Perché osserviamo la domenica come giorno di sabato?

 
Il comandamento di osservare il giorno del Sabato e di santificarlo risale al tempo in cui Mosè rivelò i dieci comandamenti ai figli d'Israele. In Esodo 20:8-11, leggiamo quanto segue:
 
Ricorda il giorno del sabato, per santificarlo.
 
Sei giorni lavorerai e farai ogni tuo lavoro:
 
Ma il settimo giorno è il sabato del Signore tuo Dio: in esso non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua serva, né il tuo bestiame, né il forestiero che si trova nella tua casa. cancelli:
 
Poiché in sei giorni il Signore fece il cielo e la terra, il mare e tutto ciò che è in essi, e si riposò il settimo giorno: perciò il Signore ha benedetto il giorno del sabato e lo ha santificato.
 
Ogni “settimo giorno” cadrebbe sette giorni dopo l’ultimo “settimo giorno”. Se si iniziasse il conteggio in un giorno diverso della settimana, il sabato cadrebbe in un “sette” diversoh giorno." In sostanza, ogni sette giorni a partire dal punto di partenza sarebbe il sabato.
 
Quindi, come abbiamo ottenuto un punto di partenza?
 
Gli Israeliti nel deserto erano gli venne detto di raccogliere la manna ogni mattina tranne il sabato. Nessuna manna sarebbe stata disponibile durante il sabato e invece gli israeliti furono incaricati di raccoglierne una doppia porzione il giorno prima del sabato. Non avere la manna da raccogliere avrebbe fatto una distinzione molto chiara su quale giorno fosse il giorno del Sabato.
 
In tutto il giudaismo, il sabato è stato ricordato come quello che il nostro calendario moderno chiamerebbe sabato (più specificamente dal tramonto del venerdì al tramonto del sabato). I leader religiosi che sottoposero Gesù alla prova che portò alla Sua crocifissione si attennero al proprio codice di condotta. Tra le loro regole c'era quella di non lasciare che un corpo crocifisso rimanesse sulla croce durante il giorno del sabato. La morte per crocifissione, tuttavia, poteva richiedere molto tempo, motivo per cui la pratica di rompere le gambe della vittima divenne la norma per accelerare il processo. Questo è spiegato in Giovanni 19:31: “I Giudei dunque, poiché era la preparazione affinché i corpi non rimanessero sulla croce in giorno di sabato (perché quel sabato era un giorno solenne), pregarono Pilato che si rompessero loro le gambe e che fossero portati via. lontano."
 
Sappiamo, quindi, che Gesù morì in quello che oggi si chiamerebbe venerdì (prima del tramonto). Contando il venerdì come il primo giorno, il sabato (il sabato) come il secondo giorno e la domenica come il terzo giorno (anche se ovviamente non passarono 72 ore intere), Gesù adempì la sua promessa e profezia secondo cui sarebbe risuscitato “il terzo giorno”. .”
 
Tra gli ebrei c'erano molti che credevano in Gesù e lo adoravano. Ovviamente, però, c’erano molti che erano arrabbiati con Gesù e lo rifiutavano come Messia. Rabbi Richard Sarason ha scritto, “Per distinguersi dagli ebrei, i cristiani iniziarono a celebrare la domenica come il giorno del Signore (il giorno in cui Cristo risorse dai morti) piuttosto che celebrare il sabato ebraico (sebbene alcuni gruppi cristiani persistessero nell'osservare il sabato [originale, ebraico]). "
 
 
Cambiare il giorno del sabato per onorare la risurrezione di Cristo significava che da quel momento in poi ogni settimo giorno sarebbe sempre caduto di domenica.
 
Viola il comandamento di “Ricordare il giorno del Sabato e santificarlo” se adoriamo Dio in un giorno diverso dal Sabato originale?
 
Affatto.
 
“Il Sabato ha un significato eterno. L’Antico Testamento dichiara che il Sabato deve essere osservato come un “patto perpetuo” (cfr Ex. 31:13–17), il che non significa necessariamente che dovrebbe essere per sempre nello stesso giorno, ma piuttosto che il Sabato è un patto per l’eternità – cioè, di significato eterno – ed è necessario ai mortali di ogni generazione per il loro frequente ringiovanimento spirituale”, ha scritto Robert J. Matthews, che ha servito come presidente del dipartimento di Scritture antiche presso la Brigham Young University. Il contesto del brano sembra chiarire questo punto. È evidente dalla Bibbia che ai tempi dell'Antico Testamento il giorno sacro era il settimo giorno della settimana, mentre nel Nuovo Testamento veniva osservato dalla chiesa il primo giorno della settimana dopo la risurrezione di Gesù Cristo dalla tomba. "
 
Il comandamento è che un giorno su sette (o ogni settimo giorno) sia usato per adorare il Signore. “Il fatto significativo sembra non esserlo Quale il giorno è osservato tanto quanto come Perché il giorno è osservato”.
 
Ricordare il sacrificio e l'espiazione di Cristo, culminati nella Sua risurrezione, è il vero scopo di onorare il giorno del Signore. Così domenica—ogni settimo giorno: è il momento perfetto per ricordarLo, onorarLo e adorarLo.
 
Sezione Dottrina e Alleanze 119:7I santi devono osservare il primo giorno della settimana comunemente chiamato giorno del Signore, come giorno di riposo: come giorno di culto, come indicato nelle alleanze e nei comandamenti. E in questo giorno dovrebbero astenersi dal lavoro non necessario; tuttavia in quel giorno non si dovrà lasciare che nulla vada sprecato, né si debba trascurare il lavoro necessario.
 

pubblicato in