio.
8 Pertanto, miei diletti fratelli, vi imploro con parole di sobrietà, che vi pentirete e venite con pieno proposito di cuore e vi aggrapperete a Dio come egli si unisce a voi.
9 E mentre il suo braccio di misericordia è teso verso di voi alla luce del giorno, non indurire i vostri cuori.
10 Sì, oggi se udite la sua voce, non indurite i vostri cuori: perché perché morirete?
11 Poiché ecco, dopo che siete stati nutriti dalla buona parola di Dio tutto il giorno, porterete frutto cattivo da dover essere falciati e gettati nel fuoco?
12 Ecco, respingerete queste parole?
13 Rifiuterete le parole dei profeti e rigetterete tutte le parole che sono state dette riguardo a Cristo, dopo che tanti hanno parlato di lui? e negare la buona parola di Cristo, e la potenza di Dio, e il dono dello Spirito Santo, e spegnere lo Spirito Santo? e prendere in giro il grande piano di redenzione che è stato preparato per te?
14 Non sapete voi che se farete queste cose, che la potenza della redenzione e della risurrezione che è in Cristo vi porterà a stare con vergogna e terribile colpa davanti alla sbarra di Dio?
15 E secondo il potere della giustizia, poiché la giustizia non può essere negata, dovete andarvene in quel lago di fuoco e zolfo, le cui fiamme sono inestinguibili, e il cui fumo sale nei secoli dei secoli, quel lago di fuoco e zolfo, è un tormento senza fine.
16 O dunque, miei diletti fratelli, pentitevi, ed entrate per la porta stretta, e proseguite per la via che è angusta, finché non otterrete la vita eterna.
17 O sii saggio: che posso dire di più?
18 Infine, ti dico addio, finché non ti incontrerò davanti alla sbarra gradita di Dio, la quale sbarra colpisce gli empi con terribile terrore e timore. Amen.

 

Capitolo 5

1 Ed ora avvenne che, dopo che erano trascorsi alcuni anni, venne un uomo tra il popolo di Nefi, il cui nome era Sherem.
2 E avvenne che cominciò a predicare fra il popolo, e a dichiarare loro che Cristo non doveva esserci.
3 E predicò molte cose che erano lusinghiere al popolo; e questo fece per rovesciare la dottrina di Cristo.
4 E si adoperò diligentemente per sviare i cuori del popolo, tanto da sviare molti cuori;

5 Ed egli, sapendo che io, Giacobbe, avevo fede in Cristo che sarebbe venuto, cercò molte opportunità per venire a me.
6 E fu dotto, che aveva una perfetta conoscenza della lingua del popolo; perciò poteva usare molta lusinga, e molto potere di parola, secondo il potere del diavolo.
7 E aveva speranza di scuotermi dalla fede, nonostante le molte rivelazioni e le molte cose che avevo visto riguardo a queste cose; poiché in verità avevo visto degli angeli, ed essi mi avevano servito.
8 E inoltre avevo udito la voce del Signore che mi parlava in medesime parole, di tanto in tanto; pertanto, non potevo essere scosso.
9 E avvenne che venne da me; e su questo saggio mi parlò, dicendo: Fratello Jacob, ho cercato molte opportunità per poterti parlare, perché ho sentito e so anche che tu vai in giro molto, predicando ciò che tu chiami vangelo, o la dottrina di Cristo;
10 E voi avete sviato molto di questo popolo, affinché perverta la retta via di Dio e non osserva la legge di Mosè, che è la retta via; e convertite la legge di Mosè nell'adorazione di un essere, che voi dite verrà tra molti secoli.
11 Ed ora, ecco, io, Sherem, vi dichiaro che questa è bestemmia; poiché nessuno sa di tali cose: poiché non può dire di cose a venire.
12 E in questo modo Sherem si contendeva contro di me.
13 Ma ecco, il Signore Iddio ha effuso il suo Spirito nell'anima mia, tanto che l'ho confuso in tutte le sue parole.
14 E io gli dissi: Neghi tu il Cristo che verrà?
15 E disse: Se ci fosse un Cristo, non lo rinnegherei; ma so che Cristo non c'è, né è stato, né sarà mai.
16 E io gli dissi: Credi tu nelle Scritture?
17 E disse: Sì.
18 E io gli dissi: Allora non li capisci; poiché essi testimoniano veramente di Cristo.
19 Ecco, io vi dico che nessuno dei profeti ha scritto, né profetizzato, se non ha parlato di questo Cristo.
20 E questo non è tutto: mi è stato manifestato, poiché ho udito e visto; e mi è stato anche manifestato mediante il potere dello Spirito Santo;
21 Pertanto, so che se non si fa espiazione, tutta l'umanità deve essere perduta.
22 E avvenne che egli mi disse: Mostrami un segno mediante questo potere dello Spirito Santo, nel quale tu sai tanto.
23 E io gli dissi: Che sono io, per tentare Dio di mostrarti un segno, in ciò che tu sai essere vero?
24 Eppure tu lo rinnegherai, perché sei dal diavolo.
25 Tuttavia non sia fatta la mia volontà; ma se Dio ti colpisce, sia per te un segno che ha potere, sia in cielo che in terra; e anche che Cristo venga.
26 E sia fatta la tua volontà, o Signore, e non la mia.
27 E avvenne che quando io, Giacobbe, ebbi detto queste parole, la potenza del Signore scese su di lui, tanto che cadde a terra.
28 E avvenne che fu nutrito per lo spazio di molti giorni.
29 E avvenne che egli disse al popolo: Radunatevi domani, poiché io morirò; pertanto desidero parlare al popolo prima di morire.
30 E avvenne che l'indomani la moltitudine si radunò; ed egli parlò loro chiaramente, e rinnegò le cose che aveva loro insegnato; e confessò il Cristo, e la potenza dello Spirito Santo, e il ministero degli angeli.
31 E disse loro chiaramente che era stato ingannato dal potere del diavolo.
32 E parlò dell'inferno, e dell'eternità, e del castigo eterno.
33 Ed egli disse: Temo di aver commesso il peccato imperdonabile, poiché ho mentito a Dio: poiché ho rinnegato il Cristo, e ho detto che credevo alle Scritture; e veramente testimoniano di lui.
34 E poiché ho mentito così a Dio, temo grandemente che la mia causa sia terribile; ma io confesso a Dio.
35 E avvenne che quando ebbe detto queste parole, non poté dire altro; e ha rinunciato al fantasma.
36 E quando la moltitudine ebbe visto che egli diceva queste cose mentre stava per restituire lo spirito, rimasero grandemente sbalorditi; tanto che la potenza di Dio scese su di loro, e furono vinti, che caddero a terra.
37 Ora, questa cosa mi piaceva, Giacobbe; poiché l'avevo chiesto al Padre mio che era nei cieli, perché aveva ascoltato il mio grido ed esaudito la mia preghiera.
38 E avvenne che la pace e l'amore di Dio furono ristabiliti fra il popolo; e scrutarono le Scritture, e non diedero più ascolto alle parole di quest'uomo malvagio.
39 E avvenne che furono escogitati molti mezzi per reclamare e riportare i Lamaniti alla conoscenza della verità; ma fu tutto vano: per loro
felice di guerre e spargimenti di sangue; e avevano un odio eterno contro di noi, loro fratelli.
40 E cercavano con la potenza delle loro armi di distruggerci continuamente;
41 Pertanto, il popolo di Nefi si fortificò contro di loro con i loro eserciti e con tutta la loro forza, confidando in Dio e roccia della loro salvezza; pertanto divennero ancora vincitori dei loro nemici.
42 E avvenne che io, Giacobbe, cominciai ad essere vecchio; e il racconto di questo popolo è stato conservato sulle altre tavole di Nefi, pertanto concludo questo racconto, dichiarando di aver scritto secondo il meglio della mia conoscenza, dicendo:
43 Che il tempo è passato con noi, e anche la nostra vita è passata, come se fosse per noi un sogno, essendo noi un popolo solitario e solenne, viandanti, scacciati da Gerusalemme;
44 Nato nella tribolazione, in un deserto, e odiato dai nostri fratelli, che ha causato guerre e contese; pertanto, abbiamo pianto i nostri giorni.
45 E io, Giacobbe, vidi che presto dovevo scendere alla mia tomba; perciò dissi a mio figlio Enos: Prendi queste tavole.
46 E gli dissi le cose che mio fratello Nefi mi aveva comandato; e promise obbedienza ai comandi.
47 E metto fine alla mia scrittura su queste tavole, la quale scrittura è stata piccola;
48 E dico addio al lettore, sperando che molti dei miei fratelli leggano le mie parole. Fratelli, addio.

Biblioteca delle Scritture:

Suggerimento per la ricerca

Digita una singola parola o usa le virgolette per cercare un'intera frase (ad es. "perché Dio ha tanto amato il mondo").

scripture

Per ulteriori risorse, visitare il nostro Risorse per i membri pagina.